La Rivincita di Di Bella – Studi confermano la validità dell'Acido Retinoico e Melatonina nella cura del cancro

6 Commenti

luigi di bella

La Melatonina usata da Di Bella già nel 1969, quando nessuno ne parlava e sapeva cosa fosse, oggi è oggetto di studio e ricerca dato che si sta scoprendo le sue incredibili capacità curative tanto che alcuni scienziati l’hanno chiamata la “Molecola dell’Immortalità”. Ebbene tanto le case farmaceutiche e i conservatori della classe medica italiana erano contro che nel 1996 ne vietarono la somministrazione. Le ragioni? Possiamo immaginarle, e dato che oggi si trova anche al supermercato possiamo di sicuro dire che non era per proteggere la nostra salute, anzi.

Oggi chiunque può verificare sulla massima banca dati medico scientifica mondiale PUBMED l’enorme sviluppo della ricerca sulla melatonina con 20.908 pubblicazioni che documentano effetti  rilevanti in patologie cardiocircolatorie, ematologiche, oncologiche, degenerative, immunitarie e tumorali.

Per chi non sapesse la storia del Metodo Di Bella per la cura dei tumori deve sapere che è basato sul fatto che tutti gli organismi viventi possiedono sia i meccanismi responsabili della differenziazione e della crescita delle cellule tumorali, sia le difese per combattere lo sviluppo delle medesime. Insomma la formazione di cellule cancerose è tanto naturale quanto la loro eliminazione.

La terapia del professor di bella, agendo sulle cellule sane e sul loro metabolismo e  non direttamente sulle cellule tumorali, si propone di stimolare i meccanismi “naturali” di lotta dell’organismo e, attraverso questi, di produrre attorno ad ogni cellula “degenerata” un ambiente sfavorevole ed ostile per le sue funzioni vitali, siano esse di crescita che di riproduzione.

Così facendo la terapia cerca di ridurre le capacità vitali e riproduttive della cellula malata impedendogli di crescere e di proliferare in maniera abnorme. Nel contempo favorisce la “maturazione strutturale” (invecchiamento) del tessuto tumorale aumentando pertanto le possibilità che le cellule anomale vadano incontro ad una precoce “apoptosi” e cioè alla morte naturale.

Come puoi ben capire è un approccio diametralmente opposto alla chemioterapia che invece distrugge sia cellule sane che cellule malate, debilitando l’intero organismo. La cura Di Bella cerca proprio di rafforzare le naturali funzioni difensive del corpo e di sottrarre nutrimento alle cellule tumorali.

Qualche giorno fa è stata pubblicata una ricerca pubblicata su Stem Cells International, sulle cellule staminali che documenta l’effetto differenziante – e dunque potenzialmente antitumorale – di due sostanze della terapia Di Bella: l’acido retinoico e la melatonina. Sono entrambe molecole particolari, tossiche per le cellule tumorali e vitali per quelle sane.

Soddisfatto anche Giuseppe Di Bella, figlio di Luigi Di Bella e presidente dell’omonima Fondazione che ha finanziato la ricerca: “Si è avuta un’ulteriore conferma che l’acido retinoico esercita le più elevate proprietà differenzianti e che la melatonina ne amplifica l’effetto. È la piena conferma dell’intuizione di mio padre, che oltre 20  anni fa – in assenza di tecniche di biologia molecolare in grado di evidenziare i recettori nucleari dei retinoidi e della melatonina – ne aveva previsto non solo l’esistenza ma anche l’interazione, come documentato oggi”.

Prosegue Di Bella: “Le altre due sostanze, l’acido ialuronico e l’acido butirrico, sono state scelte per la loro funzione di supporto: il primo (che ha recettori diffusamente espressi nelle cellule tumorali) veicola l’acido retinoico e la melatonina all’interno della cellula, mentre l’acido butirrico agisce come ‘decompattatore’ del DNA consentendo agli agenti differenzianti (acido retinoico e melatonina) di interagire con le sequenze del DNA di cui regolano l’espressione genica”.

Ma questo è solo l’ultimo studio di una serie di conferme che il Metodo Di Bella, prima bistrattato e ridicolizzato, sta ora avendo dal mondo scientifico. Luigi Di Bella prima di morire nel 2003 disse: «Prima o poi dovranno sbattere il muso contro la mia terapia».

Ad esempio qualche tempo fa è stata pubblicata una ricerca sulla rivista Proceedings of the National Academy of Sciences che dimostrava come l’acido retinoico fosse utile contro il cancro. Nell’abstract si concludeva dicendo: “le cellule neoplastiche vanno incontro all’autodistruzione, attraverso un processo di morte cellulare programmata definito apoptosi, sia in vitro sia in vivo“.

Per approfondire

Giuseppe Di Bella – E’ finita la libertà di cura e di ricerca!

Veronesi convalida il Metodo Di Bella: Il tumore regredisce

La cura Di Bella è più efficace e meno costosa. Il Giudice: ‘La paghi lo stato’

La Melatonina è la chiave per l’immortalità?

Pineale: La ghiandola anticancro

 

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

6 Commenti su questo post

  1. Anna Biuso says:

    Ho sempre pensato che il dott. Di Bella fosse un medico serio…

  2. daniele says:

    ma siete rimasti indietro visto che non sapete che i 3,5 mg e la 5 mg di melatonina non si trova più nei supermercati è stata resa illegale la vendita già da 2 anni e ora anche con ricetta medica non la trovi più neanche in farmacia neanche ordinandola !!! quella da 1 mg è blanda e devi comunque pagare 5 volte di più per avere la stessa dose di prima perchè devi prendere 5 compressine …il tutto è fatto apposta per far desistere dall’uso !

    • Maric says:

      Su internet trovi una marea di tipi di melatonina, anche da 5 mg.

    • Giampaolo says:

      Vorrei far presente che nella melatonina del di bella non ci sono 5 mg di melatonina ma il 12% cioe’ 0,60 mg il resto glicina adenosina

  3. Stefania says:

    Curarsi da un tumore non può essere un “fai da te” andando al supermercato oppure sul web…. Io mi rivolgerei al Dottor Di Bella (figlio). Con certe cose non si scherza. Negli anni ’90 feci utilizzare ad un mio parente affetto da cancro ai polmoni, purtroppo in stato già avanzato, il Metodo Di Bella. Era difficile procurarsi la cura: c’era una sola farmacia in tutta la città che produceva in laboratorio il cocktail curativo del Prof. Di Bella è quando non c’era lì dovevo farmeli arrivare o dalla Germanua o dalla Grecia. All’epoca la ministra alla Sanità aveva proibito l’uso della terapia Di Bella quindi eravamo abbandonati a noi stessi, affrontando costi altissimi di milioni di Lire… Ma per far vivere gli ultimi istanti ad una persona cara una qualità di vita migliore si fa di tutto. Dio abbia in gloria il Prif. Di Bella e porgo un augurio al suo figliolo.

  4. Giuseppe Pasqualetto says:

    Mia mamma,tramite un allievo del Prof. Di Bella,ha seguito la cura che porta il Suo nome e stava bene,la massa tumorale ai polmoni (anche se non aveva mai fumato) non aumentava.Poi,per altri motivi,è stata ricoverata in ospedale e Le hanno vietato la cura anti-tumorale perché,a dire del primario di neurologia dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta,non era riconosciuta,malgrado ho detto che provvedevo in tutto.Mia madre,dopo pochi giorni,è morta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline