glutammina

La glutammina è il più abbondante amminoacido nel corpo e costituisce il 65% degli amminoacidi presenti nei muscoli. E’ nota per essere l’integratore naturale in grado di favorire la massa muscolare, in realtà migliora anche la digestione, l’intestino, il sonno, l’umore e le nostre difese immunitarie.

Cosa è la glutammina

E’ un amminoacido molto benefico in grado di:

riparare l’intestino danneggiato dalla permeabilità intestinale facendo in modo che i batteri non si annidino nei tessuti e rafforzandone le pareti(carburante per le cellule epiteliali che rivestono l’intestino)
Migliora la sindrome dell’intestino irritabile e previene gli episodi di diarrea bilanciando la produzione di muco.
potenziare il sistema immunitario (carburante per le cellule immunitarie come i linfociti e i macrofagi)
migliorare l’umore e la concentrazione (è un precursore dei neurotrasmettitori cerebrali)
prevenire la perdita muscolare nei malati
promuove la disintossicazione sostenendo la produzione del più potente antiossidante, il glutatione
diminuisce lo stress muscolare post allenamento
favorisce la costruzione della massa muscolare a seguito dell’attività fisica
favorisce il rilascio dello stress contrastando i livelli eccessivi di cortisolo (l’organismo sintetizza nuova glutammina non appena il cortisolo inizia ad aumentare)

Quasi tutta la glutammina che è presente nel sangue viene sintetizzata nei muscoli da altri amminoacidi (arginina, ornitina e prolina) e in misura minore dal fegato, reni e intestino tenue.

La forma naturale di glutammina che utilizza il nostro corpo è la L-glutammina.

La glutammina non è un amminoacido essenziale perché può essere prodotto a partire da altri amminoacidi ma è considerata essenziale dal punto di vista funzionale ovvero il nostro corpo non può funzionare correttamente senza glutammina.

Glutammina in polvere consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Perché è importante integrare la glutammina

Solitamente la glutammina viene prodotta in quantità sufficienti nel corpo. Tuttavia ci sono alcune condizioni che bruciano le nostre riserve di glutammina e diventa necessario integrarla per permettere al corpo di essere al massimo del suo potenziale:

stress e lunghi periodi di tensione emotiva
infiammazione
infezioni
traumi
lunghi periodi a letto e interventi chirurgici
allenamento intenso

Infatti alcune funzioni corporee utilizzano così tanto glutammina che diventa necessario ottenerlo dalla dieta o dagli integratori.

Sintomi

Inoltre se abbiamo alcune condizioni di salute allora può essere importante integrare la glutammina:

permeabilità intestinale
intolleranze alimentari
colite ulcerosa
celiachia
morbo di Crohn
sindrome dell’intestino irritabile
lunghi periodi di malattia
tendenza ad ammalarsi spesso
malattie autoimmuni
fegato grasso
insonnia

14 Benefici della Glutammina

1. Migliora le prestazioni fisiche, riduce l’ammoniaca e aumenta la massa muscolare. Quando ci si allena intensamente per almeno un’ora i livelli di glutammina calano drasticamente con un conseguente calo nel rendimento (diminuzione accentuata della forza massima e della resistenza), aumento dei tempi di recupero e indebolimento del sistema immunitario. Il recupero di livelli normali di glutammina può durare fino a 6 giorni. Non sorprende quindi spesso gli sportivi si ammalano dopo un allenamento o una prova intensa, proprio perché le loro difese immunitarie si sono abbassate. Assumere glutammina favorisce il recupero, le prestazioni, la massa muscolare e previene l’indebolimento del sistema immunitario. E’ molto indicata anche negli sportivi con difficoltà a recuperare adeguatamente dopo un lungo periodo di stop. Una delle funzioni principali della glutammina è quella di supportare la disintossicazione dell’organismo ripulendolo da livelli elevati di ammoniaca. È infatti in grado di convertire l’ammoniaca in aminoacidi, amino zuccheri e urea. Un’ora di esercizio fisico può causare una riduzione di glutammina anche del 40% e provocare la soppressione delle funzioni immuni, fattore che influisce negativamente sulla resistenza fisica durante l’allenamento. Nel corso di un allenamento intenso, il vostro corpo subisce uno stress e i muscoli e i tendini hanno bisogno maggiore di glutammina rispetto a quella assunta regolarmente con la dieta.

2. Rinforza il sistema immunitario. Le cellule immunitarie, come i linfociti, i macrofagi e i neutrofili richiedono la glutammina. La presenza di glutammina permette a questi globuli bianchi di crescere e svilupparsi. Pertanto tutte le situazioni che richiedono un sistema immunitario forte per guarire come lesioni, infezioni, trattamenti contro il cancro e interventi chirurgici riducono la glutammina nel corpo. D’altro canto queste situazioni richiedono molta glutammina e quindi esauriscono le riserve nel corpo se si protraggono nel tempo. In caso di gravi malattie, per esempio, il livello di glutammina può ridursi del 58%, restando poi insufficiente per oltre tre settimane. Assumere un integratore di glutammina tende ad aiutare la forza di autoguarigione del corpo in eventi. I sintomi di un sistema immunitario fragile (un raffreddore, un infezione, basse prestazioni, aumento di massa grassa e perdita di massa magra) sono anche in relazione a bassi livelli di glutammina. Per questo motivo è necessario interrompere gli allenamenti quando non si sta molto bene e utilizzare un integratore di glutammina.

3. Disintossicante e antiossidante grazie alla stimolazione del glutatione. Il glutatione è l’antiossidante e disintossicante più potente dell’organismo che potenzia l’attività di tutti gli altri antiossidanti (come vitamina C, vitamina E, CoQ10, l’acido alfa lipoico), ossigena le cellule, disintossica dai metalli pesanti, favorisce la longevità e la giovinezza, purifica il fegato e combatte le cellule cancerose. I componenti della molecola del glutatione sono l’acido glutammico, la cisteina e la glicina. La glutammina, essendo precursore dell’acido glutammico assume un ruolo importante nella formazione del glutatione. E’ stato dimostrato infatti che l’assunzione di glutammina riduce la diminuzione delle riserve di glutatione in condizioni di necessità.

glutatione extra forte banner

Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

4. Migliora la concentrazione, la memoria, l’umore e il sonno. La glutammina è utilizzata dal cervello come precursore di molti neurotrasmettitori ed è stato dimostrato che chi soffre di depressione ha livelli più bassi di glutammina nella corteccia prefrontale. In uno studio inoltre è stato osservato che l’assunzione di glutammina riduce la depressione e migliora l’umore. Chi assume glutammina riferisce di avere maggiore concentrazione e energia mentale e di dormire molto meglio svegliandosi riposati.

5. Nutre le cellule gastrointestinali e promuove l’assorbimento dei nutrienti. La glutammina è una delle principali fonti di energia per le cellule dell’intestino tenue, essenziale per la produzione cellulare, la crescita cellulare e per favorire l’assorbimento e il trasporto delle sostanze nutritive. Per questo motivo l’integrazione con glutammina si è dimostrata molto efficace in soggetti con colite ulcerosa, celiachia (favorisce la riparazione dell’intestino anche durante una dieta senza glutine come spiegato nell’articolo Se soffri di celiachia, togliere il glutine non basta. Ecco cosa fare), morbo di Crohn e sindrome dell’intestino irritabile.

6. Permeabilità intestinale. E’ una condizione di salute sempre più diffusa per cui le pareti dell’intestino non sono serrate ma permeabili permettendo così a particelle di cibo indigerito, tossine e batteri di entrare nel circolo sanguigno. I sintomi della permeabilità intestinale sono molti tra cui intolleranze alimentari, difficoltà digestive, insonnia, squilibri ormonali, fatica cronica e alterazioni dell’umore. Molti fattori causano la permeabilità permeabile come lo stress, l’esposizione a tossine, la chemioterapia e un’alimentazione errata protratta nel tempo. La glutammina aiuta a prevenire e riparare la permeabilità intestinale. Inoltre, la glutammina aiuta anche a preservare i villi intestinali in numero e altezza (i villi intestinali sono fondamentali per l’assorbimento dei nutrienti nell’intestino).  Nei pazienti con cancro al seno, uno studio ha dimostrato che l’integrazione di glutammina per 12 giorni prima della chemioterapia ha ridotto significativamente la permeabilità intestinale causata dalla chemioterapia. Inoltre riduce i sintomi delle infiammazioni intestinali e aiuta a guarire dalla sensibilità ad alcuni alimenti. Vale la pena notare che l’uomo famoso per aver scoperto il ciclo di Krebs nel corpo (noto anche come “ciclo dell’acido citrico”) è stato il primo a raccomandare l’assunzione di L-glutammina per problemi correlati all’intestino. Questo perché ha scoperto che ha contribuito a migliorare una risposta immunitaria sana correlata all’intestino. E ulteriori ricerche supportano questa scoperta.

Glutammina in capsule consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

7. Previene e contrasta le infezioni. La glutammina aumenta la produzione di linfociti T che difendono il corpo dall’invasione batterica prevenendo e contrastando così le infezioni. In uno studio su 45 pazienti sottoposti a trapianto di midollo osseo, quelli che hanno ricevuto la supplementazione di glutammina hanno sviluppato meno infezioni. Un’altra ricerca su 68 neonati ospedalizzati con peso alla nascita molto basso hanno dimostrato che la supplementazione di glutammina riduce la sepsi acquisita in ospedale (una condizione pericolosa per la vita che si manifesta quando il corpo ferisce i suoi stessi tessuti in risposta a un’infezione) e batteriemia (infezione batterica del sangue ). Solo l’11% dei bambini che hanno ricevuto la supplementazione di glutammina ha sviluppato un’infezione rispetto al 30% dei bambini che non hanno l’hanno ricevuta.

8. Accelera la guarigione di ferite e lesioni. La glutammina fornisce energia alle cellule che hanno un ruolo nei processi di guarigione delle ferite come macrofagi, linfociti e il tessuto connettivo. Quando si verifica una lesione, il tessuto e le cellule immunitarie che circondano la lesione consumano più velocemente la glutammina. In caso quindi di lesioni e ferite gravi o che necessitano di molto tempo per rigenerarsi, si può accelerare la guarigione con l’integrazione di glutammina.

9. Favorisce il recupero post-operatorio. Gli interventi chirurgici riducono la glutammina nei muscoli e riducono la sintesi proteica muscolare. Infatti assumere glutammina durante il periodo di recupero permette una minore riduzione della perdita di massa muscolare. Infatti come abbiamo detto in precedenza, il livello di glutammina può ridursi del 58% in caso di malattie e operazioni chirurgiche che si protraggono nel tempo. Uno studio ha dimostrato che l’integrazione giornaliera di glutammina una settimana prima dell’intervento ha migliorato lo stato antiossidante post-operatorio e la funzionalità epatica rispetto al gruppo di controllo. I pazienti che hanno ricevuto la glutammina hanno osservato anche una minore diminuzione del glutatione e una tendenza alla diminuzione della durata della degenza ospedaliera.

10. Abbassa i livelli di stress e stabilizza la glicemia. La concentrazione di glutammina diminuisce notevolmente in situazioni di stress. L’assunzione di glutammina migliora la risposta allo stress riducendo i livelli di cortisolo e riducendo il catabolismo muscolare indotto dallo stress. L-glutammina brucia anche il grasso e costruisce la massa muscolare magra, aiutando a sopprimere i livelli di insulina e stabilizzare la glicemia.

Effetti collaterali

La L-glutammina è una sostanza naturale e non è tossica. Alcuni esperimenti hanno evidenziato effetti collaterali soltanto a partire da quantità superiori a 30 g per chilogrammo di peso corporeo, ma non è possibile riscontrare tali sovradosaggi in condizioni non cliniche.

Le dosi studiate di glutammina variavano da 5 a 28 grammi al giorno, con un livello di sicurezza osservato osservato di un massimo di 14 grammi al giorno.

Controindicazioni

L’assunzione di glutammina è controindicata nei casi di cancro in quanto le cellule cancerose hanno bisogno di amminoacidi per riprodursi, in particolar modo della glutammina. Tuttavia la glutammina gioca un ruolo importante nella prevenzione del cancro e nel trattamento della chemioterapia, quindi alcuni medici ritengono che sia un integratore utile anche in caso di cancro. Quindi la situazione non è chiara in ambito oncologico ed è bene applicare il principio di precauzione evitando di supplementarla se non dietro il consulto del proprio medico.

Si consiglia di non assumere la glutammina insieme agli omega 3 in quanto sembra che si annullino i loro benefici quando assunte contemporaneamente.

Chi soffre di convulsioni, cirrosi e fegato danneggiato dovrebbero evitare la glutammina.

I farmaci con cui la glutammina può interagire sono

  • lattulosio
  • farmaci chemioterapici
  • anticonvulsivanti

Cibi più ricchi di Glutammina

I cibi più ricchi di glutammina sono:

1) Brodo di ossa

2) Manzo, agnello e pollo

3) Pesci d’acqua salata (ovvero non di fiume)

4) Latticini di capra e pecora e ghee

5) Spirulina

6) Cavolo

7) Asparagi

8) Broccoli

9) Mandorle e nocciole

10) Uova

Quale integratore di Glutammina acquistare

Se si è in salute e non si è sottoposti a stress o allenamenti intensivi, un’alimentazione ricca di glutammina è sufficiente. Per i vegani questo è più difficile dato che la glutammina è un amminoacido presente principalmente in prodotti di origine animale.

Chi ha situazioni di salute da trattare, oppure vuole migliorare le proprie performance fisiche o mostra alcuni sintomi come insonnia, stress, difficoltà digestive, può avere notevoli benefici con l’assunzione di un integratore di glutammina. L’integratore permette di aumentare i livelli di glutammina in modo più efficiente rispetto al cibo considerato anche che chi ha bisogno di glutammina spesso ha un intestino che assorbe poco i nutrienti. Assumere glutammina aiuta la riparazione intestinale e permetterà in seguito di migliorare l’estrazione dei nutrienti da ciò che mangiamo.

Quando si acquista un integratore di glutammina è importante scegliere la L-glutammina che è la forma naturale di glutammina.

Tuttavia alcuni prodotti a base di glutammina vengono realizzati con materie prime di scarsa qualità, come capelli umani o piume d’anatra.

Per fornire al nostro corpo gli integratori migliori così da ottenere i maggiori effetti, è bene scegliere L-glutammina prodotta da fermentazione naturale, che viene ricavata da materie prime vegetali come chicchi di mai fermentati. Evitare tutte le altre formulazioni.

Consiglio quindi le due seguenti formulazioni di L-glutammina prodotta da fermentazione naturale, una in polvere e l’altra in capsule.

Glutammina in polvere consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

 

Glutammina in capsule consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

 

Come assumere la Glutammina

Il corretto modo d’uso della glutammina va rispettato per ottenere i massimi benefici da questo prezioso amminoacido. Ecco il dosaggio generalmente consigliato della glutammina:

Sportivi. 5 grammi (un cucchiaino) miscelato in acqua temperatura ambiente (non fredda e non calda, o un succo o un frullato) 1 ora prima dell’allenamento insieme a carboidrati (frutta, miele ad esempio); altri 5 grammi appena finito l’allenamento (entro 30 minuti dal termine dell’esercizio) insieme ad abbondanti liquidi e aminoacidi ( ad esempio insieme al tuo frullato proteico post workout, poiché la proteina è un’altra chiave per il recupero e la costruzione muscolare ). Se stai assumendo glutammina a lungo termine, è una buona idea integrare anche con vitamine del gruppo B, questo vale soprattutto per la vitamina B12, che controlla l’accumulo di glutammina nel corpo

Non-sportivi o giorni di non allenamento degli sportivi. 2-5 grammi al giorno miscelato in un bicchiere d’acqua temperatura ambiente (non fredda e non calda, o un succo o un frullato) insieme ai pasti.

Questi sono dosaggi generali e consulta sempre il tuo medico prima di assumere integratori.

Testimonianze

Queste sono recensioni di persone che hanno assunto l’integratore di L-glutammina e hanno lasciato una testimonianza al prodotto.

“Veramente efficace, ne sto assumendo due capsule al giorno da dieci giorni e già noto dei miglioramenti, meno stanchezza mentale e più energia fisica, nel lungo periodo visti i presupposti i risultati saranno sicuramente migliori. Ha anche un effetto protettivo nei confronti della parete intestinale, la glutammina viene consigliata come integratore nella sindrome da leaky gut e per il colon irritabile. Penso che diventerà un integratore di riferimento specie nei cambi di stagione e nei periodi di stress.”

“Ho voluto provarla su consiglio di un amico culturista per alzare il sistema immunitario e ho poi scoperto che serve per favorire il sonno. Prendo 1 compressa mezz’ora prima di dormire e dormo molto bene. Quando invece devo dormire poche ore per degli impegni mi sento ugualmente riposata e in grado di affrontare tutta la giornata nonostante il poco riposo. Una vera risorsa.”

“dopo alcuni mesi di utilizzo lo trovo un buon prodotto. senza effetti collaterali, dona energia e freschezza mentale!”

“Ho preso questo integratore perché mi è stato consigliato dal dietologo dato che ero dimagrita molto..mi sento più energica”

“Per curare problemi di stomaco ed Helycobacter molto utile”

“Io la uso per contrastare la permeabilità intestinale, prendo una compressa mezzora prima di dormire (mi aiuta anche a dormire meglio), lo prendo da più di un mese e ho notato sensibili miglioramenti nell’assimilazione degli ingredienti.”

“ottimo prodotto, usandolo con regolarità ci si accorge subito dei benefici effetti. Maggiore energia e resistenza. Anche, e soprattutto, a livello mentale.”

“dopo l’allenamento fisico anche molto intenso sono una vera panacea, aiutano tantissimo per il recupero come promesso!!! consigliatissimi”

“Uno dei miei integratori preferiti ! Aiuta l’intestino contro disbiosi e candida, da forza e rilassa se assunto di sera. Mi è stato consigliato dal mio nutrizionista e devo dire che fa il suo lavoro, buono anche il prezzo! Consigliatissimo a tutti sportivi e non.”

“peccato non aver conosciuto prima questo prodotto!!! gli effetti sono evidenti.”

Glutammina in polvere consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

 

Glutammina in capsule consigliata. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Riferimenti Scientifici

– Anthony F Jorm et al. Effectiveness of complementary and self-help treatments for depression. Med J Aust 2002; 176 (10): 84.
– Cocchi R. et al. Antidepressive properties of I-glutamine. Preliminary report. Acta Psychiatr Belg. 1976 Jul-Aug;76(4):658-66.
– Glutamine Supplementation — Evidence Indicates It May Benefit Patients With Critical Illness By Megan Tempest, RD, LDN- Today’s Dietitian. Vol. 13 No. 1 P. 40 January 2011 Issue.
– Oliveira GP, Dias CM, Pelosi P, Rocco PR. Understanding the mechanisms of glutamine action in critically ill patients. An Acad Bras Ciênc. 2010;82(2):417-430.
– Rowbottom DG, Keast D, Morton AR. The emerging role of glutamine as an indicator of exercise stress and overtraining. Sports Med. 1996 Feb;21(2):80-97.
– Castell LM, Newsholme EA. The effects of oral glutamine supplementation on athletes after prolonged, exhaustive exercise. Nutrition. 1997 Jul-Aug;13(7-8):738-42.
– Phillips GC. Glutamine: the nonessential amino acid for performance enhancement. Curr Sports Med Rep. 2007 Jul;6(4):265-8.
– Botwell, J.L., K. Gelly, M.L. Jackman, A. Patel, M. Simeoni, and M.J. Rennie. Effect of oral glutamine on whole body carbohydrate storage during recovery from exhaustive exercise. J. Appl. Physiol. 86:1770-1777, 1999.
– Increased plasma bicarbonate and growth hormone after an oral glutamine load. Welbourne TC. Department of Physiology, Louisiana State University College of Medicine, Shreveport 71130, USA.
– Wernerman J. Clinical use of glutamine supplementation. Nutr. 2008 Oct;138(10):2040S-2044S.
– Klimberg VS et al. Prophylactic glutamine protects the intestinal mucosa from radiation injury. Cancer. 1990 Jul 1;66(1):62-8.
– Li Y et al. Oral glutamine ameliorates chemotherapy-induced changes of intestinal permeability and does not interfere with the antitumor effect of chemotherapy in patients with breast cancer: a prospective randomized trial. Tumori. 2006 Sep-Oct;92(5):396-401.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni