Oli Essenziali per l’ADHD (Sindrome da deficit di attenzione e iperattività)

9 Commenti

oli essenziali adhd

L’ADHD è un disturbo individuato negli ultimi anni soprattutto nei bambini che è sempre più diffuso nel mondo occidentale. Negli USA almeno 1 bambino su 10 è diagnosticato con deficit di attenzione e iperattività. Anche gli adulti possono esserne colpiti, e la terapia medica consiste nell’utilizzo di psicofarmaci.

Gli effetti collaterali dei farmaci vanno dall’insonnia e perdita di appetito a convulsioni e aumento della frequenza cardiaca. Ecco perché sempre più persone cercano opzioni di trattamento alternative. Fortunatamente, uno secolare opzione, oli essenziali, ha mostrato risultati promettenti nel contribuire ad alleviare i sintomi di ADHD.

I sintomi dell’ADHD sono:

  • l’essere facilmente distratti, perdere i dettagli, dimenticare le cose, e spesso passare da un’attività all’altra
  • l’avere difficoltà a concentrarsi su una cosa
  • l’essere annoiato con un compito, dopo pochi minuti, a meno che si stia facendo qualcosa di divertente
  • l’avere difficoltà a focalizzare l’attenzione sull’organizzazione e completamento di un compito o nell’imparare qualcosa di nuovo
  • dimenarsi e contorcersi da seduti
  • parlare senza sosta
  • toccare o giocare con qualsiasi cosa sia a portata di mano

Possono essere presenti solo alcuni di questi sintomi a seconda se prevale la disattenzione o l’iperattività. Il motivo per cui questa malattia sta letteralmente esplodendo è dovuto principalmente al cambio di stile di vita che stiamo avendo negli ultimi anni:

  • Alimentazione errata ricca di cibi raffinati come zucchero e farine che insieme agli allergeni di glutine e latticini infiammano l’intestino danneggiando il sistema nervoso
  • Troppo tempo davanti a televisione, tablet, computer e smartphone che proiettano in una realtà digitale in cui tutto si muove rapidamente
  • Non si passa tempo all’aria aperta, non si sta in compagnia, manca l’attività fisica e il contatto con le altre persone soprattutto familiari

Gli oli essenziali possono migliorare i sintomi dell’ADHD

Vetiver. La ricerca del compianto Dr. Terry S. Friedmann, un medico che ha creduto nel trattare il corpo, la mente e lo spirito come un’unità, ha dimostrato che l’olio essenziale di vetiver è benefico per i bambini con ADHD. Quando i bambini avevano inalano l’olio tre volte al giorno per 30 giorni avevano migliorato le onde cerebrali, il comportamento e i profitti a scuola. Vetiver è noto infatti per calmare ed equilibrare il sistema nervoso stimolando il sistema circolatorio. Secondo Friedmann: “Quando l’olio essenziale viene inalato, le micro goccioline vengono trasportate fino al sistema limbico del cervello, che è la parte che è il centro di elaborazione della ragione, emozione e odore, e l’ipotalamo, che è il centro di comando degli ormoni. Le micro goccioline essenziali arrivano anche ai polmoni da cui entrano nel sistema circolatorio. I miglioramenti nella attività cerebrale sono stati rivelati tramite elettro-encefalogramma (EEG), che misura gli impulsi elettrici che si muovono attraverso il cervello. Questo ha permesso ai ricercatori di osservare miglioramenti nei rapporti di onde beta-theta in seguito all’uso di olio essenziale di Vetiver. Ho ricevuto diverse lettere dai genitori dei bambini ADHD affermando che il loro comportamento a casa era molto migliorato. Gli insegnanti hanno dichiarato che le pagelle dei soggetti avevano riflesso questo miglioramento.”

Cedro. L’80% dei bambini ha avuto miglioramenti anche usando l’olio essenziale di cedro. Il cedro ha un’alta concentrazione di sesquiterpeni (che costituiscono il 50 percento dei suoi componenti), che migliorano l’ossigenazione delle cellule cerebrali.

Rosmarino. L’olio essenziale di rosmarino ha mostrato risultati promettenti per aumentare le prestazioni cognitive. Quando i partecipanti hanno completato le attività di studio in una stanza con l’aroma di olio essenziale di rosmarino, le loro prestazioni erano migliorate sia nella velocità che nell’accuratezza.

Lavanda. L’olio essenziale di lavanda è conosciuto per le sue proprietà sedative. Alcune persone con ADHD hanno difficoltà a dormire, e l’olio essenziale di lavanda è in grado di migliorare il sonno.

Altri oli essenziali che possono alleviare i vari sintomi dell’ADHD sono

  • Menta piperita per migliorare la vigilanza
  • Ylang ylang, che è noto per le sue proprietà rilassanti
  • Incenso, apprezzato per indurre sentimenti di pace mentale e la calma
  • Bergamotto, che può contribuire a ridurre la sensazione di stress e ansia
  • Eucalipto, che può alleviare la stanchezza mentale e stimolare il flusso di sangue al cervello
  • Limone, apprezzato per migliorare l’umore e prevenire esplosioni emotive

Perché gli oli essenziali funzionano

Le relazioni uniche tra gli aromi di olio essenziale delle piante e l’impatto sul comportamento sono dovute alla composizione molecolare degli oli essenziali che sono ricchi di una vasta gamma di alcoli, aldeidi, acidi, fenoli, esteri, chetoni e terpeni. Gli studi supportano l’idea che i composti attivi presenti negli aromi possono essere assorbiti attraverso la mucosa nasale o polmonare e quindi fornire un’attività farmacologica. La piccola dimensione di questi composti liposolubili facilita il passaggio attraverso la barriera emato-encefalica e di conseguenza può produrre effetti a livello neuronale sia agendo direttamente sui siti recettori, o indirettamente attraverso l’impatto sull’attività enzimatica.

Come usare gli oli essenziali per l’ADHD

L’inalazione o l’applicazione di oli localmente sulla pelle sono due modi efficaci per utilizzare gli oli essenziali per l’ADHD.

Posizionare tre o quattro gocce di olio in un diffusore è uno dei metodi più semplici.

Alcuni studi sugli oli essenziali rivolti a partecipanti affetti da ADHD hanno inalato il profumo direttamente dalla bottiglia (per due o tre respiri profondi) tre volte al giorno.

Si possono anche fare i suffumigi. L’inalazione di vapore si ottiene ponendo da tre a sette gocce di olio essenziale in acqua bollente, poi si copre la testa con un asciugamano e si respira attraverso il naso (tenere gli occhi chiusi e fare attenzione a non scottarsi).

Per utilizzare gli oli essenziali sulla pelle, in primo luogo fare un test per essere sicuri che non irrita la pelle (applicare una goccia sulla pelle e osservare la zona per una o due ore). Gli oli devono essere applicati con molta parsimonia sul collo, polsi, piante dei piedi e dietro le orecchie.

Alcuni oli essenziali di qualità per uso alimentare possono essere anche ingeriti e assimilati quindi per via digestiva ma bisogna attenersi ad un basso dosaggio e la cosa migliore sarebbe consultare un aromaterapeuta. Quello che viene consigliato di solito è 1-2 gocce in un vettore che può essere un bicchiere di latte vegetale, un cucchiaio di olio o di miele o marmellata o altro a tuo piacimento. Può essere ripetuto 1-2 volte al giorno.

Leggi anche

Disturbi psicologici e malattie autoimmuni? La causa è nell’intestino

Omega 3 – L’elisir per la salute cardiovascolare e cerebrale

Yoga e Meditazione aumentano le facoltà degli studenti

Riferimenti
– U.S. CDC, ADHD Data and Statistics
– National Association for Holistic Aromatherapy, Exploring Aromatherapy
– ADHD, Terry S. Friedmann
– Epoch Times November 17, 2015
– Journal of Intercultural Ethnopharmacology January-February 2016
– Biomed Res. 2012;33(5):299-308.
– Ther Adv Psychopharmacol. 2012 Jun; 2(3): 103–113.
– Explore (NY). 2016 Nov – Dec;12(6):427-435.
– WPTV February 11, 2016
– Prim Care Companion CNS Disord. 2011; 13(3): PCC.10br01104
– Nutraingredients.usa.com January 5, 2007

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

9 Commenti su questo post

  1. tiziana perricone says:

    L’ADHD non esiste…! Se l’è “inventato” la psichiatria, per poter vendere…e distruggere la spontaneità , il dinamismo , la natura , e la psiche dei “nuovi bambini”, generazionalmente diversi (molti hanno 3 eliche del DNA)… che non possono e rifiutano di adattarsi al distruttivo condizionamento sociale. Business su larga scala e distruzione di massa.
    https://crepanelmuro.blogspot.it/2016/09/dsm-5-manuale-dei-disturbi-psichiatrici.html
    Ecco quali sono i “problemi” sociali…http://altrarealta.blogspot.it/2016/11/la-paura-di-impazzire.html

  2. Eh sì! Infatti io li consiglio… E ho testimonianze di miglioramenti!
    Uso una miscela di incenso, arancio, chiodi di garofano, niauli, timo e santoreggia per aiutare una sana riparazione del dna del sistema nervoso. Funziona anche su bambini e adulti affetti da autismo!
    Gli oli essenziali sono potentissimi, e usando oli puri, di grado terapeutico, del giusto chemotipo, e anche eventualmente mescolati per creare sinergie particolari, si possono vedere “miracoli”… E in realtà è pura chimica!

  3. Confermo la sinergia dei particolari elementi

  4. Una volta so diceva: È svogliato; o è troppo vivace Ora sono sindromi. La scienza o pseudotale si è insinuata in ogni anfratto e pretende di catalogare e controllare ogni cosa. Dittatorialmente pontifica.

  5. Giacomo mura says:

    Comunque che io sappia alcuni oli i…esempio Lavanda vengono usati in alcune corsie ospedaliere
    Rigenerando e creando un profumo stimolante. Senza esagerare!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline