Lo iodio nascente è considerato l’integratore di iodio più biodisponibile rispetto alle altre forme di iodio usate come integratore alimentare, come ad esempio lo ioduro di potassio.

Cos’è lo iodio nascente

Lo iodio nascente viene ottenuto mediante la rottura del doppio legame che unisce due atomici iodio, formando iodio paramagnetico nella sua forma atomica. Gli atomi di iodio così ottenuti hanno un numero incompleto di elettroni, che gli conferiscono una carica elettromagnetica negativa. Per questa ragione quando si assume iodio nascente, la carica elettromagnetica viene rilasciata nel corpo conferendo una grande energia alle cellule e ai tessuti in cui viene assorbito.

Lo iodio nascente viene riconosciuto dall’organismo come lo stesso tipo di iodio utilizzato dalla tiroide, e per questo motivo viene assorbito facilmente dal corpo.

All’estero è molto diffuso e usato da medici e professionisti della salute, mentre in Italia solo di recente è possibile trovarlo in vendita online. La comune tintura di iodio era molto usata in passato anche da noi, ma è stata soppiantata dai moderni farmaci. Lo iodio nascente offre ancora di più i benefici dello iodio e basta fare qualche ricerca per scoprire le migliaia (sì migliaia) di testimonianze positive di persone che hanno risolto definitivamente tanti disturbi di salute come perdita della vista, carenza di energia, perdita dei capelli, umore basso e difficoltà a memorizzare e ricordare, solo per citarne alcuni!

​​Il sale iodato, ovvero sale raffinato con l’aggiunta di iodio sintetico, non è biodisponibile per l’organismo quindi può fare bene poco e anzi, secondo alcuni esperti, è addirittura dannoso per la salute.

Per chi è indicato lo Iodio Nascente

I sintomi che possono beneficiare dell’integratore di iodio nascente sono:

Bassi livelli di energia
Ipotiroidismo
Umore irritabile
Tristezza e depressione
Apatia o affaticamento
Aumento di peso o difficoltà a perdere grasso corporeo in eccesso
Difficoltà a memorizzare e ricordare le cose
Messa a fuoco e chiarezza mentale alterata
Scarsa resistenza immunitaria
Pelle fragile o secca
Perdita di capelli
Disfunzioni ormonali e delle ghiandole endocrine
Gozzo (tiroide ingrossata)
Temperatura corporea freddo
Scarsa qualità del sonno
Battito cardiaco alterato (che può comportare affaticamento, debolezza, vertigini e svenimento)

iodio nascente acquista

Iodio nascente consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Testimonianze

Queste sono testimonianze reali di utenti che hanno assunto lo iodio nascente (si trova in vendita sotto il nome di Nascent Iodine, da qualche giorno è disponibile anche in Italia).

“Dopo aver letto un articolo sulla carenza di iodio nelle donne, ho ordinato una bottiglia di iodio nascente e ho fatto il test [LO SPIEGO PIU AVANTI NELL’ARTICOLO]. Con mia sorpresa, lo iodio è scomparso dal mio braccio quasi alla stessa velocità con cui l’ho messo. Ho iniziato prendendo due gocce e mi sono sentita subito come se avessi buttato giù tre tazzine di caffè. Ero così carente di iodio che per i primi due giorni, in effetti, potevo sentirlo scorrere attraverso il mio cuore e i miei polmoni. L’ho preso per un mese ora, tre gocce al mattino e tre la sera (l’auto-test scompare ancora nel giro 10 minuti). Sono dimagrita, i miei problemi digestivi sono diminuiti, ho un sacco di energia durante il giorno, dormo bene la notte finalmente! Sono una giovane di 63 anni, ma non mi sono mai sentita così bene negli anni. Anche mio marito ha iniziato a prenderlo e non riesce a credere quanto sia più energico. Il mio unico rimpianto è che non l’ho scoperto molto prima nella mia vita.”

“Utilizzo questo prodotto da 2 mesi e ho notato un aumento di energia, una ricrescita dei capelli, una pulizia delle imperfezioni della pelle e mi fa sentire più viva! Consiglierei questo iodio a chiunque. Si prega di non comprare altri integratori di iodio, a lungo termine non funzionano e finiscono per costare di più.”

“Una ottima soluzione per integrare lo iodio che è essenziale per il nostro benessere e soprattutto per quello della nostra tiroide, oltre per vari problemi al seno come le cisti”.

“Mi è stato diagnosticato un basso funzionamento della tiroide, e ora prendo ogni giorno iodio ogni giorno. Funziona perfettamente per me! Il medico fa le prove ogni pochi mesi e la mia tiroide è ora quasi di nuovo ad un livello di funzionamento normale”.

“Ho preso iodio per quasi 3 anni. Quando ho iniziato, sono rimasto stupito dalla chiarezza mentale, l’energia e a questo punto, è solo la norma; non rimarrò mai più senza iodio!”

“Uso questo prodotto come risciacquo dentale e il mio dentista è stupito che la zona gengivale di cui si preoccupa non mi ha dato i problemi che si aspettava da tempo”.

“È da qualche settimana che prendo lo iodio e sono molto soddisfatto dei risultati. Avrei dovuto usarlo da sempre. Credo che i suoi benefici vadano al di là di quanto mi aspettavo. È energizzante, disintossicante. Ho una sindrome severa di Hashimoto più un certo numero di altri disturbi autoimmuni. Ciò inoltre sta aiutando la mia flora intestinale, che è la radice di tutta la buona e cattiva salute. Lo consiglio vivamente e continuerà a prenderlo religiosamente.”

“Fantastico prodotto! Mi dà piena energia per tutto il giorno. Lo consiglio vivamente a tutti. Aiuta anche in molti altri aspetti della salute.”

“Questo prodotto è fantastico! Mio marito e io (età 55+) abbiamo assunto questo iodio due volte al giorno (6 gocce in totale ciascuno) per oltre un mese e la nostra energia e il nostro umore hanno mostrato un netto miglioramento. I miei fratelli hanno molti problemi alla tiroide e dopo molte ricerche, abbiamo deciso di provare questo marchio per sostenere la nostra salute e, auspicabilmente, scongiurare eventuali problemi alla tiroide. Sono contento di averlo fatto! Non vediamo l’ora di vedere cos’altro migliorerà mentre continuiamo a integrarlo. Raccomandiamo vivamente questo prodotto!”

Perché lo iodio è importante all’organismo

Lo iodio è un minerale essenziale che il corpo richiede di integrare per il suo corretto funzionamento poiché non viene prodotto autonomamente dall’organismo.

Tradizionalmente, l’importanza dello Iodio nelle funzioni biologiche dell’organismo si concentrava sul suo ruolo nel nutrimento della ghiandola tiroidea, in particolare sulla sua produzione di ormoni T3 (triiodotironina) e T4 (tetraiodotironina o tiroxina), che influenzano il metabolismo, lo sviluppo del cervello e il sistema immunitario. Migliora l’umore, riduce la nebbia cerebrale e bilancia gli ormoni che ti aiutano a rimanere positivo e nel peso forma, con tanta energia.

Quindi significa che se non abbiamo lo iodio a sufficienza ci sentiremo stanchi, con poca energia, poco lucidi, umore basso e tenderemo a mettere su peso e grasso.

Poiché lo iodio nascente viene assorbito e utilizzato più facilmente rispetto alle altre forme di iodio, è più facile per la tiroide funzionare correttamente. In altre parole, avrà la quantità appropriata di iodio per svolgere i suoi processi fisiologici di base.

Tuttavia, dati i progressi degli studi su questo nutriente, siamo venuti a conoscenza del fatto che le funzioni dello iodio sono molte di più di quelle che pensavamo.

Perché siamo quasi tutti carenti di iodio

La carenza di iodio è molto più diffusa di quello che pensiamo dato che i cibi più ricchi di iodio sono il pesce di acqua salata, le alghe di acqua salata e i frutti di mare (ostriche in primis), che non vengono consumati a sufficienza. Dovremmo infatti mangiarli 3 volte a settimana per ottenere una dose adeguata di iodio.

La realtà è che anche verdura e cereali contengono iodio se il terreno in cui sono cresciuti lo contiene. Il problema è che i terreni di oggi sono altamente impoveriti di minerali a causa dello sfruttamento intensivo degli agricoltori e quindi non sorprende se oggi tutto il cibo che compriamo al supermercato è insapore. Un tempo i nostri nonni assumevano iodio dal pane e dagli ortaggi che coltivavano o che compravano al mercato sotto casa, ma oggi purtroppo non è più così.

I soggetti più a rischio di  conseguenze gravi della carenza di iodio sono le donne in gravidanza, che necessitano di iodio in più per il corretto sviluppo del nascituro.

In realtà lo iodio continua a supportare la funzione cerebrale durante l’infanzia quando il cervello sta crescendo rapidamente e anche durante tutta la vita.

Il Dr. Claudio Sauro a riguardo afferma:

“Lo iodio è particolarmente carente negli alimenti e quel poco pesce azzurro o frutti di mare che mangiamo spesso non bastano per una buona integrazione. Per integrare lo iodio è sufficiente spalmarsi due o tre gocce di Tintura di Iodio sull’avambraccio ogni giorno che il minerale viene rapidamente assorbito.”

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che oltre un miliardo di persone in tutto il mondo si trovano a rischio di carenza di iodio. Ciò è particolarmente importante per le madri in attesa, che tendono ad essere ad alto rischio. Poiché così tante persone non riescono a consumare sufficienti livelli di iodio attraverso la dieta (alghe e frutti di mare sono alimenti ricchi di questo elemento), l’integrazione di iodio può essere vitale per colmare le lacune.

Cisti ovariche e cisti al seno possono essere dovute a carenza di iodio

La malattia fibrocistica del seno è una condizione estremamente comune in si sviluppano cisti nel tessuto mammario. Le cisti sono abbastanza facili da individuare e sono spesso fonte di ansia immediata per le donne che le scoprono e temono il peggio. Sebbene la malattia fibrocistica del seno in sé è spesso benigne, il New England Journal of Medicine ha riferito che si tratta di un fattore di rischio per il cancro al seno.

Senza un adeguato apporto di iodio, il tessuto mammario è suscettibile alla stimolazione estrogenica che può portare alla produzione di microcisti, e queste possono portare allo sviluppo di cisti al seno. Gli studi su animali hanno mostrato, direttamente, che privare il tessuto del seno di iodio è un catalizzatore immediato per la malattia fibrocistica del seno.

Uno studio ha dimostrato che l’integrazione di iodio riduce le cisti al seno. Nel 2004 un’altra ricerca ha rilevato che il 50% delle donne che hanno sperimentato la malattia fibrocistica avevano un miglioramento della loro situazione dopo il trattamento con supplemento di iodio. Lo iodio è viene infatti assorbito anche nel tessuto mammario.

Si stima anche che la carenza di iodio sia la prima causa delle cisti ovariche, incluso l’ovaiopolicistico.

Iodine Patch Test

Questo è un semplice test che permette di scoprire autonomamente l’eventuale carenza di iodio.

Applica alcune gocce di iodio nascente sulla pelle, le zone da preferire sono la parte interna dell’avambraccio, l’interno coscia o la pancia, cercando di formare un quadrato (patch) di circa 7cmx7cm sulla pelle. Nota: è importante che lo iodio nascente che usi sia colorato e non trasparente, lo iodio nascente che consiglio ha una colorazione arancione e va benissimo per questo test.

Fallo al mattino preferibilmente, e lascialo asciugare e assorbire autonomamente dalla pelle. Durante il giorno monitora la colorazione del quadrato sulla pelle: se è ancora lì dopo 12 ore allora è probabile che i tuoi livelli di iodio sia nella norma. Se invece la colorazione scompare prima delle 12 ore allora può indicare che c’è una carenza di iodio in corso. In alcune persone scompare addirittura nel giro di mezz’ora, indicando quindi una probabile grave carenza.

test iodio

Ecco come dovrebbe apparire la tintura di iodio (iodio nascente) appena applicato sul vostro avambraccio

Questo è un test domestico e non può essere preciso come un’analisi che può essere condotta in un laboratorio. Tuttavia recenti studi hanno dimostrato che un’assorbimento veloce dell’iodio da parte della pelle può riflettere una carenza di iodio.

Importanza dello iodio in gravidanza per mamma e neonato

Il fabbisogno giornaliero di iodio è più alto per le donne incinte e che allattano. Se sono carenti di iodio, aumenta il rischio di

  • aborto spontaneo
  • parto prematuro
  • gravi difetti alla nascita
  • danni allo sviluppo mentale e fisico del bambino

Uno studio, tra i tanti, ha infatti dimostrato che l’assunzione giornaliera di iodio nel primo trimestre di gravidanza ha migliorato la salute della mamma e dei neonati. Altri studi ne hanno osservato la sicurezza per tutta la durata della gravidanza e fino a 6 mesi dopo.

Infatti molte donne e neo-mamme hanno un ipotiroidismo subclinico (ovvero tiroide poco funzionante che viene stimolata a funzionare meglio dall’apporto di iodio) e quindi possono trarre solo benefici dalla assunzione di iodio.

Lo iodio è fondamentale per lo sviluppo cerebrale del feto e una carenza di iodio in gravidanza è riconosciuta come un fattore che può portare a un inferiore quoziente intellettivo del neonato. La carenza di iodio è la prima causa di disabilità mentale prevenibile in tutto il mondo.

Differenza tra iodio nascente e altre forme di iodio

Lo iodio è un elemento che, in natura, si presenta come I2 ovvero due atomi di iodio legati insieme. Un singolo atomo di iodio è chiamato ioduro, che è un anione o ione caricato negativamente. Quando lo ioduro viene posto insieme con ioni di sodio o di potassio che hanno una carica positiva, si forma un legame per formare ioduro di sodio o ioduro di potassio, che sono integratori alimentari molto comuni.

Quando si acquista un integratore di iodio nascente, si acquista lo ione di iodio caricato negativamente, tipicamente sospeso in soluzione. Il corpo assorbe senza problemi questa forma pura di iodio.

La maggior parte delle forme di iodio diventa ioduro nel tratto digestivo, ma poiché lo iodio nascente è già in forma ionica, è più facilmente e rapidamente utilizzabile per l’organismo.

Lo iodio nascente è un potente disintossicante

Come iodio ad alta energia e carica elettromagnetica pura, lo iodio nascente viene prontamente assorbito dal corpo e dalla ghiandola tiroidea. Lo iodio nascente soddisfa tutti i benefici per la salute offerti da qualsiasi iodio alimentare: supporta la tiroide, la salute del seno, lo sviluppo cerebrale e osseo e del metabolismo, ma in una forma più efficiente e prontamente assorbita! Di seguito sono riportati alcuni dei benefici dello iodio nascente e di come supporta il benessere.

Lo iodio nascente è un potente disintossicante di tossine alimentari, sintetiche e ambientali, in particolare dei cosiddetti alogeni gozzigeni:

  • bromo (il pane è ricco di bromo così come il cavolfiore)
  • cloro (presente nell’acqua di rubinetto, piscine e prodotti per l’igiene)
  • fluoro (presente nei dentifrici, collutori e chewing gum, danneggia il cervello, abbassa il quoziente intellettivo, e viene assorbito dalla tiroide perché è chimicamente simile allo iodio, con la conseguenza di danneggiarne il funzionamento)

e

  • iodio radioattivo (emesso nell’atmosfera con l’esplosione dei reattori nucleari di Chernobyl e Fukushima che è arrivato anche da noi in Italia, in un modo o nell’altro)

Lo iodio nascente aiuta nella disintossicazione eliminando questi alogeni dal corpo e rallentando l’assorbimento di queste sostanze potenzialmente tossiche che vengono introdotte dall’esterno.

L’antico uso dello iodio sulla pelle

I medici hanno usato lo iodio come antisettico per centinaia di anni. Ricordo ancora da bambino quando mia mamma mi spalmava queste gocce rosse sui tagli e ogni volta che mi facevo male. Lo iodio viene applicato localmente sulla pelle per aiutare le ferite a guarire senza sviluppare infezioni, per migliorare la salute e prevenire la crescita di agenti patogeni e organismi nocivi. Agisce anche come antiossidante, contrasta gli effetti dei radicali liberi che possono altrimenti causare danni alle cellule. In questi modi, lo iodio aumenta il sistema immunitario.

Controindicazioni

Lo iodio nascente è considerato sicuro per la maggior parte delle persone. Se hai problemi alla tiroide o altri disturbi della salute, verifica con il tuo medico prima di utilizzarlo e per le dosi utili al tuo organismo. Da evitare in caso di ipertiroidismo (ovvero tiroide che funziona troppo).

Sebbene gli effetti indesiderati dello iodio siano rari, alcune persone hanno segnalato problemi minori tra cui un gusto metallico in bocca, una sensazione di bruciore, nausea, mal di testa o diarrea.

Lo iodio è sicuro per le donne incinte ed è essenziale per lo sviluppo del nascituro. Le donne in gravidanza e in allattamento devono aumentare la loro dose di iodio per garantirne abbastanza per se e per il loro bambino.

Lo iodio può interagire con i farmaci per la pressione e con i diuretici.

Iodio e tiroide, vanno bene?

Spesso coloro che hanno problemi alla tiroide affermano che lo iodio fa male alla tiroide. Questo è ovviamente falso. La realtà è che coloro che hanno problemi alla tiroide assumono sempre un farmaco che è un ormone sintetico, la tiroxina, che cerca di sopperire alla bassa funzionalità della tiroide. Lo iodio attiva la tiroide e la fa tornare a funzionare meglio producendo più ormoni, perciò chi assume il farmaco (che contiene ormoni), si troverà troppi ormoni tiroidei in circolo. Per questa ragione, i medici funzionali che riabilitano la tiroide dei pazienti, diminuiscono la dose del farmaco e prescrivono l’integrazione di iodio. Chi sta assumendo un farmaco e vuole assumere lo iodio, dovrebbe consultare un medico per aggiustare il dosaggio e monitorare la situazione della tiroide.

Modo d’uso

6 gocce al giorno in bocca e poi bere immediatamente una piccola quantità di acqua (non di rubinetto). Oppure come suggerito dal terapeuta per il tuo caso specifico. Il miglior modo è assumerlo a stomaco vuoto.

Dove acquistare lo iodio nascente

Non è facile trovarlo nei negozi. In Italia è in vendita nell’ottima formulazione dell’azienda britannica Good Health Naturally che offre 315 mcg di iodio nascente per goccia! Le recensioni sono molte, entusiaste e ne ho dato un assaggio più sopra. Lo iodio nascente si trova sotto il nome di Nascent Iodione e può essere acquistato online cliccando qui o sull’immagine qui sotto.

iodio nascente acquista

Iodio nascente consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Fammi sapere la tua esperienza nei commenti!

Riferimenti scientifici
  1. Caspary W, Cohen B, Lesko S, Ts’o PO. “Electron paramagnetic resonance study of iodine-induced radicals of benzo( ) pyrene and other polycyclic hydrocarbons“. Biochemistry. 1973 Jul 3;12(14):2649-56.
  2. Iodine.” — Health Professional Fact Sheet. National Institutes of Health.” 2015. 21 Apr. 2016
  3. Chung HR. “Iodine and thyroid function.” Annals of Pediatric Endocrinology & Metabolism. 2014;19(1),8-12.
  4. Ahad F, Ganie SA. “Iodine, Iodine metabolism and Iodine deficiency disorders revisited.” Indian J Endocrinol Metab. 2010;14(1),13-17.
  5. Delange F. “[Disorders due to iodine deficiency].” [Article in French]. Acta Clin Belg. 1990;45(6):394-411.
  6. Sardana D, et al. “Thyroid hormones in pregnancy and preeclampsia.” Journal of the Turkish German Gynecological Association. 2009;10(3):168-171.
  7. U.S. Department of Health and Human ServicesNational Institute of Health Office of Dietary Supplements. “Iodine Fact Sheet for Consumers.” Last updated February 17, 2016.
  8. Brent GA. “Mechanisms of thyroid hormone action.” The Journal of Clinical Investigation. 2012;122(9):3035-3043. doi:10.1172/JCI60047.
  9. Schroeder AC, Privalsky ML. “Thyroid Hormones, T3 and T4, in the Brain.” Frontiers in Endocrinology. 2014;5:40. doi:10.3389/fendo.2014.00040.
  10. Eales JG, Maclatchy DL. “The relationship between T3 production and energy balance in salmonids and other teleosts.” Fish Physiol Biochem. 1989 Jun;7(1-6):289-93. doi: 10.1007/BF00004719.
  11. Gaitan E. “Goitrogens.” Baillieres Clin Endocrinol Metab. 1988 Aug;2(3):683-702.
  12. Pavelka S. “Metabolism of bromide and its interference with the metabolism of iodine.” Physiol Res. 2004;53 Suppl 1:S81-90.
  13. Ohno S, et al. “Relationship among iodine, bromine and chlorine concentrations in cow’s milk in Japan.” Radioisotopes. 1989 Jun;38(6):279-81.
  14. Zhao W, et al. “Long-term Effects of Various Iodine and Fluorine Doses on the Thyroid and Fluorosis in Mice.” Endocr Regul. 1998 Jun;32(2):63-70.
  15. Dolan LC, et al. “Naturally Occurring Food Toxins.” Toxins. 2010;2(9):2289-2332. doi:10.3390/toxins2092289.
  16. Gaitan E. “Goitrogens in food and water.” Annu Rev Nutr. 1990;10:21-39.
  17. Derry DM. “Successful human scar regeneration by topical iodine: a case report: an interim (3.5 year) summary.” Med Hypotheses. 2009 May;72(5):553-61. doi: 10.1016/j.mehy.2008.11.038. Epub 2009 Jan 24.
  18. PubMed Health. “Iodine (Topical route).”
  19. Kim CH, Yoon TY. “[Action of several chemicals on the parasites eggs and larvae in Korean Pickle(Kimchi)].” Kisaengchunghak Chapchi. 1966 Aug;4(1):47-51.
  20. Reichman DE, Greenberg JA. “Reducing Surgical Site Infections: A Review.” Reviews in Obstetrics and Gynecology. 2009;2(4):212-221.
  21. van den Broek PJ, et al. “Bladder irrigation with povidone-iodine in prevention of urinary-tract infections associated with intermittent urethral catheterisation.” Lancet. 1985 Mar 9;1(8428):563-5.
  22. Nagatake T, et al. “Prevention of respiratory infections by povidone-iodine gargle.” Dermatology2002;204 Suppl 1:32-6.
  23. Menon VU, et al. “Iodine status and its correlations with age, blood pressure, and thyroid volume in South Indian women above 35 years of age (Amrita Thyroid Survey).” Indian Journal of Endocrinology and Metabolism. 2011;15(4):309-315. doi:10.4103/2230-8210.85584.
  24. Harlan AW. “Dental Review: Devoted to the Advancement of Dentistry, Volume 7.”, (Chicago: H.D. Justi and Son, 1893), 452.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni