Le radiazioni del cellulare possono causare cancro al cervello

1 Commento

cellulare cancro cervello

La questione se i telefoni cellulari causano il cancro al cervello negli ultimi anni è stata molto dibattuta perché le ricerche finanziate dalle aziende di telefonia rassicuravano sull’assenza di ogni rischio per la salute, mentre le ricerche indipendenti all’opposto mettevano in guardia su come l’uso del cellulare ogni giorno per alcuni anni possa essere legato ad un alto rischio di cancro al cervello.

Qualche giorno fa in una conferenza di Pediatria a Baltimora (USA), medici e scienziati provenienti da tutto il paese sono arrivati alla conclusione sulla questione.

“Il peso delle prove è chiaro: i cellulari causano il cancro al cervello”, ha detto il dottor Devras Davis, presidente della Environmental Health Trust.

Gli esperti hanno avvertito che i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dannosi delle radiazioni dei cellulari, anche nel grembo materno. Ecco perché le donne incinte dovrebbero limitare l’uso del telefono cellulare. “Tenere il telefono lontano dall’addome – soprattutto verso la fine della gravidanza”, ha detto il Dott. Davis.

Il danno ossidativo prodotto dai cellulari porta al cancro

I telefoni cellulari emettono una radiazione a radiofrequenza (RFR), che è anche utilizzata per trasmettere segnali internet senza fili e fino a poco tempo fa, molti esperti di salute insistevano che la RFR era aveva una energia troppo bassa per causare il tipo di danno cellulare che causa il cancro, ma nel frattempo gli studi che collegano l’esposizione RFR e il cancro hanno continuato ad accumularsi.

Nel 2010, uno studio ha scoperto che dieci o più anni di uso del telefono cellulare è stato associato con un rischio del

  • 40% più elevato di tumori cerebrali
  • 300% più elevato di tumori del nervo acustico
  • più elevato di tumori della ghiandola parotide

Il rischio di tumori al cervello era 400 per cento più alta tra coloro che hanno iniziato ad usare i telefoni prima dell’età 20. Sorprendentemente, la metodologia di questo studio finanziato dal settore è stato ampiamente criticato per le tecniche di analisi dei dati progettati per mostrare un minor rischio – il che suggerisce che il vero rischio è molto più alto.

Nel 2011, l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato la RFR come un possibile cancerogeno.

Poi, nel 2015, uno studio pubblicato su Electromagnetic Biology & Medicine ha fornito una parte della risposta di come la RFR potrebbe portare al cancro. Una revisione di ricerche precedenti sugli effetti biologici di esposizione RFR ha mostrato che i livelli di radiazione assorbita attraverso il normale telefono cellulare o l’uso di internet wireless producono stress ossidativo, una condizione in cui è sopraffatta la capacità antiossidante del corpo, ei  radicali liberi iniziano ad accumularsi nel il corpo.

I radicali liberi causano danni ossidativi alle cellule e il DNA, e sono stati fortemente legata a

  • cancro
  • malattie cardiache
  • demenza
  • invecchiamento precoce
  • danni genetici
  • malattie autoimmuni e croniche

I bambini che usano il cellulare sono a più alto rischio

I bambini sono particolarmente vulnerabili ai rischi per la salute dei telefoni cellulari, hanno avvertito i partecipanti alla conferenza di Baltimora. Secondo Davis, i loro cervelli assorbono il doppio delle radiazioni di un cervello adulto durante la stessa esposizione, a causa della struttura cranica meno compatta.

Questo spiega gli studi che dimostrano che l’uso del telefono cellulare da parte di una donna incinta può influenzare il suo bambino non ancora nato.

“C’è una correlazione tra uso del telefono cellulare durante la gravidanza e problemi comportamentali nei propri figli”, ha detto il dottor Hugh Taylor della Yale School of Medicine.

I bambini sono anche danneggiati dagli effetti sociali che hanno i telefoni cellulari sulle relazioni umane, ha avvertito lo psicologo clinico Catherine Steiner-Adair.

“Questi dispositivi stanno indebolendo le relazioni familiari perché la mamma o il papà in media controlleranno i loro telefoni da 60 a 110 volte al giorno”, ha detto.

Infatti, numerosi studi hanno dimostrato che i genitori ignorano regolarmente i loro figli per invece guardare i loro telefoni, cosa che invece è correlata con un più alto livello di disturbi comportamentali nei loro figli. E i bambini sono consapevoli di essere ignorati: In uno studio internazionale, un terzo dei bambini ha detto che i loro genitori spendono lo stesso tempo o di più sui loro dispositivi mobili rispetto a quello che passano con loro; un numero simile ha dichiarato di sentirsi poco importante quando i loro genitori erano distratti dal cellulare e più della metà ha detto che i propri genitori controllano i loro cellulari troppo spesso.

Infine l’uso eccessivo dei cellulari da parte dei genitori aumenta la probabilità nei bambini di sviluppare dipendenze tecnologiche, che a sua volta è collegato con problemi cognitivi, emotivi e sociali.

“Così stiamo ottenendo come un triplo danno dei cellulari combinando l’effetto biologico, gli effetti psicologici e gli effetti delle onde cerebrali”, ha detto il neurologo pediatrico Dr. Martha Herbert.

Come ripararsi dai danni delle radiazioni del cellulare

Per approfondire sui danni del cellulare ti consiglio la lettura di Nuovi pericoli correlati all’uso dei telefoni cellulari che tutti devono conoscere

Toglietevelo dalla Testa.
Cellulari, tumori e tutto quello che le lobby non dicono

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Commento su questo post

  1. Questa porcheria di radiazione non ionizzanti quasi uccide mia madre! ha causato trombocitopenia, alcuni vicini furono morti delle forme più svariate, interessano praticamente tutti coloro che vivono intorno all’antenna! Allora, wifi è vietato nelle scuole in Israele, http://bit.ly/1OAR0bB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline