Metamedicina. L’importanza di comprendere il messaggio psico-emotivo dei disturbi di salute

8 Commenti

metamedicina

La metamedicina o la medicina psicosomatica ci mostra che ogni disturbo di salute può avere una sua corrispondente emotiva e psicologica che, una volta compresa ed integrata nella coscienza, può far scomparire la malattia.

La malattia è spesso vissuta come una maledizione, una spada di Damocle pronta a colpire chiunque in qualsiasi momento senza preavviso e soprattutto senza spiegazione. Ma se invece ci fosse una spiegazione, o meglio ancora, uno scopo? Se guardassimo alla malattia non come ad una sfortuna o ad uno scherzo del destino ma come ad un preciso segnale del nostro corpo per farci progredire?

La malattia può essere vista come un segnale del nostro corpo che ci indica che stiamo operando dei pensieri e delle modalità di adattamento alla vita e agli eventi dissonanti con il nostro fine evolutivo.

La malattia non è una sfortunata casualità, non è un caso, bensì un chiaro e preciso segnale del nostro corpo: esso ci sta segnalando che ci stiamo allontanando dal nostro scopo evolutivo. Rivedere il concetto di malattia è indispensabile per arrivare ad un nuovo concetto di medicina.

La metamedicina e la psicosomatica

Il corpo non opera mai per il male, ma sempre per il ripristino dello stato di equilibrio. La malattia è semplicemente un meccanismo di ripristino. Sembra paradossale ma la metamedicina, termine coniato da Claudia Rainville, sostiene proprio questo: La malattia è una benedizione che viene a segnalare per guarire. La Medicina tradizionale molto spesso lavora con la terapia sintomatica, ossia tende ad agire sul sintomo, ignorando la reale causa della patologia. Di conseguenza non agendo sulla causa il corpo tornerà a segnalare e quindi torneranno i sintomi.

«La sofferenza è un correttivo che mette in luce la lezione che non avremmo compreso con altri mezzi, e non può essere eliminata fino a quando quella lezione non è stata imparata».

Dr. Edward Bach

La metamedicina si concentra invece sulla causa, il sintomo è molto importante perché è rivelatore ma l’unica vera efficace terapia deve agire sulla causa se si vuole fare un reale percorso di guarigione. La metamedicina lavora con la terapia eziopatogenetica: cerca e agisce sulla reale causa.

“La malattia è lo sforzo che fa la Natura per guarire l’uomo. Possiamo dunque imparare molto dalla malattia per il ritorno alla salute, e ciò che appare al malato da respingere, racchiude l’oro vero che non ha trovato in nessun altro luogo”.

Loading...

Carl Gustav Jung

La legge di responsabilità

La legge di responsabilità costituisce la condizione per una vera guarigione. In sostanza dice che noi siamo i creatori di ciò che viviamo, non siamo prede o vittime di un fato crudele, bensì siamo autori e protagonisti di tutto ciò che ci accade.

Ciò non significa che scegliamo consapevolmente di ammalarci; accettare la legge di responsabilità significa divenire consapevoli che i nostri pensieri, i nostri atteggiamenti e i desideri più profondi, creano la realtà che viviamo.

“Quando dico che essere responsabile della situazione significa che mi riconosco quale creatore di ciò che vivo, non intendo insinuare che ho creato deliberatamente una situazione gradevole o sgradevole, ma che bisogna accettare e riconoscere che i nostri pensieri, il nostro sentire, i nostri atteggiamenti o le lezioni che è necessario integrare nella nostra evoluzione, hanno generato le situazioni felici o infelici che ora stiamo vivendo.

La legge della responsabilità, di conseguenza, non ha nulla a che fare con il merito o la punizione, con la fortuna o la sfortuna, con la giustizia o l’ingiustizia, oppure con la colpa: riguarda solo il concatenarsi delle cause e degli effetti.”

Claudia Rainville

Alcuni esempi di patologia con la possibile corrispondente causa emotiva

Il corpo manda continuamente segnali per indicarci la qualità dei nostri pensieri, dei nostri schemi mentali e delle nostre scelte più profonde che compiamo quotidianamente, come se fosse la cartina tornasole dei nostri pensieri il corpo ci parla e ci rivela quale tipo di strada stiamo percorrendo, se una strada evolutiva o se una strada involutiva.

La malattia quindi come segnale di pensieri involutivi, la malattia in questo paradigma non è più una maledizione ma l’esatto contrario: una benedizione perché ci sta informando che è necessario un cambiamento!

  • Gastrite può essere legata ad un senso di impotenza e di ingiustizia subita, spesso collegata alla collera perché non ci sentiamo apprezzati e rispettati
  • Tosse potrebbe essere un segnale di paura dell’affrontare il passo verso la libertà, verso l’indipendenza
  • Bronchite può dipendere dal sentirsi senza spazio, senza aria; dalla difficoltà nel prendere il posto che ci spetta e di riuscire a mantenerlo
  • Neoplasie al seno spesso colpiscono donne che hanno subìto una perdita in ambito familiare (un figlio, un genitore, un partner) oppure possono essere causati da un forte senso di colpa come madre o come donna
  • Psoriasi può essere innescata da un abbandono o un rifiuto del passato, spesso collegata ad emozioni di paura che quel trauma possa ripetersi, paura di soffrire nuovamente e quindi non ci si sente protetti, non si accetta la propria vulnerabilità e sensibilità

Quando finalmente vedremo tutte le malattie come dei segnali di una disarmonia specifica ed impareremo ad interpretare questi messaggi del corpo come benedizioni che ci avvisano che stiamo avendo dei pensieri e quindi delle modalità di reazione emotiva volti al rifiuto, alla non accettazione, al combattimento, alla frustrazione, al giudizio… allora per la medicina ci sarà una nuova era, che sta già dando i primi frutti.

La metamedicina guarda alla malattia come uno strumento di segnalazione di uno stato involutivo di pensieri, la metamedicina guarda al sintomo per arrivare alla causa psicoemotiva e soltanto agendo sulla causa si può sciogliere il conflitto che genera la patologia e quindi attivare un processo di profonda guarigione.

“Se un messaggio (un sintomo) è correttamente interpretato e se agiamo di conseguenza, esso non è più necessario e può scomparire.”

Lise Bourbeau, autrice de “Le 5 ferite”

Curare la causa porta alla scomparsa dell’effetto (del sintomo) quindi non combattere la malattia ma imparare a leggerla, accompagnarla e imparare la lezione evolutiva di ogni malattia è l’unica terapia che porta alla vera e profonda guarigione.

 
Riferimenti bibliografici

Edward Bach, Guarisci te stesso, ed. Macro, 2011

Edward Bach, Libera te stesso, ed. Macro, 2008

Claudia Rainville, Metamedicina 2.0, Ogni Sintomo è un Messaggio, ed. Amrita 2000

Claudia Rainville, Il Grande Dizionario della Metamedicina, ed. Sperling & Kupfer 2010

Lise Bourbeau, Ascolta il tuo corpo. Il tuo migliore amico sulla Terra, ed. Amrita 2000


Leggi anche

Come la tua Mente può guarire la malattia. Ecco la connessione psicosomatica che innesca i disturbi

Il significato emotivo specifico di questi 22 dolori fisici comuni

Il Significato del Mal di Pancia – Ogni Zona è collegata ad un Disturbo

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

8 Commenti su questo post

  1. Molto interessante!

  2. Daniela says:

    Caro Riccardo,
    Ho studiato ed approfondito le 5 leggi biologiche di Hammer
    Ho letto il grande dizionario di metamedicina della Rainville.
    Ho conosciuto Gabriella Mereu e sono felice!
    Sono debitrice a “Colui”che mi ha trasmesso quezto percorso. Un abbraccio Daniela

    • dioni says:

      Ciao Daniela, grazie mille per la tua condivisione!
      Se vuoi dare qualche suggerimento a chi vuole approfondire questi argomenti può essere utile.
      Un abbraccio!
      Riccardo

  3. Luca Maza Luca Maza says:

    Bell’articolo interessante

  4. Niente di piu vero!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *