La dieta 80/10/10 del Dott. Graham

2 Commenti

Dr. Douglas Graham

Ottanta percento di carboidrati, dieci percento di proteine e dieci percento di grassi. E’ da qui che viene il nome della dieta 80-10-10, una dieta che comincia a guadagnare popolarità anche dalle nostre parti. Una dieta a base di frutta e verdura che promette non solo di farvi avere il peso forma, ma anche di tornare a sentirvi energici e vitali, tenendo contemporaneamente lontane patologie gravi e meno gravi.

AUTOREVOLI CONFERME DA COLIN CAMPBELL E DA DEAN ORNISCH

A supporto delle sue affermazioni, il dr T. Colin Campbell riporta, nel libro The China Study, che test effettuati sull’alimentazione dei contadini cinesi hanno dimostrato che una riduzione del grasso nella dieta dal 24% al 6% delle calorie totali è associata ad un rischio inferiore di cancro al seno. Il dr Dean Ornisch, rinomato cardiologo e autore, nonché presidente e fondatore del Preventive Medicine Research Insitute a Sausalito, California, afferma che mentre la maggior parte della gente americana consuma circa dal 40 al 50% delle loro calorie in grassi, la dieta da lui prescritta ne deve contenere meno del 10%.

DIVERSI LEADER DELLA NUTRIZIONE NATURALE CONVENGONO SULLA VALIDITÀ
DELLA SCUOLA GRAHAM

Molti altri medici e professori, conosciuti per il loro operato in campo nutrizionale, come John McDougall, Michael Klaper, William Harris, Ruth Heidrich, Michael Greger e Neal Barnard, sono concordi, che il 10% delle calorie totali, come consumo di grassi vegetali, sia più che adeguato e che la salute cominci a declinare significativamente ad ogni livello quando si supera il 15%. Qualsiasi dieta, che sia onnivora, vegetariana o vegana, supera di gran lunga queste percentuali consigliate, se non si limita l’apporto di grassi con un’accurata selezione delle fonti ed una giusta dose di essi.

LA BASE DELLA SALUTE STA NELL’OSSIGENO, NEL GLUCOSIO E NELL’ORMONE INSULINA CHE VEICOLA IL GLUCOSIO E CHE NON DEVE TROVARE MELMA ADIPOSA SUL PERCORSO

Un eccesso di grasso in circolo interferisce con la funzionalità dell’insulina, l’ormone che veicola il glucosio, l’unica forma di zucchero circolante nel flusso sanguigno, la quale provvede a legarlo e a trasportarlo alla sua destinazione cellulare. Hai presente come restano unte le mani quando tocchi dell’olio da cucina? Praticamente, sulle molecole si forma un film lipidico dello stesso genere, che impedisce il corretto funzionamento dei recettori, deputati al legame tra le molecole.

INSUFFICIENZA INSULINICA O  SCOMPENSO GLICEMICO CHIAMATO DIABETE, PER SFIANCAMENTO DEL PANCREAS

Questa evenienza è chiamata in causa nell’insorgenza dell’insufficienza insulinica, così è chiamata per la ridotta capacità insulinica di portare il glucosio a destinazione. Questo può portare, nel tempo, ad esaurimento del pancreas, l’organo che la secerne. Poiché le molecole di glucosio rimangono più del dovuto nel circolo ematico lipo-tossico, vi è una richiesta continua di insulina, che il pancreas cerca di esaudire sfiancandosi nello scompenso glicemico chiamato diabete.

Loading...

GLI ZUCCHERI SEMPLICI E VIVI DELLA FRUTTA SONO LIQUIDO RESTAURATORE

È di fondamentale importanza conoscere questa dinamica e fare attenzione alla quantità e qualità dei grassi introdotti, a maggior ragione con l’alimentazione crudista, che comprende un notevole apporto di zuccheri semplici tramite abbondanti quantitativi di frutta.

BILANCIARE L’APPORTO DI GRASSI VEGETALI NEL CORSO DELLA SETTIMANA

Una piccola porzione di noci e di semi, oppure mezzo avocado, o una decina di olive bastano già a raggiungere la percentuale indicata, per un apporto giornaliero di circa 1800 calorie, perciò è raccomandabile bilanciare l’apporto dei grassi nell’arco della settimana. Ad esempio, se un giorno eccedi, puoi restare più leggero il giorno dopo, per compensare. La testimonianza personale del dr Graham, crudista dal 1978, atleta e trainer di fama internazionale è emblematica ed ispirante!

ASCOLTARE ATTENTAMENTE I NOSTRI SENSORI ED ASSECONDARE LE VARIABILI ESIGENZE DEL CORPO

Insieme a tanta frutta e parecchia verdura avrai comunque sufficiente grasso per soddisfare ogni esigenza nutrizionale. Se fai sport o attività fisica avrai bisogno di un apporto calorico superiore e, di conseguenza, di un quantitativo maggiore di tutte le sostanze nutritive, compresi i grassi. Schemi e principi vanno considerati, ma la prima cosa da fare rimane quella di saper ascoltare i nostri sensori interni, segnalatori dell’appetito e della sazietà in proporzione al nostro consumo energetico e al nostro fabbisogno calorico.

IL DR DOUGLAS GRAHAM E LA DIETA 80-10-10

In questo video (con sottotitoli attivabili in italiano) il dott. Douglas Graham ci spiega il principio della dieta 80/10/10 della quale parla nel suo libro “The 80/10/10 diet”, con particolare riferimento alla percentuale dei grassi. Si tratta di una dieta composta da almeno 80% di carboidrati, fino al 10% di proteine e fino al 10% di grassi, rispetto alle calorie totali giornaliere.

Se sei interessato a conoscere le proporzioni dei vari nutrienti che assumi quotidianamente puoi trovare aiuto in vari programmi per computer o “app” per i telefoni che supportano questa funzionalità. Tra i più conosciuti Cron-O-Meter (http://cronometer.com), Fitday (www.fitday.com ) e Shape Up (http://www.shapeupclub.com ), quest’ultimo in italiano.

E’ disponibile anche un altro filmato nel quale il Dr. Graham, ospite di Kristina Carrillo-Bucaram, spiega come la dieta 80/10/10 sia la più salutare in assoluto: un concentrato del suo libro citato precedentemente.

The China Study - DVD
Il più importante e completo studio su alimentazione e salute – Videocorso formativo + Intervista Esclusiva

Voto medio su 16 recensioni: Da non perdere

The China Study - Le Ricette - Libro
Per un’alimentazione sana e naturale – Oltre 120 ricette integrali e vegetali

Voto medio su 29 recensioni: Buono

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

2 Commenti su questo post

  1. filippo says:

    lascia perde, io se non assumo 30% di proteine mi viene sonno (intendo spirulina o legumi, non carne)…

  2. Sergio says:

    Veramente molto utile e pratico, frutta4life. È possibile trovare il libro in Italiano??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close