Scienziati: “La leucemia è legata all’intossicazione da metalli pesanti”

18 Commenti

leucemia metalli pesanti

Le nanoparticelle provengono dall’aria che respiriamo ma anche cibo e acqua sono a rischio. Il legame con la leucemia è evidente come ha scoperto un studio italiano svolto da un team interdisciplinare composto da medici, biologi, farmacisti, bioingegneri e ambientalisti guidati dal Dr. Visani e dalla Dr.ssa Gatti (in foto)

I dati diffusi dall’OMS, in quello che è considerato il più dettagliato studio finora mai condotto sull’argomento, lasciano senza parole. Il 92% delle persone sul globo, cioè oltre 9 persone su 10, respirano aria troppo inquinata da nanoparticelle di metalli pesanti, aria che danneggia la loro salute respiro dopo respiro. I morti che ne conseguono sono milioni, uccisi da solfati, nitrati e carbone che penetrano in minuscoli corpuscoli nel nostro corpo, fino a ucciderlo. I danni peggiori li subiscono  vecchi, bambini e donne gravide. Come riportato dall’Ansa l’aria peggiore di tutta l’Europa occidentale la respiriamo proprio qui in Italia, nessun angolo del nostro paese può vantare zone “verdi”, cioè aree pulite. In particolare la Pianura Padana raggiunge i livelli record presenti altrove ad esempio in Cina e India. L’inquinamento dell’aria è oggi il peggiore rischio ambientale per la salute, responsabile della morte di una persona su 9..

Cosa rende così dannosa l’aria che respiriamo?

Principalmente lo smog, i fumi industriali da combustione ad alte temperature che sono fonti di inquinamento da nanoparticelle. Anche i fumi prodotti dalle auto e aerei. Con il termine nanoparticella si identificano normalmente delle particelle formate da aggregati atomici o molecolari con un diametro compreso indicativamente fra 2 e 200 nm. Per dare un’idea dell’ordine di grandezza la doppia elica del DNA ha un diametro di circa 2 nm.

Le nanoparticelle presentano possibili pericoli, sia in senso medico che ambientale, la maggior parte dei quali sono dovuti alla grande superficie in rapporto al volume, che può rendere le particelle molto reattive. Le particelle in natura non rimangono in forma di nanoparticelle ma tendono rapidamente ad agglomerarsi lasciando così il regime nanometrico, mentre questo non accade con le nanoparticelle prodotte dall’uomo.

La nanotossicologia studia i potenziali rischi per la salute dovuti ai nanomateriali. La dimensione estremamente piccola dei nanomateriali significa che sono molto più assorbiti senza difficoltà dal corpo umano rispetto alle particelle di dimensioni più grandi. Oltre al fatto che le nanoparticelle non degradabili o lentamente degradabili possano accumularsi negli organi, un’altra preoccupazione è la loro potenziale interazione con i processi biologici all’interno del corpo.

E’ stato riscontrato che queste particelle, se ingerite, possono superare le barriere polmonari e arrivare al sangue, e quindi da qui passare al cervello (superando la barriera emato-encefalica) e allo sperma. Possono anche essere ingerite con cibo che è stato a contatto con un certo inquinamento ambientale.

Leucemia e Nanoparticelle di metalli pesanti

La presenza di particelle solide e inorganiche in pazienti affetti da leucemia mieloide acuta (LMA) e la visualizzazione della loro interazione con componenti del sangue hanno indotto i ricercatori a ipotizzare una correlazione tra la LMA ed esposizioni ad un inquinamento particolato micro e nanodimensionato. Il contatto profondo con questi materiali non biocompatibili e a volte chimicamente tossici potrebbe contribuire al processo della malattia, entrare nelle cellule e interagire con il Dna.

La conferma arriva da un team interdisciplinare composto da medici, biologi, farmacisti, bioingegneri e ambientalisti coordinato dall’ematologo Giuseppe Visani, direttore del Centro trapianti Midollo Osseo dell’Ospedale San Salvatore di Pesaro e dall’ingegnere biomedico Antonietta Morena Gatti del laboratorio Nanodiagnostics di Modena.

L’LMA è una malattia che si sviluppa a partire dal midollo osseo (definito appunto mieloide) e che progredisce velocemente (da qui il termine acuta). Nel midollo osseo sono presenti i precursori delle cellule del sangue, i quali dopo un percorso di maturazione si differenziano in globuli bianchi (tra cui i linfociti), rossi e piastrine. Se durante questo periodo di maturazione i precursori (tranne quelli dei linfociti) vanno incontro a una trasformazione tumorale, si parla di leucemia mieloide acuta.

Lo studio, che prende in esame un campione di venti persone, tutte affette da questa forma tumorale e venti persone sane, ha dimostrato che nel sangue delle persone leucemiche la presenza di nanoparticelle in forma di metalli pesanti è significativamente più elevato, anche fino a cento volte maggiore.

Attraverso il microscopio elettronico sono state riscontrate nel sangue dei malati particelle composte da frammenti di lega di alluminio e fosforo, o aggregati a vario titolo e composizione di silicio, alluminio, ferro, cromo, nichel, titano o rame, presenti anche nella polvere urbana. Sotto la lente appaiono come sfere inorganiche indistruttibili, molte delle quali prodotto finale di un’alta combustione che possono essere rinvenute nei tessuti del paziente anche dopo molti anni dalla loro stessa morte.

Gli studi evidenziano che le particelle identificate vengono ricoperte da una specie di “anello di Saturno proteico” (protein-corona), cioè composto da proteine del sangue le quali, denaturandosi, attivano il sistema immunitario. Alla domanda sul perché si sia studiata proprio la leucemia mieloide acuta, Visani risponde: “perché si tratta di una forma frequente in Italia che colpisce persone di tutte le età. Ogni anno ci sono almeno 3000 nuovi casi

La ricerca, fatta con il contributo del Dipartimento di Scienze biomolecolari dell’Università di Urbino, dell’Azienda ospedaliera Marche Nord, dell’Agenzia per la protezione ambientale delle Marche, con il sostegno dell’Ail Pesaro è stata pubblicata dalla rivista internazionale Leukemia Research.

In conclusione la documentazione di nanoparticelle metalliche identificate per forma, dimensione e composizione chimica nel sangue di pazienti con leucemia acuta mieloide apre nuove prospettive di ricerca sia in ambito di sviluppo dei tumori sia in senso terapeutico.

Il nostro obiettivo“, ha detto la dottoressa Antonietta Gatti, compagna di Stefano Montanari famoso scienziato che ha trovato metalli pesanti in tutti i vaccini che ha analizzato, che collabora anche con il Dipartimento di Stato a Washington, “è togliere questi frammenti dal sangue e favorire la remissione delle patologie.

Leggi anche

Come scegliere la vera Zeolite Clinoptilolite Attivata che disintossica da metalli e rafforza l’intestino

Ti rendi conto di cosa mangi quando cucini i cibi nell’Alluminio?

Coriandolo: ottimo per eliminare tossine e metalli

Riferimenti
– Visani G et al. Environmental nanoparticles are significantly over-expressed in acute myeloid leukemia. Leuk Res. 2016 Nov;50:50-56.

Copyrighted.com Registered & Protected 
SXJX-LBMD-WYBH-RAS4

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

18 Commenti su questo post

  1. Pure nei vaccini, se non ricordo male, si possono trovare tracce di metalli pesanti.

  2. La Silvia La Silvia says:

    E nei pesticidi . Nella mia zona sono concentrati i casi dove spruzzano pesticidi nei vigneti .

  3. Si ok ma… capita anche ai bimbi piccolissimi…
    Non possono essere intossicati a 2 anni…Non ci voglio credere

  4. Rita Ursino Rita Ursino says:

    Anche le otturazione dentali in piombo sono dannose e si trasmette al neonato…

  5. Quindi ora che ne dite se torniamo a parlare delle conseguenze di vaccini, smog e pesticidi?

  6. Vai di zeolite !!!!!

  7. Io prendo la zeolite e cmq i metalli pesanti sono anche nei cereali kellogs, vedete su youtube cosa c’è dentro. C’è ferro e mercurio ovunque.

  8. Per non dire dei glifosati, siamo inquinatissimi dai glifosati della Monsanto. dobbiamo difenderci dai programmidi serminio di massa attuati sin dal 1979 da Henry Kissinger. Informatevi.

  9. @Dionidream nei metalli si deve ricomprendere anche l’argento (colloidale), secondo te?

  10. Utilizzare il coriandolo nei cibi aiuta a liberarsi dai metalli pesanti, qualunque sia la loro provenienza?

    • Dionidream Dionidream says:

      Ciao Angela Pascarella si ma deve essere coriandolo fresco.. i semi macinati non hanno una funzione disintossicante

    • Dionidream mi spiace molto, ma il coriandolo fresco, che ho pure seminato e ne ho diverse pianti e, proprio non riesco a mangiarlo…per ora..proverò ad abituarmi al gusto. Grazie 1000.
      Che mi dici dell’aneto?

  11. Giusto, ma la fonte principale di metalli pesanti sono i manufatti protesici in bocca ! Non solo amalgami, anche il cromo-cobalto degli scheletrati, le leghe dei ponti, TITANO degli impianti (da anni mettiamo solo impianti in ceramica…. ho brevettato un misuratore di correnti endoorali 15 anni fa, che usa elettrodi in carbonio per non inquinare le misurazioni. Dove c’è corrente, c’è liberazione di metalli, che si sostituiscono al ferro dell’emoglobina, allo zinco dell’insulina, al rame dei citocromi……. poi il corporeagisce con creazione di anticorpi contro i metalli pesanti, ed è li che parte la leucocitosi che può arrivare alla leucemia. Soluzione: rimozione protetta dei metalli dalla boca, e sostituzione con manufatti privi di metalli. Protocollo chelante durante la rimozione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *