Ortoterapia – I benefici del giardinaggio sulla salute

Nessun Commento

Prendersi cura delle piante, fare l’orto e il giardinaggio hanno dei profondi effetti nel corpo e nella psiche tanto che è stata chiamata ortoterapia. Gli scienziati stanno cominciando a studiare e definire i benefici dei giardini terapeutici

ortoterapia benefici

I ricercatori sono giunti alla conclusione che il giardinaggio è davvero benefico per la salute. Negli ultimi anni c’è stato un riconoscimento del del potere del contatto con la natura, in particolare con le piante, da parte della scienza tanto che è nato un nuovo ambito disciplinare che studia ed applica i benefici della natura sull’uomo: la terapia orticolturale o ortoterapia.

In particolare studi recenti hanno dimostrato che prendersi cura delle piante è:

  • Antidolorifico: riduce il dolore
  • Potenzia il cervello: migliora l’attenzione e la memoria
  • Normalizza la pressione sanguigna.
  • Rilassa: riduce lo stress, calma la mente e scarica il nervosismo
  • Riduce il bisogno di psicofarmaci
  • Benefico per gli anziani: allontana le malattie degenerative (demenza, Alzheimer, ecc)

La terapia orticolturale è applicata con successo in tutto il mondo in ospedali, scuole, carceri, cliniche private, ma non è un’invenzione moderna. Nell’antico Egitto i dottori di corte prescrivevano ai loro pazienti, malati di mente, lunghe passeggiate nei giardini del palazzo del faraone. Più di 2000 anni fa i cinesi Taoisti costruivano i giardini nella convinzione che l’ambiente avesse benefici effetti sulla salute. San Bernardo di Chiaravalle insegnava che il monastero doveva possedere un frutteto dove far passeggiare gli ammalati. Gli infermi stanchi per la passeggiata si siederanno, diceva, sul bordo dei grandi bacini e si divertiranno osservando i movimenti dei pesci.

Già avevamo descritto i benefici del passeggiare nella natura o di abbracciare gli alberi, ma ora gli studiosi hanno riscontrato benefici nel giardinaggio.

Nel Regno Unito, ci sono progetti pilota nei quali i medici invitano i pazienti a fare giardinaggio in appositi spazi ottenendo netti miglioramenti di salute. Negli Stati Uniti è stato stimato che costruire un ospedale in un luogo piacevole, circondato da un giardino può comportare un risparmio annuale di circa 15-20 milioni di dollari per un ospedale da 300 letti dato che i pazienti hanno meno bisogno di farmaci e assistenza quando sono nella natura. Un ambiente gradevole, inoltre, consente agli ospedali americani, che sono in competizione fra loro, di attrarre un maggior numero di pazienti.

Teresia Hazen, che sovrintende diversi programmi di ortoterapia in Oregon, ha spiegato:

“Per i pazienti che si trovano limitati da una disabilità, anche la più semplice esperienza di giardinaggio,  come crescere una pianta in vaso, dà loro una sensazione di controllo. Il giardinaggio, più di ogni altra attività di riabilitazione, ha la capacità di liberare la mente. Semplicemente allontanando le menti delle persone dai loro problemi si possono alleviare notevolmente il dolore e la depressione.

L’ortoterapia si sta affermando a tal punto che questa estate al Salone dei Fiori di Hampton Court nel Regno Unito, esperti provenienti da una vasta gamma di settori si sono riuniti per discutere gli effetti positivi che il giardinaggio può avere sia sulle condizioni di salute croniche sia nel rafforzare la comunità.

Il direttore generale della Royal Horticultural Society, Sue Biggs, ha affermato chiaramente di come il giardinaggio l’ha aiutata nella sua lotta contro il cancro al seno:

“Non si tratta solo di giardinaggio e ortoterapia, si tratta anche di felicità, perché non riesco a pensare a una cosa migliore per rendere felici le persone – e sono tempi difficili in questo momento – e penso che il giardinaggio è solo una gioia.”

Un altro studio pubblicato online sul British Journal of Sports Medicine ha scoperto che gli hobby attivi come lavori in giardino e il giardinaggio sono buoni come andare in palestra per la salute del cuore. Gli adulti più anziani con hobby come questo sono stati in grado di ridurre il loro rischio di infarto o ictus e le loro probabilità di morire per qualsiasi causa del 30%! Quando si cammina fuori in un giardino e si è travolti letteralmente dall’odore delle rose e dalla vista delle api che ronzano sulla lavanda, e tutto ciò che ha colore e profumo, non si può fare a meno di sentirsi più felici!

In uno studio pubblicato nel Journal of Environment Psychology i ricercatori hanno preso 112 adulti stressati e li hanno divisi in due gruppi.
Il primo doveva stare seduto in una camera con la vista degli alberi e poi passeggiando in giardino. L’altro seduto in una stanza senza finestre e poi passeggiando in un ambiente urbano. Il primo gruppo ha avuto una riduzione dello stress, della pressione sanguigna e un cambiamento positivo dell’umore molto superiore al secondo gruppo. Il ricercatore Dr Terry Hartig dell’Università della California a Irvine, ha commentato: “Alcuni di questi cambiamenti positivi possono essere misurati in pochi minuti.”

“L’occuparsi della terra e delle piante può conferire conferire all’anima una liberazione e una quiete simile a quella della meditazione”.
Herman Hesse

Il Giardino dei Sensi - Introduzione all'ortoterapia
Orti e giardini: luoghi di benessere e terapia

Riferimenti scientifici
-Adevi A.A., Lieberg M., 2012. Stress rehabilitation through garden therapy. A caregiver perspective. Urban Forestry & Urban Greening, 11 (2012), 51– 58.
-Gigliotti, C., Jarrott, S., & Yorgason, J., 2004. Harvesting health: effects of three types of horticultural therapy activities for persons with Dementia. Dementia.
-Haller L.R. & Kramer L.C. (Eds.), 2006. Horticultural Therapy Methods. Making connections in healthcare, human service, and community programs. Haworth Press.
-Jarrott, S., & Kwack, H., 2002. An observational assessment of a dementia-specific horticultural therapy program. Horticultural Technology.
-L. Mc Guire. In S.E. Wells (Ed.), 1997. Implementing Horticultural Therapy into a Geriatric Long-Term Care Facility Horticultural Therapy and the Older Adult Population. New York, NY: The Haworth Press, Inc.
-Lewis, C., 1995. Human health and well-being: the psychological, physiological and sociological effects of plants on people. Acta Horticulture.
-Mather, J., D, N., & Oliver, K., 1997. The effect of a walled garden on behaviour of individuals with Alzheimer’s. American Journal of Alzheimer’s Disease.
-Simson S.P. & Straus M.C. (Eds.), 1998. Horticulture as therapy: Principles and practice. Binghamton, NY: The Haworth Press.
-Straus, M., 1994. Measuring the quality of treatment in horticultural therapy groups. Journal of Home & Consumer Horticulture.
-Van Den Berg A.E., Custers M.H., 2011. Gardening promotes neuroendocrine and affective restoration from stress. J Health Psychol January, 16(1), 3-11.
-Wichrowski, M., Whiteson, J., Haas, F., Mola, A., & Rey, M. J. (2005). Effects of horticultural therapy on mood and heart rate in patients participating in an inpatient cardio pulmonary rehabilitation program. Journal of CardioPulmonary Rehabilitation.

Copyrighted.com Registered & Protected 
65ZZ-UOXX-R76K-WJC7

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline