10 ragioni per usare l’olio di cocco per la pulizia e idratazione della pelle

3 Commenti

olio di cocco viso

L’olio di cocco sta divenendo sempre più popolare, in cucina e in altri ambiti. Le proprietà terapeutiche di questo tesoro tropicale sono innumerevoli come ben sanno alcune popolazioni del sud del pacifico che lo adoperano da molto tempo.

Oltre ad essere un olio alimentare ricco di nutrimenti e di gusto, l’olio di cocco è in grado di nutrire e idratare la pelle. Finalmente, anche la comunità scientifica, ha ufficialmente riconosciuto  le proprietà benefiche di quest’olio.

Il segreto svelato.

Fino a poco tempo fa le proprietà di quest’olio erano note solo a chi abitava nei paesi del sud est asiatico dove le noci di cocco sono l’alimento principale ed il cosmetico più diffuso, conoscenza che è stata per lungo tempo non assorbita dagli occidentali che credevano solamente nelle formulazioni chimiche industriali, che oggi scopriamo essere dannose e spesso cancerogene.

Da generazioni, in queste zone, l’olio di cocco è stato usato per cucinare, per la cura della pelle e dei capelli. Oggi, finalmente, viene riconosciuto il collegamento esistente tra l’olio di cocco e la salute e longevità di queste popolazioni.

Ecco alcuni motivi per cui dovresti iniziare ad usare l’olio di cocco per la pulizia del viso

#1 È un ottimo idratante per la pelle!

Quest’olio commestibile rappresenta senza dubbio il miglior idratante naturale. Normalmente al di sotto dei 23/24°C l’olio di cocco tende a solidificarsi assumendo una consistenza simile alla vaselina. Ma utilizzandolo sul nostro corpo, che solitamente ha una temperatura di circa 36°C, l’olio si scioglierà penetrando facilmente nei pori, idratando profondamente la pelle senza lasciare alcun tipo di residuo.

Come usarlo: se hai la pelle secca, dopo esserti lavata il viso, applica una piccola quantità di olio (una punta di cucchiaino) massaggiandoti delicatamente il viso con entrambe le mani. Attendi 5/10 minuti in modo che possa penetrare in profondità e tampona con un panno morbido di cotone. Un sottilissimo strato è in grado di prevenire la perdita di umidità dallo strato più superficiale dell’epidermide.

In caso di pelle grassa, invece, la sovrapproduzione di sebo è dovuta dalla risposta del corpo ad un’insufficiente idratazione della pelle. La secrezione di sebo può causare problemi come l’acne e la formazione di comedoni.

In caso di pelle grassa applica generosamente dell’olio di cocco caldo su viso e collo dopo la normale pulizia, e lascia agire per 15 minuti. Lava con acqua tiepida e usa un panno morbido per asciugare. Ripeti quest’operazione per alcuni giorni e inizierai a vedere i miglioramenti. Non spaventarti se nei primi giorni di trattamento noterai una riacutizzazione dell’acne, questo è dovuto al riequilibramento della

pelle.

#2 L’olio di cocco è un favoloso struccante naturale

Rimuovere il trucco prima di coricarsi è una buona abitudine a prescindere dal tipo di trucco utilizzato. In questo modo lasciamo respirare liberamente la pelle. Tuttavia i prodotti usati potrebbero creare un trauma alla morbida pelle del viso, soprattutto nella zona attorno agli occhi. L’olio di cocco potrebbe facilitare questo compito, è eccellente come sgrassatore, non è un caso che leggendo le etichette di molti prodotti per la pulizia troverai detergenti derivati dall’olio di cocco. Questo perchè  agisce da potente sgrassatore, ma naturalmente delicato anche per la pelle più sensibile.

Come usarlo: per evitare lo sfregamento della pelle durante la pulizia, applica l’olio di cocco su tutto il viso con un batuffolo di cotone. Lascia agire 5 minuti e lava con acqua calda e sapone neutro. La maggior parte del trucco sarà stata rimossa.

Tenendo gli occhi chiusi, tamponali con del cotone imbevuto di olio di cocco. In pochi minuti eyeliner e mascara waterproof saranno dissolti.

#3 L’olio di cocco è un ottimo detergente

Il nostro viso è esposto a molti agenti chimici: trucco, inquinamento, polvere, ecc. Le tossine penetrano nei pori intasandoli, l’aria condizionata e il riscaldamento creano disidratazione lasciando la pelle secca e squamosa.

L’olio di cocco è un dolce quanto efficace detergente. Ammorbidisce i tappi di cheratina facilitando l’esfoliazione, penetra nei follicoli piliferi sciogliendo il sebo indurito favorendone l’espulsione.

Come usarlo: in caso di pelle normale o secca mescola farina di mandorle, latte e olio di cocco per ottenere una pasta da applicare sul viso con un massaggio circolare (se non hai problemi di pelle secca puoi usare della farina di avena). Immergi un asciugamano in acqua calda e tienilo sul viso per 15 minuti. Lava bene il viso prima con acqua calda per pulire in profondità i pori e successivamente con acqua ghiacciata per aiutare i pori a richiudersi. Asciugati all’aria e applica un piccolo strato di olio di cocco per evitare un’eccessiva perdita di umidità.

Per la pelle grassa usa una pasta di farina di riso o di avena e olio di cocco come esfoliante. Puoi aggiungere un cucchiaino di succo di limone. Copri il viso con un asciugamano riscaldato per 15/20 minuti (meglio ancora 5 minuti di vapore). Lava con acqua calda e sapone neutro.

#4 L’olio di cocco ha proprietà antibatteriche

L’olio di cocco è composto per l’85% da acido laurico, un potente antibatterico. In natura l’unica altra sostanza contenente questo prezioso acido grasso è il latte materno.

Problemi di idratazione della pelle oppure qualche squilibrio ormonale possono portare ad un’eccessiva secrezione di sebo, con la conseguente formazione di comedoni.

I brufoli possono evolversi in acne vulgaris creando all’interno dei follicoli un substrato ottimale alla proliferazione del Propionibacterium acnes e la successiva produzione di pus. Il secondo stadio dell’infezione apre le porte allo Staphylococcus aureus e S. epidermidis.

L’utilizzo dell’olio di cocco per la pulizia e l’idratazione della pelle aiuta a mantenere sotto controllo il proliferare delle popolazioni batteriche.

#5 Infezioni fungine

L’azione antimicrobica dell’olio di cocco comprende anche le infezioni di origine fungina. Questo tipo di infezioni possono iniziare in sordina con la comparsa di piccole macchie, pelle squamosa e secca e  aggravarsi improvvisamente.

L’applicazione di olio di cocco nelle zone maggiormente colpite da queste patologie rappresenta un’ottima prevenzione.

#6 Protezione solare

L’olio di cocco presenta un “fattore di protezione” dalle radiazioni solari SPF-4. Ovvero non una protezione adeguata per una giornata intera in spiaggia ma è in grado di offrirci una discreta protezione per dei brevi periodi. Inoltre è un ottimo lenitivo in caso di scottature in grado di calmare il dolore in breve tempo.

I raggi ultravioletti sono dannosi per la pelle, innescano la formazione di grandi quantità di radicali liberi che danneggiare il DNA cellulare. L’azione antiossidante dell’olio di cocco riesce a fermare questa reazione a catena.

#7 Azione antirughe

Le rughe possono rovinare l’aspetto del viso. L’olio di cocco ci aiuta a conservare la pelle del viso giovane e liscia.

Il collagene è la proteina situata negli strati interni della pelle con la funzione di mantenere la pelle elastica e liscia. L’esposizione a raggi UV, inquinamento atmosferico, fumo e le lesioni fisiche danneggiano il collagene.

È dimostrato che l’olio di cocco, penetrando in profondità nella pelle, grazie all’attrazione delle molecole proteiche da parte dei trigliceridi che lo compongono è in grado di riparare lo stato di collagene.

#8 Prevenzione dell’invecchiamento precoce

La pelle del viso è la zona maggiormente esposta agli agenti esterni portandola ad un invecchiamento precoce.

L’olio di cocco può prevenire in molti modi. È delicato sulla pelle con un’azione idratante ed esfoliante (ma non abrasiva). Un leggero strato di olio è capace di creare un barriera in difesa della pelle dagli inquinanti ambientali, mantenendola al giusto grado di umidità. L’azione antiossidante riduce il danno ossidativo ed infine mantiene la pelle elastica promuovendo la formazione di collagene.

Ecco alcuni altri modi in cui utilizzare l’olio di cocco:   

#9 Repellente per insetti

Può tornare utile quando facciamo attività all’aria aperta in estate, soprattutto se vuoi evitare repellenti chimici.

L’olio di cocco può essere la base di tutte le pomate naturali repellenti e si può fare con l’aggiunta di alcune erbe aromatiche. L’effetto dei repellenti per insetti a base di erbe svanisce più velocemente di quella composta da agenti chimici a causa dell’elevata volatilità di alcuni olii aromatici, ma la base di olio di cocco può aiutare a prolungarne l’effetto.

Come si usa: Scalda 2 tazze di olio di cocco a bagnomaria fino a quando è caldo al tatto. Aggiungi una tazza ciascuno di menta piperita e foglie di erba gatta, lascia il composto a macerare per 5-6 ore. Filtra l’olio e versalo in un contenitore a bocca larga. Applica questo olio sul viso e altre parti del corpo esposte.

Per fare una lozione più efficace, usa la cera d’api insieme all’olio di cocco. Sciogli una tazza di cera d’api a bagnomaria e aggiungi una tazza di olio di cocco. Togli dal fuoco il composto e lascialo raffreddare. Quando lo strato superiore inizierà a solidificarsi, aggiungi dieci gocce di ciascun olio essenziale: citronella, chiodi di garofano, eucalipto fino a quando il composto diventerà spesso e liscio. Riponi la lozione in piccoli contenitori con coperchi a chiusura ermetica.

#10 Labbra secche e screpolate

L’olio di cocco può contribuire ad alleviare le labbra screpolate e secche. Tutto quello che dovrai fare è applicare una sola goccia di olio sulle labbra con la punta delle dita. In questo modo l’olio può anche essere assaporato, è perfettamente commestibile, ha forti proprietà  antifungine ed è anche un rimedio efficace per il mughetto.

Inoltre è un eccellente balsamo per le labbra e può essere miscelato con diversi estratti di erbe ed oli essenziali  secondo i propri gusti.

Sicuro, efficace e ipoallergenico.

In molti evitano l’olio di cocco collegandolo erroneamente alle noci e alle arachidi. Anche in campo botanico si tratta di due specie diverse, quindi anche chi è allergico agli arachidi o alle noci (questo tipo di intolleranza è causato da alcune proteine contenute nelle noci, e completamente assenti nel cocco) può utilizzare senza problemi l’olio di cocco.

Non crea problemi neppure alle pelli più sensibili come ad esempio quella dei bambini. Solo in pochissimi casi si sono riscontrati problemi di sensibilità legati agli acidi grassi dell’olio.

L’olio di cocco è naturale!

Se puro e non raffinato l’olio di cocco è uno dei prodotti più naturali disponibili in commercio. Essendo un grasso saturo all’85% è altamente stabile e non richiede l’uso di additivi e conservanti. Le noci di cocco, fino ad oggi, sono salve da contaminazioni OGM… Speriamo rimangano tali!

La prossima volta che sarai tentata di acquistare costosi detergenti e creme idratanti per il viso ricordati della noce di cocco e delle sue straordinarie proprietà, la tua pelle ti ringrazierà!

L’olio di cocco da più di anno fa parte della mia alimentazione giornaliera con enormi benefici sulla tiroide, fegato, pelle e livello di energia e prestazioni mentali. Puoi approfondire sui benefici dell’olio di cocco per uso interno leggendo

10 fatti dimostrati scientificamente sull’Olio di Cocco

Più di 100 utilizzi dell”Olio di Cocco – La guida completa

Olio di Cocco – Pura Energia per rinforzare denti, ossa, fegato, tiroide e metabolismo

Per finire ecco l’ #11 uso dell’uso di cocco: è un ottimo dentifricio naturale che sbianca i denti e dona un alito fresco combattendo placca e tartaro!

L'Olio di Cocco
Naturale, nutriente, sano in cucina e per il corpo
Voto medio su 1 recensioni: Buono
Pukka - Olio di Cocco Vergine
Ideale in cucina o come prodotto per viso e capelli
Voto medio su 39 recensioni: Da non perdere
Olio di Cocco Biologico
Ottenuto per spremitura a freddo – applicato
sui capelli per donare brillantezza e vigore
Voto medio su 57 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

3 Commenti su questo post

  1. Shanty says:

    Grazie mille per questo articolo molto chiaro e molto esauriente.
    Tante buone ragioni per continuare ad usarlo.

  2. Roberta says:

    Ciao Riccardo sto facendo un ordine e volevo prendere anche l’olio di cocco da usare come solare. Non ricordo quale hai consigliato tu, che protegge e allo stesso tempo abbronza. Ti sarei grata mi mettessi il link giusto. Ti ringrazio per tutti i buoni consigli che ci dai. Buona giornata! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline