Olio di Enotera. Benefici, Proprietà, Modo d’uso e Controindicazioni

Nessun Commento

olio di enotera

L’olio di enotera è l’olio ricavato dai semi della pianta di enotera (Oenothera biennis). Spesso abbreviato in EPO (Evening Primrose in inglese) è ottimo per trattare disturbi premestruali, dolori e cisti al seno, depressione, psoriasi, eczema, osteoporosi, artrosi e anche pelle e capelli.

I nativi americani lo usavano per le sue proprietà curative ed oggi l’olio viene estratto a freddo e incapsulato per essere usato come integratore alimentare. L’olio è ricco degli acidi grassi essenziali fondamentali per la costruzione delle membrane cellulari, degli ormoni e del sistema nervoso (il cervello è composto per il 60% da grassi).

Queste proprietà dell’olio di enotera sono dovute all’omega-6, all’acido gamma linolenico (GLA) e acido linoleico. Il GLA è particolarmente importante dato che serve come rivestimento protettivo delle fibre nervose e della membrana delle cellule neuronali.

Gli acidi grassi essenziali dell’olio di enotera sono necessari per la salute umana, ma il nostro corpo non può produrli quindi devono essere inseriti dall’esterno. Insieme agli acidi grassi omega-3, gli acidi grassi omega-6 svolgono un ruolo cruciale nella funzione del cervello, così come la crescita e lo sviluppo normale.

L’olio di enotera è usato e consigliato da medici e terapeuti per le sue proprietà terapeutiche. E’ noto infatti per riuscire a ridurre il dolore associato al ciclo mestruale (sindrome premestruale). Migliora le condizioni della pelle, rafforza i capelli e può essere utilizzato anche come agente anti-infiammatorio e per trattare malattie autoimmuni.

13 Benefici dell’Olio di Enotera

1. Dolori mestruali. Le donne di tutto il mondo assumono l’olio di enotera per trattare naturalmente i sintomi della sindrome premestruale. Durante il periodo premestruale molte donne sono afflitte da tensione mammaria, gonfiore, ritenzione idrica, acne, depressione, irritabilità, pensiero annebbiato e mal di testa – questi sintomi si riducono notevolmente e spesso scompaiono del tutto dopo aver utilizzato l’olio di enotera.

2. Sindrome dell’ovaio policistico (PCOS). E’ un disturbo ormonale nelle donne in età riproduttiva. Danneggia la fertilità e ha gravi implicazioni per la salute quando non viene trattato. Alcuni sintomi della sindrome dell’ovaio policistico includono ciclo irregolare, assenza di mestruazioni, obesità, acne, perdita di capelli, eccessivo sanguinamento mestruale e cisti ovariche. L’olio di enotera agendo sul sistema ormonale e sui sintomi è in grado di aiutare notevolmente la guarigione.

3. Fertilità. Il tasso di infertilità continua ad aumentare in tutto il mondo. Tra i responsabili ci sono sicuramente le tossine presenti nel cibo, creme, cosmetici, plastica, aria e altrove che inquinano il corpo e compromettono il sistema endocrino e quindi preziose funzioni come fertilità, gravidanza e parto. Il consumo di olio di enotera crea un ambiente sano per il concepimento, aumenta il muco cervicale (un fattore di successo riproduttivo) e la funzione metabolica. Il fluido cervicale è di vitale importanza per consentire allo sperma di arrivare liberamente attraverso la cervice. Avere una gravidanza sana è più difficile per le donne con poco o niente fluido cervicale, perché gli spermatozoi hanno difficoltà a muoversi e non hanno un ambiente amichevole che li sostenga. Si consiglia di prendere 1.500 milligrammi, a partire dal primo giorno del ciclo mestruale fino all’ovulazione. Se non stai ottenendo risultati dopo aver provato 1.500 milligrammi al giorno, raddoppiare la dose durante il ciclo successivo.

4. Gravidanza. Le donne possono usare l’olio di enotera per preparare la cervice al parto. Durante le ultime settimane di gravidanza, la madre può assumere l’olio di enotera al fine di maturare la cervice o può strofinare il collo dell’utero con l’olio di enotera. Le ostetriche hanno usato per centinaia di anni l’olio di enotera durante l’ultimo periodo della gravidanza. Gli alti livelli di acidi grassi essenziali presenti nell’olio di enotera hanno un effetto diretto sulle cellule uterine e provocano la contrazione e il rilassamento del tessuto muscolare tonificando i muscoli uterini in preparazione per la gravidanza. Il consumo di olio di enotera è positivo se si vuole rimanere incinta oppure alla fine della gravidanza, ma non va preso nelle altre fasi della gravidanza dato che stimola la contrazione dell’utero.

5. Menopausa. L’olio di enotera ha fatto parte della medicina tradizionale per centinaia di anni, consigliato dai medici per molte ragioni, tra cui il sollievo dalle vampate di calore che sorgono appena prima e durante la menopausa.

6. Ormoni. Gli acidi grassi omega-6 che si trovano nell’olio di enotera sono necessari per la produzione e la sintesi delle prostaglandine E. Le prostaglandine non sono ormoni ma sono messaggeri che agiscono su molte cellule in diverse zone del corpo. Aiutano a controllare la regolazione degli ormoni e gestire la corretta crescita delle cellule. Senza abbastanza prostaglandine, si ha una maggiore tendenza ad avere coaguli di sangue, infiammazione, alta pressione sanguigna, irritazione del tratto digerente, basso sistema immunitario, sterilità, cancro e aumento di peso.

7. Acne. L’acne può essere un fastidio per molte persone, soprattutto gli adolescenti che hanno fluttuazioni ormonali importanti durante la pubertà. Uno squilibrio ormonale può portare all’acne in adolescenti e adulti, e molte persone non si rendono conto che l’acne può essere trattato in modo naturale. Questo è particolarmente vero per le donne, perché passano attraverso periodi regolari di fluttuazioni ormonali come il ciclo mestruale e la menopausa. Gli acidi grassi omega-6 presenti in olio di enotera aiutano a regolare i livelli di ormoni e curare i problemi dell’acne stimolando la rigenerazione e l’elasticità della pelle. L’olio di enotera per l’acne si può prendere per uso interno oppure si può anche mettere l’olio sul viso direttamente. Quest’ultimo aiuta il processo di guarigione e migliora l’aspetto generale della pelle.

8. Eczema. L’olio di enotera ha dimostrato di essere un valido trattamento per le persone affette da malattie della pelle, come eczema, psoriasi e dermatite. Studi pubblicati sull’International Journal of Cosmetic Science hanno anche dimostrato che l’olio di enotera può aiutare con i cambiamenti strutturali e funzionali legati all’età nei tessuti della pelle, come il rossore, la fermezza, la rugosità e l’elasticità. La ricerca mostra che le persone con eczema non hanno la normale capacità di elaborare gli acidi grassi: ciò comporta una carenza di acido gamma-linolenico (GLA). GLA è un acido grasso omega-6 che il corpo può convertire in sostanze che riducono l’infiammazione e la crescita cellulare. Gli studi dimostrano che l’olio di enotera è straordinariamente efficace per alleviare molti sintomi di eczema, con prurito, rossore ed edema.

9. Psoriasi. La psoriasi si verifica quando le cellule della pelle si riproducono troppo in fretta formando chiazze spesse sotto la pelle che si ricopre di squame biancastre sulla parte superiore. Le chiazze squamose, note anche come placche psoriasiche, sono aree di infiammazione dove c’è la produzione di pelle in eccesso. La causa della psoriasi include cambiamenti ormonali, cattiva alimentazione e difficoltà a digerire le proteine. L’olio di enotera ha la capacità di aiutare naturalmente nel curare la psoriasi perché gli acidi grassi essenziali stimolano l’equilibrio ormonale e la digestione.

10. Dermatite. La dermatite atopica è una malattia della pelle cronica, recidivante e pruriginosa che inizia comunemente durante l’infanzia. La dermatite inizia con un metabolismo difettoso degli acidi grassi essenziali. Uno studio pubblicato nel Indian Journal of Dermatology, ha valutato l’impatto di 500 milligrammi di olio di enotera su pazienti che con dermatite atopica. Il 96% dei pazienti ha mostrato un miglioramento, dopo cinque mesi, e questa forma di trattamento è risultata come sicura ed efficace.

11. Perdita di capelli. Molti uomini e donne lottano con la perdita dei capelli e gli ormoni giocano un ruolo significativo per la salute dei capelli. La causa ormonale della perdita dei capelli negli uomini è dovuta alla sensibilità dei follicoli dei capelli ad un ormone chiamato DHT (5α-diidrotestosterone). Il DHT è un ormone androgeno maschile che provoca la riduzione dei follicoli con conseguente una durata più breve di vita del capello e diminuzione della produzione di capelli. Normalmente quando i cappelli cadono un altro comincia a crescere dal follicolo stesso, ma quando il DHT è alto, la crescita dei capelli diminuisce. La calvizia maschile (nota come alopecia androgenetica negli uomini) segue un modello di una linea sottile nel retrocedere che progredisce a forma di “M” e poi continua alla forma familiare “U”. La calvizia femminile (alopecia androgenetica nelle donne) è caratterizzata da diradamento sulla parte superiore o al centro della testa. La perdita di capelli nelle donne è generalmente causata da alti livelli di stress, squilibrio ormonale, disturbi della tiroide o l’esposizione a tossine. Sia negli uomini che nelle donne gli acidi grassi essenziali omega-6 e GLA che derivano dal consumo di olio di enotera può essere molto efficace nella lotta contro la perdita dei capelli. Assumere 500 milligrammi due volte al giorno e si iniziano a vedere i risultati in sei-otto settimane. Si può anche strofinare l’olio di enotera sui capelli o aggiungerlo allo shampoo. In uno studio condotto presso l’Università del Maryland, 86 persone che stavano vivendo la perdita dei capelli hanno massaggiato il cuoio capelluto con oli essenziali. Lo hanno fatto una volta al giorno per sette mesi: i risultati mostrano che chi ha usato gli oli essenziali ha notato una significativa ricrescita dei capelli.

12. Artrite reumatoide. L’artrite reumatoide è un tipo di artrite cronica che si verifica nelle articolazioni su entrambi i lati del corpo – come le mani, i polsi o le ginocchia. È una malattia autoimmune, il che significa che il sistema immunitario del corpo attacca i propri tessuti sani. La causa dell’artrite reumatoide è una combinazione di fattori genetici, ambientali ed ormonali. Alcuni studi dimostrano che l’olio di enotera può essere un rimedio naturale adatto per l’artrite reumatoide. Uno studio fatto da Arthritis Research UK ha misurato gli effetti dell’olio di enotera su 49 persone. I dati hanno scoperto che il 94% dei partecipanti che ha assunto l’olio di enotera ha registrato un significativo miglioramento dei sintomi correlati alla malattia, tra cui il dolore e la rigidità mattutina. Quando si utilizza olio di enotera per i sintomi di artrite, si hanno benefici entro 1-3 mesi.

13. Osteoporosi.  L’osteoporosi è quando si formano piccoli fori o zone indebolite nell’osso; questo può portare a fratture, dolore e danni posturali. Una delle principali cause di osteoporosi è uno squilibrio ormonale, ma la buona notizia è che ci sono trattamenti naturali per l’osteoporosi che sono altamente efficaci – come l’utilizzo di olio di enotera per regolare i problemi ormonali. Alcuni studi suggeriscono che le persone che non ricevono abbastanza acidi grassi essenziali hanno più probabilità di avere perdita di massa ossea rispetto a quelli con livelli normali di questi acidi grassi. Assumere l’olio di enotera, insieme con l’olio di pesce, calcio e vitamina C è utile per ridurre la perdita ossea e aumentare la densità ossea nelle persone anziane con osteoporosi.

Modo d’uso

Il dosaggio studiato in alcune ricerche scientifiche ha valutato con successo la dose di 3-4 grammi al giorno come dose terapeutica. Per chi volesse usarlo a scopo preventivo in quanto non ha particolari disturbi può assumere 1-2 grammi al giorno. I risultati si vedono in alcune settimane e sicuramente entro un paio di mesi. Molte persone riportano i benefici ottenuti mentre altri riportano effetti blandi: quest’ultimo caso è dovuto al fatto che si assume la dose inferiore e non quella completa terapeutica.

Controindicazioni

Effetti indesiderati sono rari e leggeri e comprendono nausea, mal di stomaco e mal di testa. Mal di stomaco e perdita di feci può significare che la dose è troppo alta. Se si assumono farmaci anticoagulanti e per la pressione, consultare il proprio medico prima di consumare l’olio di enotera. Chi assume farmaci per il trattamento della schizofrenia non deve assumere l’olio di enotera.

Olio di Enotera - Enagra
Epo aiuta durante la sindrome premestruale, attenuando irritabilità,
depressione, tensione mammaria,
dolori addominali, ritenzione idrica e cefalea.
Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere
Contorno Occhi e Labbra Enotera
Riduce le rughe profonde, tonifica la zona perioculare e il contorno labbra.
Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Riferimenti
– Pashby N, Mansel R, Hughes L, and et al. A clinical trial of evening primrose in mastalgia. Br J Surg 1981;68:801.
– Platzbecker, U., Aul, C., Ehninger, G., and Giagounidis, A. Reduction of 5-azacitidine induced skin reactions in MDS patients with evening primrose oil. Ann Hematol. 2010;89(4):427-428.
– Ring, J. and Kleinheinz, A. [Evening primrose oil in neurodermatitis?]. Med Monatsschr.Pharm. 1991;14(9):282.
– Sharpe, G. R. and Farr, P. M. Evening primrose oil and eczema. Lancet 3-17-1990;335(8690):667-668.
– Soulairac, A., Lambinet, H., and Neuman, J. C. [Schizophrenia and prostaglandins. Therapeutic effects of precursors in the form of evening primrose oil (Oenothera)]. Ann Med Psychol (Paris) 1983;141(8):883-891.
– van der Merwe, C. F. Booyens J. A double-blind placebo controlled trial of evening primrose oil (linoleic and gamma-linolenic acid) in primary liver cancer [EASL abstract]. J Hepatol. 1988;7(1):S189.
– Wang, W. Liu P. J. Evening Primrose Oil or other essential fatty acids for the treatment of pre-menstrual syndrome (PMS). Cochrane Database Sys Rev 2010 2010;11:CD001123.
– Wright, S. and Burton, J. L. Oral evening-primrose-seed oil improves atopic eczema. Lancet 11-20-1982;2(8308):1120-1122.
– Belch J, Hill A. Evening primrose oil and borage oil in rheumatologic conditions. Am J Clin Nutr 2000;71:352S-6S.
– Brzeski M, Madhok R, and Capell HA. Evening primrose oil in patients with rheumatoid arthritis and side- effects of non-steroidal anti-inflammatory drugs. Br J Rheumatol 1991;30(5):370-372.
– Budeiri D, Li Wan Po A, Dornan JC. Is evening primrose oil of value in the treatment of premenstrual syndrome? Control Clin Trials 1996;17:60-8.
– Chenoy R, Hussain S, Tayob Y, et al. Effect of oral gamolenic acid from evening primrose oil on menopausal flushing. BMJ 1994;308:501-3.
– Dove D, Johnson P. Oral evening primrose oil: its effect on length of pregnancy and selected intrapartum outcomes in low-risk nulliparous women (abstract). J Nurse Midwifery 1999;44:320-4.
– Ebden P, Bevan C, Banks J, Fennerty A, and Walters EH. A study of evening primrose seed oil in atopic asthma. Prostaglandins Leukot Essent Fatty Acids 1989;35(2):69-72.
– Gateley CA, Pye JK, Harrison BJ, and et al. Evening primrose oil (Efamol), a safe treatment option for breast disease. Breast Cancer Res Treat 2001;(14):161.
– Greenfield SM, Green AT, Teare JP, et al. A randomized controlled study of evening primrose oil and fish oil in ulcerative colitis. Aliment Pharmacol Ther 1993;7:159-66.
– Holman CP and Bell AF. A trial of evening primrose oil in the treatment of chronic schizophrenia. J Orhtomolecular Psych 1983;12:302-304.
– Horrobin DF. Evening primrose oil and premenstrual syndrome. Med J Aust 1990;153:630-1.
– Bordoni, A., Biagi, P. L., Turchetto, E., Serroni, P., De Jaco, A. P., and Orlandi, C. [Treatment of premenstrual syndrome with essential fatty acids (evening primrose oil)]. G.Clin Med 1987;68(1):23-28.
– Brush MG. Efamol (evening primrose oil) in the treatment of the premenstrual syndrome. In: Horrobin DF. Clinical Uses of Essential Fatty Acids. Montreal: Eden Press Inc;1982.
– Casper RF and Powell AM. Effects of evening primrose oil in the treatment of premenstrual syndrome. Proc.2nd International Symposium on Premenstrual, Postpartum and Menopausal Mood Disorders 1987;abstract 46.
– Gateley CA, Pye JK, Harrison BJ, and et al. Evening primrose oil (Efamol), a safe treatment option for breast disease. Breast Cancer Res Treat 2001;(14):161.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline