L'uomo si nutriva di sola frutta – Lo dimostra uno studio paleontologico

35 Commenti

hominids-fruits-vegetables

Studi preliminari sui denti fossili hanno condotto il Dott. Alan Walker, antropologo dell’Università John Hopkins a suggerire una ipotesi sensazionale: gli antenati umani, in origine, non erano prevalentemente mangiatori di carne e neppure di semi, germogli, foglie o erbe. Né erano onnivori. I loro denti invece sembrano mostrare le tipiche caratteristiche di chi si nutriva di una dieta a base di frutta.

Almeno fino all’arrivo dell’Homo erectus, la specie immediatamente precedente all’Homo sapiens, non c’è evidenza della dieta onnivora, che oggi è tipica degli esseri umani.
Se confermati, i risultati rovescerebbero parecchi presupposti comunemente ritenuti validi circa la dieta degli ominidi delle origini, ovvero le creature della specie umana. Si è ritenuto generalmente, per esempio, che i grandi molari, piatti in superficie, delle specie robuste di Australopiteco [uomo preistorico] e quelli appartenenti all’essere propriamente umano, chiamato Homo habilis, avessero in sé le caratteristiche degli onnivori, mangiatori di carne mescolata a radici, frutta secca a guscio, uova, germogli e frutta.
“Non voglio sbilanciarmi troppo ancora” – ha detto il Dott. Alan Walker, “Ma è senz’altro una sorpresa”.

Alan Walker

Nessuna eccezione trovata

Il campione dei denti studiato finora è piccolo – poco più di due dozzine dei principali quattro tipi rappresentativi degli ominidi – ed ulteriori analisi potrebbero confutare le ipotesi iniziali. Ma, sebbene il campione sia piccolo, nessuna eccezione è stata trovata.
Ogni dente esaminato appartenente agli ominidi del periodo da 12 milioni di anni fa fino all’Homo erectus (un milione di anni fa quando migrò dall’Africa), è sembrato appartenere ai mangiatori di frutta. Il dente di ogni Homo erectus era quello di un onnivoro. L’Homo erectus è stata la prima forma umana nota per essere emigrata al di fuori dell’Africa. I reperti [campioni] sono stati trovati in molte parti dell’Africa e dell’Asia
I risultati sono basati sull’analisi estremamente dettagliata dei microscopici tipi di usura riscontrati sulle superfici dei denti a causa della masticazione. Il metodo, inventato dal Dott. Walker, utilizza un microscopio elettronico a scansione che evidenzia i graffi e i buchi che sono invisibili ad occhio nudo.
Il Dott. Walker ha trovato che generi differenti di alimento contengono minerali che guastano la superficie dello smalto dei denti con diverse modalità. È possibile anche distinguere fra un mangiatore di erba e un mangiatore di foglia perché ogni alimento contiene tipi e quantità diverse dei caratteristici cristalli della silice, che si formano naturalmente all’interno delle cellule vegetali. Questi cristalli, chiamati phytoliths, sono più duri dello smalto dentario e lo graffiano leggermente mentre l’animale mastica questo alimento.
Le erbe contengono una proporzione elevata di phytoliths tipica delle foglie dei cespugli e degli alberi. La frutta non ne contiene nessuno. Di conseguenza, i denti dei mangiatori di frutta sono molto lucidi, senza cioè quei tipici segni di usura caratteristici [provocati] da altre fonti di alimento. La carne non contiene phytoliths ma i denti dei carnivori mostrano le graffiature causate sgranocchiando ossa.

Regolarità del tipo di usura dentale

Utilizzando i denti di vari mammiferi viventi di cui si conosce l’alimentazione, il Dott. Walker ha stabilito che il tipo di micro-usura dei denti doveva essere abbastanza regolare da una specie all’altra. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che lo smalto dei denti è della stessa sostanza in tutto il regno animale.
Per provare il suo metodo, il Dott. Walker ha confrontato i tipi di micro-usura [dentale] su determinate specie di animali di cui si conoscono differenti abitudini di alimentazione. Per esempio, di due tipi di hyracoidea (un tipico esemplare di coniglio della famiglia dei mammiferi roditori), uno si alimenta principalmente di erba mentre l’altro è un esploratore, che si nutre delle foglie dei cespugli e degli alberi. I loro denti possono essere identificati facilmente utilizzando un microscopio elettronico a scansione.
Il Dr. Walker ha riscontrato modelli simili in vari tipi di maiale selvatico, come il facocero e una tipologia di scimmie. È mettendo a confronto questi modelli che i denti degli ominidi vengono esaminati.
Per esaminare i denti al microscopio il Dott Walker deve montare le corone dei denti su tronconi di metallo all’interno della camera a vuoto del microscopio, successivamente la corona verrà ricoperta con una lega d’oro palladio che riflette il fascio elettronico. È il fascio di elettroni riflesso che il microscopio individua elettronicamente e manipola per ingrandire l’immagine che viene poi proiettata su uno schermo televisivo. I denti degli ominidi non hanno prezzo. I reperti non vengono distribuiti a nessuno, neanche ad Alan Walker, che è un collega vicino a molti dei principali cercatori dei fossili di ominidi. Di conseguenza, il Dott. Walker ha messo a punto un metodo che riproduce i denti fondendoli con l’epossido. Il metodo non altera il fossile e capta al microscopio tutti i dettagli necessari all’analisi.
Se è vero che gli ominidi dei primordi erano principalmente tutti mangiatori di frutta, questo fatto suggerirebbe uno stile di vita simile a quello degli scimpanzé che vivono nelle foreste, come la maggior parte degli antropologi aveva intuito.
Tuttavia il Dott. Walker osserva che una dieta a base di frutta non deve identificarsi con quello che gli Americani intendono in senso stretto – arance, prugne, mele, banane ed altri prodotti estremamente dolci e molli.
Centinaia di piante producono frutti più duri e più sostanziosi. Il baccello dell’albero dell’acacia è solo un esempio e oggi è abbastanza comune in Africa. Si sviluppa nelle regioni leggermente boscose vicino ai pascoli considerati solitamente come la casa degli ominidi delle origini.

L’uomo è predisposto a nutrirsi di sola frutta

Vero è però che il genere umano ad un certo punto della storia, acquisì abitudini onnivore. Ma un milione di anni di carne (che non era un alimento quotidiano) contro milioni di anni di frutta non ha cambiato la struttura anatomica e fisiologica del corpo. Egiziani e persiani vivevano esclusivamente di frutta e vegetali. Gli spartani erano mangiatori di frutta. Gli antichi greci basavano la loro alimentazione su frutta e verdura. Nonostante questo l’uomo moderno pensa alla frutta come un alimento privo di valore e di contenuto. Lo si considera come dessert, come una decorazione, fino ad averne paura. Le ciliege? Causano mal di pancia. L’anguria? Fermenta e ti riempie d’acqua. A parte gli occhi che guardano avanti e non ai lati, le mani prensili e delicate, non aggressive, il pollice della mano opponibile e concepito per raccogliere e trattenere nocciole e pomi, a parte la dentatura adatta a masticare vegetali, semi e frutta, a parte la conformazione intestinale oblunga (12 volte la lunghezza del tronco), e tantissime altre indicazioni a conferma del suo vegetarianismo, tre caratteristiche ancor più fondamentali e significative sono:

A) quella del sangue e della saliva umana, che sono alcaline e non acide (come nei carnivori-onnivori),

B) quella della totale assenza nell’uomo dell’enzima uricasi, che serve a disintegrare e disattivare il micidiale acido urico delle carni, mentre detto enzima è abbondante negli animali carnivori-onnivori,

C) quella della scarsa presenza di acido cloridrico nello stomaco umano, e quindi difficoltà di disgregare le proteine animali, mentre tale presenza acida nei carnivori-onnivori è 10 volte più intensa.

Alan Walker Evan Pugh [il più alto titolo onorifico dell’Università della Pennsylvania, dal nome del primo rettore] è professore di Antropologia e Biologia all’Università dello Stato della Pennsylvania.
È un paleontologo che ha fatto avanzare la ricerca nel settore portando avanti il lavoro di laboratorio sui primati fossili e viventi, al fine di studiarne il comportamento. Ha studiato la deambulazione dei lemuri viventi, al fine di riconsiderare la locomozione dei lemuri giganti del Madagascar recentemente estinti, l’usura microscopica sui denti per comprendere le abitudini alimentari dei primati e ominidi estinti e, recentemente, ha collaborato con i colleghi per capire il rapporto tra le dimensioni dei canali semicircolari [sono i tre canali semicircolari all’ interno dell’orecchio] e il movimento, al fine di scoprire gli adattamenti locomotori delle specie estinte senza ricorrere alle informazioni sullo scheletro degli arti. È membro della Società Reale, dell’Accademia Americana delle Arti e delle Scienze, Socio Straniero della United States National Academy of Sciences e membro della MacArthur Academy. Il suo libro La saggezza delle ossa (con Pat Shipman) ha vinto il Premio Rhône-Poulenc nel 1997.

Fonti

Boyce Rensberger, Teeth Show Fruit Was The Staple; No Exceptions Found in Science Times section, New York Times, 15 maggio 1979, p. C1. URL consultato il 1º novembre 2009.

Valdo Vaccaro, Alimentazione Naturale

Alimentazione Naturale
Manuale pratico di igienismo-naturale – La rivoluzione vegetariana: mangiare bene per vivere meglio
Alimentazione Naturale - Vol. 2 - Libro
Le chiavi per una dietetica razionale – Conoscere il proprio corpo

Voto medio su 9 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

35 Commenti su questo post

  1. Sono una creazionista di conseguenza questi ‘bruttoni’ non mi dicono niente . Nelle Sacre Scritture il primo uomo a mangiar carne fu Noe… visto che la terra aveva subito una piccola era glaciale, i superstiti potevano cibarsi solo di quello che era sopravvissuto , quello che era con loro nell’arca, aspettando che la terra potesse restituire i suoi frutti. Per questo sono d’accordo che l’uomo in origine, non era stato creato per mangiar carne, ma è una conseguenza di una vita sempre meno spirituale (alta) e più materiale (bassa) .

    • Cioè tu credi che la terra abbia 12.000 anni????

    • l’argomento è affascinante ma non è così easy… la terra come pianeta è sicuramente più datata 😉 … la storia umana scritta inizia dai Sumeri e la prima lingua diffusa era l’ accadico … ma sicuramente l’anello mancante risale a molto, molto prima. Diciamo che la storia andrebbe riscritta senza l’influenza massone già iniziata nell’antico periodo egizio. Comunque rispetto ogni opinione, visto che ancora adesso l’uomo vive solo di ipotesi e teorie !

      • trotty76 says:

        Ma quali ipotesi e teorie, ci sono datazioni precise al giorno, disegni, gente NON con la terza media che ha studiato pubblicato e nessuno ha potuto revisionare negativamente, MA COSA DICI?!??!?!?!? Qui le uniche influenze sbagliate sono quelle degli ignoranti cattolicizzanti e di chi mi dovrebbe spiegare a cosa servono i CANINI se mangiavamo solo frutta, ma per piacere!

  2. Non capisco .. E destinati a rimanerci ? Sempre più materiali ?

  3. Non ho mai capito come si possa tirare in ballo la paleontologia e ignorare completamente l’evoluzione genetica e gli adattamenti ambientali…. Cosa si dovrebbe dimostrare? Anche se fosse non credo che l’uomo di oggi sarebbe in salute con un tipo di alimentazione del genere

    • elisaCo says:

      Se si parla di società odierna, è più facile che mai dimostrare quanto persone con un’alimentazione vegetariana, e ancor più vegana, crudista e igienista siano meno facilmente predisposte alle malattie più diffuse dell’era moderna, come cancro, malattie coronariche, diabete e altro. Personalmente credo che per la bdnessere del nostro corpo valga ció che è scritto in questo articolo. L’unica domanda che ho è: lo sviluppo cognitivo così veloce dell’uomo puó essere stato dovuto a un cambiamento di dieta (da una dieta fruttariana a una dieta vegano/vegetariana)? Ma se si parla di salute, ci sono ormai tantissime ricerche scientifiche e casi empirici quotidiani a dimostrare che mangiare proteine animali porta solo malattie all’uomo, nelle quantità comuni a noi uomini del XX e XXI secolo.

  4. Non ho mai capito come si possa tirare in ballo la paleontologia e ignorare completamente l’evoluzione genetica e gli adattamenti ambientali…. Cosa si dovrebbe dimostrare? Anche se fosse non credo che l’uomo di oggi sarebbe in salute con un tipo di alimentazione del genere

  5. E queste divisioni spirituale=no carne
    Poco evoluto= mangiatore di carne
    Mi fanno molto sorridere

  6. E queste divisioni spirituale=no carne
    Poco evoluto= mangiatore di carne
    Mi fanno molto sorridere

  7. Se si osservano in NATURA gli animali carnivori hanno un intestino molto corto per espellere rapidamente la putrefazione e le tossine del cadavere ingerito

  8. Lo dimostra anche la nostra dentatura e la struttura dell’apparato digerente

  9. Invece gli erbivori hanno un intestino lungo COME noi esseri umani quindi osservando la natura possiamo trarre insegnamento anche per la nostra specie che biologicamente molto simile ai primati

  10. Vangelo esseno di Gesù mangiate tutto quello che viene dalla terra che vi darà la vita frutta verdura semi legumi non mangiate nulla che sia stata data la morte perché porterà la morte dentro di voi ( poi la carne degli allevamenti moderni assumi carne con somatizazione degli stati emotivi degli animali torturati da medicinali e allevamenti contro natura)

    • Antonio Quintavalle says:

      Io personalmentecintattarmi mi sto curando. Facendo sparire dolori, esofagiti da reflusso, peso, e diverse patologie seguendo un’alimentazione evoluta del gruppo sanguigno, dove si eliminano vari alimenti non adatti ai vari gruppi che si sono evoluti in ordine ai cambiamenti climatici ed abitudini….quindi anche alimentari. Quindi in sostanza ad oggi, per stare bene, si continua a mangiare carne ma soprattutto quella bianca e pesce, perché la nostra alimentazione si deve basare prevalentemente di proteine ma ancora di più di verdura. Per la frutta vi dovete chiedere, nell’ambiente in cui. Vivete o una popolazione vive…quali fruttu potete raccogliere direttamente dai vostri alberi o piante? Bene quella potete farne uso e che vi difenderà dalle patologie anche da raffreddamento, etc. Ckme le varie verdure che invece potremmo mangiare a quintali ed in base al gruppo sanguigno. Ma ad oggi le patologie che non sto riscontrando più, è perchè sto eliminando tutti i cereali che la maggior parte sono ricchi di glutine, ma anche gli amidi che non fanno assolutamente bene al nostro organismo e non possono essere assimilati dal nostro intestino, ne latticini, dove tutti parlano di lattosio ma nessuno della dannosa caseina. Non parliamo poi della carne di maiale e derivati che viene menzionato anche dalla Bibbia come essere impuro. Infatti viene utilizzato oggi anche come parti di tessuto autorigenerativo per interventi chirurgici come al nostro caro cuore. La stessa carne provoca tumori all’intestino, problemi alla pelle, etc…..mentre la carne rossa fa male e quindi fa venire tumore soprattutto ai gruppi sanguigni definiti più vegetariani A e AB quest’ultimo più evoluto…il resto è storia….indicazioni maggiori su questo medico che sta facendo eliminare anche tumori in regressione potete contattarmi sul profilo facebook Antonio Quintavalle di Bari….senza alcun interesse vi passo il link dove vi dice gratuitamente cio che potete maggiormente mangiare in base al vostro gruppo sanguigno…ah a proposito……questo è stato il primo inverno che non mi sono affatto ammalato….come mai? Non ho mangiato frutta….soprattutto arance, mandarini, mandaranci…ma guarda un pò…..sarà perche stiamo facendo gli interessi delle case farmaceutiche mangiando pane, pasta, latticini, etc….da tre mesi senza riprendere più peso etc?

  11. Rugga Dipa says:

    L homo prima del rimescolamento con DNA alieno?

  12. Rugga Dipa says:

    L homo prima del rimescolamento con DNA alieno?

  13. cosa nota e presente a tutti

  14. cosa nota e presente a tutti

  15. Si vive molto meglio senza carne ne pesce ne proteine animali!!

  16. Ma pure sull alimentazione spunta fuori la religione???!!! Non se ne può più!!!!

    • Siamo veramente quel paese di cui scriveva Machiavelli: “l’Italia deve la maggior parte dei suoi problemi alla presenza dello Stato della Chiesa all’interno del suo territorio.

  17. E sicuramente stava meglio!

  18. Si ma non superava i 25 anni

  19. d’estate si mangia più frutta e verdura e siamo più belli, piu sereni, più vivaci più tutto…..io ho provato a mangiare anche d’inverno così…ed ECCO CHE STO BENE COME D’ESTATE… x cui…l’alimentazione fa la differenza! PROVARE X CREDERE! 😉

  20. zero says:

    Mi stupisco di come non abbia ancora analizzato per bene come si cibavano i procarioti…
    io faccio alimentazione quasi vegana ma davanti a questi articoli la risposta è una e una sola:
    ma va a ciapà i ratt!!!

  21. Marco Martino says:

    Scusate, ma subito dopo l’homo erectus non c’era l’homo abilis? Io ricordavo che fosse questo l’ordine: Australopithecus, Homo erectus, Homo Abilis, Homo Sapiens e Homo Spaiens Sapiens.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline