asparagi succo reumatismi

Riesce a rompere i cristalli di acido ossalico presenti nei reni e nel sistema muscolare sciogliendo i reumatismi e rafforzando i muscoli grazie al potassio e all’azione antinfiammatoria. Ideale per chi ha problemi alla prostata e al cuore, la sua azione depurativa è conosciuta fin dall’antichità da romani, greci ed egizi.

Sto parlando degli asparagi, che dovrebbero essere consumati di più sia cotti (come contorno o nel famoso risotto) che crudi. Per consumarli crudi l’ideale è estrarne il succo tramite l’estrattore o centrifuga, o in mancanza, frullarli con un po d’acqua. Siccome sono molto ricchi di nutrienti è meglio non esagerare nelle quantità e il succo va consumato lontano dai pasti principali.

Asparagi e apparato uro-genitale

I Greci ritenevano che gli asparagi fossero un alimento afrodisiaco per chiunque ne facesse un uso regolare. Napoleone III li reputava indispensabili durante le sue cene private. Luigi XIV, talmente tanto devoto al giardiniere che li coltivò tutto l’anno, gli fece erigere una statua in suo onore. Senza contare, poi, che anche un erborista inglese del 1600, Nicholas Culpepper, scrisse che gli asparagi “suscitano desiderio negli uomini e nelle donne”.

La motivazione? Gli asparagi sono una ricca fonte di potassio, fibre, vitamina B6, vitamina A, e C, acido folico e tiamina o vitamina B1. Le quantità di vitamina E contenute negli asparagi, inoltre, stimolano gli ormoni maschili, favorendo una vita sessuale sana e una maggiore virilità.

Gli asparagi sono ottimi per la cistite e in generale per tutto il sistema urinario. Infatti contengono alti livelli di asparagine che aiutano a prevenire le infezioni del tratto urinario. “Quando le donne non urinano abbastanza, possono ottenere una infezione del tratto urinario” – spiega Keri Gans autore di The Small Change Diet – “È possibile che una dieta ricca di asparagi possa impedire che queste infezioni dolorose si sviluppino, poiché andare in bagno più spesso può aiutare a spostare i batteri cattivi fuori dal tratto urinario.”

Grazie a pochissimi livelli di sodio, al potassio in alta concentrazione, alla presenza di purine e alla molta acqua contenuta, gli asparagi riducono il ristagno di liquidi. Questa proprietà è preziosa nei casi di accumulo di liquidi che può essere di origine cardiaca, gotta, reumatismi. Infatti, una delle caratteristiche più note degli asparagi riguarda lo stimolo alla diuresi. Questo effetto depurativo e drenante permette all’organismo di smaltire liquidi in eccesso e tossine.

Gli Asparagi rafforzano l’intestino e il sistema immunitario

Contengono inulina, che è una fonte ideale di nutrimento per la flora batterica. In seguito all’assunzione d’inulina si riscontra un aumento significativo nel tratto intestinale di Bifidobatteri e Lattobacilli che sono i migliori probiotici naturali del tuo intestino. Quindi gli asparagi sono molto benefici per l’intestino.

Gli asparagi supportano la digestione e fungono da antinfiammatorio naturale. Favoriscono la digestione ed eliminano il gonfiore. Essendo ricchi di fibre sono eccellenti per una regolare mobilità intestinale, avere un senso di sazietà e favorire il peso-forma.

Grazie al loro contenuto di antiossidanti, minerali e vitamine stimolano le naturali difese immunitarie. Inoltre la loro azione benefica sul microbioma intestinale si riflette su un potenziamento del sistema immunitario che per la maggior parte risiede proprio nell’intestino.

Inoltre gli asparagi sono il cibo più ricco di glutatione, il più potente antiossidante naturale prodotto naturalmente dall’organismo in ottime condizioni, fondamentale per la disintossicazione dai metalli pesanti, radicali liberi e tutte le tossine in generale.

I benefici degli asparagi per articolazioni, muscoli e funzioni cerebrali

Il cromo contenuto nell’asparago migliora la capacità dell’insulina di trasportare il glucosio dal flusso sanguigno alle cellule dell’organismo, prevenendo il diabete tipo 2 e alcune forme di cancro (alle ossa, al seno, al colon, alla laringe e ai polmoni). Inoltre, l’acido folico, associato alla vitamina B12, previene i disturbi cognitivi dovuti all’avanzamento dell’età.

I fitonutrienti presenti negli asparagi hanno una funzione antinfiammatoria che allevia i disturbi alle articolazioni (artrite, artrosi). Inoltre la rimozione dell’acido urico e delle tossine, rendono gli asparagi ancora più efficaci per le nostre articolazioni.

Possiamo considerare gli asparagi come un integratore naturale per facilitare la depurazione, rinforzare le difese immunitarie, eliminare le tossine, contrastare la ritenzione idrica, l’invecchiamento cutaneo e la cellulite. Secondo alcuni studi aiutano a bilanciare l’umore e hanno una funzione antidepressiva.

Come consumare gli asparagi

1. Farci il famoso risotto agli asparagi
2. Usarli come contorno saltati in padella
3. Tagliandoli crudi a fettine piccole e unendoli all’insalata 
4. Berne il succo fresco per il massimo dei nutrienti (da fare con estrattore o centrifuga, bastano 300 grammi di asparagi crudi; puoi anche aggiungerci 300 grammi di sedano per una maggiore azione depurativa). Se avete l’estrattore una ricetta per un succo agli asparagi è:

  • 300 gr di asparagi
  • 750 gr di carote
  • 300 gr di sedano
  • Alla fine spremerci il succo di un limone

Leggi anche

Crema di Magnesio e Arnica per crampi muscolari e gambe stanche

Come trattare Artrite Psoriasica, Reumatoide, Artrosi ed Osteoporosi con la Vitamina D

La tisana di Timo è utile per fibromialgia, artrite e stanchezza cronica

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni