Guarisce dall’artrite reumatoide in 3 mesi grazie alla dieta vegana

45 Commenti

artrite-reumatoidea-mani-586x390-515x300

“Non riuscivo più ad alzarmi dal letto, a dormire la notte, a tenere mia figlia in braccio, a camminare, a inginocchiarmi. Se mi sforzavo di fare qualcosa i dolori erano spaventosi. Terrorizzata e angosciata sono corsa a fare analisi, ecografie, visite, e la diagnosi è stata artrite reumatoide sieronegativa, con consiglio di cominciare subito gli immunosoppressori.” racconta Federica nel sito del Dott. Valdo Vaccaro e continua “Ho cominciato a fare ricerche per conto mio, finché non ho conosciuto te. Mi hai letteralmente messa al tappeto. E io che pensavo di avere un’alimentazione sana! Mi hai fatto cadere a una a una tutte le mie certezze sul bere latte, sul mangiare carne e pesce, sul vivere a base di compensazioni zuccherine e di altre cose ancora.Ho ordinato il tuo libro e azzerato la mente. Da brava scolaretta ho cominciato a studiare le norme dell’igienismo che tu racconti con molta chiarezza e naturalezza. Morale della favola? In tre mesi sono scomparsi i dolori, e l’incubo in cui ero piombata sembra ormai essere un ricordo.”

Come ha cambiato dieta Federica? “Agrumi e frutta mattutini al posto di latte e dolciumi inzuppati; insalatone e poca pasta o pane integrale al posto di intingoli vari, salumi e formaggi; frutta di stagione anche a merenda invece di altri dolciumi. A cena altra verdura cruda accompagnata da zuppe, patate, e legumi vari invece di etti di pollo, tacchino, vitello, pesci vari. Direi che il cambiamento è stato sostanziale no? Ah dimenticavo, più rispetto per me stessa e per le mie necessità di sonno, relax e riposo ;)”

L’artrite reumatoide è classificata come malattia inguaribile dai medici

Volevo cercare delle considerazioni scientifiche su questo e ho scoperto che l’artrite reumatoide è una delle malattie autoimmuni che studi recenti hanno mostrato che hanno sicuramente una radice nel dismicrobismo e nell’infiammazione intestinale, prodotta da più componenti fra i quali anche i metalli pesanti e le sostanze tossiche che vengono assunte con l’alimentazione.

Secondo uno studio scientifico del Karolinska Institutet una dieta vegana priva di latte e derivati e anche di glutine, migliora i segni e i sintomi dell’artrite reumatoide che provoca infiammazioni che possono compromettere la salute della arterie e aumentare il rischio di eventi cardiovascolari.. Con tale dieta si osserva una netta riduzione degli anticorpi contro gli antigeni contenuti in certi tipi di cibo. Una dieta vegana priva di glutine non solo abbassa i livelli di colesterolo, di lipoproteine a bassa densità (LDL) e di LDL ossidate (oxLDL), ma aumenta anche i livelli di anticorpi naturali contro i composti dannosi che provocano i sintomi caratteristici di questa malattia infiammatoria, come la fosforilcolina.

Abolire la carne, le uova, il pesce e i latticini: in altre parole scegliere la dieta vegana per proteggersi da ictus e problemi cardiaci, soprattutto se si soffre di artrite reumatoide. Lo mostra una ricerca svedese pubblicata sulla rivista scientifica Arthritis Research and Therapy: i ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma hanno chiesto a 38 persone in buona salute di seguire un regime alimentare di tipo vegano e ad altri 28 volontari di seguire una semplice dieta che prevedeva una riduzione della quantità di grassi saturi e una preferenza di prodotti integrali rispetto a quelli interi.

Ecco il risultato…

In una dieta vegana, l’apporto quotidiano di energia è costituito per il 10% dalle proteine, per il 60% dai carboidrati e per il 30% dai grassi con una buona quantità di noci, granoturco, frutta, verdura e latte di sesamo per garantire all’organismo la necessaria dose di calcio.
Il risultato dell’esperimento, che è durato dodici mesi, ha dimostrato che la dieta vegana è efficace nel ridurre il livello di colesterolo complessivo e di colesterolo cattivo ed è, inoltre, in grado di contribuire a perdere peso e raggiungere un più ottimale indice di massa corporea. Nell’altro gruppo tutti i valori erano invece rimasti sostanzialmente invariati.

Johan Frostegard, a capo dell’equipe di studio, ha spiegato che già precedenti ricerche avevano individuato nel regime alimentare vegano la dieta migliore per le persone con artrite reumatoide.

“Il nostro studio – ha dichiarato Frostegard – ha dimostrato che la dieta vegana riduce la pressione, abbassa i livelli di colesterolo e l’indice di massa corporea nonché limita l’incidenza di disturbi cardiovascolari”.

Per approfondire sulla dieta per l’artrite vedi Come guarire definitivamente dall’Artrite mangiando correttamente in cui spiego che non è solo il cibo che mangiamo che fa la differenza, ma anche come viene combinato: ad esempio mescolare la frutta ai pasti produce fermentazione ed infiammazione. Anche lo zucchero va evitato perché è uno degli alimenti più infiammatori che esista.

Alimentazione Naturale
Manuale pratico di igienismo-naturale –
La rivoluzione vegetariana: mangiare bene per vivere meglio
Alimentazione Naturale - Vol. 2
Le chiavi per una dietetica razionale – Conoscere il proprio corpo

Voto medio su 9 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

45 Commenti su questo post

  1. di certo ci vuole anche una gran determinazione a prendere la decisione perchè è una scelta che esclude dalla convivialità

    • Luca Daddi says:

      Esclude dalla convivialità se si anno amici insensibili. Sono vegetariano, il mio compagno è vegano e ho diversi amici che quando mi invitano non penano a preparare una cena del tutto vegetale o frequentare locali che permettano questo stile di vita (molti locali etnici o una banale pizzeria).

  2. di certo ci vuole anche una gran determinazione a prendere la decisione perchè è una scelta che esclude dalla convivialità

  3. Assolutamente no Maira Accorsi, posso garantirtelo….i momenti di convivialità esistono a prescindere dal cibo, fortunatamente in ogni casa ed in ogni ristorante (per quanto la scelta di non frequentarli è dettata dalla qualità del cibo che non è bio purtroppo), c’è sempre la possibilità di poter scegliere…anche solo un’insalata e del riso. Parlare con le persone e stare in compagnia non implica per forza ingurgitare qualsiasi tipo di cibo 🙂

  4. Concordo con Gina !

  5. Fabio Pala says:

    Giuseppe Pala e buttar li un mesetto di prova per veder che succede? Male che ti andrà, butti giù 5 o 6 kg minimo 😉

  6. Ma non solo dall’artrite reumatoide si guarisce con l’alimentazione vegana!

  7. Ciao Nico
    Provocante come sempre . Sono convintissimo che squilibri alimentari soprattutto in eccesso con ducato a patologie infiammatorie/autoimmuni/ e persino a favorire lo sviluppo dei tumori, ma sempre associate a stili di vita scadenti per attività fisica, relax e per eccessi di stress
    Peraltro vorrei ricordassimo tutti che l’uomo, onnivoro per eccellenza, inizia le prime fasi come CARNIVORO e solo circa 10.000 anni fa iniIa a coltivare piante – kamuth farro grano –
    Senza che comparisse l’artrite reumatoide….
    Poi circa 1600 anni fa la chiesa cattolica scrive la preghiera per eccellenza, che dice “… Dacci oggi il nostro PANE quotidiano…”, senza che questo comporti grave incremento di celiachia…

  8. Voglio dire solo che nella vita e quindi anche nell’alimentazione sono gli squilibri, sia in eccesso che in difetto, a favorire l’esPlosiva incidenza di patologie

  9. Nella Guarigione Ho Delle perplessità nel rallentamento della malattia invece si, se non si esagera con cibi elaborati

  10. Buongiorno Mario del Giudice, concordo con te sul giudizio riguardo gli squilibri alimentari ma credo ci sia un po di confusione per quel che riguarda l’evoluzione della specie umana. L’uomo, così come lo descrivi tu, è diventato carnivoro per necessità non per sua natura. Al contrario i progenitori dell’uomo “moderno”, erano frugivori e si cibavano di radici; poi, con l’avvento e la scoperta del silicio come pietra che poteva anche essere lavorato a taglio, è divenuto cacciatore, ma prima di tutto per difendersi, non per attaccare. Comunque condivido il fatto che gli eccessi, qualunque eccesso, può causare patologie, anche irreversibile nel nostro attuale sistema sociale.

  11. Mario del Giudice l’uomo nasce frugivoro e non è cambiato dalla preistoria a parte il suo stile di vita….

  12. Mario del Giudice l’uomo nasce frugivoro e non è cambiato dalla preistoria a parte il suo stile di vita….

  13. Caro Mario del Giudice il “pane” di cui si parla nel “Padre Nostro” non è un “pane” fisico ma… spirituale…
    La traduzione del testo greco ci parla di pane “supersostanziale” (epiousion).
    Nella traduzione della “vulgata latina” diventa “pane quotidiano”.
    Se poi andiamo al testo Aramaico od Ebraico abbiamo il termine “lahma’ ” (aramico) o “lehem” (ebraico) il cui significato è ancora più “”specifico” ma… questa è un’altra storia…

  14. Caro Mario del Giudice il “pane” di cui si parla nel “Padre Nostro” non è un “pane” fisico ma… spirituale…
    La traduzione del testo greco ci parla di pane “supersostanziale” (epiousion).
    Nella traduzione della “vulgata latina” diventa “pane quotidiano”.
    Se poi andiamo al testo Aramaico od Ebraico abbiamo il termine “lahma’ ” (aramico) o “lehem” (ebraico) il cui significato è ancora più “”specifico” ma… questa è un’altra storia…

  15. Per riderci un po’ su e sdrammatizzare … 😉

  16. Gaia Giorno says:

    ..ho letto “onnivoro x eccellenza” “carnivoro”…ma dove le avete prese sté notizie che spacciate x veritá assolute???…

  17. Gaia Giorno says:

    ..ho letto “onnivoro x eccellenza” “carnivoro”…ma dove le avete prese sté notizie che spacciate x veritá assolute???…

  18. Condivido il tuo pensiero Gaia !!!! Assurdo..

  19. Condivido il tuo pensiero Gaia !!!! Assurdo..

  20. L’Arpagophitum Procumbes, più conosciuto come Artiglio del Diavolo, Una radice africana, se usata come si consiglia, ha una azione molto incisiva contro l’artrite reumatoide. Garantisco la reale eficacia di codesto prodotto.

  21. Ci credo. Si combatte pure il cancro con la dieta vegana. Le proteine animali fanno male.

  22. NON SI GUARISCE DALL’ARTRITE REUMATOIDE!!!!!!!…..SI PUO’ SOLO TENERE SOTTO CONTROLLO LA MALATTIA…….E’ UNA MALATTIA DEGENERATIVA….VERGOGNATEVI A DIRE CERTE COSE!!!!!

  23. Marco Gazza says:

    io con la dieta vegana son pure diventato intelligente, adesso pago la purea di ceci e soia 20 euro al kg e non più 90 centesimi

  24. Portentoso e da quali altre malattie si guarisce con un’alimentazione vegana?

  25. Perché non pubblicate i risultati di qualche studio clinico che confermi le vostre affermazioni ? In mancanza si tratta solo di chiacchere in libertà !

  26. Perché non pubblicate i risultati di qualche studio clinico che confermi le vostre affermazioni ? In mancanza si tratta solo di chiacchere in libertà !

  27. Se fosse vero… Cosa sarebbero tre mesi di prova? Se fosse vero… Poter togliere quel kg,kg e mezzo di farmaci quotidiani…. Mi sa che provo!

  28. provare non nuoce……

  29. La virtu’ sta nel mezzo….ci vuole equilibrio

  30. Provate gente provate tanto il pancino si riempie lo stesso senza carne e pesce ..

  31. Se l’avesse detto veronesi…gran commerciante…sareste tutti estasiati…ora x ché lo dice qualcun’altro volete gli studi clinici

  32. Certo che provare non vi farà certo ammalare…

  33. Paola Amonti says:

    Sono diventata vegana dopo un passato di attacchi di panico causati da ansia vi assicuro che sono rinata..

  34. Per diventare Vegani bisogna esserlo di testa, anche il Veganesimo è uno postura mentale, e c’è una motivazione psicologica che va al di la della convinzione di esserlo per amore degli animali o una dieta sana. Siamo terapisti olistici da 10 anni e da 3 collaboriamo con una biologa/tecnologa alimentare…. basta con queste informazioni errate, non è il veganesimo che fa guarire ma il cambiamento mentale riguardo ad una situazione casomai…

  35. viviana says:

    Scusatemi..non è un commento inerente l’argomento. .ma io ci provo.
    e riguardo l’artrosi erosiva esattamente alle mani..qualcuno sa dirmi qualcosa di positivo? Grazie

  36. Attilio says:

    Ciao! Ti invito a leggere anche questo studio sull’uso delle diete vegetariane e vegane per la prevenzione e la cura delle malattie cardiometaboliche 😉
    https://lacucinadeibriganti.wordpress.com/articoli/diete-vegane-per-la-cura-delle-malattie-cardiovascolari-e-metaboliche/

  37. Veronica says:

    Ciao a tutti. Sono o meglio ero vegana da tre anni a questa parte, sono tornata da circa 1 mese al pesce perché le mie analisi ma soprattutto il mio aspetto fisico non erano dei migliori… X quanto riguarda l artrite mi dispiace darvi questa brutta notizia ma ho cominciato 3 mesi fa alla tenera età di 31 anni quindi credo proprio che la dieta e l artrite siano due cose totalmente differenti anzi mi sta venendo il dubbio che mi sia venuta proprio x la mia dieta. Ah, nessuna ereditarietà, nessun familiare con artrite quindi fate voi ;-(

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline