olio di magnesio

Il magnesio è un minerale essenziale che si è dimostrato attivo come prevenzione e trattamento di molte condizioni di salute essendo coinvolto in più di 300 reazioni enzimatiche all’interno dell’organismo. Sindrome premestruale, emicrania, stitichezza, crampi, osteoporosi, ansia, pressione alta, disturbi cutanei sono solo alcune delle condizioni dove apporta benefici. L’uso topico del magnesio (transdermico) direttamente sulla pelle attraverso l’olio di magnesio o il magnesio spray permette di massimizzare di 10 volte l’assorbimento del magnesio e ottere un effetto concentrato nella zona del corpo dove viene applicato, oltre ai benefici sulla pelle. Il magnesio ad uso topico è infatti considerato uno dei migliori strumenti per combattere acne, rughe e rendere la pelle idratata ed elastica.

La maggior parte delle persone che comincia ad integrare magnesio riporta notevoli benefici entro pochi giorni dall’assunzione e la spiegazione di questo effetto positivo veloce è molto semplice.

Studi affermano che fino al 75% delle persone ha una carenza subclinica di magnesio, quindi c’è una ipomagnesemia (carenza di magnesio) diffusa che favorisce molti disturbi di salute, essendo il magnesio coinvolto in reazioni metaboliche chiave. [1] Appena aumentiamo il nostro introito di magnesio il nostro organismo può tornare a funzionare correttamente.

La ricerca ha dimostrato che il contenuto minerale di magnesio nelle fonti alimentari è in calo e che l’esaurimento del magnesio è stato rilevato in persone con diverse malattie croniche. Ciò ha portato ad una maggiore consapevolezza del corretto apporto di magnesio e del suo potenziale ruolo terapeutico in una serie di condizioni mediche. [2]

Carenza di magnesio. Le cause

Le ragioni di questa carenza di magnesio sono molteplici:

  • Mangiamo sempre meno frutta e verdura e, anche se li mangiamo, sono molto più poveri di magnesio che in passato. Il suolo si è impoverito pesantemente di magnesio a causa della coltivazione intensiva e l’utilizzo di pesticidi. Di conseguenza, molta frutta e verdura che erano una volta ricchi di magnesio ora lo contengono non più in quantità adeguate. La presenza dell’alluminio nei terreni dovuto all’inquinamento atmosferico inoltre acidifica il suolo e impedisce alle piante di assorbire i nutrienti dal terreno.
  • Lo stress favorisce l’espulsione del magnesio attraverso le urine. [5] [6] Le esperienze stressanti possono portare immediatamente al completo esaurimento delle scorte di magnesio. Questo è un fattore che contribuisce al fatto che dopo esperienze traumatiche come incidenti e infortuni si va spesso in coma. Qundi lo stress  induce una carenza di magnesio e a sua volta, tale carenza riduce la nostra risposta allo stress: possiamo rimanere bloccati in un ciclo di sensazione di stress, che quindi fa perdere magnesio, che au,menta lo stress e quindi perdita di magnesio e così via. Quando hai bassi livelli di magnesio, anche il punto in cui le ghiandole surrenali producono gli ormoni dello stress, adrenalina e cortisolo, è più basso. Ciò significa che anche piccoli stress, come un rumore esterno fastidioso, possono scatenare una reazione enorme, inondando il sistema nervoso di ormoni e riducendo ulteriormente i livelli di magnesio.
  • Il consumo di farine raffnate e zuccheri troppo presenti nella dieta moderna, oltre a non contenere magnesio ne impediscono l’assorbimento. Il dott. Mark Sircus, esperto mondiale sulle proprietà del magnesio, afferma che l’insulino-resistenza e il magnesio sono strettamente connessi: se a causa del consumo di zucchero si crea una resistenza all’insulina, il magnesio non viene più accumulato e assimilato, ma viene espulso tramite le urine; dall’altro lato, se c’è poco magnesio si è più propensi all’insulino-resistenza. [3]
  • In casi meno gravi, una semplice carenza di magnesio può essere causata da una prolungata attività sportiva sia per l’intenso lavoro muscolare richiesto sia per la sudorazione, fenomeni che generano la perdita temporanea del minerale che può essere facilmente reintegrata con alcuni composti minerali.

Fabbisogno di magnesio

Visto il coinvolgimento del magnesio nelle reazioni metaboliche si comprende come sia importante soddisfare il fabbisogno giornaliero di questo elemento; all’uomo sono necessari circa 350 mg di magnesio elementare al giorno, mentre alla donna ne occorrono 300 mg, che aumentano sino a 400 mg in gravidanza.

In condizioni fisiologiche, nel corpo umano sono distribuiti oltre 20 g di magnesio, che per il 60% circa si trova depositato nelle ossa, per il 30% è complessato in proteine e acidi nucleici dentro alle cellule, gran parte in quelle muscolari; solo una piccola percentuale, 1%, si trova nello spazio extracellulare; anche nel plasma le percentuali sono minime, circa il 2 %; il restante magnesio costituisce depositi.

Benefici dimostrati del magnesio

E’ stato osservato da diversi studi scientifici come la carenza di magnesio sia legata a diversi disturbi di salute e come la supplementazione di magnesio possa migliorare questi disturbi.

  1. Sindrome premestruale. La sindrome premestruale consiste in tutti quei disturbi sperimentati dalle donne da una a due settimane prima delle mestruazioni. I sintomi tipicamente includono sbalzi d’umore, crampi, gonfiore, aumento di peso, voglie di cibo, ritenzione idrica, affaticamento, irritabilità e problemi digestivi. Gli studi hanno dimostrato che il magnesio può essere in grado di aiutare a ridurre efficacemente questi sintomi.
  2. Pressone alta. L’ipertensione è un fattore di rischio cardiovascolare che colpisce milioni di persone in Italia e costringe il cuore a lavorare di più, mettendolo a dura prova e nel tempo portando a malattie cardiache. Uno studio ha dimostrato che l’assunzione di integratori di magnesio riduce sia la pressione massima che la minima negli adulti con ipertensione.
  3. Emicrania. Le emicranie sono un tipo di mal di testa caratterizzato da sintomi come nausea, sensibilità alla luce e al suono e un forte dolore pulsante. Questa condizione debilitante è purtroppo molto diffusa. Bassi livelli di magnesio possono contribuire all’insorgenza dell’emicrania, e alcuni studi hanno dimostrato che la supplementazione di magnesio può ridurre la frequenza e l’intensità dell’emicrania.
  4. Costipazione. Il magnesio fornisce un rapido sollievo dalla stitichezza, ed è sufficiente una dose elevata di integratore di magnesio per portare sollievo anche allo stato più gravemente stitico. Il magnesio infatti rilassa i muscoli intestinali, contribuendo così a stabilire un ritmo più regolare. E’ anche in grado di assorbire l’acqua, che a sua volta ammorbidisce le feci e le aiuta a passare facilmente.
  5. Asma. Chi soffre di asma può avere grandi benefici con il magnesio, specialmente se è di lieve o moderata intensità. Uno studio ha dimostrato infatti che i pazienti asmatici che assumono magnesio hanno un significativo miglioramento dell’attività polmonare nella capacità di spostare l’aria dentro e fuori i polmoni e un miglioramento nel controllo dell’asma rispetto agli altri pazienti. Anche il respiro sibilante e l’affanno possono essere alleviati attraverso l’integrazione di magnesio.
  6. Osteoporosi. Il magnesio contribuisce direttamente alla formazione delle ossa e al loro mantenimento. Infatti senza magnesio non saremo in grado di assorbire il calcio che assumiamo con l’alimentazione e quindi le nostre ossa diventeranno carenti nel tempo. Gli studi hanno dimostrato che assumere magnesio permette di aumentare la densità ossea e prevenire l’osteoporosi. E’ particolarmente indicato negli anziani e nelle donne in menopausa, che sono i soggetti maggiormente a rischio. Il magnesio, insieme a vitamina D, dovrebbero essere assunti durante gli anni dello sviluppo e nell’età adulta, poiché riducono le possibilità di sviluppare l’osteoporosi quando si invecchia. I popoli orientali che hanno una dieta povera di calcio e ricca di magnesio non hanno problemi di osteoporosi, proprio per il fatto che tutto il calcio che assumono viene indirizzato correttamente. Invece, in occidente, dove si consumano grandi quantità di latticini, si assume molto calcio e poco magnesio, con la conseguenza che non si riesce a fissare il calcio e, paradossalmente, secondo alcuni ricercatori, causano acidità e quindi perdita di minerali dalle ossa. Questo contribuirebbe a spiegare l’epidemia di osteoporosi che colpisce i paesi occidentali.
  7. Crampi, mal di schiena e dolori muscolari. Il magnesio aiuta a trattare il mal di schiena rilassando i muscoli della schiena e compensando lo stress surrenale. I crampi alle gambe e l’affaticamento generale sono i sintomi classici della carenza di magnesio. Pertanto, un’adeguata assunzione di questo minerale permette di evitare dolori muscolari e crampi.
  8. Aumenta l’energia e le prestazioni fisiche. A causa del suo ruolo nella funzione muscolare e nella produzione di energia, il magnesio migliora le prestazioni fisiche. Infatti si stima che durante l’attività fisica il consumo di magnesio aumenta dal 10 al 20%. Uno studio tedesco ha dimostrato che i triatleti che hanno assunto integratori di magnesio per quattro settimane hanno avuto miglioramenti nei tempi di nuoto, ciclismo e corsa. Anche gli anziani possono beneficiare del magnesio per avere più energia nelle loro attività quotidiane. Uno studio pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition ha osservato che il magnesio in sole 12 settimane migliora le prestazioni negli anziani.
  9. Sindrome eclamptica. E’ un’emergenza medica che può portare alla morte. Può insorgere dopo la ventesima settimana di gravidanza e si manifesta con edema, proteinuria e pressione alta. Secondo le stime si verifica un caso su 2000 gravidanze. L’assunzione di solfato di magnesio (sali di epsom) è proprio il trattamento medico più usato in questa situazione. Il magnesio è uno degli elementi essenziali per garantire una gravidanza sana. Un corretto apporto di magnesio durante la gravidanza è estremamente utile per ridurre il rischio di osteoporosi, aumentare il livello di tolleranza al dolore, normalizzazione della pressione sanguigna e quindi prevenire la sindrome eclamptica. Il solfato di magnesio è il miglior trattamento per prevenire le convulsioni eclamptiche nelle donne in gravidanza che soffrono di pressione alta.
  10. Rafforza il cuore. Il magnesio protegge il cuore dai battiti cardiaci irregolari e dallo stress muscolare. Infatti rilassa il sistema nervoso, previene problemi come vomito, crampi, indigestione, dolori addominali, flatulenza e costipazione, tutti fattori che possono mettere sotto stress il sistema cardiovascolare. La carenza di magnesio è nota per essere una causa delle malattie cardiache.
  11. Minzione frequente e cistite. L’assunzione di magnesio fornisce sollievo dai problemi alla vescica come la minzione frequente. Le cause possono essere diverse come nefrite, infezioni e cistite interstiziale; l’assunzione di magnesio può portare sollievo da questi disturbi.
  12. Depressione e ansia. Il magnesio migliora l’umore e può aiutare a trattare la depressione. E’ stato osservato infatti che una carenza di magnesio aumenta il rischio di sviluppare la depressione. Uno studio pubblicato su Magnesium Research ha confrontato gli effetti dell’integrazione di magnesio con un farmaco antidepressivo e ha scoperto che gli integratori di magnesio erano efficaci quanto il farmaco nel trattamento della depressione. Un altro studio ha dimostrato che l’integrazione di magnesio migliora significativamente i sintomi di depressione e ansia dopo solo sei settimane di assunzione.
  13. Idrata, sfiamma e pulisce la pelle. Il magnesio è importante per la produzione di collagene nel corpo. Il collagene si trova nei tessuti fibrosi come tendini, legamenti e pelle. È anche presente nella cornea degli occhi, nelle ossa, nell’intestino, nella cartilagine, nei vasi sanguigni e nei dischi intervertebrali. Il magnesio è quindi essenziali per avere occhi sani, cartilagini forti, vasi sanguigni funzionanti e pelle giovane.
  14. Insonnia. Chi soffre di insonnia può trovare grande beneficio dall’assunzione di magnesio. Infatti l’insonnia è uno dei sintomi della carenza di magnesio. Altri sintomi di carenza come la sindrome delle gambe senza riposo, crampi e attacchi d’ansia possono disturbare il sonno. L’assunzione di magnesio tratta tutti questi disturbi. Uno studio ha dimostrato che l’assunzione di un integratore di magnesio riduce la gravità dell’insonnia, aumenta il tempo di sonno e diminuisce la quantità di tempo necessaria per addormentarsi.
  15. Disturbi mentali. Oltre a depressione a ansia, altri disturbi mentali possono essere una conseguenza della carenza di magnesio. Questi includono l’apatia, che è caratterizzata da intorpidimento mentale o mancanza di emozione e anche il delirio. La ragione è che sembra che la mancanza di magnesio possa causare disfunzione nervosa e promuovere problemi mentali in alcune persone.
  16. Disturbi neurologici. Uno studio afferma: “Dal punto di vista neurologico, il magnesio svolge un ruolo essenziale nella trasmissione nervosa e nella conduzione neuromuscolare. Funziona anche in un ruolo protettivo contro l’eccitazione eccessiva che può portare alla morte delle cellule neuronali (eccitotossicità) ed è stata implicata in molteplici disturbi neurologici. A causa di queste importanti funzioni all’interno del sistema nervoso, il magnesio è un minerale di intenso interesse per la potenziale prevenzione e cura dei disturbi neurologici. La letteratura attuale viene rivista per emicrania, dolore cronico, epilessia, morbo di Alzheimer, Parkinson e ictus, nonché per le condizioni comunemente associate di ansia e depressione.”
  17. Stress. Il magnesio aiuta a supportare il sistema surrenalico e le sue funzioni. I reni rilasciano magnesio quando il cortisolo è presente nel sistema, sopprimendo gli effetti dell’ormone. Aumentando l’assunzione di magnesio attraverso l’integrazione, il tuo corpo è in grado di gestire meglio l’ansia e lo stress.

Controindicazioni

Il magnesio è considerato uno degli integratori più sicuri e di cui la popolazione ha bisogno, tanto che viene raccomandando anche in gravidanza e allattamento. Se l’integrazione è fatta in modo corretto o se ci si limita alla dieta, è quasi impossibile che si verifichi il caso opposto, ovvero un eccesso di magnesio; tuttavia, se vi sono patologie che alterano il filtraggio renale può generarsi uno squilibrio degli elettroliti con ipermagnesia, che può causare una alterazione della risposta del sistema nervoso centrale, con conseguente confusione mentale, torpore, alterazione del ritmo cardiaco e di quello respiratorio.

L’ipermagnesemia ovvero troppo magnesio nel corpo in genere si sviluppa solo nei soggetti con:

  • acidosi diabetica
  • insufficienza renale
  • malattia di Addison

Effetti collaterali

L’effetto collaterale del magnesio più diffuso è la diarrea, che con il magnesio ad uso topico assorbito tramite la pelle però non si manifesta. Dosi fino a 350 mg di magnesio elementare al giorno sono sicure per la maggior parte degli adulti tuttavia in alcune persone può causare disturbi di stomaco, nausea e vomito.

Magnesio ad uso topico. Benefici rispetto ad assunto oralmente

Un’alternativa all’assunzione del magnesio per via orale attraverso integratori in polvere o in capsule, è quella del magnesio ad uso topico detto anche magnesio transdermico, ovvero applicato ed assorbito attraverso la pelle. La pelle, infatti, è in grado di assorbire il magnesio più efficacemente e senza alcun effetto collaterale. [7][8][9] Questo significa:

  1. Inizialmente c’è un assorbimento locale che nel caso del crampo, decontrattura, contusioni o disturbi osteoarticolari restituisce funzionalità alla parte appartando un beneficio più veloce;
  2. Migliora l’idratazione della pelle e la sua elasticità grazie all’aumento della produzione del collagene. E’ noto inoltre che il magnesio ad uso topico apporta benefici in caso di acne, allergie cutanee. Inoltre l’esposizione solare favorisce la secchezza della pelle che possiamo compensare applicando il magnesio localmente, quindi ideale anche nella stagione estiva.
  3. Successivamente il magnesio entra in circolo e interviene nelle reazioni che necessitano del minerale per compiersi, in maniera molto maggiore rispetto a quanto avverrebbe per via intestinale.

Uno studio ha osservato che dopo un ciclo di trattamento di dodici settimane di applicazione di magnesio transdermico, nell’89% dei soggetti del test è stato determinato un aumento medio del contenuto di magnesio cellulare del 59,5%. Con l’assunzione orale di magnesio, si potevano ottenere risultati comparabili dopo nove o ventiquattro mesi. Inoltre, tutti i pazienti hanno mostrato un miglioramento medio del 25,2 percento nel rapporto calcio-magnesio durante il periodo del test. Come effetto collaterale, nel 78 percento dei soggetti del test sono state osservate chiare indicazioni di disintossicazione da metalli pesanti.

Non è una scoperta, infatti la medicina tradizionale ha spesso utilizzato impacchi e cataplasmi per risolvere dolori e problematiche di diverso tipo, nel caso del magnesio venivano utilizzati impacchi con cloruro di magnesio o solfato di magnesio per crampi, dolori, contratture, mal di testa. Un esempio tra i più celebri sono i bagni nell’acqua del Mar Morto, ricchissima di magnesio, che da millenni è considerata terapeutica per i suoi effetti benefici su molte condizioni di salute in particolare quelle della pelle ed osteoarticolari.

Magnesio transdermico. Panacea per la pelle

Uno dei vantaggi esclusivi dell’applicazione topica includono il miglioramento dell’aspetto generale della pelle inibendo la produzione eccessiva di sebo che porta all’acne e ad altri disturbi della pelle. Il magnesio ad uso topico quindi aiuta la pelle ad essere luminosa, elastica, idratata. Le persone con rossore o acne rosacea possono beneficiare dell’effetto lenitivo del magnesio sulla pelle sensibile. Uno studio ha osservato che il magnesio transdermico migliora idratazione dello strato corneo della pelle in sole 6 ore, migliora le funzioni della barriera cutanea e riduce la ruvidità e l’infiammazione della pelle. [10]

È quindi possibile integrare il cloruro di magnesio in veicolo acquoso, ma anche oleoso, spruzzandolo direttamente sulla pelle per ottenere tutti i benefici del magnesio, aumentati dall’uso topico. Il magnesio transdermico è disponibile nella formulazione dell’azienda italiana Arcangea che

  • dal 1988 produce integratori alimentari di altissima qualità naturali, mantenendo gli eccipienti al minimo con un’elevata titolazione dei principi attivi;
  • non contiene parabeni, SLS/SLES, formaline, petrolati, siliconi, derivati animali, coloranti sintetici, profumi sintetici;
  • a base di cloruro di magnesio, una delle più efficaci magnesio, che spesso, però, se assunta per via orale, provoca un effetto lassativo limitando l’assorbimento del minerale, cosa che non avviene con l’assorbimento attraverso la pelle;
  • disponibile nella formulazione acquosa e oleosa.

Il magnesio transdermico su base acquosa e oleosa agiscono allo stesso modo con queste differenze:

  • Il magnesio spray su base acquosa è indicato per tutte le situazioni con l’eccezione che non si mescola bene sulla pelle in contemporanea con creme, oli e veicoli oleosi, che potrebbero quindi ostacolare l’assorbimento del magnesio.
  • L’olio di magnesio con olio di mandorle dolci è indicato per tutte le situazioni anche quando applichiamo creme ed oli. Ad esempio va benissimo prima o dopo l’applicazione di creme di bellezza, e d’estate prima o dopo la crema solare. L’olio di magnesio è molto utile per mantenere la pelle idratata a seguito dell’esposizione al sole. Inoltre è indicato anche per i massaggi.
magnesio transdermico spray acquosa

Magnesio transdermico spray su base acquosa consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

magnesio transdermico spray olio

Magnesio transdermico olio spray consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Modo d’uso

A bisogno: applicazioni locali sulla parte interessata;

Per una integrazione quotidiana: 4 spruzzi al giorno (meglio sulla pancia o sulle gambe) che apportano circa 360 mg di magnesio elementare. Massaggiare e lasciare assorbire.

Testimonianze

Di seguito sono riportate recensioni di persone che usano il magnesio ad uso topico e hanno lasciato una testimonianza al prodotto acquistato online.

“Avevo spesso crampi alle gambe, fino a quando mia sorella mi ha detto di comprarlo. Lo spruzzo sui polpacci (e ovunque fa male) e non ho più avuto crampi alle gambe. L o comprerò di nuovo.”

“Ho avuto un parziale intervento chirurgico al ginocchio su entrambe le ginocchia. Soffro anche di artrite e mi sono stati prescritti farmaci antidolorifici. L’ho comprato per curiosità e devo dire che mi ha aiutato davvero.”

“Mi piace la velocità con cui il prodotto si assorbe nella pelle e libera dai crampi. Non ne ho più da quando ho usato questo prodotto. Molto soddisfatta.”

“Quando uso questo spray sui piedi e sulle gambe prima di dormire, dormo come un bambino e la mia pelle è così morbida!”

“Voglio solo dire che questo prodotto è il miglior prodotto per la salute che ho trovato. Inizialmente l’ho acquistato mentre stavo facendo una disintossicazione da metalli pesanti che promuove l’espulsione del magnesio dal corpo. Mi ci sono volute alcune settimane per capire che questo prodotto mi aveva completamente cambiato la pelle. La mia pelle è idratata, più sana e ha completamente spazzato via eventuali inestetismi, brufoli o condizioni della pelle, ora è perfettamente chiara e liscia.”

magnesio transdermico spray acquosa

Magnesio transdermico spray su base acquosa consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

magnesio transdermico spray olio

Magnesio transdermico olio spray consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Riferimenti Scientifici

[1] James J DiNicolantonio et al. Subclinical magnesium deficiency: a principal driver of cardiovascular disease and a public health crisis. Open Heart. 2018; 5(1): e000668.
[2] Mary P Guerrera et al. Therapeutic Uses of Magnesium. Am Fam Physician. 2009 Jul 15;80(2):157-62.
[3] Sircus M., Reversing Insulin Resistance – The Insulin Magnesium Story in «drsircus.com», 8 dicembre 2009.
[4] Anna E. Kirkland et al. The Role of Magnesium in Neurological Disorders. Nutrients. 2018 Jun; 10(6): 730.
[5] Magdalena D. Cuciureanu and Robert Vink. Magnesium and stress. Magnesium in the Central Nervous System. University of Adelaide Press; 2011.
[6] Neil Bernard Boyle et al. The Effects of Magnesium Supplementation on Subjective Anxiety and Stress—A Systematic Review. Nutrients. 2017 May; 9(5): 429.
[7]. Anissimov Y.G., Roberts M.S. Modelling dermal drug distribution after topical application in human. Pharm. Res. 2011;28:2119–2129. 
[8]. Jepps O.G., Dancik Y., Anissimov Y.G., Roberts M.S. Modeling the human skin barrier–towards a better understanding of dermal absorption. Adv. Drug Deliv. Rev. 2013;65:152–168. 
[9]. Vormann J., Weidner M., Werner T. Transdermales Magnesium—Sinnvoll oder nicht? Pharm. Ztg. 2016;50:40–41.
[10] Chandrasekaran, Navin (2016). Effect of topical magnesium application on epidermal integrity and barrier function. PhD Thesis, School of Chemistry and Molecular Biosciences, The University of Queensland.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni