NASA: Marte un tempo era abitabile

Nessun Commento

Location of John Klein drill site

“Una volta su Marte esistevano le condizioni necessarie per consentire forme di vita”. Lo ha rivelato la Nasa citando il risultato delle prime analisi delle trivellazioni effettuate da sonda Curosity in quello che potrebbe essere stato, un tempo, il letto di un lago marziano. È la prima volta che possiamo trarre una conclusione del genere riguardo a un altro corpo celeste.

“Questo è sicuramente l’ambiente più abitabile mai incontrato finora all’infuori della terra”, ha dichiarato John Grotzinger, a capo della missione Curiosity per il California Institute of Technology. “Se un essere umano si fosse ritrovato sul pianeta, all’epoca, avrebbe potuto tranquillamente bere l’acqua che era lì”.

Secondo quanto riferito da Michael Meyer, capo del programma Nasa per l’esplorazione di Marte, nelle rocce analizzate da Curiosity sono state trovate alcune sostanze, come idrogeno, carbonio e ossigeno, indispensabili per consentire la sopravvivenza di forme di vita.

“La fondamentale domanda cui (doveva rispondere) era se Marte avrebbe potuto sostenere un ambiente abitabile. Da quanto abbiamo appreso la risposta è si”, ha concluso Meyer.

La scoperta si basa, in parte, sul rinvenimento di minerali argillosi e solfati nel campione estratto durante la trivellazione del terreno. Entrambi i materiali si formano infatti esclusivamente in presenza di acqua, e per di più solo in ambienti non acidi, dato che gli ambienti acidi sono invece potenzialmente pericolosi per la vita. [Segnali di vita dal sottosuolo di Marte].

00%20-%20Charitum%20Montes.jpgNella conferenza stampa al quartier generale della NASA a Washington D.C., il team di ricerca ha anche annunciato che semplici sostanze organiche sono state rilevate dal Sample Analysis at Mars (SAM). Paul Mahaffy, responsabile scientifico di SAM, ha però specificato che non è ancora chiaro se le sostanze organiche sono di origine puramente marziana o se si sono formate dall’interazione con sostanze organiche inavvertitamente portate dalla Terra dal rover.

La trivellazione è avvenuta in una zona battezzata Yellowknife Bay all’interno del grande cratere Gale dove il Rover aveva poggiato le sue ruote poco lontano con estrema precisione quasi otto mesi fa.

La trivella ha penetrato un suolo di tipo sedimentario in un punto alla confluenza di alcuni fiumi che in poche remote formavano alternativamente un lago, il cui fondale con i suoi minerali poteva fornire energia chimica e altre condizioni favorevoli ai processi biologici. [Gli antichi fiumi di Marte: ecco le foto].

“La gamma di ingredienti chimici che abbiamo identificato nel campione è impressionante”, continua Paul Mahaffy. “Abbinamenti come solfati e solfuri indicano una possibile fonte di energia chimica per i microrganismi”. Ora che è stato scoperto che in passato Marte era favorevole alla vita, l’obiettivo, ha spiegato la Nasa è cercare composti organici.

Marte oggi è freddo, secco e ostile, e la possibilità di trovare la vita sulla sua superficie sono considerate infinitamente sottili. Ma con i suoi laboratori portatili di chimica e mineralogia, una novità assoluta per i rover marziani, Curiosity sta finalmente trovando le tanto attese prove dell’esistenza di un Marte più caldo e umido. Tutto questo è stato possibile grazie all’uso del trapano del robot, altra importante novità introdotta da Curiosity. [Strane sfere rocciose scoperte su Marte da Opportunity].

“Abbiamo analizzato un ambiente molto antico dove una volta le condizioni erano favorevoli alla vita”, conclude John Grotzinger, “ma ritengo che altre scoperte ancora più eccitanti ci aspettino nei prossimi mesi e anni”.

Il rover è atterrato a Gale Crater in agosto e ci si aspettava che procedesse rapidamente verso la grande montagna al centro del cratere, il monte Sharp per scalarne le pendici e che sorge al centro del grande cratere scavato dalla caduta di un asteroide. Ma la deviazione nella regione della Yellowknife Bay è stata così produttiva che non è ancora chiaro quando proseguirà il suo viaggio verso la montagna.

Fonte http://ilnavigatorecurioso.myblog.it/archive/2013/03/14/la-nasa-si-sbilancia-marte-un-tempo-era-abitabile.html

Per approfondire http://www.nasa.gov/mission_pages/msl/news/msl20130312.html

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline