Dott. Montanari: “Il 40% del pane in commercio è pieno di metalli pesanti!”

5 Commenti

pane metalli

Sono stati analizzati ben 135 tipi di farina presenti nel pane in commercio e cosa è stato trovato è sconvolgente e non sorprende come il tasso di malattie infiammatorie e degenerative stia aumentando esponenzialmente. Ecco l’indagine.

La trasmissione televisiva La Gabbia ha intervistato il Dott. Stefano Montanari, esperto di nanopatologie e direttore scientifico del laboratorio Nanodiagnostics di Modena, conosciuto per le sue scoperte dei vaccini inquinati da metalli pesanti e ostacolato dalle istruzioni che anni fa gli avevano tolto un microscopio elettronico per effettuare le sue ricerche.

Il Dott. Montanari nel suo laboratorio ha analizzato 135 farine diverse usate per la panificazione (pane, cracker, ecc) presenti nei normali supermercati e ha scoperto che più del 40% erano inquinate da metalli pesanti nocivi e pericolosissimi per la salute.

Queste particelle metalliche vengono riconosciute come corpi estranei dall’organismo e vengono perciò circondate da un tessuto infiammatorio che alla lunga, ed anche decine di anni, si trasforma in un tumore.” afferma Montanari.

Quindi dalle analisi è emerso che ogni famiglia ha quasi una probabilità su due di ritrovarsi sulla propria tavola una pagnotta prodotta con farina contenente tali metalli. E questo è possibile perché, come afferma il ricercatore modenese, le farine non vengono mai analizzate dalle istituzioni.

Qual è la causa di questo inquinamento nel pane?

Montanari spiega che i motivi per cui ciò accade sono:

  1. Il grano viene spesso conservato per 5 anni in silos metallici prima di essere macinato, e questa lunga conservazione lo porta ad “assorbire” tali metalli.
  2. Le macine che vengono usate per macinare il grano si deteriorano nel tempo, spargendo i loro frammenti inevitabilmente nella farina.
  3. Spesso il grano che viaggia su camion contaminati che trasportavano precedentemente rifiuti tossici, visto e considerato che importiamo la maggior parte del grano dall’estero. Viene mostrato infatti nel video un camion intercettato che trasportava grano nel nostro paese contaminato da rifiuti tossici.

Bisogna anche includere i pesticidi e gli erbicidi usati nella coltivazione del grano, che contengono metalli pesanti al loro interno, già accusati di provocare malattie degenerative come il Parkinson.

pane inquinato

Il tema dei metalli pesanti non viene toccato dai media, ma è un argomento cruciale nella nostra società in cui le fonti di inquinamento sono tantissime. Dai farmaci, all’aria. all’acqua fino al cibo i metalli pesanti entrano nel corpo e poiché non vengono espulsi facilmente si accumulano nell’organismo causando problemi sempre più seri nel tempo. Ad esempio è riconosciuto ufficialmente, che l’alluminio usato per cucinare (moka, carta di alluminio, padelle, ecc) e presente come additivo in diversi cibi (ad esempio i formaggi), causa il morbo di Alzheimer.

Ecco il video integrale dell’inchiesta del Dott. Montanari

Per approfondire su come disintossicarsi dai metalli pesanti vedi Come e perché disintossicarsi dai Metalli Pesanti.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

5 Commenti su questo post

  1. Questo è una notizia terribile.Perchè non solo di pane vive l’italiano medio…ma anche di pasta.Che viene prodotto con la stessa farina.

  2. Io non so se tutto ciò sia veritiero, certo che se fosse così, e credo che lo sia, ci hanno veramente ridotti all avvenelamento ..é una guerra silenziosa ed è frustrante che organismi che dovrebbero mirare alla salute fanno il contrario. Vogliono farci ammalare, sono tutti d accordo, alimentazione, medicina, inquinamento, ecc…ma andassero a fare in culo bastardi!

  3. bastardi.io vado in cerca cambiando perchè vedo che il pane non è buono e dubito da dove viene la farina?cosa fare …comprare farina bio e farlo cuocere come ho fatto altre volte…mica possiamo produrlo noi e renzi e quell’accozzaglia cosa mangiano panini con biglietti viola?

  4. Diffondete questa guerra silenziosa.

    • Francesco says:

      beh … ma è proprio una guerra silenziosa? ovvero, se il silos, il camion e le macine sono fatti di metallo che con il tempo tende a cedere micro frammenti si può parlare di una guerra? contro il metallo? Chi arrestiamo gli ingegneri progettisti? I titiolari di fonderie e aziende metalmeccaniche? Con riferimento ai pesticidi, certo che sono pericolosi, ma allo stesso tempo consentono una maggiore produttività e costi più bassi! Quanti di noi sono propensi a spendere di più? Suvvia! è più che ovvio che ci sono molte cose che non funzionano, ma qui si cerca di creare cospirazioni su tutto e tutti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline