Il metodo per scoprire i cibi a cui sei intollerante

12 Commenti

sintomi-intolleranze-alimentari

Ci sono alcuni cibi che quando li mangiamo ci fanno stare male, ma non tanto da poterli identificare chiaramente. Stanchezza, gonfiore, pesantezza sono i sintomi più leggeri, ma nel tempo possono sfociare manifestazioni più gravi come capogiri, nausea, mancanza di lucidità, dermatiti, sovrappeso, tachicardia e danneggiamento e affaticamento di tutto il sistema digerente con conseguenze vaste su tutto l’organismo.

Nell’articolo Perché spesso siamo intolleranti a quello che ci piace di più? ho discusso di quali sono le cause dell’intolleranza alimentare e del perché riguardi quasi sempre i nostri piatti preferiti.

Esistono moltissimi metodi, più o meno riconosciuti dalla medicina ufficiale, per scoprire i cibi a cui siamo intolleranti. Quello che spiego di seguito, ispirandomi al Dottor Mozzi, è un metodo che ti permette ascoltando il tuo corpo di comprendere cosa gli fa male.

IL METODO PER INDAGARE EVENTUALI INTOLLERANZE E’ SEMPLICE E SI RIDUCE A POCHE NORME

  1. Semplificare i pasti: introdurre da 2 a non più di 4 elementi contemporaneamente, e soprattutto utilizzare solo uno o due di quelli che si sospetta possano essere dannosi;
  2. Annotare in un diario tutto ciò che si mangia durante la giornata e metterlo in relazione con ciò che si manifesta nell’organismo: è importante annotare anche a che ora si manifestano eventuali reazioni;
  3. Sospendere l’alimento ritenuto dannoso per qualche giorno (da 7 a 10 giorni) e poi reintrodurlo in modo da poter stabilire un chiaro collegamento tra cibo e sintomatologia;
  4. Per chi si trova in una situazione di salute critica è fondamentale ridurre drasticamente il numero di alimenti consumati ad ogni pasto (da 1 a 3 al massimo): solo così sarà più facile individuare ciò che provoca i disturbi.

ALCUNI SINTOMI DI INTOLLERANZA

  • pruriti
  • arrossamenti
  • pallore del viso e delle mani
  • sudorazione
  • sensazione di freddo o di caldo
  • estremità fredde
  • secchezza degli occhi
  • tremolio delle palpebre
  • formazione di muco
  • naso chiuso
  • starnuti e starnuti a raffica
  • sensazione di qualcosa che graffia alla gola
  • tosse
  • saliva schiumosa bianca
  • bruciori di stomaco
  • gonfiore
  • rossori alle labbra o attorno ad esse
  • afte
  • meteorismo e flatulenza
  • tic nervosi
  • tremolii delle mani o di altre parti del corpo
  • iperattività nei bambini
  • mancanza di concentrazione
  • stanchezza cronica
  • mancanza di energia e tendenza ad affaticarsi facilmente
  • nervosismo
  • tachicardia e palpitazioni
  • ansia
  • emicranie
  • cefalee
  • vertigini

REAZIONE PSICOLOGICA ALLA DISINTOSSICAZIONE

Dopo la sospensione dei cibi sospetti si possono manifestare depressione, irritabilità, insonnia, stitichezza o diarrea. Questi sintomi, temporanei, rivelano che ci si sta disintossicando: il corpo non rilascia più le endorfine a cui eravamo abituati perché ora il corpo sta bene e non subisce nessun attacco, ma a livello psicologico questo provoca una sorta di crisi di astinenza.

I CIBI PIU’ PROBABILI DI INTOLLERANZA

Vi consiglio di inserire solo uno dei seguenti cibi nel pasto perché questi sono quelli più comuni ad essere causa di intolleranza alimentare nella popolazione italiana. Se dopo il pasto avrete alcuni sintomi di quelli sopra descritti allora è probabile che quel cibo sia la causa.

  • Latte e formaggi (soprattutto vaccini)
  • glutine (frumento, farro, orzo, avena, kamut, segale)
  • pomodori
  • peperoncino
  • lieviti (pane, pizza, birra)
  • carne di maiale
  • cioccolato
  • vino bianco (spesso è dovuto alla grande presenza di residui chimici, che nel vino rosso sono meno presenti)

RIMEDI PER SFIAMMARE LA MUCOSA DELLO STOMACO

  • Acqua calda: bere un bicchiere di acqua molto calda, quasi bollente. Essa giunge nello stomaco e risolve i blocchi digestivi mettendo in moto tutti i processi della digestione, favorendo l’espulsione dei gas presenti nello stomaco.
  • Fichi secchi: masticarli bene e tenerli in bocca il più possibile.
  • Prugne secche: mettere in bocca e succhiare il nocciolo a lungo (anche più di un’ora).
  • Zeolite: minerale vulcanico molto utile in questi casi. un cucchiaino in mezzo bicchiere d’acqua.
  • Probiotici, cibi fermentati e germogliati aiutano a ripristinare la flora batterica.

Il nostro corpo sa la risposta, il nostro corpo parla in continuazione basta essere in ascolto. Non è facile all’inizio, ma la nostra vita cambierà in meglio, non solo per il cibo, eviteremo non solo cibi spiacevoli ma per tutto ciò con cui entriamo in relazione: sia una persona, una situazione, un oggetto, e  saremmo naturalmente attratti verso ciò che è più piacevole.

Intolleranze Alimentari
Le recenti scoperte e la soluzione definitiva
L'alimentazione su Misura
Scegli gli alimenti e la dieta personalizzata in base al tuo gruppo sanguigno
Biogerme Probiotico - Miglio Fermentato
Ricco di probiotici e 100% vegetale
Extra Dophilus Forte - Probiotico
Extradophilus forte favorisce l’equilibrio della flora intestinale
Zeolith Med - Detox - 120 gr (Trattamento per 40 giorni)
Polvere ultrafina naturale di Clinoptilolite-Zeolite

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

12 Commenti su questo post

  1. “Bere acqua quasi bollente…” spero vogliate correggere quanto scritto, prima che ciò possa causare ustioni all’esofago di chi vi legge.

  2. Ani Mae says:

    Beh solo un cretino potrebbe ustionarsi a mio avviso….

  3. Acqua calda , pendi si riferisca ad una temperatura come il thè caldo o cioccolata calda o brodo caldo , penso anch’io che bollente sua da pazzi

  4. sto impazzendo lol

  5. Sì intende acqua molto calda da bere prima a piccoli sorsi x abituarsi

  6. Ottimo rimedio, seguo dottor Mozzi con grandi risultati☺️

  7. Acqua bella calda spazza via tutto provare per credere…

  8. Intendeva tiepida!!!!!

  9. Alessandra says:

    … e poi ti riscopri, a 32 anni, di aver sofferto per anni di mal di testa, cefalea, gonfiori intestinali, per motivi non fisici, ma di intolleranza alla carne (tutta, compreso il pesce) ed alla pasta… <_<
    l'importante è scoprirlo, prima o poi <3

  10. Luca Horus says:

    Scusate se mi viene da ridere… La cosa che vi ha colpito di più dell’articolo è la temperatura dell’acqua? Non penso che nessuno sano di mente beva senza prima sentire se è troppo calda… Voi quando avete in mano una tazza fumante, tracannate senza controllare? 🙂

  11. Claudia delucca says:

    Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline