fluoro calcifica ghiandola pineale

La ghiandola pineale è nota come la “sede dell’anima” da centinaia di anni. Il fluoro, un vettore di tossicità onnipresente nel mondo moderno, potrebbe effettivamente calcificare questa ghiandola e trasformarla in pietra?

Una ricerca pubblicata nel 2001 ha mostrato che i depositi di fluoro (F) nella ghiandola pineale avvenuti con l’età  sono associati alla sua calcificazione. Furono sezionate le ghiandole di undici cadaveri di soggetti anziani e le conclusioni furono:

“C’è una correlazione positiva tra la concentrazione pineale di F [fluoro ] e di Ca [ calcio] (r = 0.73, p <0.02) ma nessuna correlazione tra la concentrazione pineale di F e quella dell’osso. Nella vecchiaia la ghiandola pineale ha accumulato F e la sua Il rapporto F / Ca è più alto dell’osso. “

Questa non è la prima ricerca che incolpa il fluoro di contribuire alla cosiddetta calcificazione ectopica o alla calcificazione dei tessuti molli.

Cos’è la ghiandola pineale?

E’ una piccola ghiandola endocrina nel cervello dei vertebrati, ed è talvolta chiamata il “terzo occhio” in quanto è un organo sensibile alla luce, situato in posizione centrale con caratteristiche cellulari che assomigliano alla retina umana.

La ghiandola pineale è meglio conosciuta per il suo ruolo nel produrre l’ormone melatonina dalla serotonina (innescata dall’assenza di luce) e influenza i ritmi di veglia / sonno e i ritmi stagionali / circadiani. E’ grande come una piccola pigna a forma di pisello, si trova vicino al centro del cervello, tra i due emisferi ed è una struttura cerebrale unica poiché non è protetta dalla barriera emato-encefalica. Questo potrebbe anche spiegare perché è univocamente sensibile alla calcificazione tramite esposizione al fluoro. 

ghiandola pineale

Ghiandola Pineale

Non solo una ghiandola. I poteri della pineale

Tecnicamente la ghiandola pineale dei mammiferi è formata da tessuto neurale, e le cellule all’interno della ghiandola pineale – i pinealociti – hanno caratteristiche che assomigliano alle cellule fotorecettore nella retina. Ecco perché secondo alcuni studiosi dovrebbe essere riclassificata: “A nostro parere, la principale tendenza della letteratura odierna sulle funzioni pineali – che considera solo l’organo come una ghiandola endocrina comune – devia da questa base strutturale e istochimica“.

La ghiandola pineale è stata oggetto di molto interesse sin dai tempi antichi. Galeno la descrisse nel 3° secolo, e il filosofo René Decartes (1596-1650) identificò la ghiandola pineale come la “sede dell’anima”. La sua spiegazione per questa conclusione è abbastanza interessante:

“La mia opinione è che questa ghiandola è la sede principale dell’anima e il luogo in cui si formano tutti i nostri pensieri. La ragione per cui credo lo sia è che non riesco a trovare nessuna parte del cervello, tranne questa, che non sia doppia. Dal momento che vediamo una sola cosa con due occhi, e sentiamo solo una voce con due orecchie, e non ho mai più di un pensiero alla volta, deve necessariamente voler dire che ciò che vediamo e sentiamo si unisce tra loro in una parte del corpo prima di essere presi in considerazione. Ora è impossibile trovare un posto del genere in tutta la testa eccetto questa ghiandola; inoltre è situata nel posto più adatto possibile per questo scopo, nel mezzo di tutte le concavità; ed è sostenuta e circondata dai piccoli rami delle arterie carotidi che portano gli spiriti nel cervello “.

Decartes era uno dei pochi filosofi che aveva esperienza nella vivisezione e nell’anatomia, e che ha giustamente sottolineato la natura unica della posizione della ghiandola pineale nel cervello e nell’afflusso di sangue.

Il “terzo occhio” è anche un simbolo ben noto nella letteratura orientale e può essere concretamente convalidato dalla struttura anatomica e dalla funzione della ghiandola pineale.

La calcificazione della ghiandola pineale

Le calcificazioni della ghiandola pineale in dissezione assomigliano alla ghiaia e sono composte da calcite (carbonato di calcio) e / o idrossiapatite di calcio, che non è dissimile dalla dentina o dall’osso. 

La calcificazione della ghiandola pineale è associata a numerose malattie nella letteratura medica:

ghiandola pineale calcificata

Credit: Lisa Adams et al. Diagnostic accuracy of susceptibility-weighted magnetic resonance imaging for the evaluation of pineal gland calcification. PLoS ONE 12(3):e0172764 · March 2017 doi:10.1371/journal.pone.0172764.g001

Il Fluoro come neurotossina “terapeutica”?

Ora che è stato stabilito che l’esposizione al fluoro (F) contribuisce alla calcificazione della ghiandola pineale, rimane la domanda: quali sono gli effetti soggettivi di questi cambiamenti tissutali a coloro che li subiscono?

Il Prozac può rappresentare un esempio archetipico di come il fluoro influisce sulla personalità / anima. Questo farmaco (nome chimico fluoxetina) contiene circa il 30% di fluoro in peso e viene commercializzato come “antidepressivo”, anche se un importante effetto collaterale del suo uso è la depressione suicida.

La moderna psichiatria tratta spesso i disturbi depressivi – la “notte oscura dell’anima” – come  disturbi del cervello, mirando alla ricaptazione della serotonina con qualsiasi mezzo chimico necessario. Il fluoro e la fluoxetina, infatti, realizzano  i loro “effetti terapeutici” avvelenando la ghiandola pineale.

Studi su animali confermano che quando viene rimossa la pineale ai topi, essi non rispondono più alla fluoxetina. Forse il motivo principale per cui il Prozac provoca una reazione favorevole in coloro che sono trattati (avvelenati) con esso, è che si dissociano dai conflitti psicospirituali che devono normalmente sopprimere per mantenere l’apparenza di sanità mentale, vale a dire è il controllo e non la salute che è l’obiettivo di tale “trattamento”.

Se il Prozac e altre fonti di fluoro nel nostro ambiente si depositano all’interno della ghiandola pineale, accelerandone la calcificazione, è possibile che funzioni disumanizzando e appiattendo la volontà di coloro che sono sotto la sua influenza?

acquista curcumina biodisponibile

Come possiamo prevenire la calcificazione della ghiandola pineale? 

L’eliminazione dell’esposizione al fluoro è la priorità numero 1. Possiamo iniziare prestando attenzione alle forme di fluoro nelle padelle antiaderenti, agli alimenti e alle bevande prodotte con acqua fluorata, latte artificiale, farmaci contenenti fluoro come il Prozac, il dentifricio e le chewing gum, ecc. Abbiamo raccolto numerosi studi dalla Biblioteca Nazionale degli Stati Uniti di medicina su sostanze naturali che mitigano la tossicità del fluoro, come ad esempio la curcumina. Abbiamo anche una sezione sul nostro database dedicata alla ricerca di sostanze che impediscono o invertono altre forme di calcificazione patologica che possono avere rilevanza per la calcificazione della ghiandola pineale, come la calcificazione ectopica. Infine, c’è una ricerca sul valore potenziale del magnesio, il basilico sacro tulsi, il tamarindo e del fitato nel ridurre la calcificazione della ghiandola pineale. Il fluoro ha una vasta gamma di effetti collaterali. 

Leggi anche

IL FLUORO rallenta il cervello e fa sviluppare il tumore

Non date integratori di fluoro ai vostri bambini

Il Fluoruro è stato ufficialmente classificato come una neurotossina

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni