Immunità di gregge. Verità o finzione?

13 Commenti

immunità di gregge

La teoria della “herd immunity(immunità di gregge) è stata originariamente coniata nel 1933 da Hedrich e pubblicata nel maggio 1933 sul “American Journal of Epidemiology” . Egli aveva studiato i modelli di morbillo presentatisi negli Stati Uniti tra il 1900 e il 1931 (quindi molti anni prima della realizzazione dei vaccini contro il morbillo) e osservò che le epidemie della malattia si verificavano solo quando meno del 68% dei bambini aveva sviluppato un’immunità naturale ad essa.

Questa era basata sul principio che i bambini costruiscono la propria immunità solo dopo aver sofferto od essere stati esposti alla malattia. La teoria della “herd immunity” era costruita, infatti, su processi di immunizzazione alla malattia del tutto naturali e non aventi niente a che fare con la vaccinazione. Se almeno il 68% della popolazione è in grado di costruire autonomamente le proprie difese naturali, non si manifesterebbe nessuna epidemia.

Più tardi, i vaccinologi hanno adottato la frase e aumentato la cifra dal 68% al 95% senza alcuna giustificazione scientifica del perché e poi hanno dichiarato che ci doveva essere la copertura vaccinale del 95% per poter ottenere l’immunità. In sostanza, hanno preso lo studio di Hedrich e lo hanno manipolato per promuovere i loro programmi di vaccinazione.

Nel suo manuale “Vaccine Safety“, Neil Z. Miller cita la ricerca che ha dimostrato la crescente induzione vaccinale necessaria per stimolare artificialmente l’immunità di gregge che andava dal “70 al 80 per cento ai due anni di età nei centri delle città” fino al 1991, in cui la copertura prevista “era prossima al 100 per cento” … con una efficacia vaccinale prevista dal 90 al 98 per cento.

immunità gregge

Da: “Herd Immunity: History, Theory, Practice” by Paul E.M. Fine.

”…la credibilità delle semplici definizioni di “soglie” di immunità di gregge è indebolita dal fatto che la logica e le formule si basano su delle ipotesi ovviamente semplicistiche. In particolare, i modelli di base relativi alla legge di azione di massa danno per scontato che le popolazioni siano omogenee, senza differenze per età, gruppo sociale o dell’andamento stagionale, e che esse si mescolino secondo un criterio di casualità. I teorici matematici hanno considerato queste inconsistenze come una sfida per adattare la teoria a dei presupposti più realistici….” (“Herd Immunity: History, Theory, Practice” by Paul E.M. Fine.)

Nel 1997. Miller osservava che,”…Quando il vaccino contro il morbillo è stato introdotto nel 1963, i funzionari governativi erano sicuri di poter debellare la malattia entro il 1967…”

tassi mortalità bambini

Date previste (e disattese) per l’eradicazione del morbillo nel mondo.

“Successivamente, delle nuove date per l’eradicazione sono state pronunciate nel 1982, 2000 e nel 2010. Nel frattempo, nel 1990, dopo aver esaminato 320 lavori scientifici di tutto il mondo, 180 medici europei hanno concluso che “…l’eliminazione del morbillo … sembra oggi essere un irrealistico obiettivo…”. E nel 1984 il professor David Levy, della Johns Hopkins University, concluse testualmente: “….se le attuali pratiche [di sopprimere l’immunità naturale] continuano, entro il 2050 una gran parte della popolazione sarà a rischio e ci potrebbero essere più di 25.000 casi mortali di morbillo negli Stati Uniti…”

Loading...

L’immunità conferita attraverso la malattia contratta in modo naturale solitamente durava tutta la vita. Non appena una nuova generazione di bambini contraeva l’infezione, l’immunità di quelli precedentemente infettati veniva rinnovata a causa del loro continuo ciclico riesporsi alla malattia; tranne che per i bambini appena infettati e per le poche persone che non avevano mai avuto la malattia o che erano state esposte ad essa, l’immunità di gregge naturale di tutta la popolazione veniva assicurata in ogni momento.

L’immunità di gregge è incostante; i focolai di malattia a volte scoppiano proprio in coloro che seguono i programmi vaccinali raccomandati. In realtà l’”immunizzazione” da vaccini è solo un’immunità a breve termine. Così, nel tentativo di mantenere l’immunità di gregge, le autorità sanitarie tentano, senza successo, la somministrazione di dosi di richiamo. E così via, fino al punto che oggi accettiamo, dalla culla alla tomba, ripetuti richiami di vaccino contro la pertosse, una malattia che persiste ancora dopo più di sessanta anni di diffusione del vaccino.

Le osservazioni di Russell Blaylock, MD: “..Una delle grandi menzogne dei programmi di vaccinazione è il concetto di” immunità di gregge..”. In realtà, i vaccini per maggior parte della popolazione sono scesi a livelli non protettivi dopo 5-10 anni dai vaccini. Ciò significa che, per la stragrande maggioranza degli americani, così come per gli altri nel mondo sviluppato, l’immunità naturale di gregge non esiste e non ha luogo da oltre 60 anni.”

Nell’era pre-vaccini, i neonati potevano ricevere gli anticorpi contro le malattie infettive dalle loro madri che si erano a loro volta infettate da bambini e riesposte alle malattie più tardi nella vita. I bambini di oggi, nati da madri che erano state vaccinate e non esposte a queste malattie non ricevono più questi anticorpi. Il risultato di ciò è che la maggior parte dei bambini di oggi sono più vulnerabili rispetto ai bambini dell’epoca pre-vaccini.

La crescente immunità di gregge associata al morbillo naturale (e  il decremento delle relative morbilità e mortalità), è stata interrotta con la vaccinazione. Questo rende molto difficile prevedere come le popolazioni vaccinate potrebbero rispondere, per esempio, ad un nuovo ceppo del virus del morbillo che magari è sfuggito alla ‘protezione’ conferita dal vaccino contro il morbillo (mutante di fuga). Considerato che la popolazione in generale non è immune al “mutante di fuga” si rischia ancora una volta alta morbilità e mortalità da morbillo.

L’immunità temporanea dei vaccini. Dr. Andrew Wakefield

“…Il vaccino contro il morbillo ha distrutto la naturale immunità di gregge e l’ha sostituita con una immunità di gregge quasi temporanea e inadeguata che ha indotto una dipendenza dalla vaccinazione insieme ad un aumento del rischio di esiti avversi gravi. Ecco alcuni esempi di come l’immunità di gregge naturale è stata distrutta.

Le madri vaccinate non conferiscono un’adeguata immunità passiva sui loro neonati (<1 anno di età). I neonati sono in grado di generare una risposta immunitaria adeguata al vaccino anti-morbillo e, in mancanza di immunità materna passiva, non sono protetti durante il primo anno, mettendoli così a rischio di infezioni gravi di morbillo.

A differenza dei morbilli naturali, il vaccino contro il morbillo non prevede un’immunità duratura e una parte sostanziale dei casi di morbillo sono riportati in coloro che sono stati vaccinati contro il morbillo.

Il tentativo di accrescere l’immunità impiegando delle dosi ripetute di vaccino contro il morbillo fa sì che essa non venga mantenuta, decadendo rapidamente. La sola risposta a questa diminuzione che viene offerta dai produttori di vaccini è quella di somministrare ripetute dosi di vaccini. Il vaccino è altamente redditizio in termini di volumi di vendita, proprio perché è inadeguatamente efficace…”

I dati che non tornano sull’immunità di gregge

Esistono però alcuni dati contradditori che necessiterebbero di spiegazioni da parte degli esperti che, anche in questi giorni, sottolineano che non solo l’Europa, ma il mondo intero è a rischio poliomielite. Sono 6 le strutture organizzative regionali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità: Europa (EURO), con sede a Copenaghen; Africa (AFRO), con sede a Brazzaville nella Repubblica del Congo; Mediterraneo orientale (EMRO), con sede al Cairo in Egitto; Sud-est asiatico (SEARO), con sede a Nuova Delhi in India; Americhe (AMRO), con sede a Washington, D.C. negli Stati Uniti; Pacifico occidentale (WPRO), con sede a Manila nelle Filippine.

I dati della regione AMRO che mi hanno colpito sono riassunti nella tabella successiva. Indicano le coperture vaccinali in quei Paesi in cui non dovrebbe esistere l’herd imAmunity perché è troppo bassa la percentuale di soggetti vaccinati.

I casi riportati in questa Regione sono ZERO, che è Polio-free, secondo l’OMS.

Anche nella Regione WPRO, a coperture basse

Non corrispondono epidemie di poliomielite. Anche questa Regione è Polio-free

Al contrario casi di poliomielite sono presenti nelle regioni AFRO, EMRO, SEARO. In Nigeria, Afghanistan, Pakistan la malattia è endemica, in altri Paesi è epidemica nonostante si continui ad utilizzare massicciamente il vaccino OPV. Proprio in queste aree si concentra la gran parte dei casi di polio causati dal vaccino orale.

L’esistenza della herd immunity dovrebbe garantire la popolazione dalla diffusione di epidemie: se la copertura è al di sotto del 95% la malattia può ricomparire, se è al di sopra del 95% il virus non dovrebbe circolare tra la popolazione. Ma i dati su esposti indicano che in numerosi Paesi la malattia ha comportamenti e andamenti completamente differenti: in alcuni paesi è completamente sparita, in altri ricompare a ondate epidemiche, in altri ancora rimane endemica indipendentemente dalle coperture vaccinali. Perché?

Si pensa che questo dipenda dall’esistenza di “cluster” di soggetti suscettibili, cioè dall’esistenza di gruppi di persone che vivono in comunità non vaccinate. Ma i dati smentiscono questa affermazione: la presenza di epidemie in paesi con alte coperture vaccinali si potrebbe spiegare con la presenza di questi “cluster” di non vaccinati, ma ciò non spiega l’assenza di malattia in popolazioni poco e mal vaccinate.

Studio mostra che alta immunità di gregge non debella la malattia

In questo studio [l’immagine di copertina è uno screenshot] pubblicato su PLoS One e riportato da PubMed, vengono evidenziate le difficoltà incontrate nell’eliminazione del morbillo nella provincia cinese dello Zhejiang, nonostante la copertura vaccinale per questa esantematica sia stata superiore al 99%. “…Nella provincia cinese dello Zhejiang Il rapporto sulla copertura per morbillo e rosolia o per morbillo, parotite e rosolia risulta essere superiore al 99,0%. Tuttavia, l’incidenza di morbillo, parotite e rosolia rimane alta…” Le conclusioni a cui giunge lo studio sono immaginabili…Non è sufficiente? Richiamo per una seconda dose a 18-24 mesi.. E queste sarebbero le vaccinazioni che proteggerebbero per tutta una vita? 

[Estremi dello studio: PLoS One. 2014 Feb 20;9(2):e89361. doi: 10.1371/journal.pone.0089361. eCollection 2014.
“Difficulties in eliminating measles and controlling rubella and mumps: a cross-sectional study of a first measles and rubella vaccination and a second measles, mumps, and rubella vaccination.” – Wang Z, Yan R, He H, Li Q, Chen G, Yang S, Chen E. ]

Dr. Roberto Gava sull’immunità di gregge

roberto gava

Ecco un estratto dell’intervista al Dr. Roberto Gava da parte de Il Fatto Quotidiano.

“Domanda – Lei ha spesso affermato la sua contrarietà alla “vaccinazione di massa”. Eppure, secondo l’Oms, proprio su questo aspetto si basa la cosiddetta “immunità di gregge”. Può chiarirci meglio il suo pensiero in proposito?

Dr. Roberto Gava – Sono perplesso verso la vaccinazione indiscriminata di massa, fuori da condizioni di necessità e urgenza, cioè fuori da condizioni di emergenza. Indiscriminata significa non attenta alla personalizzazione del trattamento, caso per caso. Inoltre, non si può generalizzare, bisognerebbe distinguere tra i diversi vaccini, le diverse formulazioni e i calendari vaccinali. Anche le evidenze scientifiche del “peso” dell’immunità di gregge cambiano molto da vaccino a vaccino. Ad esempio, nel caso del tetano non esiste alcuna immunità di gregge, nel caso della difterite ci sono forti dubbi teorici che essa possa esistere, nel caso della poliomielite (in riferimento al vaccino iniettivo) non ci sono evidenze recenti e attendibili su quanto questo fenomeno conti, semplicemente perché non c’è la malattia. Nel caso dell’influenza il problema è complicato dal fatto che l’efficacia stessa del vaccino può cambiare di anno in anno, secondo il ceppo di virus implicato. Gran parte dei discorsi che si sentono sull’immunità di gregge sono fondati sull’“ipotesi” che essa esista, ipotesi che diventa poi convinzione che essa “debba” esistere, mentre ci sono pochi studi sperimentali e misure della sua rilevanza nella lotta contro le singole malattie infettive.”

Fonti

Herd Immunity: il Falso Storico… AutoimmunityReactions.org

David Levy: “The future of measles in highly immunized populations. A modeling approach.” 

Herd Immunity on Google Scholar

Il gregge ha una sua immunità di Eugenio Serravalle – Informasalus.it

Ecco una minibibliografia sulla Herd Immunity: Hedrich AW. The corrected average attack rate from measles among city children. Am J Hyg 1930; 11:576-600.76. Hedrich AW. Monthly estimates of the child population “susceptible” to measles, 1900- 1931, Baltimore, MD. Am J Hyg 1933;17: 613-36.

Foto di copertina – Davide Suraci

Nutri il tuo benessere

Entrando a far parte della nostra newsletter sarai tra i primi a conoscere le ultime notizie, eventi e pubblicazioni.

(E' gratis!)

 

No SPAM! Non condivideremo la tua email con terze parti.

Grazie!

Iscrizione effettuata con successo

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Staff

Autore

Staff

Vuoi entrare a far parte dello staff di Dionidream e diffondere informazioni importanti per il benessere di ciascuno di noi e del Pianeta? clicca qui

Leggi anche

13 Commenti su questo post

  1. Laura Di Leo Laura Di Leo says:

    Pecore lo siamo e manovrate dai cowboy

  2. l’immunità di gregge è una finzione lo ha anche ribadito lo scienziato Montanari.

  3. stefano says:

    DI PRECISO SIAMO TOPI DA LABORATORIO DEVONO TESTARE I FARMACI SU DI NOI PER IL POPOLO DEL FUTURO CHE SCIEGLIERANNO LORO GENETICAMENTE MODIFICATO ANCHE PERCHE’ DOVRANNO RIDURRE DRASTICAMENTE A 500 MILIONI DI PERSONE ENTRO POCHI DECENNI. CI SARA’ UN ESTINZIONE COLOSSALE

  4. stefano says:

    MA CHE STRANO CHE SIA LA CINA AD AVERE LA COPERTURA TOTALE . CHE SIA PERCHE’ E’ PIU’ DI 1 MILIARDO DI PERSONE OPSS SCUSATE CAVIE DA RIDURRE ???

  5. Gigion says:

    La radiazione del dottor Gava e del dottor Miedico sono provvedimenti spropositati degni del peggior regime totalitario. In realtà non hanno fatto del male a nessuno, non sono nemmeno contro i vaccini hanno solo espresso delle perplessità sulle vaccinazioni di massa, e son stati radiati dall’ordine.
    Peggio che i processi dell’Inquisizione.
    Vedo che tra i commenti ci sono utenti che parlano di riduzione della popolazione del 90% e cose di questo tipo, pure io credo che qualcosa di strano ci sia, qualcuno afferma anche che i profughi che sbarcano sulle nostre coste non sono soggetti a vaccinazioni di alcun tipo.
    Ma se è questo lo scopo mi domando perchè non usano metodi più sbrigativi tipo una guerra atomica? Non capisco perchè debbano agire in questo modo.

    • stefano says:

      perche’ ovviamente non ci sia una rivoluzione e perche’ nel frattempo incassano miliardi e’ ovvio se sganciassero l’atomica chi li paga ???

      • Gigion says:

        Sì, giocano a rincoglionirci con le onde elettro magnetiche del wi fi, cibi con pochi nutrienti, scie chimiche e farmaci. Però ora la misura è colma i bambini non si toccano,
        Cara ministra Lorenzina, Gesù disse: “chi invece scandalizza uno di questi piccoli che credono in me sarebbe meglio che gli fosse appesa una macina al collo e gettata nel mare”.
        Dodici vaccini obbligatori sono una violenza inaudita contro chi non può difendersi, ministra dei miei stivali pensi alle conseguenze delle sue azioni folli. La saluto

  6. Valentina says:

    Concordo con le varie tesi che sono contro i vaccini.. e mai come adesso dobbiamo essere uniti.
    E quindi mi rivolgo a tutto lo staff di Dioni a Te Riccardo a tutti quelli che leggono e commentano.. Stefano, gigion, Annamaria, Catia pasqual, Laura di Leo…….
    In tutto questo Che cosa possiamo fare? In che modo possiamo agire? Spero in una risposta grazie

    • Gigion says:

      Anzitutto non bisogna cedere alla disperazione, poi se posso darti un consiglio iscriviti o contatta il comilva, che ha già organizzato diverse manifestazioni.
      A Torino c’ero ma eravamo pochi considerata la gravità del problema.
      Servirebbe un risveglio delle coscienze ma la gente sembra più interessata alla champions league, a cosa farà Totti dopo il suo ritiro come se nefandezze come questa legge o altre porcate che hanno già attuato (muos, tav…) fossero robe da complottisti.
      A me quello che disarma è l’ignoranza dell’italiano medio. Comunque non mollare mai la vita mi ha insegnato che a volte ci sono colpi di scena anche in positivo, penso alla Provvidenza di manzoniana memoria. Un abbraccio

  7. Pandora says:

    Ma come si permettono di denominarci “gregge”? I pecoroni saranno loro!

  8. Ciao piacere di conoscerti sono uno studente della facoltà di chimica farmaceutica di Catania, ti sarei grato se perdessi 5 minuti del tuo tempo per vedere il video di presentazione della mia iniziativa sulla divulgazione del tema vaccinale.
    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=941050812664057&id=100002774402804

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nutri il tuo benessere

Ricevi la nostra newsletter periodica. E' GRATIS!

La tua privacy è al sicuro con noi.

Prenditi cura del tuo benessere

Inserisci la tua mail per ricevere i migliori contenuti su:

✓ Rimedi naturali                    

✓ Terapie innovative               

✓ Crescita personale              

E' GRATIS!

Rimani in contatto con Dionidream

✓ I migliori integratori

✓ Recensioni libri

✓ Date degli eventi

Sent!

Please check your e-mail and download FREE BETA version.

 

SHARE IT