L’olio di incenso (Boswellia) è un naturale trattamento efficace per il cancro

1 Commento

INCENSO

L’incenso, o franchincenso, è la resina della pianta Boswellia serrata. Secondo la tradizione i tre re Magi donarono al neonato futuro re d’Israele, incenso come profumo e olio di mirra per le unzioni. Altre fonti narrano che questi preziosi doni furono fatti per essere usati come potenziali rimedi medici.

Le proprietà terapeutiche della Boswellia

Questa pianta viene usata da 5000 anni, e non solo sotto forma di olio per le unzioni. Ha una lunga tradizione curativa in tutte le culture ed è usata con successo per

  • Rafforzare il sistema immunitario
  • Trattare malattie autoimmuni
  • Combattere le infezioni
  • Ridurre l’infiammazione
  • Possiede proprietà anti-cancerogene che lo rende un rimedio naturale per il cancro
  • Aumentare la consapevolezza spirituale
  • Migliorare l’asma
  • Alleviare dolori articolari e rafforzare le articolazioni
  • Guarire le ferite
  • Ridurre acne e cicatrici

Un ricerca condotta dall’Università di Leicester nel Regno Unito, ha fatto riemergere la teoria secondo cui i re magi non portarono solo ricchezze a Gesù, ma bensì medicine, dato che l’incenso (boswellia serrata) può aiutare nel trattamento del cancro ovarico. [1]

Utilizzando il composto AKBA (acido acetil-11-cheto-beta-boswellico) la ricerca finanziata dal governo Amanita ha per la prima volta dimostrato la capacità dell’estratto di Boswellia di colpire le cellule tumorali in fase avanzata nei malati di cancro ovarico. Il ricercatore Kamla Al-Salmani afferma:

“Dopo un anno di studio del composto AKBA con cellule di cancro ovarico in vitro, siamo stati in grado di dimostrare che uccide le cellule tumorali. La Boswellia viene usata da molte persone, senza causare effetti collaterali. Questa scoperta rappresenta un potenziale enorme ai fini di una sperimentazione clinica in futuro, nella lotta al cancro ovarico”.

Questa ricerca riguarda l’acido Boswellico, un composto solubile in acqua, che si trova solo in forma d’estratto di gomma dell’albero. Tuttavia anche l’olio di boswellia possiede delle proprietà anti-tumorali.

Le proprietà anti-cancerogene dell’incenso

Utilizzato per le sue proprietà antiinfiammatorie, l’incenso, noto anche come Boswellia serrata, è un rimedio popolare noto per trattare diversi problemi di salute, tra cui asma, gastroenterite, e vari disturbi della pelle.

Un ulteriore ricerca condotta sempre dall’Università di Leicester, ha dimostrato che le proprietà dell’incenso sono ancora più incisive di quanto si potesse credere in precedenza. Il composto AKBA si è rivelato utile anche per quanto riguarda il cancro al cervello, colon, seno, pancreas, prostata e stomaco, le prove della ricerca sono state pubblicate su diverse riviste del settore come: Carcinogenesis and PLoS One. [2, 3]

Secondo i ricercatori della Baylor University Medical Center di Dallas, sembra che l’efficacia della Boswellia serrata contro il cancro si trovi nella sua capacità di

  • regolare i meccanismi epigenetici cellulari
  • inibire la crescita tumorale e le metastasi tramite la riduzione dei biomarcatori correlati al cancro
  • contiene una serie di composti che impediscono alle cellule tumorali di diffondersi, favorendo la guarigione

Gli scienziati della Baylor University, ritengono le proprietà della Boswellia un valido alleato per la prevenzione e il trattamento del cancro.

Curare il cancro naturalmente con l’olio di Boswellia

L’incenso si è rivelato anche estremamente utile per limitare gli effetti collaterali dei trattamenti farmacologici usati tipicamente per curare il cancro.

Prendiamo, per esempio, i malati di tumore al cervello che soffrono di edema cerebrale (gonfiore nella testa) dopo che i loro tumori sono stati irradiati. Normalmente il malato, in questi casi, viene trattato con desametasone e altri corticosteroidi per controllare il gonfiore, purtroppo però i gravissimi gli effetti collaterali degli sterodi sono ormai noti. Queste persone, inoltre,  soffrono di sovraccarico tossinico dovuto all’uso dei farmaci che, invece,  dovrebbero tenere sotto controllo mal di testa, emicrania, e possono anche verificarsi problemi di visione offuscata a causa dei trattamenti steroidei.

Fortunatamente, l’olio di incenso offre una soluzione praticabile e naturale a tutti questi svantaggi del farmaco tradizionale. Già nel 2011, la rivista Cancer ha pubblicato i risultati di uno studio clinico su 44 persone e di come l’edema cerebrale è tenuto sotto controllo con olio essenziale di incenso. [4]

Sorprendentemente, il 60 % dei pazienti evidenziava una riduzione del 75 %, o superiore, del gonfiore cerebrale dopo essere stati trattati con 4200 mg di incenso al giorno!

Questi risultati sono così significativi che gli scienziati stanno sollecitando la comunità medica a prendere in considerazione la prescrizione di questo potente olio essenziale invece di usare steroidi per i malati di cancro trattati con radiazioni.

I vantaggi dell’incenso sul sistema immunitario

Un crescente numero di ricerche ha recentemente sbloccato le porte alla nostra comprensione del perché lincenso è così benefico per la nostra salute. In uno studio pubblicato su Phytotherapy Research, è stato somministrata ai topi da 1 a 10 milligrammi di Boswellia serrata oralmente e si è scoperto che livelli del loro sistema immunitario erano incredibilmente potenziati [5].

La proprietà immunomodulatrice dell’incenso dipende dalla stimolazione del sistema immunitario in due modi:

  1. stimola la proliferazione dei linfociti (o globuli bianchi, le nostre prime difese) ;
  2. mantiene sotto controllo l’infiammazione (che è forse il maggior fattore di rischio per le malattie croniche).

Tutto questo potrebbe spiegare perché l’incenso è così efficace nel trattamento di condizioni auto-immuni come l’asma bronchiale, malattia di Crohn, artrite reumatoide e colite ulcerosa.

Per tutto quello che abbiamo detto in queste righe e per molto altro che scriveremo su quest’olio portentoso, l’incenso è decisamente consigliato come preventivo naturale oltre che come curativo, inoltre  ha un profumo molto gradevole, intenso ma non pungente.

L’uso dell’olio può avvenire

Inoltre, in caso di olio puro al 100% certificato per uso alimentare, potete anche direttamente ingerirlo mettendo qualche goccia sul palato oppure all’interno di capsule vuote, se non gradite il sapore. Ho trattato in altri precedenti articoli sull’efficacia dell’incenso nel cancro puoi approfondire leggendo L’olio di Incenso ha curato molte donne dal cancro al seno, ovaio e vescica e Studio: Incenso meglio della chemioterapia per il cancro alle ovaie!.

Unguento Re Magi
Utile per muscoli, ossa e articolazioni

Riferimenti
– Ammon HP. Boswellic acids in chronic inflammatory diseases. Planta Med 2006; 72(12): 1100-16.
– Bible History Daily. Why Did the Magi Bring Gold, Frankincense and Myrrh? Available at: http://www.biblicalarchaeology.org/daily/people-cultures-in-the-bible/jesus-historical-jesus/why-did-the-magi-bring-gold-frankincense-and-myrrh/.
– Khajuria A, et al. Immunomodulatory activity of biopolymeric fraction BOS 2000 from Boswellia serrata. Phytother Res 2008; 22(3): 340-8.
– Kirste S, et al. Boswellia serrata acts on cerebral edema in patients irradiated for brain tumors: a prospective, randomized, placebo-controlled, double-blind pilot trial. Cancer 2011; 117(16): 3788-95.
– Park B, et al. Boswellic acid suppresses growth and metastasis of human pancreatic tumors in an orthotopic nude mouse model through modulation of multiple targets. PLoS One. 2011; 6(10): e26943 [epub].
– Suhail MM, et al. Boswellia sacra essential oil induces tumor cell-specific apoptosis and suppresses tumor aggressiveness in cultured human breast cancer cells. BMC Complement Altern Med 2011; 11: 129.
– Takahashi M, et al. Boswellic acid exerts antitumor effects in colorectal cancer cells by modulating expression of the let-7 and miR-200 microRNA family. Carcinogenesis 2012; 33(12): 2441-9.
– University of Leicester. Christmas gift brings treatment hope for cancer patients. Available at: http://www2.le.ac.uk/offices/press/press-releases/2013/december/christmas-gift-brings-treatment-hope-for-cancer-patients.
– Yuan Y, et al. Acetyl-11-keto-beta-boswellic acid (AKBA) prevents human colonic adenocarcinoma growth through modulation of multiple signaling pathways. Biochim Biophys Acta 2013; 1830(10): 4907-16.
– Zhang YS, et al. Acetyl-11-keto-β-boswellic acid (AKBA) inhibits human gastric carcinoma growth through modulation of the Wnt/β-catenin signaling pathway. Biochim Biophys Acta 2013; 1830(6): 3604-15.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Commento su questo post

  1. Ed è anche un potente cicatrizzante

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline