I nutrizionisti di Harvard eliminano latte e derivati dalla guida per l’alimentazione sana

13 Commenti

HEPApr2013

Gli esperti di nutrizione della Harvard University hanno eliminato latte e latticini dalla loro guida per un’alimentazione sana Healthy Eating Plate, che si basa “esclusivamente sulle migliori conoscenze scientifiche disponibili e non è stato sottoposta ad alcuna pressione politica o commerciale dalle lobby dell’industria alimentare”.

L’invito degli scienziati è quello di “moderare il consumo di latte o di altri prodotti lattiero-caseari a massimo 1-2 porzioni al giorno”, con benefici soprattutto per i bambini. Per gli adulti, invece, consumarli non è essenziale, per una serie di motivi.

Per la Healthy Eating Plate, anzi, bisognerebbe sostituire al latte l’acqua potabile durante i pasti. Gli esperti di nutrizione sottolineano, infatti, che a causa dell’alto livello di grassi saturi, il latte e i derivati sono diventati un alimento che sarebbe meglio evitare. E tra i danni che potrebbe causare alla salute delle persone, si annoverano il rischio di cancro della prostata e cancro ovarico. E proprio uno studio dell’Università di Harvard afferma che il latte pastorizzato prodotto a livello industriale è associato nel causare tumori ormoni-dipendenti a causa della mungitura della mucca per tutta la sua gravidanza.

Come assumere, allora, il calcio? Sicuramente ve lo starete chiedendo in molti. Dalla Harvard University spiegano: “quelle pubblicità che propongono il latte come la risposta alle ossa forti sono quasi inevitabili. Ma bere il latte si traduce davvero in un rafforzamento delle ossa?”.  Abbiamo già spiegato nell’articolo LATTE: QUELLO CHE DEVI SAPERE E NON CONVIENE CHE TU SAPPIA che: “Il latte contiene sí una quantitá di calcio, il quale peró non puó essere digerito e assimilato propriamente perché le molecole sono connesse alla proteina caseina. Inoltre si trova nel latte una grossa mancanza di magnesio, indispensabile per l’assorbimento del calcio. Il magnesio trasporta il calcio dalle arterie e vene fino alle parti dure del corpo come denti e ossa. Il calcio calcifica le ossa e i denti, ma se si deposita per mancanza di magnesio rimane nelle arterie e va a calcificare le arterie. Giá sentito parlare di calcificazione delle arterie? O arteriosclerosi?? E non solo! Invece di rinforzare le ossa, si deposita nelle vene, tendini, cuore e cervello, rovinando il corpo umano e provocandone l’invecchiamento prematuro. Il latte in realtá non dá calcio, lo ruba! Tutto il contrario di ció che ci dicono? Sí. La digestione del latte produce una base acida dello stomaco, si dice che le sue “ceneri” siano acide. Il corpo umano è di base leggermente alcalina e tutto ció che è acido nello stomaco deve essere neutralizzato. E con che cosa? Con soluzioni alcaline. La nostra miglior riserva alcalina è quella di calcio, magnesio, potassio e cosí via. Il corpo per mantenere il suo equilibrio fisiologico deve rubare dalle giacenze alcaline il necessario per poter neutralizzare il velenoso acido. Ed ecco che una buona parte del nostro prezioso calcio viene sacrificata per eliminare l’aciditá provocata dal latte e/o i suoi derivati.” [Vedi anche Alla scoperta del MAGNESIO: Aiuta a curare quasi tutto, perché non tutti lo sanno?]

Gli esperti ribadiscono che il latte deve essere sostituito con altri alimenti ricchi di calcio, come verdure, lattuga, cavolfiore, broccoli, sesamo e fagioli.

Per ossa forti, poi, restano fondamentali anche la prevenzione, il movimento, il sole e la vitamine D.  [Vedi I Poteri Curativi della Vitamina D] Tutto questo senza considerare gli scandali legati al mondo del latte (vedi il caso Cospalat, il latte  contaminato da sostanze tossiche e cancerogene è stato messo in commercio in tutta Italia, dal Friuli Venezia Giulia fino alla Campania).

Esistono numerose alternative vegetali molto più sane del latte di mucca in commercio spesso pieno di antibiotici, ormoni e processato in modo che non c’è niente di davvero benefico in esso. Ma è molto semplice rimediare dato che esistono tanti tipi di latte vegetale che puoi acquistare e fare anche a casa tua.

  • Latte di cocco – Contiene acido laurico una sostanza presente nel latte materno che contrasta l’influenza. Aiuta anche la salute delcuore.
  • Latte di mandorla – E’ potente antiossidante, regolarizza l’intestino, contrasta l’ulcera e abbassa anche il colesterolo. Scopri come in farlo in casa leggendo 8 ragioni per evitare il latte di soia e come rimediare.
  • Latte di avena – Abbassa il colesterolo, aiuta la digestione, previene l’asma e regolarizza la tiroide.
  • Latte di riso – E’ altamente digeribile, ha un ottimo sapore dolce dato che è ricco di zuccheri semplici che lo rende adatto agli sportivi.
Latte di Mandorla
100 % vegetale – senza glutine o lattosio

Voto medio su 23 recensioni: Da non perdere

Oatly Avena - Latte di Avena
Da agricoltura biologica svedese

Voto medio su 48 recensioni: Da non perdere

ChufaMix - Veggie Drinks Maker
Il primo utensile per spremere semi, frutta secca, cereali ed erbe!

Voto medio su 104 recensioni: Da non perdere

Soyabella modello SB - 130
Per produrre in casa latte di soia, di riso, arachidi e mandorle

Voto medio su 42 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

13 Commenti su questo post

  1. Vero che fanno male..è da qnd li ho quasi eliminati sto meglio…ma qnt sono buoni i formaggi xo’!!

  2. Vero che fanno male..è da qnd li ho quasi eliminati sto meglio…ma qnt sono buoni i formaggi xo’!!

  3. Vero che fanno male..è da qnd li ho quasi eliminati sto meglio…ma qnt sono buoni i formaggi xo’!!

  4. Dionidream says:

    Ciao Germana Lupi Baldi, è il desiderio di salato e di grassi che ti fa attrare dai formaggi. Riduci il consumo di sale e di zuccheri e olio, e apporta i grassi con l’avocado e frutta secca come mandorle, noci, anacardi, noci brasiliane.

  5. Grazie Dionidream ! Ho un già buonissimo controllo su grassi e sale da diverso tempo e faccio molto uso di noci varie e semi, bevo succhi vivi mangio verdure crude e anche cotte, carni quasi pari a zero…xo’ nonostante li controlli nella dieta x i formaggi ci impazzisco !!!!

  6. Mi sembra una buona idea quella di Harvard…è una cosa risaputa ma poco divulgata.

  7. Mi sembra una buona idea quella di Harvard…è una cosa risaputa ma poco divulgata.

  8. Per me sono arrivato tardi già da 2 anni che le ho eliminato.

  9. Mah…ovviamente per loro il latte è malsano anche perchè ricostruito da base liofilizzata, il più delle volte..da noi, almeno questo ancora non avviene…..il latte se crudo o almeno non omogeneizzato lo terrei…

    • Gennaro Esposito says:

      E faresti un grande errore;cara Nicoletta!Studia un pó di piú su quello che l´assunzione di latte e derivati comporta!
      Ti consiglio la lettura di “The China Study”,estremamente interessante.Riguarda il piú grande Studio mai fatto sulle conseguenze di un certo tipo di alimentazione,studio durato ben 27 anni!

  10. …morirò presto…. viva sale, formaggi, gelati e tutto quanto da millenni compone il mio dna.

  11. Vani says:

    ciao!! Si possono avere gli articoli scientifici a cui fai riferiemento in questo post? Si trovano su pubmed? Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline