Ecco come la visione periferica può deformare la realtà VIDEO

2 Commenti

illusione dell'anno

Brad Pitt può sembrare attraente quando visto direttamente. Ma l’illusione che ora scoprirete mostra come bellissimi volti possono rapidamente sembrare brutti se visti attraverso la visione periferica.

L’effetto è stato scoperto accidentalmente da Sean Murphy, uno studente di psicologia all’Università del Queensland in Australia. Stava lavorando da solo in laboratorio su una serie di facce per uno dei suoi esperimenti: ha allineato una serie di facce al livello degli occhi e iniziò a sfogliarle. Dopo pochi secondi, si accorse che alcuni dei volti cominciavano ad apparire altamente deformi e grotteschi. Guardò allora singolarmente le facce che apparivano brutte, ma ognuno di loro era esattamente normale e addirittura attraente.

Hanno chiamato questo fenomeno “Flashed Face Distortion Effect l’hanno voluto condividere con il mondo, così è su YouTube e puoi averne prova tu stesso!

L’illusione ha vinto il premio per la migliore illusione dell’anno nel 2012.

Questo effetto è dovuto alla visione periferica che è responsabile per gran parte della nostra vista e permette agli esseri umani di avere un campo di circa 220 gradi in orizzontale e 170 gradi in verticale, ed è quella che ci permette di vedere al buio. In questo video devi fissare la croce al centro, così da guardare i volti con la visione periferica.

L’effetto sembra dipendere dall’elaborazione di ogni faccia rispetto alle altre. Allineando le facce agli occhi e presentandole rapidamente, diventa molto più facile confrontarle, quindi le differenze tra le facce sono più estreme. Se qualcuno ha un grande mascella, sembra quasi un orco. Se hanno una fronte particolarmente ampia, poi sembra particolarmente bulbosa. La ragione esatta del fenomeno non è ancora chiara, ma tutti possiamo vederlo!

Riferimenti

Tangen, J. M., Murphy, S. C., & Thompson, M. B. (2011). Flashed face distortion effect: Grotesque faces from relative spaces. Perception, 40, 628-630 doi:10.1068/p6968 

Attribution: Dr Jason Tangen, Mr Sean Murphy, Mr Matthew Thompson. The University of Queensland

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. D’ora in poi mi faro’ guardare solo perifericamente…migliorero’ di certo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline