Latte, farina, riso e tanti altri prodotti possono essere contaminati. Ecco le analisi shock

15 Commenti

metalli pesanti supermercato

Molti cibi venduti nei supermercati possono essere contaminati con metalli pesanti e terre rare. Questo è il risultato di un’inchiesta che sta andando avanti da circa un anno e che ha analizzato prodotti nei negozi di tutta Italia con risultati agghiaccianti. Ho potuto visionare la documentazione delle analisi e i relativi comunicati alle aziende interessate che promettono di fare controlli aggiuntivi senza poi farsi più sentire. Ecco di seguito la comunicazione che vi invito a diffondere per portarla all’attenzione degli organi competenti affinché siano fatti i dovuti accertamenti. Chi segue Dionidream da tempo sa quanto sono deleteri gli effetti dei metalli pesanti sulla salute e il fatto è che non escono facilmente dal corpo e quindi una piccola ingestione giornaliera può diventare letale nel corso degli anni.

Ciao Riccardo,

Ho bisogno del tuo aiuto per diffondere quanto prima una notizia molto importante: sono una dipendente di un ente pubblico della regione Toscana, sono una persona molto accorta all’alimentazione, usando principalmente alimenti bio o simili – da circa un anno, esattamente dal mese di settembre 2015, ho notato nei cibi usati da anni una modifica sostanziale degli effetti: non più salutari sull’organismo, ma alquanto nocivi.

Ho sempre avuto una sensibilità agli alimenti tossici, in passato ho aiutato un medico ad individuare quali integratori alimentari potessero essere più salutari all’organismo umano.

Presso la Procura di Firenze esiste già una denuncia penale verso un gruppo di persone definite anche hacker, tutti dipendenti della medesima azienda dove lavoro, che da anni sofisticano gli alimenti con sostanze nocive a danno principalmente dei ragazzi.

Preoccupata dalla variazione degli effetti del cibo mi sono attivata per effettuare dei controlli, era praticamente inutile farli analizzare nel laboratorio di biotossicologia dell’Azienda Sanitaria del mio territorio e anche nei laboratori privati trattandosi di persone che da anni manomettono strumentazione software e dati sensibili.

Dopo un’indagine, ho ordinato dagli Stati Uniti un Kit fai da te, della ditta ChemSee sviluppato e convalidato sotto contratto con il Dipartimento della Difesa,  il kit ti fa sapere subito se l’alimento  è tossico con il cambiamento di colore. Ho provato in presenza di un avvocato di Firenze, ad analizzare quattro confezioni di latte due vaccino e due di soia, distribuite a livello nazionale: come immaginavo sono risultate tutte tossiche, principalmente per cadmio – metallo più pericoloso del mercurio. Successivamente sono stati eseguiti altri controlli con il Vega Test su altri alimenti diffusi a livello nazionale e su integratori alimentari oltre ai metalli pesanti è risultato una sofisticazione per terre rare principalmente per erbio e per neodimio

Nell’uomo, le terre rare come l’erbio ed il neodimio sono altamente reattive, agiscono come un boomerang e provocano un’infiammazione cronica di basso grado con alterazione dell’HSP27 – causando  infiammazione ovunque.

Il latte non è l’unico alimento che abbiamo trovato alterato,  sono stati sofisticati altri alimenti base e cioè:  le uova, le farine, il riso, le carni bianche, la frutta….e di conseguenza intere catene alimentari.

In Italia ci stiamo alimentando, per colpa di un gruppo di folli assassini, con cibi altamente tossici da circa un anno – la loro passione è sempre stata procurare le malattie al prossimo.

La regione Toscana sicuramente è la più colpita, perché il gruppo risiede nelle provincia di Firenze – ma adesso nessuna regione è esclusa.

In tanti, non solo nella mia regione, abbiamo gli occhi rossi meglio definirli flashati,  segno di un’infiammazione interna e non di smog o di allergia ed i bambini e gli anziani sono i primi a soffrire la presenza di metalli pesanti e delle terre rare nel cibo – siamo diventati come una popolazione di zombie

La prova dell’intossicazione degli italiani la danno gli stranieri, quando arrivano in Italia hanno la sclera dell’occhio bianca dopo un breve soggiorno ripartono con gli occhi flashati.

Scrivo tutto questo perché la situazione è grave, riguarda gran parte del nostro paese, è importante agire quanto prima, diffondere la notizia, collaborando tutti quanti al fine della tutela della salute.

La Procura per andare avanti ha richiesto ulteriori prove: come vengono sofisticati gli alimenti, questo non rientra nei miei compiti – sicuramente il gruppo segnalato agisce alla base della catena alimentare – con la diffusione di questa notizia forse riusciamo ad attirare l’attenzione su questo grave problema.

Grazie della collaborazione.

Simona

Vi terremo informati su ulteriori sviluppi. L’importante è diffondere la notizia per attirare l’attenzione degli organi competenti che fino ad ora non si sono dimostrati molto interessati alla questione e che purtroppo può avere implicazioni enormi.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

15 Commenti su questo post

  1. Possono? Lo sono da decenni….

  2. ada barbieri says:

    scioccante ma è vero.

  3. Cinzia says:

    Voglio diffondere la notizia che il 19 luglio il dr.Valdo Vaccaro ha dovuto subire l’ irruzione della polizia nella propria abitazione, con conseguente sequestro di computers e documenti, che ancora non gli sono stati restituiti.
    Per chi non lo conoscesse, Valdo opera gratuitamente da anni per diffondere i principi dell’ Igienismo, la scienza della salute ed ha salvato migliaia di persone, me inclusa.

  4. navigatorecuriso says:

    Sarebbe stato utile che ti avesse mandato anche il responso del KIT, tanto per zittire i famosi ricercatori di bufale (Butac) che fanno di tutto per screditare chi tenta di salvare gente e nel quale, nel caso tu Riccardo non lo sappia, sei entrato anche tu come tanti altri nel loro mirino.

    • dioni says:

      Ciao NavigatoreCurioso, in realtà me li ha mandati ma con l’avvocato hanno preferito non pubblicare dati sensibili e marchi dei prodotti per evitare ripercussioni prima che ci sia un feedback dagli organi competenti. Comunque è mio interesse pubblicare gli sviluppi che spero ci saranno. Si sono al corrente dei siti di bufale che rappresentano una parte di popolazione incredula, ma sempre in numero minore dato che i fatti ad un certo punto diventano più forti dei condizionamenti.

    • alfonso says:

      Beh, non generalizziamo, che di campanili ce ne sono già a sufficienza, mi pare.
      Molti sono i venditori di bufale e screditarli è informazione, mentre propagare i loro deliri è disinformazione.
      Ci sono una quantità di mitomani che nella loro ansia di vivere in una realtà che sia come la vogliono, la creano nella loro mente e poi ci credono e la propagano.
      Le bufale in genere hanno dati ‘chiave’ incerti, cioè mancano i nomi se questi sono indispensabili per la verifica, oppure le date, oppure i luoghi.
      In questa lettera mancano i nomi e i luoghi e c’è invece una data di inizio, e tutto questo è lontano dall’essere verificabile.
      Se poi Riccardo dice di averli va bene, ma la costruzione, senza questa sua precisazione, è proprio tipica della bufala.

  5. SABRINA says:

    e che possiamo fare noi per non morire avvalenati? cosi facciamo prima a capirci.

  6. Malles says:

    Purtroppo sono ancora denunce all’olio d’oliva, una proliferazione di allarmismi, più che fondati,che alla fine, sono risultati fini a se stessi. Molte parole, denunce comprese, che nulla hanno mai cambiato. Il tutto ovviamente andrebbe sempre comprovato da diverse analisi, scientifiche e strumentali. Un cambiamento per esser tale, non deve poggiarsi sul nulla (vedi disinteresse della gran parte delle masse), la quale come un gregge, va incolonnata verso una vera apertura mentale, ma per ottenere questo, si ha bisogno più che mai di risultati (vedi esami esposti alla luce del sole, pubblicati cioè). Altrimenti per pura pigrizia mentale si continuerà con il solito tran-tran che fa comunella con il menefreghismo, anche se questo dovesse nuocere alla propria salute. La salute viene sempre dopo il profitto. Annamo bene annamo…
    Un saluto

    • massenzio says:

      Le masse non sono persone, ma sono esseri virtuali formati da persone reali inconsapevoli.
      Hanno la caratteristica di reagire a stimoli ben conosciuti in un modo prevedibile, ed è confermato dai risultati delle pubblicità, che sono controllabili e analizzabili.
      Sono massa tutte le persone che hanno gusti omologabili, etica omologabile, moralità omologabile, termini di giudizio omologabili, religione omologabile.
      In pratica il 99,99 percento della popolazione terrestre.
      Da come scrivi, anche tu sei massa. Cosa ti aspetti da te e dai tuoi simili?

  7. mah …. avevo già avvisato 1 azienda toscana ke produce PASTA da grani AUTOCTONI ke la crusca/INTEGRALE era contaminata …… >NB: nessuna risposta … quindi … mangiate ragazze … mangiate … ma… comunque SAPPIATE KE TUTTO SI PUO’ ADEGUATAMENTE >>* DECONTAMINARE .. * . ed alla grande ….. ma, grazie all’azione di STERMINIO DI MASSA …… va benissimo COSì …… INFORMATEVI, intanto legget quì > tutto fino in > FONDO ………………… http://www.tankerenemy.com/2008/12/scie-chimiche-e-metalli-iridescenti-di.html?spref=fb#.V5nA4hK2aiA

  8. KATIA GRAZIOSI says:

    Ciao Riccardo,
    vorrei fare i test di cui parla Simona nella lettera ai prodotti biologici che consumo abitualmente. Puoi indicarmi cosa acquistare e come?
    Grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline