Ferro della carne collegato a malattie cardiache

4 Commenti

carne rossa ferro

Il ferro eme, presente nella carne rossa, è stato trovato far aumentare il rischio di
malattia coronarica del 57 per cento. Mentre assumere il ferro non-eme attraverso gli alimenti di origine vegetale, non aumenta il rischio

Il ferro che si trova nella carne può aumentare il rischio di malattie cardiache, secondo una nuova meta-analisi pubblicata sul Journal of Nutrition. 
I ricercatori hanno analizzato i dati provenienti da 21 studi internazionali, che comprendevano 292.454 partecipanti, per una media di dieci anni
I risultati hanno mostrato che il ferro-eme (quello contenuto nella carne) ha aumentato il rischio di malattie cardiache del 57%. 
Al contrario, scrivono i ricercatori, il ferro non-eme (quello contenuto nelle verdure) non ha mostrato alcuna relazione col rischio di mortalità per malattie cardiache.

Mangiare molta carne, specie se rossa, e anche lavorata, è da tempo stato associato al rischio di cancro all’intestino. Ma, oggi, un nuovo studio suggerisce che questa abitudine possa far aumentare di ben il 57% il rischio di malattie coronariche e cardiache potenzialmente mortali.


«L’associazione positiva osservata tra ferro eme e il rischio di malattia coronarica può essere spiegata con l’elevata biodisponibilità del ferro eme e il suo ruolo come fonte primaria di ferro nei partecipanti – hanno scritto i ricercatori – Il ferro eme viene assorbito a una velocità molto maggiore rispetto al ferro non eme: il 37% contro il 5%. Una volta assorbito, può contribuire quale catalizzatore nell’ossidazione delle LDL, causando un’infiammazione dannosa a carico dei tessuti, che è un potenziale fattore di rischio per la malattia coronarica».

I depositi di ferro nel corpo aumentano nel corso del tempo, sottolineano i ricercatori. L’unico modo per ridurre la quantità di ferro nel corpo sono le emorragie, donare il sangue o le mestruazioni. 
Poi ci sono alimenti che inibiscono l’assorbimento del ferro, tra cui il caffè, il tè e il cacao. 
Per contro, il ferro non-eme può essere più facilmente assorbito se assunto in concomitanza con la vitamina C.

Dettagli dello studio scientifico

Titolo
Dietary iron intake and body iron stores are associated with risk of coronary heart disease in a meta-analysis of prospective cohort studies.

Autori
Hunnicutt J, He K, Xun P. 

Pubblicato su
Journal of Nutrition – online January 8, 2014 www.pcrm.org

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

4 Commenti su questo post

  1. Le ricerche riferite sono fondalmente falsate dal pregiudizio che tutti possiamo ammalare di CAD. Non è assolutamente vero. Questi Autori illustri ignorano il Reale Rischio Congenito di CAD oppure, è la mia opinione, lo conoscono ma non lo possono diffondere.

    Stagnaro Sergio. CAD Inherited Real Risk, Based on Newborn-Pathological, Type I, Subtype B, Aspecific, Coronary Endoarteriolar Blocking Devices. Diagnostic Role of Myocardial Oxygenation and Biophysical-Semeiotic Preconditioning. International Atherosclerosis Society. http://www.athero.org, 29 April, 2009 http://www.athero.org/commentaries/comm907.asp ;

    Stagnaro Sergio. Role of Coronary Endoarterial Blocking Devices in Myocardial Preconditioning – c007i. Lecture, V Virtual International Congress of Cardiology. http://www.fac.org.ar/qcvc/llave/c007i/stagnaros.php;

    Sergio Stagnaro and Simone Caramel. The Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease, Nature PG., EJCN, European Journal Clinical Nutrition, Nature PG., http://www.nature.com/ejcn/journal/v67/n6/full/ejcn201337a.html [Medline]

  2. Che fine ha fatto il mio commento?

  3. È brutto dirlo, ma ci sono eccome….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline