La curcuma ripara i tessuti danneggiati del fegato e lo preserva

9 Commenti

 curcuma

La curcuma è un’antica spezia molto usata in oriente e che, negli ultimi anni, è sempre più conosciuta anche in Italia, oltre che per il suo gusto pungente anche per le sue molteplici proprietà antiossidanti, antinfiammatorie, antisettiche e antitumorali. Oggi parleremo della sua incredibile capacità di rigenerare i tessuti del fegato e di preservarne la salute generale.

La curcuma – o zafferano delle Indie –  è una spezia medicina le cui notizie risalgono fino a più di 2000 anni fa. Il suo componente biologicamente attivo è la curcumina, di cui potete leggere i notevoli benefici in questo articolo. La ricerca ha connesso la curcuma a una grande varietà di meravigliose proprietà, tra i quali emerge il mantenimento della salute del fegato.

IL RUOLO DELLA CURCUMA NELLA SALUTE DEL FEGATO

Secondo un nuovo studio del Giornale dell’Associazione Medica Thailandese, gli scienziati hanno scoperto che il tessuto del fegato di topi affetti da diabete veniva riparato e addirittura rigenerato grazie all’aiuto di questa potente radice.

“È stato affascinante notare come la struttura microvascolare del fegato di un gruppo trattato con la curcumina abbia sviluppato una rigenerazione e riparazione dei tessuti fino a riportarli a caratteristiche normali e salutari. Concludono “Questi risultati dimostrano ottimisticamente il potenziale uso della curcumina come un nuovo agente terapeutico nelle patologie del fegato dei diabetici”.

Ma cosa rende la curcuma così speciale? È appunto la sua componente attiva chiamata curcumina, da lungo tempo connessa con la salute del fegato.Numerosi studi hanno collegato in maniera effettiva questo agente nel combattere il cancro al fegato e nel miglioramento dei fibromi del fegato.

LO STUDIO KOREANO

Un nuovo esperimento clinico pubblicato nel BMC Complementary and Alternative Medicine Journal [1] fa luce sulle incredibili proprietà protettive e rigenerative dei tessuti del fegato.

Dei ricercatori Sud Koreani del centro di sperimentazione clinica del Chonbuk National University Hospital, hanno testato la loro ipotesi secondo cui la curcuma può migliorare il funzionamento del fegato, amministrando una forma fermentata ai soggetti, di 20 anni o più, a cui erano stati diagnosticati da livelli lievi a moderatamente elevati di alanina aminotranferasi, un enzima che indica lo stato di salute del fegato.

Sessanta soggetti sono stati randomizzati per ricevere 3.0 g di polvere di curcuma fermentata (FTP) o 3.0 g di placebo al giorno per 12 settimane. Il gruppo di prova ha ricevuto 2 capsule di FTP 3 volte al giorno dopo i pasti, per 12 settimane.

I RISULTATI

Non solo la polvere di curcuma fermentata ha abbassato in maniera significativa i livelli di alanina aminotransferasi ma ha anche ridotto l’ aspartato transaminasi (AST) e il gamma-glutammiltransferasi (GGT), altri due enzimi che, quando elevati, sono comunemente associati con dei danni al fegato. Gli effetti sono rimasti per tutta la durata del trattamento. L’ FTP inoltre è stato ben tollerato e non ha presentato nei soggetti degli effetti avversi significativi.

Questo studio aggiunge ancora più importanza al vasto corpo di studio di ricerca preclinica che si è accumulato nelle ultime due decadi e che conferma che la curcuma e il suo principale polifenolo, la curcumina, ha delle proprietà di protezione sul fegato.

GLI ALTRI BENEFICI DELLA CURCUMA

La curcuma ha il potere unico di assistere gli enzimi che sono responsabili dell’eliminazione degli ormai noti agenti cancerogeni contenuti negli alimenti. Il risultato è una migliore e maggiore protezione contro i danni al fegato e addirittura la rigenerazione delle cellule epatiche malate. La curcuma è inoltre responsabile del miglioramento della salute della cistifellea.

In relazione al diabete ci sono innumerevoli studi che collegano la curcumina al trattamento dei malati di diabete, grazie alla protezione del fegato, alla funzione dei reni, alla retinopatia tipica dei diabetici, cataratte, densità delle ossa, prevenzione e neuropatie.

La lista dei benefici non si ferma qui, la curcuma infatti ha mostrato di avere notevoli benefici anche per i malati di Alzheimer. Gli esperti credono che la bassa incidenza di questa malattia nelle popolazione del Medio Oriente possa essere attribuita al largo consumo di curcuma.
Melanoma, cancro al seno, cancro ai polmoni e alla gola e, naturalmente, al fegato, possono essere tutti aiutato con un abbondante uso di curcuma.

[1] Sang-Wook Kim, Ki-Chan Ha, Eun-Kyung Choi, Su-Young Jung, Min-Gul Kim, Dae-Young Kwon, Hye-Jung Yang, Min-Jung Kim, Hee-Joo Kang, Hyang-Im Back, Sun-Young Kim, Soo-Hyun Park, Hum-Young Baek, Yong-Jae Kim, Joon-Yeol Lee, Soo-Wan Chae. The effectiveness of fermented turmeric powder in subjects with elevated alanine transaminase levels: a randomised controlled study. BMC Complement Altern Med. 2013 ;13:58. Epub 2013 Mar 8. PMID: 23497020

Curcuma Elkosan - 300g
Polvere di curcuma, zenzero e riso integrale – rafforza il sistema immunitario – Antinfiammatorio naturale

Voto medio su 5 recensioni: Buono

Curcuma
Le straordinarie virtù e i benefici per la salute – Con gustose ricette

Voto medio su 15 recensioni: Da non perdere

Curcuma - TS 20 - Estratto Idroalcolico
Migliora la funzionailtà digestiva

Voto medio su 1 recensioni: Buono

Curcuma Complex - 30 Compresse
curcuma, zenzero e pepe nero, naturalmente senza glutine

Voto medio su 4 recensioni: Buono

Curcuma Bio - Olio Essenziale Puro - 10 ml
Curcuma longa – Eccellente anti-age – Trattamento delle macchie – Allergie cutanee e infiammazioni – Cellulite avanzata.

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Vedi anche
[catlist name=curcuma]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

9 Commenti su questo post

  1. anna chiara says:

    io ne prendo un cucchiaino scarso tutte le mattine con lo yogurt. volevo sapere se è sufficiente per ottenere i benefici descritti o se è meglio prenderla in capsule ed in quale quantità. grazie

  2. Lo uso regolarmente, anche se da poco

  3. Sempre mezzo cucchiaino in tutte le preparazioni cotte e a pizzichi abbondanti nelle insalate. Sinergico con il pepe nero e lo zenzero; insieme aumentano in modo esponenziale le reciproche proprietà…

  4. Lo uso moltissimo in cucina,colora le pietanze fa benissimo.(sostituisce lo zafferano ).

  5. Tutti i giorni un cucchiaino nei miei frullati …e cosi anche lo zenzero nel mio te …buinissimi entrambi ..

  6. Qualcuno sa dove trovarlo fresco a Roma?

  7. Marcello says:

    Mi sapete dire quanto pepe nero basta per attivare un cucchiaino di curcuma? non vado matto per l’idea di usare il pepe nero, ma da qualche tempo lo inserisco d”ufficio” insieme alla curcuma. Che io sappia, un cucchiaino al giorno è la dose di curcuma che hanno testato su popolazioni indiane e che ha dimostrato essere efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline