Dopo aver lavorato per 22 anni in un allevamento di polli svela l’orrenda verità

3 Commenti

allevatore polli

“Non si muovono, non mangiano, non bevono: questa non è vita” Craig Watts

Craig Watts, allevatore intensivo per la Perdue – il colosso statunitense della carne di pollame – ha deciso dopo 22 anni di lavoro di denunciare il modo in cui è costretto a trattare i pulcini – che in 37 giorni diventano carne da macello – dall’azienda per cui lavora. Ecco il video che ha fatto milioni di visualizzazioni in poche ore e denuncia lo stato degli allevamenti intensivi definiti “umani”.

Non possono vedere la luce del sole, vengono ipernutriti perché crescano velocemente, restano accovacciati per tutto il tempo della loro brevissima vita sulle  feci che bruciano completamente il loro petto. Le lettiere piene non vengono pulite tra un lotto di polli e l’altro, a volte per anni.

“Questa  non è vita, ne sono sicuro. Non sono felici e non sono sani. La maggior parte di loro muore nei primi giorni e ne muoiono moltissimi” dice Watts “Sì, vorrei buttare giù le mura. Far vedere loro la luce del sole. Lasciare entrare la luce e l’aria fresca. Primo: i polli lo amano, poi è meglio per me. Penso che si dovrà cominciare da capo. Siamo andati troppo oltre, abbiamo passato un punto di non ritorno.

Questo coraggioso allevatore ha deciso di far vedere al mondo intero la realtà degli allevamenti intensivi, nonostante le numerose minacce che continua a ricevere. Gli Stati Uniti sono infatti il maggior produttore di carne di pollo nel mondo, con quasi 9 miliardi di polli macellati ogni anno, quasi tutti allevati intensivamente. La brutta notizia è che questi polli arrivano sulle nostre tavole!

Joyce D’Silva, Ambassador di Compassion in World Farming (CIWF) International e Leah Garces, Direttrice di CIWF USA sono state invitate dallo stesso Watts a girare un video nel suo allevamento, per mostrare a tutto il mondo la realtà che già in molti conosciamo.
Questo è oggi lo scandalo dei polli “allevati umanamente”, che vuole spiegare perché questo tipo di allevamento non solo NON può nutrire il pianeta ma rappresenta un grave rischio anche per i consumatori.

“Watts aveva tutto da perdere e nulla da guadagnare dal denunciare come veramente l’industria avicola sta ingannando il pubblico americano, garantendo che quello che fanno è giusto e umano. In realtà, in qualunque modo la mettano, non vi è nulla di umano o di giusto nell’allevamento intensivo” ha dichiarato Leah Garces, Direttrice di CIWF USA. “La nostra alleanza inaspettata con Craig ha portato alla luce del sole come sia gli allevatori a contratto come Craig che gli animali siano intrappolati da questo sistema ingiusto, mentre allo stesso tempo i consumatori americani vengono ingannati”.

Alla domanda “Perché hai deciso di farci visitare il tuo stabilimento?” Craig risponde: “Sono aperto a tutto, perché la cosa non è come viene pubblicizzata. Ci sono molte falle nel sistema. Il consumatore viene fregato, l’allevatore viene preso in giro”.

Ecco il video che ha avuto milioni di visualizzazioni in pochissime ore e visibilità su molti autorevoli media internazionali

Se vogliamo mangiare carne dobbiamo scegliere bene, al pari di quanto compriamo frutta e verdura perché un pollo cresciuto al prato con cibi naturali è:

  • un pollo sano, senza farmaci, antibiotici, e ormoni
  • un pollo cresciuto secondo natura, con amore e rispetto per la madre terra di cui tutti facciamo parte

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

3 Commenti su questo post

  1. Ho messo mi piace ma vorrei che ci fosse il tasto non mi piace

  2. Il guaio non è solo nei polli , ma in tutto quello che fa parte della vita di oggi, si è persa ogni misura, si guarda solo al guadagno, non esiste altro. E poi dicono che è per sfamare tutti.

  3. Giuseppe says:

    Esistono anche in Italia i pollami ad alta intensita. Mica solo in america…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline