Gli effetti distruttivi della TV sui bambini

9 Commenti

child-television_2322538b

La televisione è dannosa per voi e soprattuto per i vostri bambini. Non possiamo fare niente, se non cercare di capirne gli effetti per imparare a farne un uso migliore.

“Nelle isole Fiji, prima della televisione, non c’era una sola adolescente a dieta. Dopo, il 69% di loro ha cominciato a controllare il proprio peso e l’11% ha cominciato a vomitare”
Michel Desmurget

Il primo impatto della TV è stato quello di aumentare fortemente la competizione: l’essere umano ha appreso, nel corso dell’evoluzione, a relazionarsi con un numero ristretto di persone, non con il mondo intero.

GLI EFFETTI DISTRUTTIVI DELLA TV

Michel Desmurget, direttore delle ricerche a l’ INSERM, ha accumulato degli studi per dimostrare il forte impatto della televisione sulle persone, per esempio:

  • Il crollo dei voti al SAT (esame che serve da referenza per entrare all’università negli USA) è correlato ai tassi di penetrazione delle televisione durante l’infanzia.
  • Il tempo passato a guardare la TV durante la prima infanzia è direttamente collegato alla prevalenza dei disturbi dell’attenzione negli anni successivi, con delle conseguenze in termini di ansietà e delinquenza.
  • Durante le elezioni, gli adulti che guardano di più la televisione sono meno informati e più sensibili all’apparenza dei candidati politici (Lenz&Lawson, 2011)
  • Winterstein & Jungwirth (2006) hanno scoperto che la capacità dei bambini di realizzare un disegno dipende direttamente dal numero di ore passate davanti alla TV (bambini della stessa età)
  • I bambini da 2 a 10 anni che passanno più di due ore al giorno davanti alla TV o a qualsiasi altro schermo hanno il 30% in più di probabilità di avere la pressione alta rispetto ai coetanei che non lo fanno. La mancanza di attività fisica aumenta questo rischio fino al 50%. (International Journal of Cardiology, studio basato su dati raccolti su 5221 bambini da 8 nazioni europee in un periodo di due anni).

Winterstein & Jungwirth (2006) Mediokonsum und passivrauchen bei Vorschulkindern. Risikofactoren fur die kognitive Entwiklung

Bisogna notare che si tratta di effetti diretti legati alla televisione, che non hanno niente a che vedere con i contenuti delle emissioni.
Questo contenuto, viene adattato continuamente: il ritmo di cambiamento di piano è al momento di circa un secondo ed è sincronizzato con la musica con lo scopo di sostenere l’attenzione utilizzando l’Effetto Zeigarnik.

Nonostsante ciò la televisione ha solo effetti negativi: ci rende meno attenti, più pronti a cambiare interesse con l’intento di renderci più adatti al mondo moderno.

Spiega Michel Desmurget, dottore in neuroscienze all’ Istituto Nazionale della Sanità e delle ricerca medica (Inserm): “Da 15 anni ormai, non passa una settimana senza che mi capiti tra le mani uno o due studi relativi agli effetti deleteri della televisione sulla salute”,. Inoltre l’uso delle nuove teconologie non rimpiazza quello della televisione, si aggiunge ad esso. “Uno spettatore tipico di più di 15 anni passa ogni giorno una media di 3 ore e 40 minuti davanti alla televisione”, ovvero il 75% del suo tempo libero!

NO ALLA TELEVISIONE SOTTO I DUE ANNI

Speriamo che questo articolo vi aiuti a riflettere: non lasciate i vostri bambini davanti alla TV solo perchè vi fa comodo: gli effetti a breve e lungo termine sono tutti, ma proprio tutti, negativi. Anche l’Accademia Americana dei Pediatri lancia l’allarme: la televisione, se vista sotto i 2 anni, potrebbe causare ritardi nel linguaggio. C’è poi chi dice che sotto questa età sono accettabili 15-20 minuti al giorno, meglio se in vostra presenza, l’interazione con il genitore infatti è importante per i bambini, spesso in balia di immagini che non comprendono e potrebbero addirittura turbarli.

Quattro raccomandazioni per genitori:

  • definite un limite massimo di tempo dedicato ai media, tenendo in considerazione il fatto che l’Accademia Americana dei Pediatri ne sconsiglia l’uso nei bimbi sotto ai due anni.
  • dovete fare altro? Al posto di utilizzare la televisione, scegliete un gioco individuale da proporre al vostro bambino. Se state preparando la cena, date in mano al bimbo delle ciotoline con le quali può giocare da solo, sul pavimento della cucina.
  • evitate di mettere la tv nella camera da letto del bambino.
  • riconoscete che la tv potrebbe avere effetti negativi sul bambino.
Spegnete la Tv!
Con il metodo «fate i Bravi!», giochi antichi e nuovissimi
per fare del tempo in famiglia un momento di sana e corretta educazione

 Vedi anche

[catlist name=infanzia]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

9 Commenti su questo post

  1. E anche sui grandi!

  2. Pasolini annuncio che la tv sarebbe stata il male della società.

  3. Pasolini annuncio che la tv sarebbe stata il male della società.

  4. True Lie says:

    “Tutti i monitor per computer e schermi per televisioni in alta definizione (HD), quando mostrano immagini pulsanti, emettono campi elettomagnetici pulsanti di sufficiente ampiezza per causare cambi di emozioni e definire i nostri stati d’animo. E’ quindi possibile manipolare il sistema nervoso di un soggetto per mezzo di immagini pulsanti che appaiono su un vicino computer o apparecchio televisivo digitale”.La “Spettro di diffusione del suono del silenzio” (“Silent Sound Spread Spectrum” – SSSS), noto anche come ‘S-quad’ (quattro S) emette onde elettromagnetiche al di fuori del nostro range uditivo. Dal momento che il nostro cervello è un organo che funziona elettricamente, queste onde danneggiano la nostra coscienza.
    /’Nervous System Manipulation by EM Fields from Monitors’/

  5. Io nn la guardo da quasi 3 anni e sto bennissimo!!

  6. io non demonizzo la televisione: per me è un’invenzione straordinaria e aiuta un’infinità di persone SOLE. Allora, di cosa parliamo della TV o dell’uso improprio? io sono una mamma e a volte mi rendo conto che i miei piccoli guardano troppa tv e mi dispiace, cerco di arginare e naturalmente di selezionare; ma i 3 mesi che vanno dalla fine all’inizio della scuola sono tanti, tantissimi specie se si deve lavorare; poi so benissimo che gli hz a cui va sono in relazione con gli hz del nostro cuore, con tutte le implicazioni del caso. poca tv, possibilmente buona.

  7. la mai è sempre spenta. la gente mi piglia per matta pechè non conosco programmi tv ed altro…

  8. Sono meravigliata dall’ efficacia di queste semplici ma potenti parole…recitarle con fede…aiuta…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline