Come curare gotta e infiammazioni articolari eliminando i cristalli di acido urico dall'organismo

Nessun Commento

acido urico

La gotta è considerata una malattia metabolica che provoca infiammazione alle articolazioni. Il gonfiore può essere leggero e causare rigidità ma può anche causare forti dolori e svilupparsi nell’arco di poche ore. La causa principale è da ricercare in un eccesso di acido urico dovuto a un’eliminazione inefficace delle scorie o a un eccesso di produzione di queste.

L’acido urico si forma durante lo smaltimento delle cosiddette purine, sostanze chimiche contenute in molti alimenti e presenti naturalmente nell’organismo.

Quando i reni non riescono ad espellere l’acido urico dal corpo, si formano dei cristalli che vanno a depositarsi intorno alle giunture.

Come ridurre l’acido urico

Cambiare la propria alimentazione dovrebbe essere una scelta di vita.

  • Consumare principalmente frutta e verdura fresche di vari colori e cereali non raffinati e integrali. Evitare glutine e latticini.
  • E’ un toccasana per tutti noi ridurre il consumo di alcol, alimenti ricchi di grassi dannosi (olii di semi, margarina, olio di palma, burro) e di zuccheri raffinati

  • L’organismo va idratato bevendo acqua, centrifugati di frutta, tisane

  • Cercare di ridurre lo stress facendo un’escursione in montagna, un po’ di attività fisica immersi nella natura e meditare in un ambiente tranquillo.

  • Bisogna bere acqua a bassissimo residuo fisso, in questo modo verrà eliminato l’acido urico dai reni, dato che un acqua pesante invece affatica i reni e crea calcoli renali.

Rimedi utili per eliminare la gotta

  • L’acqua con limone è un’ottima bevanda che aumenta l’alcalinità dell’organismo prevenendo così la formazione di cristalli di acido urico. Basta spremere mezzo limone in un bicchiere d’acqua calda o tiepida e berlo tutte le mattine prima di fare colazione.

  • Un altro modo per incrementare l’alcalinità del nostro corpo è aggiungere un cucchiaio di aceto di sidro di mele in un bicchiere d’acqua e berlo tutti i giorni prima di pranzo e cena. Gli organismi che sono leggermente più alcalini che acidi riescono a prevenire svariate patologie, tra cui la gotta. L’aceto di sidro di mele contiene l’acido malico che dissolve l’acido urico e lo espelle dal corpo.

  • Il bicarbonato di sodio è un altra sostanza efficace nel ridurre la quantità di acido urico nell’organismo. Come prevenzione si può assumere quotidianamente un cucchiaino di bicarbonato sciolto nell’acqua, in caso di attacchi frequenti di gotta la dose giornaliera da prendere è di un cucchiaio.

  • Gli integratori di magnesio sono un potente modo naturale per eliminare l’acido urico dai reni in breve tempo. Va preso la mattina appena alzato con dell’acqua tiepida. Puoi approfondire sul magnesio leggendo Hai uno di questi problemi? Il Magnesio fa al tuo caso!.

Gli alimenti che contrastano la gotta

  • L’ospedale universitario di Zurigo in Svizzera ha scoperto le proprietà antinfiammatorie dell’artiglio del diavolo, che puoi assumere in compresse o in crema.

  • Quindici flavonoidi, tra cui il canferolo e la quercitina contenuti nel prezzemolo, sono in grado di ridurre l’acido urico presente all’interno dell’organismo. Il prezzemolo contiene anche l’apigenina che inibisce la xantina ossidasi, un enzima ritenuto il principale responsabile della trasformazione delle purine in acido urico.

  • Alla Federal Fluminense University sono stati condotti dei test di laboratorio che evidenziano l’efficacia dei semi di lino nel ridurre la quantità di acido urico. Per approfondire come usarli vedi Come consumare i Semi di Lino per trattare l’Intestino e il Cancro

  • E’ stato dimostrato che la curcumina, contenuta nella curcuma, gioca un ruolo importante nella protezione dei reni ed è un efficace antinfiammatorio.

  • Ricerche cliniche hanno evidenziato le proprietà antinfiammatorie e analgesiche della bromelina contenuta negli ananas. Per approfondire sulle proprietà dell’ananas vedi L’Ananas è un potente farmaco naturale usato in Amazzonia.

  • Uva, ciliege e bacche contengono proantocianidine e antocianidine ( o polifenoli), che il Lanzhou Medical College ha scoperto avere proprietà antinfiammatorie.

Concludendo

Se si presentano degli attacchi di gotta bisogna tenere a riposo la parte interessata e immergerla nei sali di Epsom almeno tre volte a settimana per ridurre l’infiammazione e il dolore.

Fare un digiuno di 16 ore una volta alla settimana è un ottimo modo per far uscire l’acido urico dal corpo, nel giorno di tre settimane sentirai nettamente la differenza. Per approfondire vedi Come un digiuno di 24 ore può migliorare drasticamente la tua salute.

La Gotta Ovvero gli Acidi Urici Fuori Controllo
Un disturbo antipatico e doloroso, una cattiva compagnia, un sano stile di vita e i giusti rimedi naturali aiutano a dimenticarlo.
Bromelina 500 mg - da Ananas frutto Fresco
Estratta da Ananas, per la funzione digestiva e per favorire il microcircolo.
Crema Artiglio del Diavolo
In caso di mal di schiena, dolori al collo ed infiammazioni articolari diffuse

Voto medio su 49 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline