Pappa reale

La pappa reale, detta anche gelatina reale è un prodotto di origine animale, secreto unicamente da alcune ghiandole poste sul capo delle api operaie nutrici, una volta raggiunta un’età compresa tra il 5° e il 14° giorno di vita. Si tratta di una sostanza di carattere proteico, generalmente di colore giallo piuttosto chiaro, dall’odore caratteristico e dal sapore acidulo-zuccherino che si discosta leggermente dal miele. La relativa produzione rappresenta la conseguenza di una “supernutrizione” di polline da parte delle api. Si tratta di un alimento somministrato naturalmente alle giovani larve fino al 3° giorno di vita, riservato in seguito solo a quelle destinate diventare le api regina.

Pappa reale dove si trova

La pappa reale viene prodotta dagli apicoltori in notevoli quantità mediante un vero e proprio inganno a carico delle api operaie, le quali iniziano a produrre la pappa per un gran numero di api regine, delle quali, al termine della raccolta, solo poche potranno sopravvivere. Il procedimento permette di raccogliere solo pochi grammi di pappa reale, a fronte di innumerevoli ore di lavoro dell’apicoltore ed è esattamente questo a determinare i costi particolarmente elevati del prodotto finale. La raccolta dagli alveari avviene mediante raschiatura manuale effettuata avvalendosi di utensili non metallici. In alternativa può essere effettuata anche per suzione mediante tubicini di vetro. La pappa reale grezza viene successivamente posta in contenitori di vetro sterili fino al raggiungimento di una quantità sufficiente per la lavorazione. Una volta filtrata per rimuovere le impurità, la pappa reale viene raffreddata in appositi contenitori o liofilizzata. Disponibile in commercio fresca e conservata in frigorifero, può essere presente anche in forma liofilizzata e proposta in vari formati: capsule, polvere, fiale.

Storia della pappa reale

Sebbene il miele sia ampiamente conosciuto fin dall’antichità, per conoscere la pappa reale occorre arrivare fino alla metà del XVII secolo: il primo a parlarne fu lo scienziato olandese J. Swammerdan, che ne descrisse il sapore. Successivamente Reamur fisico francese, tratto l’argomento nei suoi scritti sulla “Storia degli insetti”, descrivendone a sua volta il sapore. Nel 1788 il naturalista svizzero F. Huber “battezzò” con il termine gelatina reale la sostanza biancastra con cui sono nutrite le api regine mentre un secolo più tardi,Perez scoprì che tale prodotto veniva somministrato a tutte le larve d’ape nei primi 3 giorni di vita e che la somministrazione proseguiva invece per gli esemplari destinati a diventare api regine. Nel 1912, lo studioso tedesco J. Langez, attribuì con precisione la provenienza di tale secrezione alle ghiandole ipofaringee delle api nutrici. In Italia la produzione di pappa reale iniziò intorno agli anni 1960-1965, proseguendo durante anni ’70, fino a scomparire, quasi totalmente. Solo negli anni ’80, a causa delle ingenti importazioni di pappa reale provenienti dai Paesi asiatici, fu nuovamente introdotta nell’alimentazione. Oggi dopo molti anni, prende nuovamente vita la produzione italiana.

Pappa reale proprietà

A costituire la pappa reale compaiono principalmente acqua, proteine, zuccheri, lipidi e sali minerali. Anche se può subire notevoli variazioni, la composizione organolettica di tale alimento tende a rimanere relativamente costante tra i diversi alveari di provenienza. L’acqua compone circa i due terzi della pappa reale fresca ma analizzandone il peso secco, le proteine così come gli zuccheri risultano dominanti: le proteine compongono in media il 73.9% del peso, gran parte delle quali sono rappresentate sotto forma diamminoacidi, di cui gli 8 essenziali sempre presenti. Gli zuccheri, principalmente fruttosio e glucosio, in proporzioni simili al relativo contenuto nel miele, sono sempre presenti ma il fruttosio. Entrambi rappresentano insieme il 90% degli zuccheri totali mentre il contenuto di saccarosio può variare considerevolmente. Interessante il contenuto di lipidi: la frazione lipidica è costituita per l’80-90% in peso da acidi grassi liberi caratterizzati da strutture molecolari piuttosto inusuali. Identificati come acidi grassiidrossilati o acidi dicarbossilici a corta catena, sono comunemente presenti in alimenti di origine animale e vegetale e sono diretti responsabili di gran parte delle proprietà biologiche associate alla pappa reale. I sali minerali contenuti in maggior quantità sono rispettivamente potassio, calcio, sodio, zinco, ferro, rame e manganese, con una forte prevalenza di potassio. Le vitamine presenti in notevole quantità sono la Tiamina(vitamina B1), Riboflavina (vitamina B2), Nicotinamide (vitamina B3 o PP), Acido Pantotenico (vitamina B5), Piridossina (vitamina B6), Mesoisositolo (vitamina B7), Biotina, acido folico (vitamina B9). Presenti in ridotte quantità sono invece la Vitamina A, Vitamina C, Vitamina D, Vitamina E. Ulteriori costituenti, seppur in misura marginale sono l’Acetilcolina, antibatterico e antibiotico, prodotto durante la fase digestiva delle api.

Pappa reale benefici

  1. Allergia – Secondo uno studio del 2001 pubblicato sulla rivista International Immunopharmacology, la pappa reale può contribuire a migliorare la risposta del sistema immunitario. Nello studio infatti l’azione istaminica agli allergeni è stata immediatamente soppressa, mostrando che la pappa reale può contribuire ad alleviare i sintomi delle allergie stagionali.
  2. Alzheimer – Recenti ricerche indicano che la pappa reale può migliorare la memoria a breve termine e i disturbi della malattia di Alzheimer legati all’apprendimento. Lo studio è stato pubblicato su Advanced Biomedical Research ed ha esaminato l’effetto della pappa reale sull’apprendimento spaziale e la memoria. Poiché il tessuto cerebrale contiene un sacco di acidi grassi insaturi che sono particolarmente vulnerabili agli attacchi dei radicali liberi, le sostanze antiossidanti presenti nella pappa reale possono svolgere un ruolo importante nella prevenzione e cura delle malattie neurodegenerative.
  3. Intestino – La pappa reale è una fonte preziosa di bifidobatteri, ovvero di batteri benefici che supportano la salute del tratto gastrointestinale, comportandosi quindi come un probiotico. La presenza di bifidobatteri positivi tiene lontano la candida, le intolleranze alimentari, infiammazione intestinale, disbiosi e svolge un ruolo anticancerogeno, contro il diabete, e di protezione sulla salute del cervello.
  4. Menopausa – La ricerca mostra che l’assunzione di pappa reale può aiutare a ridurre i sintomi della menopausa e migliorare la sensazione di benessere nelle donne in menopausa. La combinazione di pappa reale, olio di enotera, damiana e ginseng è risultata ottima per trattare i disturbi della menopausa. (5, 6)
  5. Pelle – Uno studio condotto dal Department of East-West Medical Sciencealla Kyung Hee University in Corea segnala che la pappa reale regola il fotoinvecchiamento della pelle dopo l’esposizione alle radiazioni ultraviolette-B. Gli effetti anti-invecchiamento sulla pelle sono stati valutati attraverso la determinazione del contenuto di collagene e lo spessore epidermico del tessuto cutaneo. Il livello di proteine procollagene di tipo I è aumentato nei soggetti che sono stati alimentati con un integratore alimentare contenente l’1 per cento estratto di pappa reale. Questi risultati indicano che la pappa reale può proteggere contro l’invecchiamento della pelle, migliorando la produzione di collagene. La pappa reale è ottima per eliminare le rughe, macchie della pelle, pelle secca e squamosa. Può, oltre ad essere assunto per uso interno, applicata esternamente per 4-6 settimane come una crema nella zona da trattare.
  6. Osteoporosi – Il Department of Orthopedics and Traumatology, Medical Facultydella Erciyes University in Turchia ha esaminato se il ruolo della pappa reale e del polline d’api nel ridurre la perdita ossea dovuta all’osteoporosi. I risultati hanno mostrato che c’era più calcio nelle ossa e la quantità di fosfati nei tessuti era più alta indicando che la pappa reale e il polline d’api può diminuire la perdita di massa ossea dovuta all’osteoporosi.
  7. Ferite – Il miele viene usato da tempo come un aiuto nella guarigione delle ferite. Gli studi rivelano che anche la pappa reale ha notevoli vantaggi nella guarigione delle ferite. In uno studio del 2010, una ferita è stata prontamente trattata con pappa reale a varie concentrazioni per 48 ore, e la migrazione è stata analizzata valutando la chiusura dei margini della ferita. Inoltre sono stati analizzati i livelli di lipidi che partecipano al processo di guarigione. I risultati hanno dimostrato che la pappa reale aumenta la migrazione dei fibroblasti, una cellula nel tessuto connettivo che produce collagene e altre fibre, e altera i livelli di vari lipidi coinvolti nel processo di guarigione.
  8. Infertilità maschile – La ricerca pubblicata nel Journal of Avicenna Phytomedicineha valutato l’effetto protettivo della pappa reale sui parametri spermatici, i livelli di testosterone e la produzione di malondialdeide nei topi. I risultati hanno dimostrato che la pappa reale aumenta il numero di spermatozoi, la motilità degli spermatozoi, la vitalità, la maturità e quindi può migliorare la fertilità maschile.
  9. Diabete – Ci sono stati alcuni studi che suggeriscono che la pappa reale può migliorare alcuni marcatori del diabete di tipo 2 sia negli uomini che nelle donne. In uno studio 40 pazienti con diabete di tipo 2 hanno ricevuto 10 grammi di pappa reale frescamostrando cambiamenti positivi nei livelli di glicemia rispetto al gruppo con il placebo.
  10. Colesterolo e Pressione – Un’assunzione giornaliera di soli 100 mg di pappa reale riduce il colesterolo totale, il colesterolo cattivo “LDL”, i trigliceridi e aumenta il colesterolo HDL. Tali risultati suggeriscono un ruolo positivo della pappa reale nella prevenzione delle patologie cardiovascolari. È stato inoltre osservato che c’è una riduzione della pressione sanguigna nei soggetti ipertesi grazie alla presenza di peptidi bioattivi con proprietà antiipertensive.
  11. Anemia e carenze nutrizionali – La pappa reale è davvero ricca di nutrienti ed è ideale per chi ha poco appetito, chi soffre di anemia, per gli anziani, e per gli sportivi e studenti che hanno bisogno di avere alte prestazioni fisiche e mentali. Nei bambini si sono osservati risultati veramente positivi nel migliorare l’umore, risvegliare l’appetito e combattere i disturbi intestinali e l’anemia.
  12. Cancro – La pappa reale combatte il cancro inibendo l’apporto di sangue alle cellule tumorali come mostrato da uno studio condotto presso la Gifu Pharmaceutical Universityin Giappone.

Pappa reale dosaggio consigliato

Il dosaggio della pappa reale varia in funzione della tipologia di prodotto in commercio e dalle situazioni di salute che si desidera trattare. In generale si consiglia 1 grammo al giorno di pappa reale per adulti e 500 mg per i bambini. Il momento ideale per l’assunzione è il mattino prima della colazione, posta sotto la lingua, facendola assorbire lentamente dalla mucosa. Se i bambini preferiscono, può essere mescolata con un pò di miele. È importante non miscelarla in bevande calde, avendo cura di conservarla in frigorifero per mantenerne intatte tutte le proprietà.

Pappa reale controindicazioni

Alcune persone possono rivelarsi allergiche ai prodotti derivati dalle api e alla pappa reale e in questo caso è necessario evitarne il consumo. Importante consultare il proprio medico prima di assumere la pappa reale se si segue una terapia farmacologica ove presenti farmaci specialmente anticoagulanti.

Articolo aggiornato al 25 Febbraio 2020

Bevanda Fermentata con Aggiunta di Pappa Reale
Rigenerante e rivitalizzante delle cellule.
Miele, Polline, Pappa Reale, Propolis
Integratore alimentare ricco in nutrienti energizzanti
Voto medio su 24 recensioni: Da non perdere

Riferimenti Scientifici

– Andrzej K. Kuropatnicki et al. Historical Aspects of Propolis Research in Modern Times. Evid Based Complement Alternat Med. 2013; 2013: 964149.
– Royal Jelly – The Illawarra Beekeepers Association Inc
– Lan Zhang et al. Comprehensive identification of novel proteins and N-glycosylation sites in royal jelly. BMC Genomics. 2014; 15: 135.
– Li X et al. Contribution of lipids in honeybee (Apis mellifera) royal jelly to health. J Med Food. 2013 Feb;16(2):96-102.
– Zohre Zamani et al. Effect of Royal Jelly on spatial learning and memory in rat model of streptozotocin-induced sporadic Alzheimer’s disease. Adv Biomed Res. 2012; 1: 26.
– Park HM et al. Royal jelly increases collagen production in rat skin after ovariectomy. J Med Food. 2012 Jun;15(6):568-75.
– Kafadar IH et al. Royal jelly and bee pollen decrease bone loss due to osteoporosis in an oophorectomized rat model. Eklem Hastalik Cerrahisi. 2012;23(2):100-5.
– Kim J et al. Royal jelly enhances migration of human dermal fibroblasts and alters the levels of cholesterol and sphinganine in an in vitro wound healing model. Nutr Res Pract. 2010 Oct;4(5):362-8.
– Zahmatkesh E et al. Protective effect of royal jelly on the sperm parameters and testosterone level and lipid peroxidation in adult mice treated with oxymetholone. Avicenna J Phytomed. 2014 Jan;4(1):43-52.
– Mobasseri M et al. Effect of Fresh Royal Jelly Ingestion on Glycemic Response in Patients With Type 2 Diabetes. Iran Red Crescent Med J. 2015 Sep 22;17(9):e20074.
– Shidfar F et al. Does Supplementation with Royal Jelly Improve Oxidative Stress and Insulin Resistance in Type 2 Diabetic Patients? Iran J Public Health. 2015 Jun;44(6):797-803.
– Watanabe S et al. Oral mucosal adhesive films containing royal jelly accelerate recovery from 5-fluorouracil-induced oral mucositis. J Pharmacol Sci. 2013;121(2):110-8. Epub 2013 Jan 25.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni