Come aggiustare ed allineare la mandibola con questo esercizio

2 Commenti

esercizio mandibola

Dal deglutire al mordersi le unghia, dal masticare al baciare o al semplice uso della parola le attività svolte dall’articolazione temporo-mandibolare (ATM )sono davvero interminabili. L’ATM è infatti una delle articolazioni corporee più attive in assoluto, in costante movimento dal nostro risveglio fino al riposo notturno e la sua strutture, come quella di tutta la bocca in generale ma anche della lingua e dei denti ha un enorme impatto neurologico.

L’ATM subisce quotidianamente un enorme e costante carico di forze, basti infatti pensare che la forza generata dal morso medio di una donna  si aggira generalmente intorno ai 17,6 kg al cm2 mentre quello dell’ uomo si aggira intorno ai 24,6 kg al cm2.

Potete quindi capire come questa articolazione, così soggetta a costante attività ed elevate pressioni, possa essere la causa di frequenti problemi clinici che generalmente si manifestano sotto forma di dolori alla mascella(parte superiore), mandibola(parte inferiore), orecchie, guance e tempie,  oppure con una limitazione o deviazione nell’aprire la bocca e conseguenti schiocchi, scoppiettii e cigolii dell’ATM.  Digrignare i denti, soprattutto di notte sembra anch’essa essere un’attività  molto frequente nella popolazione ,non permettendo un riposo notturno adeguato e soddisfacente.

Sebbene il discorso dei problemi relativi all’ATM sia molto lungo e complesso ed è fondamentale capire se il problema è di carattere “discendente” cioè un problema che nasce propriamente dalla bocca, oppure “ascendente”, cioè un problema  che nasce in basso, nei piedi, nel bacino o ovunque al di sotto della bocca,  questo semplice  esercizio da solo può in alcuni casi risultare molto utile nel  miglioramento dell’elasticità e della coordinazione dei vari muscoli collegati all’articolazione temporo-mandibolare .

L’esercizio, oltre a mobilizzazione in parte l’ ATM, rende la persona cosciente delle proprie abitudini svolgendo  un reset neurologico dei muscoli relativi all’ATM con un conseguente miglioramento della loro coordinazione.

  • L’esercizio si esegue di fronte allo specchio.
  • Tracciare una linea verticale sullo specchio.
  • Con la schiena e le spalle dritte, mantenere la testa in posizione fissa e centrata sulla linea, mentre lentamente il paziente apre e chiude la parte inferiore della mandibola cercando di seguire il più possibile in maniera verticale la linea tracciata sullo specchio ,con l’obbiettivo di evitare qualsiasi tipo di deviazione .

Ripetere 3 serie per 10-15 volte un paio di volte al giorno. Se l’esercizio viene eseguito correttamente si può notare la progressiva facilità nel seguire la linea tracciata sullo specchio e la diminuzione degli schiocchi, scoppiettii e cigolii associati al movimento.

Riferimento

Daddyl D. Curl. (2007). Soft Tissue Treatment of Temporomandibular Disorders. In: Warren I. Hammer Functional Soft-Tissue Examination and Treatment by Manual Methods . 3rd ed. USA: Jones and Bartlett Publishers. 643-663.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Dott. Roberto Vecchioni

Autore

Dott. Roberto Vecchioni

Laureato in Chiropratica nel Welsh Institute of Chiropractic (UK), iscritto al General Chiropractic Council(GCC –UK) e all’Associazione Italiana Chiropratici (AIC) lavora in Italia, nella provincia di Fermo dal 2013 presso Chiropratica Fermo e presso il centro medico San Paolo Cardiomed. Ha seguito i corsi di specializzazione ufficiali nelle tecniche di in Kinesiologia Applicata (AK), BioEnergetic Synchronizaition Technique (BEST), Sacro-Occipital Tecnique (SOT).

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. questa pagina mi sta “salvando” la vita 🙂

  2. Dionidream Dionidream says:

    è automatica di google.. me l’hanno segnalata in diversi questi giorni.. credo che mc donald sia in crisi nera e quindi stia investendo un sacco in pubblicità su lweb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline