I Semi di Anguria si possono mangiare? Ecco come

2 Commenti

semi di anguria

Mia nonna da piccolo mi diceva che se li mangiavo nasceva una piantina nello stomaco e da allora li ho sempre tolti tutti. Ma da un po di tempo a questa parte ho fatto delle ricerche che mi hanno aperto gli occhi su quei tantissimi semini neri che buttavo ogni volta. Ma con attenzione.

Che l’anguria faccia bene oltre  ad essere buonissima è già assodato e l’abbiamo discusso nell’articolo La potenza super pulente del succo di anguriadissetante, diuretica e depurativa. Ricca di vitamine e sali minerali, contiene licopene un potente antiossidante che aiuta a prevenire alcune forme di tumore e le malattie cardiovascolari.

I SEMI DI ANGURIA SONO RICCHISSIMI DI VITAMINE E MINERALI

I semi di anguria sono pieni anche di vitamine del gruppo B, che fanno bene al fegato, aiutano il funzionamento del sistema nervoso, dell’apparato digerente e della salute della pelle. Ricchi di zinco, magnesio, manganese, fosforo, potassio, rame che aiutano a metabolizzare i carboidrati e gli zuccheri nel sangue e a ridurre l’azione dei radicali liberi. Contenendo ferro, inoltre, questo è facilmente assorbito se i semini vengono mangiati insieme alla polpa che, avendo a sua volta una buona quota di vitamina C, consentirà una rapida assimilazione proprio del ferro. Hanno così tanto magnesio che 100 grammi di semi d’anguria forniscono circa il 139% del fabbisogno giornaliero!

UN PIENO DI PROTEINE

Un etto di  semi contiene circa 35 grammi di proteine, più della stessa quantità di carne! Un apporto, quello proteico, che consente addirittura di ridurre l’impatto glicemico del frutto stesso e mangiarne così un po’ di più anche a fine pasto.

I semini sono inoltre ricchi di grassi poli-insaturi, utili per tenere a bada il colesterolo, il rischio cardiovascolare e l’iperattivazione del sistema immunitario. Ciò significa che potrebbero tornare utili per coloro che soffrono di allergie, asma o di autoimmunità.

COME MANGIARE I SEMINI

  • Si possono mangiare direttamente insieme all’anguria masticandoli molto bene;
  • Puoi farli essiccare secondo la tradizione orientale: lavateli, fateli asciugare bene e poi disponeteli su di una teglia con della carta da forno, un filo d’olio d’oliva per 10-15 minuti a 180°C e sono pronti da rosicchiare. Attenzione a non esagerare a mangiarli con la buccia, potrebbero creare “intoppi” intestinali, sarebbe meglio sbucciarli;
  • Come spezia: essiccateli come sopra (senza olio) e triturateli finemente con peperoncino, aglio e sale, una volta ottenuto un composto omogeneo lasciate essiccare tutto al sole, è perfetto per insaporire;
  • Tisana re-mineralizzante: fate bollire due litri d’acqua e versarli  in 4 cucchiai di semi macinati; lasciare in infusione per 10-15 minuti e servirla dopo averla filtrata.

Quelle sopra esposte sono le modalità più comuni. Le mie ricerche mi hanno condotto a vedere come in tutti i semi sono presenti degli anti-nutrienti che sono quelli che ne impediscono la crescita della pianta. Questi anti-nutrienti, in particolare l’acido fitico, sono dannosi per il corpo.

Per rimuovere l’acido fitico in essi contenuto bisogna:

  • Metterli in ammollo e farli germogliare: il loro apporto vitaminico aumenterà del 100%;
  • Metterli in ammollo e disidratarli a bassa temperatura: basta una giornata al sole d’estate o con l’essiccatore a 42 °C. Una volta disidratati potete mangiarli così o macinarli.
Nei paesi asiatici e in Medio Oriente, i semi di anguria vengono molto usati e addirittura fanno parte dei tradizionali snack egiziani. Quindi approfittiamo anche noi del potere dei semi, ma in modo intelligente!
Se li inghiottiamo interi non avranno nessun effetto positivo, mentre se li mastichiamo bene insieme all’anguria hanno un effetto lassativo: ci mandano in bagno e ci aiutano a svuotare tutto l’intestino pulendo per bene!
Germogliatore Geo in Plastica - Geo Plus
Il metodo più veloce e semplice per coltivare i germogli in casa

Voto medio su 105 recensioni: Buono

Essiccatore Biosec Domus B5
Essiccatore Domestico da 5 cestelli

Voto medio su 54 recensioni: Da non perdere

Vedi anche

[catlist name=cibi-della-salute]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. Mari says:

    Buongiorno Riccardo!!!mi ha incuriosito molto la tua ricerca sui semi di cocomero perché da diversi anni mi sono impegnata alla preparazione di uno sciroppo di cocomero curativo…ho studiato naturopatia all’associazione dei miei e non posso fare a meno di indicarti il sito.la tua descrizione dice ricercatore del senso della vita e della verita,e siccome sono parte della ricerca profonda di mio padre, il maestro giapponese Yuji Yahiro che ha portato lo shiatsu in Italia, ti invito ad avvicinarti al nostro luogo di studio,per scoprire un tipo di ricerca non comune,ma dettata da principi puri e profondi…www.okido.It. ..grazie e buona vita!!!Mari Yahiro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline