I segnali del terremoto: Colonne di fuoco, globi di luce, nuvole in fiamme, lampi improvvisi

Nessun Commento

Luci sismiche e altri fenomeni che anticipano un terremoto e che sono percepiti dagli animali e, forse, anche dall’uomo: novità e nuove ipotesi sulla scienza di prevedere i terremoti.

Questo bizzarro e colorato fenomeno delle nuvole nel cielo è stato osservato circa 30 minuti prima che il 12 Maggio 2008 avvenisse il terremoto del Sichuan. Questo video  è stato registrato in Tianshui.

Colonne di fuoco, globi di luce, nuvole in fiamme, lampi improvvisi: sono le cosiddette luci sismiche, ossia bagliori che appaiono prima e durante le scosse sismiche più violente, presumibilmente prodotti da alterazioni elettromagnetiche generate dalle tensioni che si scaricano nell’ambiente. Tensioni che forse hanno un qualche effetto sugli animali (vedi più avanti) e persino sugli uomini – come sembra suggerire Aldo M., lettore di Focus, di cui riportiamo qui a lato la descrizione della sua sorprendente “capacità”.

Presumibilmente, forse, in apparenza… La verità è che non c’è ancora una risposta scientifica alla domanda “si possono prevedere i terremoti?”. Ci sono invece molte ipotesi. Per esempio quella di Alberto Carpinteri(Università di Torino), che ritiene si possa prevedere un sisma monitorando le emissioni di radon (un gas) e di neutroni provocate dalle enormi pressioni lungo la faglia. Ci sono anche studi sulle deformazioni del terreno che precedono di mesi o di anni il terremoto: deformazioni di pochi millimetri rese evidenti dai sistemi satellitari di posizionamento (i GPS) e dai radar satellitari, come dimostrano le ricerche di Simone Atzori e altri scienziati dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) e del CNR. Gli stessi scienziati, tuttavia, non nascondono quanto sia ancora difficile interpretare la relazione tra le deformazioni e l’evento sismico principale.
La scienza è dunque ancora nel campo delle ipotesi mentre, contemporaneamente, studia tutto ciò che si conosce dei terremoti del passato – dall’epoca romana ai giorni nostri – e cerca di interpretare segni e testimonianze alla luce delle conoscenze attuali, come appunto avviene per i bagliori e le colonne di fuoco.
Le luci sismiche. Anche se questi fenomeni non sono ancora ben compresi dagli scienziati, al punto che anche la definizione, “luci sismiche”, non è ufficiale, le testimonianze sono innumerevoli, a partire da quelle storiche indirette. È per esempio il caso di Plinio il Vecchio (23-79 d.C.), che riporta testimonianze di un terremoto nei pressi di Modena (89 a.C.) e cita fumo e fiamme che “guizzavano al cielo”. Nel 1600, nei pressi di Arequipa (Perù), le cronache riportano di globi luminosi che si formavano in corrispondenza di un’eruzione vulcanica accompagnata da un terremoto. Nel ‘700 è il filosofo tedesco Immanuel Kant a citare nei suoi scritti numerose testimonianze di fenomeni strani, come bussole impazzite, luci abbaglianti e cieli colorati prima del terremoto: Kant concludeva che le cause dei terremoti sembrano estendere il loro effetto fin nell’atmosfera .

Il sacerdote scienziato

Il primo a studiare sistematicamente le luci sismiche fu il sacerdote italianoIgnazio Galli, che nel 1910 compose un primo catalogo al quale contribuì anche Giuseppe Mercalli (per il sisma del 1908). Galli registrò 148 casi, a partire dal terremoto di Modena dell’89 a.C., e catalogò le luci in 4 gruppi: bagliori istantanei, nubi luminescenti, fiamme e forme strutturate (globi, colonne, trombe). Successivamente le luci sismiche sono state catalogate anche da altri scienziati, in Giappone (Torahiko Terada e Yutaka Yasui) e in Svizzera (Frédéric Montandon).

Fiamme e globi

Le testimonianze, però, non dicono nulla sull’origine di queste luci misteriose. L’ipotesi più plausibile è che fenomeni diversi abbiano origini diverse. Le fiamme, per esempio, potrebbero essere causate da gas che filtrano attraverso il terreno che si deforma per il sisma, perché la loro apparizione è spesso accompagnata da fumo e odore di zolfo o di bitume.Le sfere luminose, invece, potrebbero essere fenomeni specifici di tipo geofisico o forse anche “semplici” fulmini globulari. I lampi e le nebbie luminose, forse anche alcune sfere, infine, hanno probabilmente una natura elettrica che si originerebbe nel sottosuolo, dove durante un sisma le rocce sono sottoposte a enormi compressioni.

Come un mega-accendino

Ci sono infatti diversi fenomeni fisici che possono giustificare lo sviluppo di elettricità dovuta alla pressione. C’è, per esempio, la piezoelettricità di minerali come il quarzo che, se compressi, sviluppano un campo elettrico: è il principio che usiamo quotidianamente con gli accendigas. Altri fenomeni possibili sono la triboelettricità, che si genera per attrito, a causa dello sfregamento della roccia, e la piroelettricità, prodotta dal calore.
Una teoria più recente è stata sviluppata da Friedemann Freund: «Le rocce, quando sono sotto stress, attivano portatori di cariche elettriche (lacune elettroniche, ossia cariche positive causate dall’assenza di elettroni). In queste condizioni, le rocce, che normalmente sono isolanti, diventano conduttrici: le lacune fluiscono attraverso di loro e, quando arrivano in superficie, creano campi elettrici intensi», afferma Freund. I campi elettrici strapperebbero elettroni alle molecole d’aria, elettrizzandole e producendo flash luminosi noti come effetto corona.
Un’altra ipotesi recente è che alcuni lampi e bagliori nel cielo siano generati da fuoriuscite di radon, un gas radioattivo che si può liberare prima, durante e dopo un sisma: le radiazioni prodotte dal radon elettrizzerebbero l’aria nei pressi dell’epicentro, creando un effetto simile a una lampada al neon.

Interferenze radio

La presenza dei fenomeni elettrici appena descritti potrebbe spiegare anche un altro fatto, spesso osservato in occasione di forti terremoti: lealterazioni nelle comunicazioni radio (attenuazione e disturbi del segnale). Infatti durante i terremoti più intensi si registrano anche onde elettromagnetiche. «Ci sono emissioni di frequenza molto bassa che, secondo i miei modelli, sono generate da intense correnti elettriche sotterranee dovute alla compressione delle rocce», spiega ancora Freund. «E c’è anche una forma specifica di radiazione, nota come anomalia termica infrarossa», scoperta recentemente grazie ai satelliti meteorologici, su un raggio di centinaia di km attorno all’epicentro del terremoto: secondo Freund sarebbe anch’essa riconducibile alle forze di compressione correlate all’evento sismico.

Attraverso i peli

Le anomalie elettromagnetiche potrebbero contribuire a spiegare un altro fenomeno misterioso, ossia il fatto che prima dei terremoti molti animali appaiono inquieti: i pesci si agitano nell’acqua, i topi escono dalle tane, i cani si innervosiscono, vermi e serpenti vengono allo scoperto. Fino a poco tempo fa questi episodi erano relegati alla credenza popolare, ma verso la fine del XIX secolo lo scienziato Alessandro Serpieri (1823-1885) si accorse che quei comportamenti potevano essere indotti dalle correnti elettriche e oggi ci sono diversi studi sull’argomento, tra cui il libro Earth­quakes and Animals del ricercatore giapponese M. Ikeya. Insomma, gli animali sembrerebbero in grado di percepire alcuni segnali precursori dei terremoti, come onde elettromagnetiche (attraverso i peli) e vibrazioni.

La Terra si riorganizza

Per comprendere tutti questi fenomeni è necessario applicare un approccio “sistemico”: bisognerebbe raccogliere una maggior quantità di dati e studiare i terremoti nel loro complesso, senza limitarsi alle singole componenti, interessandosi anche alle reciproche relazioni. Perché il terremoto è, in senso più ampio, una riorganizzazione della crosta terrestre che si manifesta con movimenti più o meno bruschi e segnali elettromagnetici: ed è ragionevole pensare che la comprensione di questi fenomeni e delle loro relazioni ci consentirà infine di prevederli e limitare i danni.

Fonte http://umbertogaetani.blogspot.co.uk/2013/04/i-segnali-del-terremoto.html

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline