I geni possono essere cambiati dalla nostra Consapevolezza

2 Commenti

geni consapevolezza

Il DNA è davvero qualcosa di fisso e immutabile da cui derivano tutte le nostre caratteristiche? Quest’idea è stata formulata per la prima volta nel 1953 e da allora ci sono state molte cose che non quadravano. I geni non sono sufficienti a spiegare tutte le strutture del corpo ed inoltre i geni non sono sempre attivi ma si spengono ed accendono a seconda di particolari condizioni interne ed esterne al corpo. L’ambiente in cui viviamo determina la quantità e qualità dei geni che si attivano, quindi probabilmente ora ne stiamo usando solo una parte. Questi geni, inoltre, si osserva che cambiano nel tempo, quindi se pensiamo che dobbiamo seguire il destino dei nostri padri ci sbagliamo. La consapevolezza può cambiare i geni.

La moderna biologia e le neuroscienze hanno scoperto che “Nello stesso modo in cui la massa muscolare si incrementa proporzionalmente all’esercizio fisico, le dimensioni dei fasci neurali aumentano quando quei percorsi vengono usati più spesso. Pertanto, i pensieri che formuliamo, la qualità della nostra coscienza, espandono il flusso di informazioni lungo i percorsi neurali.”

Quello che segue è un estratto dal libro Medicina Epigenetica di Dawson Church.

L’idea che i geni costituiscano i ricettacoli delle nostre caratteristiche è nota anche come Dogma centrale. Esso venne avanzato da uno degli scopritori della struttura elicoidale del DNA, sir Francis Crick, il quale usò per la prima volta questo termine in un discorso del 1953, per poi riaffermarlo in un articolo sulla rivista Nature, intitolato “Il dogma centrale della biologia molecolare”. Eppure, per circa trent’anni, gli scienziati hanno continuato a portare alla luce dati anomali che non risultano compatibili con tale dogma. I risultati di questi esperimenti richiedono interazioni molto più complesse di quelle spiegabili con il solo determinismo genetico.

Uno dei molti problemi con il Dogma centrale, ad esempio, è il fatto che il numero dei geni nel cromosoma umano non può contenere tutte le informazioni richieste per creare e far funzionare un corpo umano; è anche insufficiente a rappresentare il codice genetico della struttura (meno che mai del funzionamento) di un organo complesso come il cervello, o a giustificare l’enorme quantità di connessioni neurali presenti nel nostro corpo. Due eminenti studiosi lo esprimono in questo modo: “Ricordando che le informazioni contenute nel genoma umano devono assicurare lo sviluppo di tutte le altre strutture del corpo, oltre al cervello, questa non rappresenta che una frazione dell’informazione richiesta per strutturare in dettaglio uno qualunque dei moduli cerebrali significativi, e soprattutto la strutturazione del cervello nel suo insieme“.

Inizialmente, il Progetto Genoma Umano si concentrò sulla catalogazione di tutti i geni nel corpo umano. All’inizio degli anni Novanta, i primi ricercatori si aspettavano di trovarne almeno 120.000, il minimo che, secondo i loro progetti, sarebbe stato necessario per codificare tutte le caratteristiche di un organismo complesso come l’essere umano. Il nostro corpo fabbrica circa 100.000 proteine, gli elementi costitutivi delle cellule, che devono essere tutte assemblate con esatta coordinazione per poter sostenere la vita.  All’inizio del Progetto Genoma Umano, l’ipotesi di lavoro era che doveva esistere un gene che fornisse il progetto per produrre ciascuna di quelle 100.000 proteine, più altri 20.000 geni regolatori la cui funzione era quella di orchestrare la complessa danza dell’organizzazione proteica.

Più il progetto avanzava, più le previsioni sul numero dei geni si riducevano. Quando la catalogazione ebbe termine, la mappatura dimostrò che il genoma umano era composto soltanto da 23.688 geni. L’immensa orchestra sinfonica dei geni che ci si era aspettato di trovare si era ridotta alle dimensioni di un quartetto d’archi. Le questioni poste da questo piccolo numero di geni sono le seguenti: se tutte le informazioni richieste per costruire e mantenere un essere umano – o anche un solo grande organo, come il cervello – non sono contenute nei geni, da dove vengono? E chi guida la complessa danza dell’organizzazione dei molti sistemi di organi?

Il punto centrale della ricerca, pertanto, è stato spostato dalla catalogazione dei geni alla rappresentazione di come essi operano nel contesto di un organismo che si trova in uno “stato di cooperazione sistemica [nella quale] ciascuna parte sa che cosa ogni altra parte sta facendo; ogni atomo, molecola,’cellula e tessuto è in grado di partecipare a un’azione voluta“.
La mancanza nei geni di informazioni sufficienti a costruire e gestire un corpo rappresenta solo uno dei punti deboli del dogma centrale. Un altro è nel fatto che i geni possono essere attivati e disattivati dall’ambiente interno come da quello esterno del corpo. Gli scienziati stanno apprendendo di più sul processo che accende e spegne i geni, e sui fattori che ne influenzano l’attivazione. Sui nostri hard drive potrebbero essere presenti moltissime informazioni, e in un dato momento potrebbe avvenire che ne utilizziamo solo una parte. Inoltre, quei dati potrebbero anche essere modificati, come quando si rilegge una lettera prima di inviarla a un amico. Uno dei fattori che influiscono su quali geni sono attivi è la nostra esperienza, un fatto assolutamente incompatibile con la dottrina del determinismo genetico.

E perfino le nostre esperienze sono solo una parte del quadro. Noi prendiamo fatti ed esperienze e poi assegniamo loro un significato, il quale spesso, da un punto di vista mentale, emotivo e spirituale è importante quanto i fatti stessi per l’attivazione genetica. Stiamo scoprendo che i geni danzano con la nostra consapevolezza. Pensieri e sentimenti attivano e disattivano insiemi di geni nelle relazioni complesse. La scienza sta scoprendo che, pur avendo nei nostri cromosomi una serie fissa di geni, quale di essi è attivo ha moltissimo a che fare con le nostre esperienze soggettive e sul modo in cui le elaboriamo.

Le emozioni e il comportamento modellano il cervello mentre stimolano la formazione di percorsi neurali che possono o rafforzare vecchi schemi oppure crearne di nuovi. Come l’ampliamento di una strada che si rende necessario con l’incremento di traffico, così quando il flusso dei pensieri su un dato argomento aumenta considerevolmente o una data azione viene praticata in modo intensivo, si accresce il numero dei neuroni che il corpo esige per convogliare quelle informazioni. Nello stesso modo in cui la massa muscolare si incrementa proporzionalmente all’esercizio fisico, le dimensioni dei fasci neurali aumentano quando quei percorsi vengono usati più spesso. Pertanto, i pensieri che formuliamo, la qualità della nostra coscienza, espandono il flusso di informazioni lungo i percorsi neurali. Secondo Ernest Rossi: “potremmo dire che il significato viene continuamente modulato dal complesso e dinamico campo delle molecole-messaggero che continuamente rileggono, reinquadrano e risintetizzano le reti neurali in schemi in continuo mutamento“. Per dirla con le sintetiche parole di un altro pioniere della medicina, “la credenza diviene biologia” nei nostri sistemi ormonali, neurali, genetici ed elettromagnetici, oltre che in tutte le complesse interazioni che vigono tra loro.

Medicina Epigenetica
Felicità e salute attraverso la trasformazione consapevole del DNA

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

La Biologia delle Credenze
Come il pensiero influenza il DNA e ogni cellula

Vedi anche

[catlist name=corpo-mente]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. saranno sempre un mondo diverso dal nostro z sconosciuto altrimenti guerra infinita : fine del mondo nostro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline