Miele di Manuka. I 10 Benefici del potente miele antibiotico della Nuova Zelanda

23 Commenti

manuka miele

Il miele di Manuka viene prodotto in Nuova Zelanda dalle api che impollinano il fiore di Manuka, ed è riconosciuto come il miele più singolare e benefico al mondo come dimostrato da numerose certificazioni scientifiche internazionali.

Gli utilizzi del miele di Manuka sono molteplici e vanno dal guarire il mal di gola e le malattie dell’apparato digerente, al curare le infezioni da stafilococco, le gengiviti, prevenire l’influenza e nella sua potente azione antibiotica. Il contenuto nutrizionale del miele di Manuka è fino a 4 volte superiore a quello del normale miele ottenuto dai fiori, ovvero è ricchissimo di vitamine del gruppo B (B6, tiamina, niacina, riboflavina, acido pantotenico), Calcio, Rame, Ferro, Magnesio, Manganese, Fosforo, Potassio, Sodio, Zinco.

Proprietà del Miele di Manuka

In sintesi le proprietà del Miele di Manuka sono ottime per trattare:

Unique Manuka Factor. Il Fattore Unico del Miele di Manuka

Nel 1981, i ricercatori dell’Università della Nuova Zelanda di Waikato hanno scoperto che questo miele ha un livello notevolmente più elevato di enzimi rispetto a quello normale. Questi enzimi creano un perossido di idrogeno (acqua ossigenata) naturale che insieme a metilgliossale e diidrossiacetone svolgono una potentissima azione antibatterica.

Questa trilogia interviene nel costituire quello che viene indicato come il Fattore Unico di Manuka (UMF), uno standard globale per identificare e misurare la forza antibatterica di questo miele. In sostanza, l’UMF è una garanzia che il miele venduto è di qualità dal punto di vista curativo. L’UMF non si trova nel nettare di tutti i fiori di Manuka e, facendo un paragone, la Manuka normale contiene solo il perossido di idrogeno, che è comune presente nella maggior parte dei tipi di miele. Ciò che differenzia l’UMF  da altre varietà di questo miele è che contiene sia il perossido di idrogeno naturale e sia le sue naturali proprietà antibatteriche, che ne migliorano notevolmente l’efficacia. Le proprietà dell’UMF sono estremamente stabili e, a differenza del perossido di idrogeno comune nella maggior parte del miele, non sono facilmente distrutte dal calore,dalla luce e dagli enzimi del corpo.

Come verificare se è un autentico miele di Manuka con UMF

Il livello minimo riconosciuto è di UMF pari a 5, tuttavia per essere realmente più benefico degli altri tipi di miele deve avere un livello di attività antibatterica superiore o uguale a UMF 10. Un livello utile è tra  UMF10-UMF15 e tutto il miele con un livello maggiore di UMF16 è considerato di una qualità superiore. Un miele di Manuka genuino deve avere queste quattro caratteristiche:

  • Un marchio UMF chiaramente etichettato sul fronte del contenitore.
  • Proviene da una società autorizzata della Nuova Zelanda  ed è etichettato in Nuova Zelanda.
  • Ha nome e un numero di licenza della società produttrice di UMF sull’etichetta.
  • Ha un  livello di UMF di 5-16 +.

Se l’etichetta non presenta il livello UMF o senza un numero di licenza, allora non è l’articolo originale. Ecco una spiegazione di ciò per cui dovrebbe essere utilizzato il miele di Manuka con UMF:

  • 0-4 Non diversamente terapeutico dagli altri tipi di miele
  • 4-9 Livello di mantenimento, con benefici per la salute
  • 10-14 Aiuta la guarigione naturale e l’equilibrio batterico
  • 15+  ha livelli superiori di fenoli altamente terapeutici ma non si deve superare la dose di 1 cucchiaio alla volta

Alcune aziende non usano la numerazione UMF ma quella MGO ovvero mostrano il valore di metilgliossale e non di tutta la carica antibatterica che comprende anche il perossido di idrogeno e il diidrossiacetone. E’ possibile stabilire una tabella di conversione tra questi due parametri ufficiali:

  • UMF 5 = MGO 83
  • UMF 10 = MGO 263
  • UMF 12 = MGO 356
  • UMF 15 = MGO 514
  • UMF 18 = MGO 696
  • UMF 20 = MGO 829

I 10 benefici del Miele di Manuka

I benefici per la salute di questo miele sono stati propagandati nel mondo della salute naturale soprattutto negli ultimi anni a causa di un crescente numero di studi scientifici che sta cominciando a supportare i migliaia di anni del suo utilizzo nella medicina popolare. Alcuni dei migliori utilizzi del miele di Manuka sono:

Loading...

1. SIBO, acidità di stomaco e reflusso acido. La proliferazione batterica nell’intestino tenue (SIBO), la diminuzione dell’acidità di stomaco e del reflusso acido vanno di pari passo. A causa delle potenti doti antibiotiche naturali del miele di Manuka, esso è una cura contro tutti i batteri correlati a questi disturbi. Infatti, in un recente studio, uno dei batteri pericolosi correlato a tutte e tre le condizioni, il Clostridium difficult, è risultato essere molto sensibile agli effetti battericidi del miele di Manuka. Quindi risulta molto utile a ridurre il reflusso e a bilanciare il sistema digestivo per guarire sia lo stomaco sia gli squilibri intestinali.

2. Acne ed Eczema. Internet è pieno di testimonianze di pazienti che scrivono che il miele di Manuka funziona meravigliosamente contro l’acne e l’eczema. In questo momento non ci sono studi clinici a sostegno di queste affermazioni, ma ciò non mi preoccupa affatto. Prendendo in considerazione le sue comprovate proprietà antimicrobiche e curative, è plausibile ritenere che questo miele possa essere utile contro queste condizioni della pelle. La maggior parte delle persone sostengono che faccia effetto applicare per pochi minuti il miele sulle zone colpite, e poi lavare con acqua e sapone delicato. Si può ripetere questa operazione ogni giorno per ottenere risultati sempre migliori.

3. Infezioni da stafilococco (MRSA). Probabilmente avrete sentito parlare del super batterio che ha afflitto gli ospedali negli ultimi anni, lo Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (o MRSA). Un uso eccessivo di antibiotici e la loro inefficacia hanno portato alcuni ceppi di questo batterio a diventare resistente, rendendo praticamente indifendibile l’organismo. Diffondendosi rapidamente, la maggior parte delle persone affette da MRSA finiscono per diventare infettanti e necessitano di procedure invasive o di interventi chirurgici, articolazioni artificiali o interventi d’urgenza per salvare loro la vita. Lo scorso marzo, tuttavia, i ricercatori britannici della Cardiff Metropolitan University ci hanno offerto qualche speranza naturale. Hanno scoperto che il miele di Manuka deprime la regolazione dei geni più potenti dei batteri MRSA. Alcuni scienziati ora suggeriscono che il suo uso su tagli e infezioni (soprattutto in ambito ospedaliero e case di cura) può tenere a bada l’MRSA.

4. Ustioni, ferite e ulcere. Secondo un recente articolo del Jundishapur Journal of Natural Pharmaceutical Products, “L’uso del miele porta ad una migliore guarigione delle ferite nei casi acuti, sollievo dal dolore in pazienti ustionati e a una diminuzione della risposta infiammatoria in questi pazienti.” Inoltre, a causa della sua caratteristiche di essere ricco di antiossidanti, anti-batterici e anti-infiammatori,il miele di Manuka può prevenire l’infezione nelle persone con ulcere venose.  E ‘stato utilizzato anche in modo abbastanza efficace come una medicazione per promuovere una rapida e  migliore guarigione.

5. Carie e gengiviti. Diversi recenti studi descrivono  come il miele di Manuka possa aiutare a curare gengiviti e malattie parodontali. Grazie alle sue proprietà antimicrobiche, i ricercatori della Scuola di Odontoiatria, dell’Università di Otago (Nuova Zelanda) hanno scoperto che masticare un prodotto a base miele di Manuka non solo ha causato una diminuzione del 35% della placca, ma ha anche portato ad una riduzione del sanguinamento del 35% in persone che soffrono di gengivite! Inoltre calcio, zinco e fosforo sono tutti nutrienti importanti per la guarigione dei denti.

6. Intestino irritabile e Colite. E’ stato osservato che il miele di Manuka riduce notevolmente l’infiammazione nel colon nei pazienti affetti da colite. Inoltre non solo guarisce l’infiammazione intestinale e allevia il dolore, ma grazie al suo effetto antiossidante, il miele di Manuka ripara anche i danni causati dai radicali liberi, proteggendo da ulteriori danni.

7. Mal di gola e immunità. Nel 2007, i dati pubblicati sul Journal of Leukocyte Biology hanno suggerito che il miele di Manuka stimola le cellule del sistema immunitario migliorando la difesa del corpo alle malattie. Unendo a questo  la ricerca del 2011 che mostra come il Manuka ferma la crescita dei batteri che causano il mal di mal di gola, non c’è da stupirsi che così tante persone, quando non si sentono bene, trovino quasi istantaneamente beneficio assumendo un cucchiaio di miele; recentemente è anche stato approvato dal National Cancer Institute che possa essere utilizzato per curare l’infiammazione alla gola dovuta alla chemioterapia.

8. Cancro. Uno studio del 2013 pubblicato sulla rivista PLOS ONE ha scoperto che basse dosi di miele di Manuka sono in grado di rallentare fino a fermare la crescita delle cellule tumorali.

9. Trattamento di bellezza & Miglioramento della salute. Assumere quotidianamente miele di Manuka ha un effetto anti-age che aumenta l’energia e migliora la qualità della vita. A causa dei  sua nutrienti aumenta la vitalità, da energia giovanile, e migliora il tono della pelle e dei tessuti. Viene usato nel sapone per esfoliare e combattere i radicali liberi nella pelle. Viene usato nello  shampoo o nelle maschere per capelli, per aumentarne la brillantezza. Uno dei miei utilizzi preferiti è aggiungerlo in una bevanda depurante, per ottenere i maggiori benefici dentro e fuori!

10. Migliora il sonno. Il miele di Manuka aiuta a promuovere il sonno profondo. Viene rilasciato lentamente il glicogeno necessario per le funzioni corporee essenziali durante il sonno. Aggiungere miele nel latte vegetale prima di coricarsi aiuta il rilascio di melatonina nel cervello, necessaria per il sonno profondo. Ci sono molti problemi di salute connessi a problemi del sonno come malattie cardiache, diabete di tipo II, ictus, e artrite. Dal momento che il miele si è dimostrato utile nel migliorare la qualità del sonno, aiuta anche a ridurre il rischio di questi e molti altri problemi.

Come usare il miele di Manuka

Effetti collaterali del miele di Manuka. Le persone allergiche ai prodotti delle api devono evitarlo.

Modo d’uso. Si dovrebbe assumere una dose di circa 1-2 cucchiai di miele di Manuka al giorno per sperimentare il massimo beneficio. Il modo più semplice è quello assumerlo da solo, ma se lo si trovasse troppo dolce può essere aggiunto in una tisana, oltre che nello  yogurt, o sul pane tostato. Aggiungere 1 cucchiaino di cannella se si vuole aumentare l’effetto sul sistema immunitario o guarire da un mal di gola. La ricerca mostra che le proprietà antimicrobiche della cannella e del miele di Manuka sono così potenti che possono davvero aiutare a recuperare in fretta!

Il Miele di Manuka
E le sue straordinarie proprietà curative naturali

Riferimenti
– Eric N Hammond and Eric S Donkor. Antibacterial effect of Manuka honey on Clostridium difficile. BMC Research Notes20136:188
– Gethin G and Cowman S. Manuka honey vs. hydrogel–a prospective, open label, multicentre, randomised controlled trial to compare desloughing efficacy and healing outcomes in venous ulcers. J Clin Nurs. 2009 Feb;18(3):466-74.
– English HK, Pack AR, Molan PC. The effects of manuka honey on plaque and gingivitis: a pilot study. J Int Acad Periodontol. 2004 Apr;6(2):63-7.
– A. Prakash et al. Effect of different doses of Manuka honey in experimentally induced inflammatory bowel disease in rats. Phytotherapy Research Volume 22, Issue 11 November 2008 Pages 1511–1519
– Maria J. Fernandez-Cabezudo et al. Intravenous Administration of Manuka Honey Inhibits Tumor Growth and Improves Host Survival When Used in Combination with Chemotherapy in a Melanoma Mouse Model. Plos One February 7, 2013

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

23 Commenti su questo post

  1. Corro subito a comprarlo

  2. Un vasetto da mezzo kilo 80 euro!!! già mi sento male.. chi me né da un cucchiaio a scrocco.. per riprendermi.

  3. Mery Robledo Mery Robledo says:

    Costa tantissimo…

  4. Michela Ballo… è anche buonissimo

  5. Sabrina says:

    Cioè ma può avere tutte le proprietà di questo mondo ma non si può neanche vedere sti prezzi…poi dicono che non si lucra sulla salute della gente! adesso anche i prodotti naturali…miele e api comprese 🙁 .

  6. Però è portentoso

  7. stefano says:

    solo 80 euro al vasetto ??? corro subito a comprarlo !!!!!!!!!

  8. stefano says:

    a questi prezzi mi faccio subito la scorta almeno una ventina di vasetti.!!!

  9. Però vedo ke siamo sempre lì più o meno…. per la serie “Si curi chi può!”, eh?(!) 🙁 ….. ke trist3zza(!)… >:(

  10. Lo sciroppo per la tosse…ottimo

  11. E’ ottimo Lo usato !

  12. Gianni Santi Gianni Santi says:

    Roba x ricchi…

  13. Io ho comprato quello certificato su Amazon, approfittando del buon cambio euro/sterlina, realizzando un grosso risparmio: l’ho provato durante l’influenza/raffreddore/bronchite che ho avuto, ma sinceramente, non ho visto effetti miracolosi….

    • Sonia says:

      Su Amazon ho visto quello MGO non UMF ch’è l’originale.
      Mia nipote celiaca lo sta usando x l’intestino ha dei benefici.è vero costa,ma le dura tre mesi.

  14. il nostro miele a km 0 meglio

  15. Sonia says:

    Sto cercando il 16+UMF dove posso trovarlo in Italia? c’e’qualche rivenditore?il nome della azienda neozelandese x eventualmente contattare loro.purtroppo e’poco conosciuto non si trova facilmente.

  16. Antonio says:

    C’è chi dice che fa venire il diabete. E’ vero??

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *