#6 Efficaci rimedi naturali per sbiancare i denti

Nessun Commento

sbiancare denti

Il deperimento dei denti, detto anche carie dentaria, è una delle malattie più diffuse nel mondo occidentale. La causa maggiore è il consumo di zucchero e alimenti raffinati che creano acidità e sottraggono minerali nel corpo indebolendo i denti e rendendoli quindi vulnerabili agli acidi della bocca, e col tempo si creano dei varchi che danneggiano il tessuto nervoso causando dolore acuto.

Come ho spiegato nell’articolo Ecco come puoi guarire le carie naturalmente cambiando la propria dieta, rafforzando il proprio intestino e riequilibrando il pH del proprio corpo non ci si dovrà più preoccupare della carie. Infatti le popolazioni indigene, sebbene non abbiano spazzolino e dentifricio, hanno denti bianchi e forti.

Inoltre alcune abitudini contribuiscono a scurire il colore dei denti:  l’assunzione di caffè, tè, il fumo, le bevande gassate e gli antibiotici. Andare dal dentista per sbiancare i denti può essere costoso e non è comunque la soluzione da adottare ogni volta.

Come sbiancare i denti in modo naturale

#1 Radice dell’albero di Miswak. E’ un bastoncino che levigato sui denti li rende bianchi e lucenti, inoltre rafforza le gengive e da una profonda sensazione di pulito. Già gli antichi Egizi e Babilonesi ne conoscevano le benefiche virtù su denti e gengive. Nella tradizione orientale la radice è nota con il nome di «sewak» che letteralmente significa «massaggio» infatti il suo uso va ben oltre quello del normale spazzolino. Combatte tartaro, placca e carie, elimina macchie di caffè e nicotina in modo naturale, infatti contiene chimicamente contiene elevate quantità di Fluoro e Silicio, Vitamina C, Zolfo, Salvadorina, Trimetilamina, Minerali come il potassio, sodio cloridro, bicarbonato di sodio ed ossidi di calcio: tutti ottimi sbiancanti e rinforzanti dello smalto. Inoltre è in grado di attivare un enzima della saliva (la ptialina), che igienizza la bocca e aiuta a rimuovere il giallo dei denti. Il miswak viene venduto sotto forma di bastoncino tipo matita. La prima operazione è rimuovere la sottilissima corteccia ad un’estremità, per un centimetro o due. La seconda operazione è masticare la zona scortecciata. Si forma così una sorta di spazzolino di fibre. A questo punto si mette a mollo il miswak in un bicchiere d’acqua, per ammorbidirlo. E poi lo si usa per strofinare i denti, esattamente come si fa con lo spazzolino: ma appunto senza dentifricio. Uno studio del Dipartimento di Cariologia e Dentologia del Karolinska Institute in Svezia, ha messo a confronto gli effetti della rimozione della placca e la salute delle gengive tra lo spazzolino e la radice di miswak. Il risultato è che l’uso del miswak favorisce una migliore riduzione della placca e gengiviti rispetto allo spazzolino.

#2 Cibi che sbiancano i denti. Alimenti come fragolemele, pere, fragole, sedano e carote quando entrano in contatto con la saliva si innesca una reazione in grado di rimuovere parecchi batteri dalla bocca. Le verdure verdi scure come broccoli e cavoli contengono un composto minerale che produce una pellicola che ricopre i denti e protegge contro le macchie.

#3 Succo di limone. E’ un ottimo rimedio naturale contro le antiestetiche macchie gialle provocate soprattutto dal fumo, ma anche dal caffè. Come il bicarbonato e la salvia ha un potente effetto sbiancante, ma essendo acido corrode lo smalto se usato di frequente. Si consiglia dunque di utilizzare un bicchierino di succo di limone (unito ad un cucchiaio di bicarbonato) ed utilizzato bagnato sullo spazzolino una volta al mese, magari alternandolo con lo sfregamento di una scorza di limone direttamente sui denti.

#4 Ricetta tibetana che sbianca i denti. I monaci tibetani sono famosi per la loro longevità, eppure hanno denti sani,bianchi e forti fino alla vecchiaia e non hanno mai sentito parlare di dentifrici commerciali o dentisti. Oltre ad avere una alimentazione sanissima, i monaci tibetani usano una miscela di acqua e sale grosso per spazzolare e sciacquare i denti. Puoi leggere la ricetta in La ricetta di Tibetana che sbianca i denti.

#5 Curcuma. La curcuma è famosa per le sue innumerevoli proprietà di cui più di 5600 studi scientifici ne attestano l’efficacia. Quello che però è poco risaputo è che, sebbene la curcuma macchi di giallo qualunque tessuto, è ottima per sbiancare i denti e infatti come tale viene usata nella medicina millenaria Ayurvedica. Usarla è facilissimo: bisogna preparare una miscela a base di curcuma, olio di cocco e bicarbonato di sodio e poi metterla sullo spazzolino per pulire i denti. Puoi leggere la ricetta in Come sbiancare i denti in 3 minuti con la curcuma.

#6 Olio di cocco. E’ ricco di sostanze antiplacca, antibatteriche e sbiancanti. Moltissime testimonianze riportano come l’olio di cocco renda i denti più bianchi già con poche applicazioni e di come sanguinamenti gengivali, gengive deboli e problemi alla bocca siano scomparsi facendo degli sciacqui con l’olio di cocco. Ci sono testimonianze anche di carie che sono scomparse. Basta metterne un pò sullo spazzolino e lavarsi i denti. Non è aggressivo e può essere usato quotidianamente. Inoltre lascia un piacevolissimo sapore in bocca ed una sensazione di pulito che dura a lungo. Può anche essere usato per fare l’oil pulling.

Spazzolino Radice di Miswak
Il tradizionale spazzolino naturale. Sbianca i denti, igienizza
la bocca e rinfresca l’alito in un unico gesto!

Voto medio su 68 recensioni: Buono

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline