Omeopatia e medicine alternative sono ufficialmente riconosciute dal Governo svizzero e sono coperte dallo Stato

70 Commenti

svizzera omeopatia

Il Ministro dell’Interno Svizzero ha annunciato che cinque terapie complementari tra cui l’omeopatia sono legittimate come medicina e hanno lo stesso status della medicina convenzionale. Saranno quindi coperte dall’assicurazione sanitaria obbligatoria dello stato.

Le cinque medicine complementari sono:

  • Omeopatia
  • Medicina olistica
  • Fitoterapia
  • Agopuntura
  • Medicina tradizionale cinese

Queste terapie acquisiranno lo stesso status dellai medicina convenzionale da maggio 2017. In realtà già da gennaio 2012 esse sono entrate a far parte della spesa sanitaria nazionale grazie al referendum costituzionale del 2009 in cui due terzi degli svizzeri hanno votato per includere questi cinque importanti modalità di guarigione nella lista costituzionale dei servizi sanitari coperta dall’assicurazione dovuta allo stato.

Il governo svizzero si rende esempio di apertura verso queste antiche medicine che sono state soppresse nel tempo dalla medicina allopatica basata sui farmaci che non ha avuto il successo sperato, e anzi il consumo di farmaci è davvero dannoso in molti casi. Per chi non lo sapesse infatti, uno studio del 2014 ha dimostrato che i farmaci sono la terza causa di morte al mondo dopo malattie cardiache e cancro, sia in Europa che negli USA.

Un’altra ricerca francese ha passato al setaccio 4.000 farmaci esaminando la reale efficacia, i rischi per il paziente ed i costi dei medicinali prendendo in esame anche molti aspetti del mondo dei medicinali come storia, incidenti e  vicoli ciechi. Il risultato?  Il 50% dei farmaci sono inutili, che il 20% sono mal tollerati e che il 5% arrivano ad essere anche molto pericolosi.

Il lato positivo e per cui risulta utile la medicina allopatica è il pronto soccorso e la medicina d’urgenza, ma togliamoci dalla mente che sia una medicina conclusiva e panacea per tutti i mali, come di fatti tutti noi possiamo testimoniare come è molto più frequente che un disturbo guarisca cambiando alimentazione e stile di vita, piuttosto che provare tanti farmaci che sopprimo solo i sintomi (anti-infiammatori, anti-dolorifi, anti-ecc..) peggiorando nel tempo la salute.

Uno studio del 2014 sui medici ha dimostrato che il loro scetticismo verso le medicine alternative deriva dal fatto che non sono informati e infatti non hanno alcuna argomentazione contro di esse mostrando un pregiudizio, affermando solamente che non esiste una evidenza scientifica sufficiente a supporto dell’omeopatia. Probabilmente non hanno letto gli studi menzionati sopra sui danni dei farmaci che prescrivono, oppure di quanto sono pericolose le statine che nella maggior parte dei casi non stanno salvando la vita a nessuno anzi, dei farmaci per l’insonnia che causano demenza, o degli studi scientifici che dimostrano l’efficacia dei rimedi omeopatici. Per questa ragione gli autori dello studio affermano che l’unica soluzione sia includere le medicine complementari nel curriculum scolastico così che i medici possano avere una reale conoscenza di esse.

In realtà lo studio a cui tutti i media hanno dato eco è quello del 2005 che avrebbe dimostrato che l’omeopatia non funziona. In realtà, come tutti gli scienziati sanno, è molto facile manovrare i dati per raggiungere la conclusione che si vuole. Infatti se si legge l’intero studio (Shang A et al. Lancet 2005; 366:726-32) si arriva a capire come mostra il prof. Hahn nel suo studio (Hahn RG Forsch Komplementmed. 2013;20:376-81) che “Per concludere che l’omeopatia manca di effetti clinici è stato necessario ignorare più del 90% di tutti I trials disponibili“. Insomma gli autori dello studio del 2005 volevano abbattere l’omeopatia e tutti i media li hanno acclamati. Peccato che nessuna testata giornalistica ha dato risalto agli studi che hanno dimostrato che quello studio manca di criterio scientifico e non è stato eseguito correttamente. Inoltre, casualmente, i media non danno nessuna voce quando si parla dei danni dei farmaci e di tutti i casi di persone guarite dal cancro con la medicina complementare. Guarda caso parlano solo quando uno muore di cancro rifiutando la chemioterapia. Che ci siano interessi in gioco?

Non a caso la Regina Elisabetta si cura con l’omeopatia e sembra stare bene in salute con i suoi 90 anni. Quando alcuni anni fa si volevano chiudere in Regno Unito i centri sanitari che includevano un reparto omeopatico nelle spese sanitarie nazionali dopo le pressioni della comunità medica convenzionale, la famiglia reale si è chiaramente opposta bloccando la riforma.

Il paragone con la situazione italiana giunge spontaneo: nonostante gli oltre 11 milioni di italiani che usano medicine complementari e gli oltre 20.000 medici che le prescrivono, dal punto di vista legislativo, la medicina omeopatica e le altre medicine complementari rimangono prive di regole. Da notare che questi sono dati statistici del 2011, quindi oggi saranno raddoppiati questi numeri se consideriamo il boom delle medicine alternative negli ultimi anni.

Una statistica di fine 2012 ha messo in evidenza che un europeo su due utilizza medicine complementari. E in Europa ogni centomila abitanti ci sono 65 professionisti certificati, medici e non, che le prescrivono: i medici di base sono 95 ogni centomila.

In Germania, Francia e Regno Unito la regolamentazione, la tutela e la formazione sulle medicine complementari è anni luce avanti rispetto alla nostra e nei centri sanitari, affianco allo studio del medico convenzionale c’è spesso quello dell’omeopata o dell’agopuntore.

La medicina tradizionale cinese vanta una grande mole di benefici che può offrire alla popolazione e abbiamo già descritto come la scienza ha dimostrato l’esistenza dei meridiani energetici sui cui si basa.

Per non parlare della fitoterapia ovvero l’uso dei rimedi erboristici basati sulle piante che vanta un’enorme quantità di casistiche essendo praticata da migliaia di anni con risultati a cui i farmaci non possono neanche avvicinarsi. Ma a chi conviene? Una pianta non si può brevettare e non può essere venduta a caro prezzo.

Purtroppo la medicina convenzionale si è allontanata dal suo obiettivo originario che è quello di curare l’essere umano senza danneggiare, come dice il fondamento di Ippocrate. In realtà prescrive farmaci che tolgono sintomi causando effetti collaterali. Quindi non cura né l’interezza dell’essere umano dato che non lavora sulla causa, né lo protegge dato che lo riempie di sostanze sintetiche dannose soprattutto nel lungo termine ed uso quotidiano.

Riferimenti
Swiss to recognise homeopathy as legitimate medicine
– Gøtzsche PC. Our prescription drugs kill us in large numbers. Pol Arch Med Wewn. 2014;124(11):628-34. Epub 2014 Oct 30.
Il 50% dei medicinali è inutile: emerge da uno studio francese
– Barros and Fiuza. Evidence-based medicine and prejudice-based medicine: the case of homeopathy. Cad Saude Publica. 2014 Nov;30(11):2368-2376
– La micidiale bufala dell’omeopatia e del placebo. InformaSalus
– Queen’s physician calls for more homeopathy on NHS. The Telegraph
– Royals’ favoured hospital at risk as homeopathy backlash gathers pace. The Guardian

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

70 Commenti su questo post

  1. Si spera che anche qui si possa fare lo stesso!

  2. Si dice…..la speranza è l ultima a morire….

  3. Non e’ esatto sono svizzero. tutti sono obbligati dai 18 anni a pagarsi polizza sanitaria che non e’ proprio regalata circa 4.000 eur annuo. se si vuole medicine alternativa bisogna pagare un aggiunta di circa 200 eur e quindi 4.200. a quel punto son riconosciute non dallo stato ma compagnia assicurativa con una franchigia del 10%.

  4. Toccherà trasferirsi x lavorare

  5. Qui c’è una guerra mediatica contro l’omeopatia e tutte le medicine alternative! Siamo lontani anni luce!

  6. Speriamo presto anche da noi!!!

  7. e noi? sempre i piu’ indietro!!!

  8. Una soluzione di acqua e zucchero con la “speranza ” mai accertata scientificamente che contenga la memoria della sostanza omeopatica a sua volta diluita in modo infinitesimale, ha dei costi di preparazione direi infinitesimali sia per quanto riguarda la catena produttiva, la materia prima, la ricerca ormai ferma dai tempi, ma viene venduta sul mercato ad un prezzo molto superiore ad un farmaco allopatico, che al contrario richiede costi di produzione, di ricerca, di sperimentazione molto superiori. L’omeopatia , quella vera, non quella che contiene prodotti di erboristeria o altre sostanze naturali propagandate per omeopatia, è il vero business dei farmaci e la Svizzera non se l’è lasciato sfuggire !!!!

    • Porto la mia esperienza: ipertiroidismo, tre settimane presso: Clinica Santa Croce (reparto omeopatia – Sotto la direzione del Dr. Dario Spinedi, lavorano medici di fama internazionale) Via al Parco 27 – CH 6644 Orselina … io sono guarita completamente! solo grazie all’omeopatia.

    • Sono ben 13 anni che mi curo con omeopatia ho trovato un bravo medico omeopata e sono contenta della scelta niente più medicine e lo dice una che abusava di Aulin…

    • Mi curo con rimedi omeopatici da anni, posso capire che potrei essere stata coinvolta psicologicamente ed aver innescato l’effetto pblacebo( anche se così non è).Hanno subito il classico effetto placebo anche le mie gatte??? 🙂 🙂

    • P.e anche loro si curano con rimedi Omeopatici!

    • Patrizia Valentino Spero che non ti capiti mai una polmonite, ma se mai ti capitasse spero che il tuo medico omeopata non si azzardi a curarti con L’omeopatia perché potrebbe ucciderti. Forse in Svizzera se la caverebbe da un punto di vista legale, essendo considerata a tutti gli effetti una cura, e forse non avrebbe neanche rimorsi per la sua scelta irresponsabile.

    • Antonella Nazzecone Ho spiegato che riguardo ai costi la situazione è esattamente invertita: il principio omeopatico alla produzione ha costi minimi, sia per la materia prima, per la sperimentazione e per l’assemblaggio, ma viene commercializzato con grandi ricarichi, a beneficio delle case produttrici. L’omeopatia quella vera, non quella che contiene estratti vegetali o d’organo o altre sostanze più o meno naturali, propagandata per omeopatia, è il vero business dei farmaci con bassi costi di produzione e alti guadagni!!!!!!!!!!!!!!

    • Curarsi con omeopatia significa prevenzione si va dall’omeopata quando si sta bene ho curato anche forte infezioni senza mai un farmaco

    • E in caso di polmonite userò sempre e solo omeopatia!!!

    • Cinzia Piotti: lì curano solo l’ipertiroidismo o anche l’ipotiroidismo ? Se me lo puoi dire, quanto mi verrebbe a costare un ricovero di tre settimane … visto che è Svizzera e che quindi non credo possa essere rimborsato da nostro SSN. Hai eventualmente anche un indirizzo mail o un numero di telefono a cui posso contattarli … Grazie mille se vorrai rispondermi. Se preferisci puoi anche scrivermelo in privato.

    • Antonella Nazzecone ok, la fede sposta le montagne!! Ciao

    • Ivana Benedetti Carissima, parliamo di 18 anni fa! ero in cura dal Dr. Spinedi direttamente e seguita da tutta la sua splendida équipe. … posso dirti che seguono casi da tutta europa … ti lascio dove guardare, i costi ci sono, io all’epoca pagai per le tre settimane fr. 8000.- … per avere informazioni, ti suggerisco di crivere una mail o eventualmente telefonare… per quanto riguarda la tiroide, l’importante è che tu non sia stata operata 😉 poi loro ti sapranno dire… Auguroni di cuore! … comunque vedi anche con l’alimentazione dei gruppi sanguigni del dottor Mozzi … trovi anche in Facebook info gruppo tiroide/malattie autoimmuni. vedi info: Clinica Santa Croce
      Segretariato Dr. Spinedi
      Via al Parco 27
      CH 6644 Orselina
      Tel.: 0041 91 7354 371
      Fax: 0041 91 7354 374
      e-mail: omeopatia@clinicasantacroce.ch vedi: http://www.clinica-santa-croce.ch/it/

    • kuros says:

      gentile chioso mi dispiace informarla che le ricerche scientifiche sul’efficacia del’omeopatia ormai sono cosa nota. tranne che a lei. si astenga la prossima volta. ma tranquillo la sua è solo paura di affidarsi alla natura.

  9. In Svizzera. In Italia “operano” per renderne difficile anche la reperibilità…

  10. E in Italia…quando???

  11. Laura Lomi Laura Lomi says:

    Speriamo anche in Italia !!

  12. E qui stiamo rendendo obbligatori i vaccini….

  13. Sol Sole Sol Sole says:

    era ora… Un paese che si defunisce avanzato… con piu divieti che quiete

  14. Elvy Tebano Elvy Tebano says:

    L’intelligenza di un popolo…..

  15. Sara Carocci Sara Carocci says:

    Quando in Italia??????

  16. Eh… invece noi dobbiamo arricchire le multinazionali del farmaco…

  17. Luca GP Luca GP says:

    ahahahah qua tra un po ci tolgono pure i farmaci salvavita

  18. Ada Caterino Ada Caterino says:

    Qui invece ti ammazzano con la medicina allopatica! !!

  19. Proprio come in Italia!

  20. In Italia Maghi e ciarlatani!!!!!!!!!

  21. Elisa says:

    io penso che secondo la mia storia personale che se viene ripresa in tempo la depressione, ansia, panico, paure, insonnia etc. sono d’accordo con la medicina alternativa.. ma al contrario purtroppo ci vuole la medicina.. la 1 serve come mi hanno detto come supporto in + parallelemente..poi mi posso anche sbagliare..sai ognuno è un caso a parte..se sapete qualcosa in + consigliatemi pure..grazie..

  22. QUESTO è un paese CIVILE

  23. Maria luisa says:

    Vorrei un consiglio da un omeopata per la colangite autoimmune

  24. penso che in Italia avverrà tra molto tempo… ci sono troppi guadagni per lo stato e x le case farmaceutiche per far andare avanti la medicina alternaiva :/

  25. in italia si mangiano tutto…..

  26. Giulia Pardo Giulia Pardo says:

    Che bello!!! Speriamo presto anche da noi!!!

  27. Anche in Italia dovrebbe essere così

  28. Invece qua ci vogliono avvelenare pian piano tutti !

  29. Rosi Beninii Rosi Beninii says:

    È l’Italia ha appena detto che non sono farmaci… stranezze di oltre alpi

  30. Sono Svizzera. Da noi lo Stato non paga nulla. Abbiamo coperture private a carico del cittadino.

  31. Allora ragazzi chi ha detto che in Italia non si paga la sanità, io la pago sulle tasse anche se non e privatizzata. Il riconoscimento dello stato Svizzero che le casse mutue che aderiscono è se io per 20 Fr. al mese ho bisogno di trattamenti alternativi la cassa mi paga per migliaia di Fr. al anno e stupendo o no. Ovio senza ricetta medica. In Svizzera e lo stato che dice come devono andare le cose. Non le casse. Quindi non e più facoltativo.

  32. Pina Martino Pina Martino says:

    Come mai in Italia sono tutti a pagamento!!!!!!!!!!!!

  33. La svizzera è avanti anni luce noi abbiamo questi pelandroni buoni a nulla che fra poco ci levano anche le cure fasulle

  34. Dubito che la Lorenzin con la sua riconosciuta apertura mentale e cultura scientifica abbia questo proposito

  35. Credo che in Italia non avverra’ mai, anzi dice il mio omeopata che tra un po’ avremo anche difficolta’ a trovare i prodotti! ci vogliono togliere il diritto di curarci come vogliamo

  36. Quando un popolo è avanti… succedono queste cose.

  37. Sono sempre stati avanti un decennio i svizzeri, però …razzisti ed egoisti.

  38. Arturo says:

    Speriamo in Italia… MAI! Criminali.

  39. Giulia consonni says:

    Il prof. Garattini ricercatore del Mario Negri di Milano ha sempre detto che è nient’altro che una bufala

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline