"Così ho guarito il mio cancro incurabile": La storia di Allan Taylor

2 Commenti

guarire_dal_cancro_con_lalimentazione

Questa è la storia di Allan Taylor, 78 anni, ingegnere petrolifero in pensione, residente a Middlesbrough, che ha guarito il suo cancro al colon – ormai ritenuto “incurabile” dai medici – modificando radicalmente la sua alimentazione.

Allan ha eliminato completamente carne rossa e latticini e ha iniziato a consumare 10 porzioni di frutta e verdura crude al giorno. Il tutto condito da curry e accompagnato da orzo selvatico in polvere, semi di albicocca e integratori di selenio.

La storia di Allan Taylor

Nel febbraio del 2011 inizia il calvario di Allan a cui, dopo diverse analisi, viene diagnosticato un cancro al colon. Allan sostiene un intervento chirurgico, durante il quale gli viene rimosso una sezione del colon, inoltre sostiene anche 3 mesi di cicli intensivi di chemioterapia. Ad Aprile il sig. Taylor riceve brutte notizie dai medici dell’ospedale di North Tees dov’era in cura: il quadro clinico era nettamente peggiorato in quanto il tumore si era diffuso intaccando anche l’intestino tenue. La diagnosi era delle peggiori: cancro inoperabile e pochi mesi di vita. In sostanza, secondo i medici, non c’era più nulla che si potesse fare.

Il sig. Taylor tuttavia non si perse d’animo e messo alle strette, decise di trovare da solo una soluzione per il suo cancro “incurabile”. Come dichiarò successivamente durante un intervista alSunday Mirror, trovò la soluzione al suo “problema” sfruttando le potenzialità del web e digitando testuali parole sui motori di ricerca “cure per il cancro al colon“. Grazie ad internet il sig. Taylor apprese come fosse necessaria una svolta radicale, in particolare alla sua alimentazione e come alcuni alimenti ed integratori potessero aiutarlo a sconfiggere il cancro.

Il sig. Taylor si mise d’impegno ed iniziò subito a modificare la sua dieta eliminando completamente carne rossa e latticini ed integrando, nell’alimentazione di tutti i giorni, 10 porzioni tra frutta e verdura crude di origine biologica. Allan ha inoltre eliminato gli zuccheri raffinati, in quanto lo zucchero alimenta il cancro.

Allan ha poi iniziato a camminare tutti i giorni, due volte al giorno per una mezz’ora ogni volta, con l’obiettivo di aumentare i livelli di ossigeno nel sangue, in quanto il cancro, secondo alcuni studi, non sopravvivrebbe in presenza di ossigeno. Allan ha inoltre comprato un tapis-roulant, così da potersi esercitare anche quando il tempo non era dei migliori.

Ha iniziato a bere acqua con un PH di 7.4 al fine di aumentare l’alcalinità del suo organismo. Secondo quanto sostenuto dal premio Nobel Otto Heirich Warburg “le sostanze acide respingono ossigeno, a differenza delle alcaline che attirano ossigeno”. Un ambiente acido è quindi un ambiente senza ossigeno, ideale per la proliferazione delle cellule cancerogene.

Oltre alla dieta il sig. Allan Taylor ha fatto uso dei seguenti integratori

Quale fu il risultato? Il 6 agosto 2011, ripetendo le analisi, i medici stupiti hanno appurato come il tumore fosse completamente scomparso, sia dal colon che dall’intestino tenue. Una guarigione che la medicina ufficiale non riesce a spiegare e che sembra avere del “miracoloso”. Grazie alla rete e ad alcuni quotidiani come il Sunday Mirror, che hanno riportato questa storia, la guarigione del sig. Taylor ha fatto il giro del mondo.

Questa storia ci rende tutti partecipi dell’importanza di una sana e corretta alimentazione, attività fisica e una corretta attitudine mentale sia per la prevenzione che per la cura di malattie come il cancro.

Con una corretta alimentazione il cancro si può prevenire. È ciò che sostengono illustri medici come Umberto Veronesi o Franco Berrino e Colin Campbell. Dai diversi studi effettuati negli ultimi 40 anni è emerso che è possibile prevenire più di un terzo dei tumori modificando le abitudini alimentari.

Per approfondire

I 12 comandamenti CONTRO IL CANCRO del dott. Franco Berrino

Guarisce da tumore esteso e metastasi con la dieta vegana

Veronesi convalida il Metodo Di Bella: Il tumore regredisce

Le Iene: Ecco il legame tra alimentazione e malattia

L’Alimentazione può guarire dal cancro?

ZERO DUBBI SULLA VELENOSITA’ DELLE PROTEINE ANIMALI, ANCHE A DOSI MINIME

Terapia contro il cancro a base di estratti di frutta e di verdura – Intervista Esclusiva

Cura il cancro con i succhi di frutta

CAMBIA ALIMENTAZIONE E GUARISCE DA UN TUMORE

Estrattore Versapers Emotion White 2G
ll modello Emotion White 2G è provvisto di manico

Voto medio su 35 recensioni: Da non perdere

Curcuma Bio
Funzionalità digestiva ed epatica, antinfiammatorio naturale

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

Melatonina Zinco-Selenio
Melatonina elisir di giovinezza e benessere

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Amocamu - Vitamina C
Complemento alimentare di Vitamina C

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. alessandro says:

    Bello che dopo l’articolo si vendano i prodotti riportati nell’articolo.

  2. maria says:

    vabbè, è la Gerson therapy.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline