Laptop Wi-Fi in grembo danneggia sperma

6 Commenti

Wi-Fi

ANSA/ SALUTE: STUDIO; LAPTOP WIFI IN GREMBO DANNEGGIA SPERMA
RISCHIO STERILITA’ AUMENTA 25% CON RADIAZIONI WIRELESS (di Alessandra Baldini) (ANSA) – LONDRA, 30 NOV –

Lavorare con un laptop in collegamento wi-fi sulle gambe potrebbe mettere a rischio le chance di un uomo di diventare papa’: getta l’allarme uno studio condotto in Argentina e negli Stati Uniti che punta i riflettori sulle radizioni emesse dalle reti senza fili. La ricerca, pubblicata sulla rivista Fertility and Sterility, e’ importante perche’ va contro precedenti preocupazioni che avevano collegato casi di sterilita’ maschile al calore emesso dal laptop usato in equilibrio sulle gambe. Lo studo ha preso in esame lo sperma di 29 uomini tra i 26 e i 45 anni, parte del quale e’ stato esposto per quattro ore a frequenze wirelss analoghe a quelle di un portatile tenuto in grembo. Alla fine dell’esperimento il 25 per cento dello sperma esposto al wi-fi aveva smesso di muoversi mentre il nove per cento aveva mostrato danni al Dna. In confronto solo il 14 per cento dei campioni tenuti lontani dal wi-fi aveva perso mobilita’ mentre i danni al Dna avevano riguardato solo il tre per cento dei campioni. Un test separato che ha preso in esame un laptop connesso a internet via cavo ha prodotto danni irrilvanti allo sperma. La connessione wireless e’ dunque sul banco degli imputati perche’ crea radiazioni elettromagnetiche che possono danneggiare il seme, hanno concluso i ricercatori. ”I dati suggeriscono che l’uso di un portatile connesso al wi-fi e posizionato vicino agli organi riprodutivi maschili puo’ diminuire la qualita’ dello sperma’, ha ipotizzato Conrado Avendano, della Nascentis medicina Reproductiva di Cordoba: ”Al momento pero’ non sappiamo se questo effetto e’ provocato da tutti i computer con connessione wireless o quali condizioni di uso ne aumentano le conseguenze”. Una prudenza altamente giustificata secondo altri ricercatori: Allan Pacey, un esperto citato dalla Bbc, ha osservato che lo sperma usato nei campioni di laboratorio ”e’ diverso da quello nel corpo prima dell’eiaculazione che a sua volta e’ protetto da altre cellule, tessuti e fluidi dell’organismo”. Secondo Pacey ”e’ troppo presto per stabilire con certezza che dopo quattro ore di wi-fi un uomo rischia di restare sterile”. La scoperta tuttavia ha alimentato preocupazioni sollevate da altri studi: ricercatori canadesi hanno messo di recente in allarme che le radiazioni prodotte dai telefoni cellulari hanno indebolito lo sperma in test di laboratorio.

Se sei interessato all’argomento, forse sei interessato anche a “Evitare i danni fisici prodotti da telefono cellulare in ambiente di lavoro“.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

6 Commenti su questo post

  1. Dharma says:

    infatti volevo dirvelo a te e al ns amico gallese :)…sai Avasa con i figli ha già dato, ma te…ne potresti avere bisogno.
    LOL

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline