Lupino – Il seme che previene e tratta il Diabete

2 Commenti

lupini antidiabetico

La fama di questi semi gialli risale a 4mila anni fa, dove venivano usati per i loro effetti benefici in campo alimentare, cosmetico, e farmacologico. Il lupino, noto da sempre per le sue virtù terapeutiche, è stato trovato dagli archeologi persino nelle piramidi egizie e Maya. Faceva parte della dieta dei soldati romani, che affrontavano lunghi viaggi portando grandi scorte di lupino per ricavare una pasta da assumere come componente proteica assieme a pane e vino. Due studi indipendenti negli ultimi anni hanno mostrato le straordinarie proprietà anti-diabetiche del lupino.

I lupini sono ricchissimi di proteine, minerali e vitamine. Si digeriscono facilmente e sono privi di glutine. Negli ultimi anni sempre più ricerche sono state svolte su questo seme per scoprirne tutte le sue proprietà. Nella medicina tradizionale il lupino secco a digiuno veniva somministrato per guarire il paziente diabetico. Oggi la scienza dimostra che il lupino contiene una sostanza che effettivamente potrebbe sostituire gli attuali farmaci contro il diabete.

STUDIO DEL 2010 DEL SAN RAFFAELE DI MILANO

Questo seme sarebbe dunque un’alternativa, buona e naturale, all’insulina. Lo dice uno studio dell’Unità di Metabolismo-Nutrizione dell’Istituto Scientifico Universitario San Raffaele di Milano, che ha scoperto gli effetti ‘insulino-mimetici‘ di una proteina vegetale presente in abbondanza nei semi gialli, la conglutina -gamma. Il lupino è caratterizzato da proteine per il 45% e di questa percentuale solo il 5% è formato dalla conglutina-gamma. Non si tratta di una concentrazione elevatissima ma è stato scoperto che il suo effetto è come quello dell’insulina.

Come tutti gli insulino-mimetici – spiega il coordinatore della ricerca il prof. Livio Luzi – la conglutina-g non stimola la secrezione insulinica, evitando crisi ipoglicemiche acute. In secondo luogo, essendo un derivato naturale è potenzialmente scevro da effetti indesiderati“.

STUDIO DEL 2015 DELL’UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI MILANO

Lo studio è stato coordinato dal prof. Marcello Duranti (Presidente del Congresso e docente del Dipartimento di Scienze per gli Alimenti, la Nutrizione e l’Ambiente dell’Ateneo lombardo). Le conclusioni sono le stesse: “il lupino grazie alla gamma-conglutina, riduce lo zucchero nel sangue se assunta anche in dosi di pochi grammi al giorno. Queste proprietà rendono il legume un componente ottimo nella dieta di persone diabetiche” spiega il prof. Duranti. La ricerca questa volta è stata svolta su ratti resi iperglicemici, nutriti per tre settimane con alimenti derivati dal lupino. Il risultato è stato molto soddisfacente: gli effetti concreti di un’alimentazione a base di lupino sono la riduzione dell’incremento del peso corporeo, l’assorbimento del cibo e una riduzione della concentrazione di glucosio nel sangue.

ALTRI CONSIGLI UTILI IN CASO DI DIABETE

  • Eliminare completamente il sale: assumere sale richiama zucchero nel sangue;
  • Ridurre cibi ad alto indice glicemico: zuccheri raffinati, dolci, farinacei raffinati (pasta, pane bianco, crackers, ecc)
  • Consumare molta verdura che abbassa il picco glicemico;
  • Consumare quotidianamente Cannellauno studio pubblicato dalla rivista medica Diabetes Care, ha dimostrato, attraverso test effettuati su soggetti con diabete di tipo 2, che assumendo una dose giornaliera di 6g di cannella, la glicemia si riduce. Io la uso nei frullati di frutta mattutini insieme alla verdura, ha un sapore meraviglioso e non c’è il picco glicemico della frutta;
  • Leggi gli articoli elencati in fondo sul diabete;
Farina di Lupino Dolce
Ricco di Proteine – Privo di Colesterolo

Voto medio su 17 recensioni: Da non perdere

Sfogliatine al Lupino
Senza lievito – Fonte di proteine – Alto contenuto di fibre

Per approfondire vedi

I Lupini sono ricchissimi di Proteine e di molte proprietà

“Come siamo guariti dal diabete” – Cosa togliere cosa assumere

Diabete: 6 alimenti per fermarlo e iniziare l’autoguarigione

GUARISCE DAL DIABETE, COLESTEROLO ALTO E IPERTENSIONE CON LA DIETA MOZZI

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. sono infiniti i doni…per chi li riconosce e sente affinità e attrazione.

  2. sono infiniti i doni…per chi li riconosce e sente affinità e attrazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline