Conoscete la chufa? La chufa, anche detto zigolo dolce, babbagigi o tiger nut in inglese, è un piccolo tubero molto conosciuto in Spagna, ma presente anche in Italia. In Spagna è fortemente diffuso nella regione di Valencia, poiché ne ricavano una deliziosa bevanda, chiamata “horchata” (o orxata), simile alla nostra orzata, un drink ricco di vitamine e minerali, facilmente digeribile. Nonostante all’apparenza possa sembrare un frutto secco raggrinzito, in realtà è il tubercolo radicale di una pianta simile al papiro chiamata “Cyperus esculentus”. Il suo sapore, le sue grandi proprietà nutritive e l’ampia versatilità di impiego in cucina, stanno facendo della chufa un tubero sempre più valido ed utilizzato, candidato a divenire uno dei prossimi “superfood di tendenza”.

 

Caratteristiche e benefici della chufa

La chufa è ricca di fibre, addirittura una quantità maggiore rispetto ad alimenti quali prugne secche, semi di chia e cereali integrali, quali l’avena. Questa proprietà, insieme al senso di sazietà che è in grado di dare, rendono questo alimento un ottimo alleato per restare in forma. Sotto il profilo nutrizionale la chufa risulta essere un alimento assai interessante poiché priva di glutine e lattosio e contenente sali minerali e acidi grassi importantissimi per l’organismo. Oltre ad essere fonte di carboidrati, fibre e proteine essa è composta da preziose sostanze quali potassio, fosforo, magnesio, calcio e ferro. Contiene inoltre vitamina E, vitamina C, enzimi e aminoacidi, oltre che probiotici e antiossidanti (in particolari i flavonoidi) ed è stato in parte studiato per le sue caratteristiche di modulazione del sistema immunitario e di mantenimento di regolari livelli di colesterolo e di diabete. Anche il sapore è davvero particolare: ad alcuni ricorda sia il sapore di cocco che di mandorla, per altri è più vicina al gusto della nocciola, ma i palati più sensibili e raffinati, hanno descritto la chufa, assaporata con un test ad occhi chiusi, come una combinazione di sapori che richiamano la patata americana, la vaniglia e in parte il miele. Se amate questi gusti e questi sapori e non avete ancora avuto modo di assaggiarla, la cosa migliore da fare è provarla e raccontarci la vostra esperienza! A livello commerciale, la chufa è generalmente venduta essiccata. Vi sono differenti modalità per il consumo e l’utilizzo, tendenzialmente dopo averla messa a mollo per alcune ore: può essere mangiata cruda come snack o arrostita, bollita o spremuta. Se mantenuta essiccata, può essere utilizzata come vera e propria farina. E’ importante, per i grandi consumatori di Horchata de Chufa, considerare e valutare le modalità di lavorazione e conservazione del prodotto, in quanto queste possono alterare le proprietà organolettiche finali del prodotto.

 

Peculiarità e utilizzi – Olio e Farina di Chufa

Oltre ai benefici già citati per la salute, la chufa ha il grandissimo vantaggio di non contenere né lattosio né glutine, il che la rende un ingrediente versatile da aggiungere a qualsiasi tipo di alimentazione, sia essa vegana o celiaca. Oltre all’utilizzo essiccato o a seguito del periodo di ammollo, l’olio di chufa sta riscuotendo un certo interesse anche fuori dalla Spagna, grazie alle proprietà benefiche in parte assimilabili al tradizionale olio di oliva. La chufa contiene infatti una buona quota di acido oleico, un acido grasso mono-insaturo che aiuta a ridurre il colesterolo “cattivo” e a regolare la pressione sanguigna. Questo alimento svolge inoltre un’azione protettiva nei confronti della mucosa intestinale, stimola i processi di assorbimento dei minerali e contrasta l’azione dei radicali liberi. Chi ha utilizzato questo tubero ha messo in evidenza soprattutto le sue proprietà diuretiche e digestive: esso aiuta a contrastare i gonfiori addominali e ad attenuare il meteorismo e la stitichezza. La chufa è inoltre un cibo saziante e rimineralizzante ed è per questo motivo apprezzata anche dagli sportivi e da chi segue diete dimagranti. Tra le sue numerose proprietà citiamo quella di stimolare l’assorbimento del calcio, la rigenerazione del tessuto osseo e la prevenzione dell’aterosclerosi.

La farina di chufa si può infatti aggiungere ai cereali o al muesli per colazione, al latte vegetale, oppure può semplicemente essere mescolata allo yogurt. Può essere utilizzata anche nell’impasto di torte e nel pane, così come per la preparazione di pancake o biscotti. Per i vegetariani questi piccoli tuberi si conservano perfettamente in barattoli con il miele, un ingrediente che si sposa perfettamente con la chufa, in quanto in grado di valorizzarne ancor di più il sapore. La reperibilità di tali prodotti, grazie all’avvento dell’online, non è più così difficoltoso. Consigliamo sempre la lettura dell’etichettatura e l’acquisto da piattaforme certificate. Nel caso in cui vogliate intraprendere un serio cambio nel vostro stile di vita e siete a conoscenza di alcuni disturbi a livello organico, vi ricordiamo l’importanza di rivolgervi a personale qualificato, che possa seguirvi nel vostro percorso personalizzato.

Nelle coltivazioni, la chufa è stata studiata per le sue possibili combinazioni e condizioni potenziative delle microflore dei terreni in associazione ad altre pianti, quali i cereali. Da un punto di vista microbiologico, le piante di chufa hanno mostrato di poter migliorare il sistema di supporto biologico.

Valori Nutrizionali

Concludiamo la nostra trattazione sulla chufa riportandovi la tabella dei valori nutrizionali. Secondo le raccomandazioni del Consejo Regulador, la composizione nutrizionale tipica di 100 ml di bevanda di Horchata de Chufa, che può consumarsi fresca, o pastorizzata, o in forma di granita, è il seguente:

  • Contenuto energetico: circa 66 kcal;
  • Proteine: circa 0,5 g;
  • Carboidrati: oltre 10 g con almeno 1,9 g di amidi;
  • Grassi: almeno 2 g.
  • Il tenore in fibra suole essere superiore a 0,5 g/100 ml;
  • Sodio: inferiore a 0,1 g/100 ml.

Riferimenti Scientifici

Elena Roselló-SotoFrancisco J BarbaPredrag PutnikDanijela Bursać KovačevićJose M LorenzoYara Cantavella-Ferrero. “Enhancing Bioactive Antioxidants’ Extraction From “Horchata De Chufa” By-Products. Foods. 2018 Oct 1;7(10):161. DOI: 10.3390/foods7100161

 

Elena Roselló-SotoMahesha M PoojaryFrancisco J BarbaMohamed KoubaaJose M LorenzoJordi MañesJuan Carlos Moltó. “Thermal and Non-Thermal Preservation Techniques of Tiger Nuts’ Beverage “Horchata De Chufa”. Implications for Food Safety, Nutritional and Quality Properties”. Food Res Int. 2018 Mar;105:945-951. DOI: 10.1016/j.foodres.2017.12.014

 

Yanghe LuoXingren LiJuan HeJia SuLiyan PengXingde WuRunan DuQinshi Zhao. “Isolation, Characterisation, and Antioxidant Activities of Flavonoids From Chufa (Eleocharis Tuberosa) Peels. Food Chem. 2014 Dec 1;164:30-5. DOI: 10.1016/j.foodchem.2014.04.103

 

M P ShilenkoG S KalachevaG M LisovskiĭI N Trubachev. [Chufa (Cyperus Esculentus) as a Source of Vegetable Fats in a Sealed Life-Support System] Kosm Biol Aviakosm Med

. Sep-Oct 1979;13(5):70-4.

 

L S IunusovaN A Drugova [Microflora of Chufa–A Potential Component of the Human Biological Life Support System] Kosm Biol Aviakosm Med. Jul-Aug 1985;19(4):65-8. PMID: 2865392

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni