Il Miele funziona meglio di ogni farmaco contro la Tosse! Quale scegliere

3 Commenti

miele egizi potere

Il rimedio della nonna funziona e ora abbiamo le prove scientifiche che lo dimostrano: un latte vegetale caldo con il miele cura davvero la tosse, e un cucchiaio di miele prima di andare a dormire cura davvero il mal di gola. Qual è il fondamento scientifico di questi rimedi della nonna? Se n’è occupata l’università israeliana di Tel Aviv, confermando in laboratorio ciò che tutti sappiamo da generazioni: in caso di tosse e mal di gola, niente è più curativo del miele. Perché? Quale miele scegliere? Quali sono i più efficaci contro le malattie da raffreddamento? Ecco qualche utile consiglio.

Le prime notizie dell’impiego del miele come prodotto medicinale risalgono ad oltre di 4000 anni fa. Nel papiro di Edwin Smith (1500 a.C.) si trovano in dettaglio più di 48 impieghi tradizionali terapeutici col miele.  Secondo un papiro tebano scritto nell’anno 1870 a.C., gli egiziani nutrivano e guarivano i loro bambini con il miele. Ippocrate, il padre della medicina occidentale, ha utilizzato il miele in molti preparati farmaceutici.

LO STUDIO SCIENTIFICO SUL MIELE

Lo studio pubbliato su Pediatrics è stato condotto prendendo in esame 300 bambini da 1 a 5 anni (età media 2 anni e mezzo), tutti con la tosse, e dando ad alcuni, prima di andare a dormire un cucchiaino di miele, e ad altri una sostanza simile che miele non era. I miglioramenti sono stati evidenti già il giorno successivo nei pazienti che avevano assunto il miele, mentre negli altri la malattia ha fatto il suo corso.

Un altro studio del Dipartimento di Pediatria e scienze della sanità pubblica dell’Università della Pennsylvania ha dimostrato le proprietà curative della preziosa sostanza, studiandone gli effetti benefici su 105 bambini e adolescenti tra i 2 e i 18 anni, tutti con tosse. Dai risultati è emerso che il miele, non solo è più efficace dei comuni medicinali, ma offre benefici e sollievo soprattutto durante la notte.

PERCHE’ IL MIELE FUNZIONA

Il miele è ricco di oligoelementi quali metalli (rame, ferro, iodio, manganese, silicio, cromo, presenti soprattutto nei mieli più scuri, che tra l’altro sono anche i più ricchi di antiossidanti), vitamine (A,E, K, C, complesso B), enzimi (che derivano dalle secrezioni ghiandolari delle api) e sostanze battericide (acido formico) ed antibiotiche (germicida): queste ultime categorie di sostanze permettono in particolare al miele di essere conservato a lungo e ne giustificano l’utilizzo come disinfettante naturale.

Inoltre il segreto del suo potere lenitivo sta proprio nel suo sapore, perché le sostanze dolci inducono naturalmente il riflesso della salivazione, causando le secrezioni del muco e un effetto sedativo ed emolliente su faringe e laringe.

QUALE MIELE SCEGLIERE

Miele di Ulmo: Ha un’azione fungicida e cicatrizzante, è ricco di antiossidanti e facilita l’azione respiratoria;

Miele di Eucalipto: Ha un effetto balsamico e, oltre a essere un anticatarrale e un potente antiasmatico, lenisce velocemente il bruciore di gola, lasciando un retrogusto di liquirizia. Secondo il Dott. Mozzi, chi è del gruppo sanguigno zero dovrebbe non usare il miele di eucalipto ma preferire gli altri elencati, oppure il tarassaco e il tiglio;

Miele di Conifere: Tra i più pregiati al mondo, dai fiori di pino ed altri piante sempre verdi, combatte le affezioni respiratorie, e il suo potere batteriostatico è superiore agli altri mieli;

Miele di Manuka:  E’ prodotto dalle api che si nutrono dei fiori dell’albero di Manuka, che è una pianta indigena che cresce nelle distese incontaminate e prive di qualsiasi tipo di inquinamento della Nuova Zelanda. Secondo i ricercatori, è il solo alimento al mondo che contiene il Methylglyoxal, un composto che rende eccezionale questo miele. Infatti oltre ad avere le proprietà curative degli altri mieli, è in grado anche di aiutare ad inibire lo sviluppo delle cellule tumorali ed è efficace sia nel trattamento di infezioni oculari, auricolari e dei seni paranasali, che per attenuare i problemi gastrointestinali. La richiesta per il miele di Manuka come soluzione naturale per la salute è cresciuta rapidamente in tutto il mondo da quando gli antibiotici hanno incominciato ad essere meno efficaci.

ALTRI RIMEDI SUPER POTENTI DELLE API

Pappa Reale: viene chiamata “latte delle api” perché è proprio con questa sostanza che le api giovani alimentano i neonati e le api regine. È una miniera di preziosi nutrienti quali vitamine del gruppo B, calcio, ferro e magnesio. È un ottimo stimolante: aiuta, infatti, a contrastare la stanchezza, sia fisica che mentale, e fortifica il nostro sistema immunitario.

Propoli: serve alle api per rivestire le pareti interne dell’alveare, proteggendole da batteri e malattie portate da altri insetti. È evidente che la sua azione sia, quindi, quella di sterilizzare impedendo ai germi di moltiplicarsi fino a ucciderli. È utile contro virus influenzali e parainfluenzali e per tutte le affezioni delle vie respiratorie e del cavo orale.

Polline: Le api lo raccolgono e lo utilizzano per la produzione di pappa reale, e per l’alimentazione delle larve. Il polline di api costituisce la più ricca e completa fonte di minerali, vitamine, enzimi ed aminoacidi presenti in natura. Stimola il cervello, incrementando la concentrazione, la lucidità mentale e la memoria fino al 40% e rafforza le difese immunitarie, aumentando il numero di globuli bianchi, linfociti e gammaglobuline presenti nel sangue. Inoltre ha proprietà antibiotiche ed è di supporto alle terapie anticancro. D’inverno lo prendo spesso la mattina, me ne metto un cucchiaino in bocca e mi carica, essendo una fonte di energia pura e immediatamente disponibile.

Quindi diamoci da fare a fare la nostra scorta per l’inverno di rimedi prodotti dalle nostre amiche api. Fa che la tua medicina sia il tuo cibo, e il tuo cibo la tua medicina, come diceva Ippocrate. 

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

3 Commenti su questo post

  1. Mi sono affezionata al miele ormai ahha

  2. Posso provare con il miele! Che ne dici Laura?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline