Keshe: Il Governo Italiano ha risposto all'Interrogazione Parlamentare

1 Commento

keshe_peace_world

Nell’immagine sopra è riportata la risposta scritta del Sottosegretario agli Affari Esteri, Marta Dassù, per l’ Interrogazione presentata dall’ On. Fabio Meroni  il 5 novembre sulla consegna chiavetta con la Tecnologia Keshe all’Ambasciata Italiana in Belgio. Lo scopo dell’ Interrogazione era quello di conoscere i dettagli rispetto alla consegna dei Piani esecutivi della Tecnologia Keshe e quali sono le valutazioni che hanno indotto il Governo ad acquisire la tecnologia in questione e quali organismi stiano valutando la tecnologia acquisita, per i dettaglia vedi l’articolo Ambasciata Italiana conferma: Il Ministero degli Esteri Italiano ha ricevuto la Tecnologia Keshe.

Riporto il testo pubblicato sul sito del governo

Lo scorso 6 settembre,la Keshe Foundation  ha organizzato un incontro presso i propri uffici di Ninove(Belgio), invitando tutto il corpo diplomatico accreditato nel Paese.Anche alla luce dei numerosissimi messaggi di posta elettronica da parte di cittadini  italiani  che invitavano la Sede ad essere presente,anche un rappresentante del’Ambasciata  d’Italia  a Bruxelles  ha partecipato al’incontro.

Il 26 ottobre il Presidente  dell omonima  Fondazione ,Ing. Keshe si è personalmente presentato presso la Cancelleria Diplomatica del Ambasciata  a Bruxelles ,chiedendo di essere ricevuto per consegnare della documentazione relativa ai progetti della Fondazione.In tale occasione,nel’ambito delle cortesie d’uso proprio delle Missioni Diplomatiche ,l’Ing.Keshe e’stato ricevuto nuovamente  da un rappresentante dell’ Ambasciata ,al quale ha consegnato su sua iniziativa un supporto  informatico  acquisito agli  atti della Sede ,contenente alcuni file riferibili ai progetti della Keshe Foundation .Come da prassi ,si sta provvedendo ad inviare  tali file per un eventuale esame da parte degli Enti competenti in materia.

Le notizie riportate  dal sito della Fondazione  sulla presunta disponibilità manifestata dal’Ambasciata ,a nome del Governo Italiano ,di accettare  una collaborazione in campo  spaziale ,sono il frutto di una strumentalizzazione  dei contatti avuti e prive di ogni fondamento.

Il filmato a cui fa riferimento la Fondazione e’ stato abusivamente registratodal’Ing.Keshe durante l’incontro e riprende unicamente il momento della consegna del supporto informatico. Appare evidente che tale registrazione non possa e rappresentare la prova di un impegno ufficiale dell’Ambasciata,ne’, suo tramite,del Governo Italiano,che necessità ,come noto,di ben altre forme per essere manifestato.

Come si legge nel blog Iconicon di Jervé, Fabio Meroni ha commentato tale risposta:

La risposta lascia  perplessi.

Perché in due mesi non si è proceduto a trasmettere le informazioni ricevute ad una delle varie prestigiose Università Italiane al fine di validare il contenuto?

In alternativa ci dicano quali sono gli “Enti Competenti” in materia che se ne dovrebbero occupare.

Ricordiamo che il  Dott. Keshe vuole mettere  a disposizione dei Governi che si dimostreranno interessati una serie di brevetti, a titolo completamente gratuito, che potrebbero rivoluzionare il settore medico, energetico e dei trasporti.

Come mio impegno sto lavorando per organizzare un’audizione per il Dott. Keshe in una delle Commissioni permanenti della Camera

Fabio Meroni

Se il governo non collabora lo faranno i cittadini dato che lo stesso Keshe ha intenzione di supportare dei gruppi di studio indipendenti per la realizzazione del reattore al plasma come si legge in questo suo ultimo post Tecnologia Keshe: Formazione dei Gruppi di Lavoro dal 15/12.

Dioni

 

Per approfondire sull’Ing. Keshe, la sua tecnologia, le dichiarazioni e gli eventi avvenuti vedi https://www.dionidream.com/category/keshe/

 

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Commento su questo post

  1. Costantino Terlati says:

    Come si potrebbe fare per essere preso in considerazione per un eventuale approvviggionamento di tale dispositivo? Se qualcuno potrebbe fornirmi informazioni in merito. Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline