Le Hawaii vietano i sacchetti di plastica: sono il primo stato Usa a dirgli addio

Nessun Commento

4

Le Hawaii stanno per uscire dall’epoca dei sacchetti di plastica ammucchiati sotto il lavello della cucina, anche se gli Usa continentali ci sono ancora in pieno, molto distanti dal realizzare quel che è già stato fatto in Europa (con un record italiano), di quello che è avviato nell’Ue e di quello che hanno già portato a termine Paesi poveri come il Bangladesh: il bando degli shopper di plastica.

Con l’adesione il 2 gennaio  del Consiglio di Honolulu, tutte e quattro le contee più popolate delle Hawaii hanno approvato la normativa che vieta i sacchetti di plastica alle casse dei supermercati, facendo diventare l’arcipelago sperso nel Pacifico il primo Stato Usa ad approvare il bando.

Solo nella quinta contea delle Hawaii, Kalawao, la più remota e poco popolata, non è stato ancora approvato il divieto, ma sulla Big Island, dove i consumatori già per tutto il 2013 hanno dovuto pagare i sacchetti di plastica dei supermercati, il 17 gennaio gli shopper non biodegradabili dovranno scomparire da tutti i negozi e ristoranti. I consumatori hawaiani possono optare per i sacchetti di carta o portare le borse per la spesa riutilizzabili, come ormai si sono riabituati a fare gli europei. I sacchetti di plastica trasparenti saranno invece ancora disponibili per gli oggetti alla rinfusa come le noci, il pesce, la carne, cereali e i prodotti freschi.

Nelle  isole di Kauai e Maui il divieto è già in atto, mentre l’isola più popolata, Oahu, sta smaltendo le scorte e organizzandosi per unirsi a loro nel luglio del 2015.

Robert Harris, direttore di  Sierra Club Hawaii, sottolinea: «Essendo uno Stato marittimo, forse, siamo esposti più direttamente gli effetti dell’inquinamento da plastica ed al  danno che provoca al nostro ambiente. La gente nelle Hawaii ha più probabilità di stare in acqua o all’aperto e così di vedere questo moderno flagello, i sacchetti di plastica, nell’ambiente». Dopo questo successo le isole che hanno dato i natali al presidente Obama dovranno ora allargare il campo d’azione e affrontare il problema di una corretta gestione dei rifiuti a più ampio spettro, garantendo lo sviluppo di una filiera industriale del riciclo. Al momento, però, le Ong si godono la vittoria.

Secondo la Surfrider Foundation, infatti, le Hawaii sono riuscite ad approvare il bando dei sacchetti di plastica grazie alla pressione delle associazioni locali. «Il divieto a livello statale – dicono all’Ong hawaiana – non è stato votato dal Parlamento dello Stato,  ma da tutti e quattro i consigli di contea».

Negli Usa ci sono già diverse città e contee che vietano i sacchetti di plastica, ma è la prima volta che lo fa un intero Stato. «Per passare al divieto ci è voluto uno sforzo, il cambiamento lo richiede sempre – spiega Harris – ma la gente sembra aver capito la necessità di un tale sforzo».

Fino allo scorso dicembre  il  sindaco di Honolulu, Peter Carlisle, era titubante, ma alla fine ha firmato ed ha dato ai commercianti   tre anni per mettersi in regola ed ora dice: «Questo è rivoluzionario. Firmando questo disegno di legge ecologico, Honolulu si unisce alle contee delle isole vicine. Le Hawaii sono diventate l’unico stato degli Stati Uniti, dove ogni contea ha una legislazione anti-sacchetto di plastica».

La legge della contea di Honolulu vieta i sacchetti di plastica non biodegradabili così come sacchetti di carta che non siano  composti per almeno il 40% da carta riciclata.  Sierra Club aveva organizzato manifestazioni per chiedere un divieto statale, ma alla fine le decisioni autonome delle contee hanno prodotto lo stesso risultato.

Loading...

Ora il problema è far capire la cosa ai superconsumisti hawaiani: la maggior parte dei clienti dei supermercati dice che preferirebbe pagare il sacchetto di plastica piuttosto che dover sottostare ad un divieto, e i più dichiarano che si sposteranno sui sacchetti di carta. Ma la Surfrider Foundation, che ha chiesto il divieto anche per proteggere spiagge e mare delle Hawaii, non molla ed rilancia: «Il divieto dei sacchetti di plastica è solo il primo passo: se lo Stato emanasse una tassa sui sacchetti di carta, si ridurrebbe ulteriormente l’utilizzo di prodotti usa e getta».

Fonte: http://www.greenreport.it/news/consumi/le-hawaii-vietano-i-sacchetti-di-plastica-sono-il-primo-stato-usa-a-dirgli-addio/

Nutri il tuo benessere

Entrando a far parte della nostra newsletter sarai tra i primi a conoscere le ultime notizie, eventi e pubblicazioni.

(E' gratis!)

 

No SPAM! Non condivideremo la tua email con terze parti.

Grazie!

Iscrizione effettuata con successo

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, è un ricercatore nel campo del benessere bioenergetico e della crescita personale. Laureato con il massimo dei voti in ingegneria, si occupa di naturopatia, geobiologia e sviluppo del potenziale umano attraverso il risveglio dell’energia vitale e della coscienza.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nutri il tuo benessere

Ricevi la nostra newsletter periodica. E' GRATIS!

La tua privacy è al sicuro con noi.

Prenditi cura del tuo benessere

Inserisci la tua mail per ricevere i migliori contenuti su:

✓ Rimedi naturali                    

✓ Terapie innovative               

✓ Crescita personale              

E' GRATIS!

Rimani in contatto con Dionidream

✓ I migliori integratori

✓ Recensioni libri

✓ Date degli eventi

Sent!

Please check your e-mail and download FREE BETA version.

 

SHARE IT