Herpes genitale. Il più efficace rimedio naturale per far scomparire le vescicole

5 Commenti

herpes genitale rimedi naturali

L’herpes genitale è un’infezione molto diffusa i cui sintomi possono essere trattati efficacemente con i rimedi naturali fino alla totale scomparsa delle vescicole

L’herpes genitale è una malattia causata dall’infezione di due ceppi virali, l’Herpes simplex tipo 1 (HSV-1) e l’Herpes simplex tipo 2 (l’HSV-2). Ne è affetto circa 536 milioni di persone nel mondo, e nei paesi occidentali si stima che almeno il 25% delle donne adulte e il 20% degli uomini hanno l’herpes genitale. Di questi, l’85% non lo sa nemmeno!

La maggior parte dei casi di herpes genitale è causata dall’HSV-2. Tuttavia, una proporzione sempre maggiore di casi di infezione anogenitale da herpes è attribuibile all’HSV-1, maggiormente responsabile dell’herpes labiale.

L’infezione si trasmette sessualmente e può essere contratto anche alla nascita se la madre ne è affetta. L’herpes genitale provoca lesioni cutanee, come piaghe, localizzate nell’area vulvo-vaginale, sul pene, intorno all’ano, su natiche e cosce, caratterizzate da vescicole spesso dolorose. Altri sintomi associati all’infezione sono dolori diffusi e affaticamento.

E’ un’infezione trasmessa da pelle a pelle, ma non c’è bisogno di avere rapporti sessuali per provocare la raggiunta del virus sui genitali. Ogni forma di intimo contatto pelle a pelle è in grado di passare il virus, tra cui il contatto con piaghe sulle natiche o sulla bocca.

Il virus può vivere dormiente all’interno del sistema immunitario di una persona per tutta la vita, causando periodicamente bolle che scoppiano e si trasformano in piaghe aperte o ulcere prima della guarigione.

Poiché il virus dell’herpes è incurabile nel senso che rimane presente nell’organismo, la buona notizia è che è possibile impedire la formazione delle lesioni cutanee e quindi bloccarne la manifestazione.  La ricerca mostra infatti che la maggior parte dei pazienti con herpes genitale non hanno praticamente alcun sintomo, non sono consapevoli del fatto che lo hanno contratto e tengono il virus nel tratto genitale prima che esso provochi disagio. E ‘anche molto comune sperimentare un disagio una sola volta e poi mantenere il virus  in modo impercettibile nell’organismo, a volte per tutta la vita.

I sintomi dell’Herpes genitale

L’Herpes genitale colpisce in modo molto diverso da persona a persona, ma ci sono alcuni fatti generali riguardanti i sintomi comuni:

  • Di solito il primo focolaio di herpes genitale produce i sintomi più forti, e i sintomi da focolai successivi (che riattivano il virus) sono più miti.
  • Una persona appena infettata sperimenta il primo focolaio di solito entro 14 giorni dall’infezione. Le epidemie sono più comuni entro il primo anno di infezione e poi tendono a diminuire sostanzialmente col passare del tempo.
  • E ‘possibile contrarre sia HSV-1 e HSV-2, che potrebbero causare sintomi separati in diverse posizioni del corpo, in tempi diversi.
  • In entrambi i casi si formano delle vescicole sui genitali e/o glutei e/o cosce e/o vicino all’inguine. Le vescicole possono ulcerare ovvero sviluppare un rivestimento bianco e bruciare e causare un pò di dolore al contatto per un periodo di tempo prima della guarigione.
  • Se è causato dall’ HSV-1 ci saranno altri sintomi di una eruzione cutanea, come rossore o segni di rigonfiamento.
  • Negli uomini, l’herpes genitale di solito si manifesta principalmente sulla punta del pene e intorno alla zona circostante. Nelle donne, le piaghe di solito si verificano sulla vulva e la vagina.
  • Le fastidiose vescicole possono svilupparsi anche all’interno della cervice uterina e nell’uretra sia maschile che femminile e si accompagnano spesso all’ingrossamento dei linfonodi inguinali.
  • Altri sintomi sono quelli comuni ad una infezione virale ovvero: stanchezza, dolori e febbre.

Sfortunatamente, un effetto collaterale dell’herpes genitale causata dal virus HSV-2 è che alcune persone sviluppano una maggiore suscettibilità a virus futuri, compreso il virus HIV. Infatti l’infezione da HSV-2 ha dimostrato raddoppiare il rischio di contrarre l’infezione da HIV attraverso la trasmissione sessuale.

I medici convenzionali utilizzano spesso determinati farmaci per aiutare a mantenere i focolai di herpes genitale al minimo e per ridurne la durata e la gravità quando accadono. Questi possono includere analoghi nucleosidici e farmaci antivirali, quali aciclovir, famciclovir e valaciclovir, che lavorano per controllare i focolai e ridurre il rischio di trasmissione, ma di solito devono essere presi una volta al giorno (per sempre) e non sono al 100% efficaci.

Dieta per l’herpes genitale

E’ possibile fare attenzione alla propria alimentazione scegliendo di mangiare alcuni cibi che favoriscono la scomparsa dell’herpes genitale:

Dieta ricca di Lisina. Studi clinici e ricerche hanno dimostrato che una dieta ricca di lisina aiuta a controllare i focolai dell’herpes genitale. La lisina è infatti un amminoacido che impedisce la comparsa delle vescicole. I cibi più ricchi di lisina sono:

  • Yogurt
  • Carne bianca
  • Legumi

Evitare inoltre le fritture e le grigliate che distruggono la lisina nei cibi, meglio cotture al vapore.

Evitare cibi ricchi di Arginina. L’arginina è un amminoacido che sembra promuovere la replicazione dell’herpes genitale dato che il virus sintetizza proteine molto più ricche di arginina rispetto a quelle umane. I cibi ricchi di arginina sono:

Rimedi naturali per l’herpes genitale

1. Praticare Sesso Sicuro. Non c’è alcuna cura definitiva per l’herpes genitale (causato da HSV-1 o HSV-2), che si sviluppa attraverso il contatto diretto. La probabilità di trasmettere il virus  a qualcun altro è più alta nel corso di un periodo di malattia quando i sintomi sono presenti, ma è anche possibile diffondere il virus quando si è asintomatici (non si hanno sintomi evidenti). Evitare il sesso o qualsiasi tipo di contatto intimo se sono presenti sintomi o piaghe (un’ulcera, gonfiore, ecc). Se si è infetti, il sesso sicuro è fondamentale per proteggere il  partner; la ricerca mostra che quando i partner evitano il sesso durante i focolai attivi, o se usano il preservativo, vi è un generale abbassamento del rischio di trasmissione (solo dall1 al 10% a seconda del sesso del partner e della sua storia medica).

2. Potenziare il sistema immunitario. Anche quando ci si infetta con l’herpes genitale, i sintomi dipendono dal sistema immunitario di ognuno. I sintomi variano notevolmente a seconda di quanta “diffusione virale” permette il sistema immunitario di una persona, cioè quanto velocemente il corpo può combattere gli effetti del virus e può superare o prevenire i sintomi. Molte persone sono infettate con entrambi i tipi di herpes virus, ma non mostrano alcun segno o sintomo – perché sviluppano una forte risposta immunitaria nei primi anni di vita o dopo che sono diventati sessualmente attivi. Quali sono alcuni modi per  migliorare la funzione immunitaria generale?

  • Eliminare zucchero, glutine e latticini che favoriscono l’infiammazione e indeboliscono il sistema immunitario
  • Assumere probiotici, in particolare quelli ricchi di lactobacilli e bifidobatteri
  • Assumere magnesio che ha una naturale funzione antibiotica e stimolante del sistema immunitario
  • Assumere vitamina D che rafforza il sistema immunitario
  • Evitare di fumare o di fare uso di droghe
  • Allenarsi regolarmente
  • Gestire lo stress e dormire a sufficienza
  • Limitare o evitare l’uso di antibiotici e farmaci non necessari per evitare la resistenza agli antibiotici

3. Erbe antivirali. Alcune erbe agiscono naturalmente come “terapie antivirali soppressive”, e possono aiutare a ridurre le probabilità di contrarre l’infezione da HSV e di avere focolai ricorrenti. Le erbe antivirali inibiscono lo sviluppo dei virus, aiutano a curare le infezioni, e di solito non causano effetti collaterali. In realtà, hanno molteplici benefici oltre a stimolare il sistema immunitario, aiutano nelle infiammazioni minori e permettono al corpo di attaccare i patogeni virali più rapidamente. Le erbe antivirali e antiossidanti che possono aiutare a gestire l’herpes genitale comprendono:

  • Astragalo. Uno studio del 2004 ha rilevato che l’astragalo contribuisce a diminuire i sintomi dell’herpes simplex virus 1, ed ha anche dimostrato di avere proprietà antibatteriche e anti-infiammatorie utilizzate sulla pelle per la cura delle ferite.
  • Echinacea
  • Radice di bardana
  • Sambuco
  • Calendula
  • Erbe adattogene: che includono: ashwagandha, maca, funghi medicinali e rhodiola per aiutare contro dolori minori, stanchezza, stress e difese immunitarie basse

4. Ridurre il dolore e migliorare la guarigione nel tempo in modo naturale. Quando si verifica un focolaio di herpes genitale, alcuni dei modi per aiutare a diminuire il dolore causato dalle piaghe comprendono:

  • Utilizzare solo sapone naturale e acqua calda sulle piaghe. Ciò riduce l’irritazione. Evitare di aggiungere creme anti-prurito, vasellina, unguenti o altri prodotti che possono peggiorare il gonfiore.
  • Premere un asciugamano caldo contro la zona interessata per diminuire il dolore, o sedersi in un bagno caldo o una doccia e lasciare che il calore raggiunga la zona dove fa male. Alcune persone usano anche un asciugacapelli a un livello basso per mandare il calore direttamente sulla zona per diversi minuti.
  • Indossare vestiti comodi e larghi per permettere all’aria di raggiungere le piaghe.
  • Utilizzare un asciugamano separato da quello che si usa per la bocca, sui genitali vicino a eventuali ferite aperte . È possibile trasmettere il virus da una posizione del corpo ad un altra, ma questo ne limita la probabilità.
  • Cercate di non toccare le ferite aperte nel corso di un focolaio o prima. Lavarsi le mani ogni volta che lo si fa.

5. Integratori che favoriscono la scomparsa dell’herpes genitale.

  • Vitamina C e Zinco  che favoriscono la rigenerazione dei tessuti
  • Omega 3 per diminuire l’infiammazione
  • Lisina può diminuire i sintomi dell’herpes (contenuta in particolar modo nelle uova e nell’amaranto)
  • Olio di cocco. L’olio di cocco assunto per uso interno aumenta il livello di acido laurico che è un antivirale utile nel trattamento dell’herpes genitale. La dose generalmente consigliata è di 2-3 cucchiai al giorno. In alternativa, siccome per molti è difficile da consumare molto olio di cocco che può essere pesante per lo stomaco, è disponibile un integratore specifico del monoglicerolo dell’acido laurico che è molto concentrato nella sua azione antivirale e facilmente digeribile. Si chiama Lauricidin ed è disponibile solo su Amazon in Italia.

6. Applicare Propoli nella zona infetta. Questo è il rimedio naturale più potente in assoluto per far scomparire in pochissimo tempo la vescicola di herpes. Basta mettere qualche goccia (senza toccare la pelle con la pipetta) e lasciar agire tutta la giornata coperto con una garza. Noterete che già dopo alcune ore la situazione è migliorata molto. Io consiglio di usare la Propoli anche a livello preventivo ogni volta dopo la doccia nella zona più sensibile a rischio di focolai. Inoltre se la zona interessata è ampia e le vescicole sono molte si può seguire questa procedura: si disinfetta con alcune gocce propoli coprendo tutta l’area e poi si applica un impacco di argilla morbido preparato mescolando acqua e argilla verde con un mestolo di legno. Applicare uno strato spesso almeno mezzo centimetro e poi lasciare agire fino a quando si secca (di solito circa un ora). L’argilla è davvero miracolosa per la rigenerazione dei tessuti!

Come riconoscere l’herpes genitale

E’ herpes o qualcos’altro? Come si può sapere se le piaghe / ulcere che si sono sviluppate sono legate all’HSV-1 o HSV-2 e non causate da altre malattie comuni?

  • Le verruche genitali sono causate dal virus del papilloma umano (HPV). Ci sono da considerare  più di 70 tipi di HPV, molto comune negli gli uomini e nelle donne e anche molto contagioso . Come per l’herpes, non esiste una cura definitiva per l’HPV.
  • Le verruche genitali di solito si sviluppano sulle pareti della vagina o della cervice della donna, sul pene di un uomo e vicino alla base dell’inguine, o nell’ano. Esse possono diffondere allo scroto, cosce, labbra, bocca, lingua, gola e  mani. La maggior parte delle verruche sono di colore bianco, e alcuni hanno un rilievo  a “cavolfiore”.
  • Proprio come con l’herpes, l’HPV può essere senza segni visibili o sintomi, ma il virus può diffondersi. Il virus può rimanere latente per anni prima di produrre le verruche. A volte in aggiunta alle verruche, i sintomi di HPV possono includere anomalo odore vaginale o scolo, sanguinamento vaginale durante il sesso, prurito, e umidità. I sintomi di verruche di solito richiedono diverse settimane per guarire completamente.
  • Anche l’herpes zoster è un virus che provoca piaghe. E’ chiamato HHV3 (noto come virus della varicella zoster o VZV, che provoca anche la varicella). In realtà ci sono otto tipi di virus di herpes umani (HHV): HSV1-, HSV-2 e HHV3 sono solo tre di questi otto. Il VZV prima causa la varicella quando si viene infettati (di solito da bambini) e può quindi rimanere in sospeso nell’organismo fino a causare l’herpes zoster più tardi nella vita. L’HHV3 non può trasformarsi in herpes genitale .
  • Brufoli o altri segni di acne possono anche formarsi vicino ai genitali ed essere doloroso, ma sono molto diverse rispetto all’herpes genitale perché non sono causati da un virus. I brufoli vicino ai genitali possono essere causate da batteri, peli incarniti, un rasoio sporco o da altri tipi di irritazione. Non sono contagiosi e di solito scompaiono entro una settimana.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

5 Commenti su questo post

  1. l’olio di cocco non porebbe funzionare come anti virale a pplicato sulle zone colpite?

    • Dionidream Dionidream says:

      Ciao Stefania Volvo Di Virgilio si l’olio di cocco assunto per uso interno aumenta il livello di acido laurico che è un antivirale utile nell’herpes. In alternativa, siccome per molti è difficile consumare molto olio di cocco, è disponibile un integratore specifico del monoglicerolo dell’acido laurico che è molto concentrato nella sua azione antivirale e facilmente digeribile. E’ disponibile solo su Amazon in italia http://amzn.to/2kZjqbh

  2. Elisa says:

    ne so qualcosa..10 anni fa circa ho avuto i cosiddetti “condilomi” che mi c’è voluto + di 1 anno x mandarli via..prima fra creme e poi definitivamente laser..rimettendoci di salute, tempo e denaro..sono rimasta letteralmente traumatizzata..

  3. Elisa says:

    ed io che prevenivo sempre..solo quella maledetta volta.. ed è successo..

  4. Elisa says:

    è proprio vero quando una persona è in un periodo + delicato della sua vita ci casca..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline