hakuin canzone

Quando diventi uno specchio senza pensieri, tutte le distinzioni scompaiono dal mondo. Allora la rosa, l’uccello, la terra, il cielo, il mare, la sabbia e il sole sono tutti un’unica cosa, un’unica energia.“Osho

Il canto di Hakuin è brevissimo e vasto allo stesso tempo, in poche parole questo profondo Maestro Zen del XVIII secolo condensa e rende accessibile a tutti la saggezza e la leggerezza del buddhismo Zen, per il quale la meditazione non è nulla di speciale. È la natura di ognuno: come può essere speciale?

“Sin dal principio per natura tutti gli esseri sono dei Buddha”, intona Hakuin, e Osho commenta: “Quest’unica frase è sufficiente. È l’inizio, il centro e la fine. È tutto. L’alfa e l’omega. E non pensate che stia parlando solo degli esseri umani. Tutto ciò che esiste è incluso”.

“Il canto di Hakuin non è una canzone qualsiasi; è una delle affermazioni più straordinarie che siano mai state pronunciate… più sai cos’è la meditazione – non intellettualmente, ma esistenzialmente – più senti cos’è la meditazione, più facilmente ti ci addentrerai. E un giorno il suo significato esploderà in te.”

 

Canto della Meditazione di Hakuin

Sin dal principio per natura tutti gli esseri sono dei Buddha,

Così come il ghiaccio per natura è acqua.

Senza acqua non vi è alcun ghiaccio;

Senza esseri senzienti, non vi è alcun Buddha.

Più  vicina è la verità, più lontano noi cerchiamo.

Come qualcuno che è nell’acqua e urla, “ Sono assetato!”

Come il figlio di un uomo ricco che si è perso tra i poveri

su questa terra noi giriamo infinite volte attorno al Samsara.

La causa del nostro dolore è la delusione dell’ego.

Di sentiero oscuro in sentiero oscuro, abbiamo vagato nelle tenebre,

come possiamo liberarci dalla nascita e dalla morte?

La porta alla libertà è stare seduto in meditazione.

Non si conoscono sufficienti parole per lodare la pratica  Mahayana dello Zazen.

L’osservazione dei precetti, il pentimento, il donare,

le infinite buone azioni e il giusto modo di vivere, tutto riporta alla pratica della meditazione.

Grazie a una sola seduta si distruggono innumerevoli peccati in lui accumulati.

Allora dove sono gli oscuri sentieri che ci portano fuori strada?

La terra del Puro Loto non è lontana.

Ascoltando questa verità, con il cuore umile e pieno di gratitudine

colui che l’apprezza e con gioia la coglie ha meriti infiniti.

E se ci addentriamo dentro noi stessi e riconosciamo  la nostra vera Natura

comprendiamo che la nostra vera Natura è la non Natura e che  il sé è il non-sé.

Saremo andati oltre l’ego.

Allora la via dell’ Unità della causa ed effetto è aperta.

Non due e non tre, diritta si aprela Via.

Prendendo come forma la forma della non forma,

che vada o che ritorni, egli è sempre a casa.

Prendendo come pensiero il pensiero del non pensiero,

che canti o che danzi, tutto è la voce della verità.

Come è vasto e senza ostacoli il cielo del Samadhi!

Come è scintillante e chiara la luna delle Quattro Saggezze!

Cos’altro dobbiamo cercare in questo momento?

Il Nirvana è apertamente mostrato ai nostri occhi.

Questa terra è la Pura Terra del Loto!

E questo stesso corpo è il corpo del Buddha.

Traduzione di Nadiya da  TheZenSite.com

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni