Le parole di Maria Montessori per una vita e una educazione migliori

2 Commenti

Maria-Montessori

Visto che la filosofia di Maria Montessori è ampiamente applicabile alla vita adulta di ognuno di noi, oltre che all’educazione del fanciullo, ho deciso di lasciar parlare lei stessa, le sue parole, le sue frasi più significative che di sicuro ci toccheranno il cuore e l’anima e magari ci porteranno a riflettere e a vivere in modo un pò più autentico e vero.

Lei ci teneva a precisare che

l’educazione comincia alla nascita.

Io penso addirittura che inizi prima, quando il bambino è ancora in pancia. Il modo che abbiamo di rapportarsi a lui lo influenzerà per sempre: la nostra calma sarà la sua calma, la nostra gioia di vivere sarà la sua gioia, il nostro malessere sarà, purtroppo, il suo malessere.

Molti insegnanti ed educatori si chiedono, giustamente, come si fa a comprendere se il loro modo di insegnare e di educare è corretto. Questa è la risposta:

Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino.

Il più grande segno di successo dell’insegnante è poter dire: ” I bambini stanno lavorando come se io non esistessi”.

Ma come facciamo a farli felici?

Aiutiamoli a fare da soli.

Questo può essere considerato il fulcro del pensiero montessoriano. Non dobbiamo sostituirci ai nostri figli, piccoli o grandi che siano. La loro vita è loro e devono riuscire a cavarsela da soli. Se un bambino piccolo si sta impegnando con tutte le sue forze per salire le scale che diritto abbiamo di prenderlo in braccio perchè è troppo lento o perchè pensiamo che non ci riuscirà? Il nostro meraviglioso compito è quello di aiutarlo con le parole o con la mano, se ce la richiede. E se non ci richiede nemmeno la mano abbiamo l’incredibile opportunità di osservarlo in questa sua azione costruttiva.

Dopotutto

le radici di una pianta cercano, tra le molte sostanze che il suolo contiene, solo quelle di cui la pianta ha bisogno.

 

Attendiamo quindi la richiesta del nostro bambino e diamo solo ciò che ha bisogno, il resto è in più… un più che non serve e spesso è addirittura deleterio.

Ma come facciamo a dare solo il necessario e a non rischiare di prevaricare l’altro? E’ talmente semplice fare ciò ma talmente difficile perchè poco abituati. Maria Montessori dice che

Il bambino è padre dell’umanità e della civilizzazione, è il nostro maestro, anche nei riguardi della sua educazione.

Se lui non chiede aiuto basta non darglielo. Se cade e si fa male, lui stesso impara la lezione. E non siamo dei cattivi genitori o educatori perchè gli abbiamo permesso di farsi male ma, al contrario, proprio per questa libertà concessa siamo stati in grado di non opprimerlo e di non sostituirci a lui.

E la scuola, questa grande opportunità di crescita per il fanciullo, è la scuola che ogni bambino si merita? Forse la scuola di oggi qualcosa dovrebbe cambiare.

L’educazione è un processo naturale effettuato dal bambino, e non è acquisita attraverso l’ascolto delle parole, ma attraverso le esperienze del bambino nell’ambiente.

La crescita deriva dall’attività, non dalla comprensione intellettuale.

Le mani sono gli strumenti propri dell’intelligenza dell’uomo.

Non possiamo creare osservatori dicendo ai bambini: “Osservate!”, ma dando loro il potere e i mezzi per tale osservazione

La scuola di oggi punta invece troppo sull’ascolto passivo e poco o per niente sull’esperienza che porta alla conoscenza.

Penso ai bambini, ma penso anche a persone di tutte le età. Tutti siamo in uno stato di benessere diffuso quando svolgiamo un’attività che ci piace e che ci coinvolge, che ci appassiona. Maria Montessori ci teneva a precisare che

la prima premessa  per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice.

Queste parole ci toccano nel cuore e nell’anima. Qualcosa nel corso del tempo ci ha fatto sbagliare strada. Non importa! Basta ritornare sulla retta via e riappropriarci di un modo sano e gioioso di vivere, di crescere e di amare.

Il nostro mondo è stato lacerato ed ha ora bisogno di essere ricostruito.

Dott.ssa Elena Bernabè

Per sapere dove trovare scuole Montessori in Italia vedi questo link

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. antonio says:

    Bellissimo!!! Grazie Maria Montessori e Grazie Elena Bernabè!

  2. Massimo says:

    Consigli molto utili! Grazie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline