OGM e leucemia: la tossina Bt sotto accusa

Nessun Commento

A rivelarlo è la rivista scientifica Journal of Hematology & Thromboembolic Diseases secondo cui la tossina Bt ingegnerizzata in gran parte dei cereali ogm per il consumo anche umano ha un potenziale “leucemogeno”.

Già a creare un enorme scalpore era stato lo studio di Seralini che aveva dimostrato come topi alimentati con cibo ogm sviluppassero tumori; ora un altro studio pubblicato sul Journal of Hematology & Thromboembolic Diseases indica che la tossina ingegnerizzata nei cereali ogm, nota come Bacillus Thuringensis (Bt), può contribuire ad anomalie del sangue, dall’anemia ai tumori ematici maligni come la leucemia. Un gruppo di ricercatori del Dipartimento di genetica e morfologia, Istituto di Scienze Biologiche, dell’università di Brasilia hanno valyutato la tossicità e la patogenicità di questo agente, dato che si sa molto poco sugli effetti prodotti sugli organismi non-bersaglio della manipolazione stessa, come ad esempio gli esseri umani. Con l’avvento della tecnologia ricombinante, i geni che producono questa tossina sono stati inseriti nelle piante ad uso commerciale, entrando quindi di fatto nella catena alimentare degli Stati Uniti dove appunto la coltivazione ogm è permessa. Lo studio ha scoperto che la tossina Bt è in grado di indurre modifiche sui globuli rossi inducendo un danno significativo e che può sopprimere la proliferazione del midollo spinale creando comportamenti anomali dei linfociti compatibili con la leucemia.

Lo studio ha inoltre scoperto che:
. La tossina in questione manifesta i suoi effetti avversi anche quando è in sospensione in acqua distillata, quindi non richiede l’alcalinizzazione che si credeva in precedenza.
. Che anche la più bassa dose testata (27 mg/kg) può indurre anemia ipocromica. La tossina è stata individuata nel sangue di donne non gravide, di donne gravide e dei loro feti in Canada, con un’esposizione probabilmente dovuta all’alimentazione (in Canada ampie zone sono coltivate con ogm).
. La tossina pare venga accumulata nei tessuti e persista nell’ambiente.
. Alte dosi di questa tossina ha indotto modifiche nel sangue, segnale di danno al midollo osseo
Eppure, malgrado le evidenze crescenti del pericolo rappresentato dagli ogm, I governi subiscono ancora le tremende pressioni delle multinazionali del biotech e quasi sempre soccombono.

OGM: i Rischi per la Salute - Libro
€ 14.5

Fonte http://www.ilcambiamento.it

IN ITALIA SIAMO A RISCHIO

I mangimi ogm sono usati nell’allevamento in tutta italia, e le uova, il latte e la carne prodotta non devono contenere per legge la scritta OGM. Se avete degli animali da allevamento al 90% di probabilità nel vostro mangime troverete scritto SOIA GENETICAMENTE MODIFICATA oppure MAIS GENETICAMENTE MODIFICATO.

Perdipiù l’estate scorsa è stata approvata la coltivazione del mais OGM anche in Italia, e un’azienda friuliana

In Pianura Padana 32.000 ettari di mais geneticamente modificato!!

OGM: Coldiretti, contaminazione in Friuli al 10%. E’ disastro ambientale

Per approfondire sul tema OGM vedi https://www.dionidream.com/category/alimentazione/ogm/

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline