Muos, Crocetta: "Obama lo vuole e dobbiamo darglielo"

Nessun Commento

Se si facesse un sondaggio nella provincia di Caltanissetta (e in gran parte della Sicilia), oggi la popolarità del governatore Rosario Crocetta sarebbe ai minimi storici. Da esponente istituzionale del fronte No Muos a ‘traditore’ della causa di Niscemi, dove sorgerà il sistema satellitare Usa, il Mobile User Objective System.

Una vicenda che coinvolge gli interessi degli Stati Uniti in Italia, come ricostruiscono Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza per il Fatto Quotidiano: “Che ruolo ha – se davvero ne ha uno – Obama nella vicenda del Muos di Niscemi? Quanto hanno influito quei ‘poteri forti” a cui lo stesso Governatore alludeva, nella sua precipitosa retromarcia sul radar Usa? Non è una domanda da poco, a sentire l’ex Idv Sergio De Gregorio che nella sua ricostruzione fatta recentemente ai magistrati sui retroscena della campagna acquisti responsabile nel 2007 di aver affossato il governo Prodi, ha disegnato uno scenario da spy-story internazionale, svelando come quella maggioranza cadde per le pressioni di altri poteri, ovvero la Cia, che avrebbero – a suo dire – messo nel mirino l’esecutivo di centro-sinistra soprattutto per l’ostilità manifestata nei confronti del Muos“.

“Obama? Non ho mai detto che ha chiamato Letta, quella scena dell’Ars è totalmente inventata. So però che l’ha incontrato al G8, e so anche che hanno parlato del Muos. Obama lo vuole e dobbiamo darglielo” le parole di Crocetta riferite dal quotidiano di Padellaro.

Alle accuse si è aggiunta quella di Fabrizio Ferrandelli, deputato regionale del Pd in Commissione Ambiente, che due giorni fa aveva dichiarato: “Ho chiesto la calendarizzazione del disegno di legge del  governo (sulle emissioni elettromagnetiche, ndr). Dopo 15 minuti arriva la  telefonata della segreteria generale di Palazzo dei Normanni che  comunica che viene sospesa l’assegnazione del disegno di legge  perchè gli uffici stanno valutando se la competenza in materia è  del Parlamento regionale. Ma non era un disegno di legge del governo? Noi non possiamo tollerare un golpe, non possiamo accettare la  sospensione della democrazia. Sulla competenza si pronuncerà il  Parlamento, non Palazzo d’Orleans. Crocetta aveva parlato di  questo ddl con il sindaco di Niscemi. Ora voglio sapere da lui  come stanno le cose e da che parte sta”.

Immediata la replica-smentita di Crocetta: “Non sappiamo di quali fantomatici ritiri parli  Ferrandelli. Probabilmente ha confuso la segreteria  di palazzo dei Normanni, cioè dell’Ars, con quella di palazzo d’Orleans, ovvero del governo, o probabilmente lo stesso non sa  che esistono due segreterie differenti, che hanno ruoli e  rappresentanti diversi. Ferrandelli chiedesse scusa al governo per  l’attacco totalmente ingiustificato e risolvesse all’interno del  dibattito parlamentare le questioni che vengono poste dalla  segreteria generale dell’Assemblea regionale siciliana”.

Read more: http://it.ibtimes.com/articles/53895/20130802/crocetta-muos-obama-usa-cia.htm#ixzz2aqWZSNVO

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline