Ecco perché i farmaci naturali in commercio non funzionano come dovrebbero

6 Commenti

27358954-Natural-herbal-tumeric-capsules-with-fresh-herb-leaves-and-dry-curcumin-in-paper-Stock-Photo

Negli ultimi mesi mi sono documentato sulle cure naturali, e su come il sistema delle big pharma, che hanno il controllo assoluto della sanità, della medicina, della ricerca, riescono a mettere fuori gioco le cure naturali. E’ un tema così vasto, che meriterebbe la scrittura di un libro di 1.000 pagine, pertanto in questo articolo cercherò di riassumere i punti essenziali, fornendovi spunti per approfondire le ricerche, se vi interessa l’argomento.

LE CURE PROIBITE

Un ottimo modo per togliere di mezzo piante medicinali, è farle proibire. Farle mettere “fuori legge”, impedendone la diffusione. Per indurre i governi a proibire una determinata pianta, è sufficiente che questa sia ritenuta pericolosa per la salute. Ci sono potenti alcaloidi naturali che hanno spiccate doti curative. Ma che se assunti in modo scorretto, possono nuocere. E’ una cosa “normale”, ovvia. Ma la pericolosità viene strumentalizzata per eliminare la pianta. Sarebbe come vietare il caffè, perché se ne bevi due litri rischi di morire.Un medico ha analizzato numerose “piante proibite”, scoprendo che quasi tutte avevano spiccate proprietà terapeutiche.

IL CASO MELATONINA

La melatonina è ampiamente diffusa come integratore per gestire iljet lag e per coadiuvare e migliorare il sonno. Ma alcuni scienziati, tra cui Di Bella, ma non solo lui, si sono accorti che la melatonina possiede anche proprietà anti-cancro, e sono stati duramente contrastati, salvo poi dargli ragione dopo molti anni.

Il consumo di Melatonina è cresciuto molto negli anni, e le big pharma si sono inserite nel business iniziando a produrla e commerciarla, e nel 2014 con una vera e propria truffa, se ne sono impadronite, limitatando la vendita alle compresse da 2mg, mentre fino a quel momento si trovava anche in pastiglie da 10mg o persino maggiori. Sarà un caso che la dose utile anti-cancro della Melatonina, sia molto alta? Secondo questo interessante dossier, addirittura 40-700mg?

FARMACI NATURALI CHE NON FUNZIONANO

Gli scaffali delle farmacie e anche dei supermercati sono pieni di prodotti naturali. Che non funzionano, o se funzionano, in modo molto blando, nettamente inferiore ai farmaci chimici. E costano il doppio. Io stesso, alcuni anni fa dopo aver provato un decongestionante nasale che non funzionava (e lo pagai 14€, contro i 6-7 del farmaco chimico) e una pomata all’arnica che non mi produsse praticamente nessun miglioramento al ginochio, decisi di non acquistare più prodotti di questo tipo. Quando mi venivano proposti, ero preclusivo e diffidente, dopo aver buttato via soldi per nulla per due volte. 

Mettere in commercio “farmaci naturali” che non funzionano, oltre a consentire alle big pharma di entrare nel mercato dei prodotti naturali, ed intercettare anche questa categoria di consumatori, è un ottimo metodo per denigrare e disincentivare le cure naturali. Che invece esistono e funzionano. Non solo: molte specialità medicinali, non sono altro repliche chimiche di principi attivi presenti in natura. Ma essendo chimici, sono brevettabili e ben controllabili.

CENSURA ED ESCLUSIONE DAL MERCATO

Dei rimedi naturali fino a qualche anno fa, non parlava nessuno. Non c’era nessuna ricerca sulla materia, non c’era informazione. In questo modo non si crea mercato. Se tuttavia un prodotto dovesse emergere – perché il suo utilizzo è tradizionale, oppure perché gli effetti benefici emergono anche con il semplice “passaparola tra amici”, ovviamente nel giro di molti anni – a quel punto le big pharma non esitano a mettere le mani sul prodotto. Un caso di questi, è l’aloe vera. Una pianta che ha realmente numerose proprietà benefiche. Ormai si trova persino ai supermercati, in confezioni industriali, spesso con l’aggiunta di coloranti, conservanti, aromi artificiali e una buona dose di zucchero per rendere “appetibile” una pianta che ha un sapore vicino alla cipolla, non proprio gradevole per uso ricreativo. In questo modo, hanno denaturato e condotto sul binario del business e del consumismo pure l’aloe vera. Che funziona, ma ci vuole il gel fresco, oppure preparati che ne rispettino la natura, e senza additivi nocivi. Per non parlare delle creme all’aloe piene di paraffina e altre sostanze chimiche, nelle quali l’unico aloe è quello disegnato sulle confezioni. Molte persone che assumono aloe, lo fanno con prodotti che di naturale, e magari di benefico, hanno ben poco.

Fonte: veritanwo

Avevo notato questo problema tempo fa quando riguardo la vitamina D mi ritrovo medici che, dopo anni di ricerche e sperimentazioni, consigliavano 5000 UI di principio attivo al giorno mentre in commercio si trovano solo con 300UI, quindi praticamente neanche un decimo della quantità curativa. Oppure lo zenzero così curativo eppure commercializzano solo quello cinese coltivato con l’uso pesante di composti chimici. E c’è da dire che purtroppo molte formulazioni erboristiche sono scomparse o cambiate a seguito della proibizione di centinaia di erbe curative negli ultimi anni da parte dell’Unione Europea. Ad esempio sono state “bandite” (si esatto le piante prodotte dalla natura che hanno preceduto la comparsa dell’uomo sulla Terra sono state criminalizzate) le piante medicinali utilizzate dalla medicina tradizionale cinese, ayurvedica, tibetana e altre che, pur rientrando in una tradizione d’uso MILLENARIA, non rispondevano ai requisiti richiesti dall’UE (ovvero curavano…). Ah per chi voleva fare ricorso e proteggere una pianta doveva pagare una licenza di 100.000€.

L’aziende farmaceutiche fatturano centinaia di miliardi di euro l’anno, ed è normale che controllano la politica in una società dove l’interesse principale è il profitto e certamente non la salute.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

6 Commenti su questo post

  1. gabriella says:

    Riccardo, fai un ottimo lavoro e spesso lo apprezzo, ma.
    Personalmente ritengo che se hai fatto una ricerca, di certo non è granchè approfondita questa volta: dal titolo mi aspettavo qualcosa di più: dosaggi infimi, meschini camuffamenti con particolari nelle composizioni che simulano un ingrediente trattato in un modo anzichè in un altro, superficialità nel dosaggio e interazioni tra componenti diversi da evitare!
    Secondo me ci sarebbe mooolto di più da dire, ovviamente previa ricerca attenta e documentata.
    Eppoi basta errori ortografici o di battitura: sminuiscono il gran bel lavoro che fai solitamente. Da un pò te lo volevo dire… mò l’ho fatto!
    Tutto ciò nulla toglie a tantissimi approfondimenti davvero davvero utilissimi e difficilmente trattati da altri, ergo non volermene.

  2. Paola Vanoncini says:

    Dove posso trovare rimedi per il tremore essenziale di cui soffro dai 60anni in poi?
    I vostri annunci sono interessanti, parecchi mi sono stati utili.
    Vi leggo con molta attenzione.
    Grazie
    Paola Vanoncini

  3. Roberta says:

    Visto che i prodotti naturali che si trovano in commercio sono troppo blandi per essere curativi, dove posso acquistare quelli che hanno un dosaggio che funziona? Io sto prendendo diversi integratori alimentari per il dolore cronico, ma continuo ugualmente a curarmi e prendere antidolorifici chimici che mi stanno facendo malissimo. Se posso avere un aiuto. …grazie mille

  4. Giovanna says:

    La dose di melatonina non è stata abbassata a 2mg, ma ad 1mg. Comunque, secondo il dottor Pierpaoli (uno dei più importanti studiosi di questa sostanza), 1 mg è assolutamente sufficiente per prevenire eventuali patologie (la produzione circadiana è nettamente inferiore al milligrammo).
    Ovvio che nel malato probabilmente, come si sottolinea nel link proposto, le dosi devono essere più elevate…
    Conosciamo ormai tutti (o quasi) i magheggi di big pharma, però non capisco molto l’utilità di questo articolo.
    Sono iscritto alla newsletter e leggo da sempre con interesse i vostri articoli. E per questo vi faccio i complimenti.
    Però non mi sembra molto sensato scrivere che le multinazionali del farmaco abbassano i dosaggi e dunque, alla fin fine, ci sono pochi integratori in giro che funzionano. Allora tutte le pubblicità (e sono parecchie) di prodotti naturali presenti in questo sito, non sono veritiere?
    E dove dovremmo comprare gli integratori “veri”?
    Inoltre si cita la vitamina D… però molto superficialmente, sembra quasi che tutti abbiano bisogno di 5000 UI al giorno.
    Non condivido molto questo articolo: è vero che ognuno dovrebbe prendersi cura della propria salute, ma è anche vero che in giro ci sono migliaia di informazioni e non sempre è facile conoscere le “giuste quantità”. Bisogna rivolgersi al naturopata di turno che spesso non ha purtroppo una conoscenza così specifica? O forse al medico… il quale spesso non conosce la differenza fra zenzero e curcuma?
    Penso bisognerebbe limitarsi a descrivere, su questi siti, i vari usi dei rimedi naturali e le quantità (scientificamente provate per efficacia).
    Altrimenti non capisco perchè bisogna scrivere una cosa del genere, quando ormai si sa che le industrie farmaceutiche controllano il mercato e poi però, a fine articolo, riportare il disclaimer (questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento): se non riporta consigli di trattamento allora… che lo scrivete a fare?

  5. catherine says:

    Dove trovare i prodotti giusti e ben dosati ? In fine messaggio vi do qualche indirizzo. Ma prima di tutto devo “prendere in mano la mia salute”, e dunque smettere di lamentarmi per piccoli inconvenienti ed accettare di: inghiottire sostanze di cattivo gusto ma efficaci; dedicare un po’ di tempo a fare da sé : 2 esempi: prendere il cloruro di magnesio schifoso , efficacissimo e poco costoso ( utile per i tremori); comprarsi una pianta di aloe ( cresce bene in vaso) e fare da sé la pozione—amara—ma efficace. Farsi da sé il dentifricio ogni settimana ( argilla, bicarbonato, acqua ossigenata, olio essenziale: costo ridotto, niente additivi). Le vitamine idrosolubili sono nella frutta verdura bio. La vit C più conveniente si trova nell’estratto di semi di pompelmo ( gocce, in erboristeria). Preferire SEMPRE, per qualsiasi prodotto, le gocce alle pastiglie (costose più per il tempo necessario a farle che il contenuto, e la gelatina di contorno può essere indigeste), le gocce sono molto più efficaci, da mettere sotto la lingua, i numerosi capillari permettono un’assimilazione immediata ( principio omeopatico).
    Le vitamine A e E, i Acidi grassi essenziali, omega 3 e 6, usare e variare olii extra vergini a freddo (un cucchiaino al giorno di onagre, o boragine, germe di grano, lino, canapa, olive, sesamo). I antivirali, antiinfiamatori, antidolorofici, antibiotici ecc…trovate tutto negli olii essenziali: ovviamente si deve studiare e IMPARARE ad usarli, ma ci vuole poco per avere le basi. “La nostra salute è troppo preziosa per lasciarla in mano ai medici”.
    Per i vostri prodotti di igiene, inutile comprare una costosa crema “al” burro di karite, “al” olio di jojoba ecc.. comprate separatamente questi prodotti, e fattele, si evita i allergeni e conservanti;
    DOVE TROVARLI? Io ordino tutto da Aromazone, un negozio parigino che ha un ottimo sito on line, (è in francese, ma cosi chiaro e documentato che non si può sbagliare) ( per € 50 di ordine vi arriva a casa in Italia per corriere senza costo di spedizione): http://www.aroma-zone.com. Chi preferisce una farmacia, ecco farmaline ( basata in Belgio) ma https://www.it-farmaline.it/parafarmacia/ . Chi ha un balcone o giardino coltivi senza concime chimico, tutti i aromi e usarli ogni giorno in cucina.
    Insomma la salute non è un dovuto, si coltiva ogni giorno con amore, buon senso e pazienza, senza delegarla.

  6. anna maria says:

    A proposito dell’aloe vorrei portare a conoscenza del fatto che l’aloe migliore non è la vera , ma l’arborescens , in quanto la vera contiene molta più acqua e quindi a parità di peso , meno sostanze nutritive. Consiglio di leggere il libro di Padre Zago ” L’aloe non è una medicina , ma guarisce “. Per quanto riguarda le multinazionali dei farmaci si occupano di tenere in vita le persone più a lungo possibili, ma malate.
    Non c’è un farmaco che non abbia controindicazioni, tappa un buco e te ne apre due e così bisogna tappare gli altri e una persona si vede costretta ad assumere numerosi farmaci. Se guarissimo perderebbero i loro introiti. Il pesce grosso si mangia il piccolo. Ritengo che non siamo esseri umani, ma animali intelligenti. La nostra coscienza è ancora un embrione. Consiglio di leggere un altro libro che è quasi introvabile ” il tradimento della medicina “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline